Abbiamo raccolto tutte le domande tecniche più comuni su Kinsta in un unico posto.
Fai clic su una delle domande qui sotto per vedere direttamente alla risposta.

Offrite la registrazione di domini?

Non offriamo servizi di registrazione di domini. Se state cercando un posto dove registrare il vostro dominio, date un’occhiata su Name.com, Google Domains, NameCheap o eNom.

Con Google Domains potete integrare facilmente le Google Apps per la posta elettronica e i documenti. Inoltre, viene fornito un servizio DNS gratuito con portata globale. Per maggiori dettagli, leggete il nostro articolo sulle recensioni dei domini Google (pro e contro).

Posso richiedere ulteriore spazio di archiviazione se necessario (o PHP Workers, installazioni, ecc.)?

Dipende dalle vostre esigenze. Se avete bisogno di spazio su disco aggiuntivo, abbiamo un add-on che vi permette di aumentare lo spazio di archiviazione del vostro piano di hosting con pochi semplici clic. Avete bisogno di 80 GB in più? Nessun problema.

Un’altra alternativa economica ed efficace è quella di scaricare i file di grandi dimensioni su un servizio di archiviazione separato come Amazon S3 o Google Cloud Storage. Questo è un ottimo modo per ridurre lo spazio di archiviazione necessario per il vostro sito e mantenere bassi i costi di hosting.

Se avete bisogno di ulteriori PHP worker o di installazioni di WordPress, dovrete aggiornare il vostro piano di hosting. Aprite un nuovo ticket con il nostro team di gestione dell’account e potrete verificare la quantità di spazio su disco, di PHP worker e il numero di installazioni assegnate a ciascun piano. Potranno anche aiutarvi a determinare se un piano personalizzato è adatto al vostro sito.

Posso usare un plugin di caching?

Non permettiamo l’uso di plugin per la cache perché forniamo quattro tipi di cache, che vengono tutti eseguiti automaticamente a livello di software o di server. Questo viene controllato dal nostro plugin Kinsta MU, che è installato di default su tutti i siti WordPress.

Per saperne di più, leggete il nostro articolo su come Kinsta gestisce la cache.

Eccezione: Consentiamo l’uso di WP Rocket, dalla versione 3.0 in poi. La loro funzionalità di cache viene automaticamente disattivata quando si usa Kinsta, quindi potete usare la nostra cache integrata e sfruttare le altre funzioni di ottimizzazione offerte da WP Rocket.

È possibile aumentare il tempo di scadenza predefinito della cache?

Per impostazione predefinita, la cache delle nostre pagine scade ogni ora. Se volete modificare questo valore in modo che sia più lungo, andate alla scheda Strumenti del vostro sito in MyKinsta, fate clic sul pulsante Modifica alla voce Cache del sito e selezionate Cambia scadenza della cache. Nella finestra modale/pop-up che appare, selezionate la scadenza della cache desiderata e fate clic sul pulsante Cambia scadenza. Per i siti che non cambiano spesso, può essere vantaggioso in termini di prestazioni avere una scadenza della cache più lunga.

Come gestisce Kinsta la cache per WooCommerce e Easy Digital Downloads?

Disponiamo di regole di caching a livello di server per le soluzioni di ecommerce più diffuse, come WooCommerce e Easy Digital Downloads. Per impostazione predefinita, alcune pagine che non dovrebbero mai essere memorizzate nella cache, come il carrello, il mio account e il checkout, sono escluse dalla cache. Gli utenti bypassano automaticamente la cache quando vengono rilevati i cookie di woocommerce_items_in_cart o edd_items_in_cart per garantire un processo di checkout fluido e sincronizzato.

Alcuni plugin potrebbero richiedere una configurazione aggiuntiva per funzionare correttamente. Se si verificano problemi con la cache, per esempio il contenuto del carrello viene memorizzato nella cache e visualizzato da altri visitatori, potrebbe essere necessario aggiungere ulteriori regole Nginx alla configurazione del vostro sito.

Poiché gli ambienti di hosting possono variare in termini di configurazione, ci sono diversi modi in cui plugin, temi e siti possono avere incompatibilità o richiedere determinate configurazioni. Per chi sviluppa plugin complessi e chi lavora in ambienti di hosting complessi può essere difficile tenere conto di ogni possibilità, impostazione o configurazione.

Se c’è una sezione aggiuntiva del vostro sito di ecommerce che deve bypassare la cache o regole aggiuntive che devono essere aggiunte alla configurazione di Nginx per la compatibilità, potete sempre contattare il nostro team di assistenza.

Posso eseguire dei test di carico?

La risposta breve è “forse”. C’è una grande differenza tra un test di velocità di un sito web e un test di carico. A volte le persone confondono le due cose, quindi cercheremo di spiegare brevemente le differenze.

Test di velocità del sito web

Un test di velocità di un sito web misura in genere il tempo di caricamento totale di una pagina, che include i tempi di risposta di MySQL e PHP. Per questo tipo di test vengono comunemente usati strumenti come Pingdom o GTmetrix.

Test di carico

I test di carico vanno oltre i test di velocità e sono in genere utilizzati per simulare determinate condizioni, come un’elevata ondata di traffico o un numero mirato di utenti online allo stesso tempo. Gli strumenti per i test di carico non sono perfetti e l’impostazione corretta dei test può essere complessa.

A causa della natura potenzialmente impegnativa dei test di carico, se avete bisogno di eseguire un test di carico sulla nostra piattaforma, vi chiediamo di aprire una nuova chat con il nostro team di assistenza per comunicarcelo.

Posso usare il mio certificato SSL acquistato altrove?

Sì, sia che si tratti di un nuovo certificato SSL, sia che si tratti di un certificato SSL da trasferire, sia che si tratti di un certificato da rigenerare presso il vostro provider SSL. Per maggiori dettagli, consultate la nostra guida su Come installare un certificato SSL in MyKinsta.

Offriamo anche certificati SSL Cloudflare automatici e gratuiti (sono supportate le configurazioni wildcard). Quindi, a meno che non ci sia un motivo per cui avete bisogno di un vostro certificato SSL, è molto più semplice e veloce usare il nostro SSL gratuito.

Ho bisogno di un tipo di server, di un codice CSR e di una chiave RSA per attivare l’SSL?

Dipende dal tipo di certificato che state utilizzando. Tutti i clienti di Kinsta hanno a disposizione certificati SSL gratuiti forniti dalla nostra integrazione con Cloudflare. Questi certificati SSL non richiedono un CSR o una chiave per essere installati sul vostro sito WordPress.

Se acquistate un certificato SSL personalizzato, dovrete indicare il tipo di server, il codice CSR e la chiave RSA. Per maggiori dettagli, consultate la nostra guida su come aggiungere un certificato SSL e cosa selezionare per ogni valore.

Supportate HTTP/2 (HTTP2)?

Sì, lo supportiamo. La nostra nuova infrastruttura alimentata da Google Cloud supporta HTTP/2 per tutti i nostri clienti. Se volete saperne di più, abbiamo pubblicato una guida molto dettagliata sull’HTTP/2.

Kinsta supporta i siti multipli?

Supportiamo le installazioni WordPress multisito sui nostri piani Pro e superiori. Se al momento avete un piano Starter, dovrete effettuare l’aggiornamento per poter usare il multisito.

Kinsta dispone di una fase di staging per gli ambienti multisito?

A seconda di come è impostato il vostro multisito, può funzionare o meno con il nostro ambiente di staging.

  • Se si tratta di un multisito di sottodirectory (example.com, example.com/subsite1, example.com/subsite2), funzionerà bene con il nostro ambiente di staging.
  • Se si tratta di un sottodominio multisito (example.com, subsite1.example.com, subsite2.example.com), funzionerà bene a patto che i sottositi non richiedano HTTPS. Se i sotto-siti richiedono l’HTTPS, dovrete aggirare gli errori SSL sullo staging per accedere ai sotto-siti. Questo non ha alcun impatto sulla funzionalità.
  • Se si tratta di un multisito con mappatura del dominio (carica diversi sotto-siti su domini completamente diversi, per esempio example.com, example1.com, example2.com), non funzionerà senza un’importante configurazione manuale, che dovrà essere invertita se si spinge il database di staging sul sito live.
    • Opzione 1: Disattivate o rimuovete la mappatura dei domini e tornate alla configurazione standard di sottodirectory/sottodomini. Esegutei manualmente una ricerca e una sostituzione nel database per aggiornare i domini utilizzati per i sottositi.
    • Opzione 2: Create dei sottodomini di staging per ogni dominio live, aggiungeteli tutti al sito di staging, quindi eseguite una ricerca e una sostituzione nel database per aggiornare i domini utilizzati per i sottositi.

In un ambiente di staging, posso portare in produzione solo il database?

Il nostro ambiente di staging ora include il Selective Push, che vi permette di avere un controllo più granulare su cosa portare live. Potete scegliere di inviare solo i file, solo il database o sia i file che il database dall’ambiente di staging al sito live.

Posso aggiungere altri script PHP?

Sebbene vi permettiamo di configurare un semplice script PHP non WordPress accanto al vostro sito WordPress, non forniamo alcun supporto per script e applicazioni non WordPress.

Posso ospitare siti HTML?

Potete ospitare siti HTML su Kinsta. Se il file index.php predefinito di WordPress non viene trovato nella directory /public, il server caricherà automaticamente index.html. Se viene usata una pagina diversa per la homepage del sito, dovrete aprire una nuova chat con il nostro team di assistenza, che potrà aggiungere una regola speciale sul server per far sì che il sito funzioni correttamente. Nota: non forniamo alcun supporto aggiuntivo per i siti che non usano WordPress.

I miei siti ricevono un IP dedicato?

No, non forniamo indirizzi IP dedicati. Un IP condiviso è abbastanza comune al giorno d’oggi con la maggior parte dei fornitori di hosting WordPress, in quanto per molte configurazioni non è necessario un indirizzo IP dedicato. Poiché offriamo un’integrazione Cloudflare gratuita per tutti i siti ospitati su Kinsta, i nostri IP condivisi sono in realtà IP Cloudflare.

Gli IP Cloudflare assegnati vengono utilizzati solo per i siti sulla nostra infrastruttura. Ciò significa che se il vostro sito è ospitato su Kinsta, non condividerete un indirizzo IP con siti ospitati al di fuori di Kinsta, alcuni dei quali potrebbero contenere contenuti per adulti o spam. Date un’occhiata al nostro articolo di approfondimento che spiega la differenza tra IP dedicati e IP condivisi.

Se state cercando un IP dedicato perché dovete aggiungere un singolo IP a una allowlist per un servizio di terze parti (magari un processore di pagamento come PayPal o simili), dovrete usare l’IP esterno del vostro sito. Questo è l’indirizzo IP che gli altri server vedono quando il vostro sito si connette a un altro server.

Cosa sono i PHP Worker? Come faccio a sapere quanti me ne servono?

I PHP worker determinano il numero di richieste simultanee non memorizzate nella cache che il vostro sito può gestire alla volta. Ogni richiesta non memorizzata nella cache è gestita da un PHP Worker.

Ogni piano di hosting include un certo numero di PHP Worker. Il numero incluso in ogni piano si basa sull’utilizzo delle risorse necessarie per i siti tipici. In generale, i siti con molti contenuti statici (articoli, pagine statiche, post di blog) non hanno bisogno di molti PHP Worker.

Il numero di PHP worker necessari per ogni sito può variare a seconda dei plugin di terze parti, delle query, dei contenuti dinamici e del numero di risposte in cache o meno. Per un approfondimento sui PHP worker, consultate il nostro articolo con tutto ciò che dovete sapere sui PHP worker.

Esiste un elenco di plugin vietati?

Sì, ci sono alcuni plugin di terze parti che non permettiamo perché sono noti per il loro impatto negativo sulle prestazioni, perché non funzionano sulla nostra piattaforma o semplicemente perché non sono necessari in quanto offriamo un modo migliore e più semplice per fare le stesse cose in MyKinsta. Consultate l’elenco completo dei plugin vietati.

Kinsta ospita anche le mie email?

Non forniamo l’email come parte dei nostri piani perché dedichiamo tutte le nostre risorse all’hosting di WordPress. Consigliamo Google Workspace o altri provider di posta elettronica.

Date un’occhiata al nostro articolo su tutti gli svantaggi di usare il vostro provider di hosting per la posta elettronica.

Kinsta ha un supporto Git?

Su Kinsta è disponibile il client Git, per cui potete accedere tramite SSH e prelevare il vostro repo Git da Github, Gitlab, Bitbucket o da qualsiasi altra parte. Tuttavia, non è ancora stata rilasciata la funzione che vi permette di accedere all’indirizzo git push kinsta my_site e di effettuare il deploy automatico.

Scoprite come usare Git su Kinsta.

Kinsta offre soluzioni con bilanciamento del carico (multi-sede)?

In Kinsta, ogni sito sulla nostra piattaforma viene eseguito in un unico contenitore Linux e il database del sito viene eseguito come servizio all’interno del contenitore del sito. Non eseguiamo istanze multiple con bilanciamento del carico per ogni sito. Per saperne di più, leggete la nostra documentazione sull’architettura di Kinsta.

Posso avere più di un database?

No, è consentito un solo database per sito.

Qual è l’hostname MySQL del database del mio sito?

Di solito è sufficiente sapere che l’hostname del database è localhost di Kinsta. Ma se volete approfondire l’argomento o avete bisogno di collegarti in remoto a un database, abbiamo un articolo dedicato che vi mostra come collegarvi direttamente al database del vostro sito.

Posso usare un dominio personalizzato con Kinsta CDN?

Grazie alla CDN di Kinsta, le risorse in cache del vostro sito vengono servite dal vostro dominio principale. Al momento non è possibile usare un dominio alternativo o un sottodominio per servire le risorse CDN.

Kinsta è conforme alla normativa PCI?

Non garantiamo la conformità PCI e non siamo in grado di controllare il vostro sito per verificare che stiate agendo correttamente. Tuttavia, questo non significa che non si possa essere conformi alla normativa PCI quando si ospita il proprio sito web con noi.
Abbiamo molti clienti che hanno lavorato con revisori terzi per superare le scansioni di conformità PCI. In molti di questi casi, abbiamo dovuto apportare alcune piccole modifiche su richiesta, ma questi clienti sono riusciti a superare la verifica senza problemi dopo una piccola messa a punto sia da parte nostra che da parte loro.

Per ulteriori dettagli, leggete la nostra documentazione sulla conformità dell’hosting di Kinsta alle norme PCI.

Kinsta è conforme alle norme HIPAA o PHI?

A causa dei complessi controlli e della sicurezza necessari, né noi (né molte altre società di hosting gestito) possiamo garantire la conformità HIPAA o PHI.

Cosa si intende per installazione di WordPress su Kinsta?

Ogni piano di hosting Kinsta consente una o più installazioni di WordPress. Ogni installazione equivale a un sito WordPress, che consiste nei suoi file (file di base, file di tema, file di plugin) e in un database.

L’unica eccezione è rappresentata da un’installazione multisito, che spieghiamo nella prossima domanda.

Come conta Kinsta i multisiti?

Le configurazioni multisito sono considerate un’installazione ciascuna. Per esempio, potreste avere un multisito con 10 sottositi. Questo viene comunque considerato un’unica installazione perché tutti i sottositi della rete condividono gli stessi file e lo stesso database di WordPress.

Quanta CPU e quanta RAM ha ogni piano?

Kinsta usa macchine virtuali in uno dei molteplici data center di Google Cloud Platform. Nelle regioni disponibili, usiamo macchine virtuali ottimizzate per il calcolo (C2), che offrono le più alte prestazioni per core (3,8 GHz) su GCP e sono ottimizzate per carichi di lavoro ad alta intensità di CPU come WordPress.

Nei nostri piani standard, ogni contenitore di siti in produzione ha accesso a 12 CPU e 8 GB di RAM per impostazione predefinita. Ogni ambiente di staging nei nostri piani standard ha accesso a 1 CPU e 8 GB di RAM.

Alcuni Paesi sono bloccati su Google Cloud Platform?

Google blocca l’accesso ad alcuni dei suoi servizi aziendali in alcuni Paesi o regioni, come Cuba, Crimea, Iran, Corea del Nord, Sudan e Siria. Ciò è dovuto alle restrizioni legali imposte. Maggiori dettagli e un elenco aggiornato sono disponibili qui: Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Se state viaggiando in uno di questi paesi e avete bisogno di aggiornare il vostro sito o di accedere a MyKinsta, potete usare una VPN come ExpressVPN o NordVPN.

E la Cina? I vostri siti dovrebbero essere accessibili in Cina. In effetti, molti clienti si rivolgono al pubblico in Cina senza problemi. Tuttavia, non possiamo garantire l’accessibilità perché non abbiamo alcun controllo su ciò che il governo cinese può decidere di bloccare. Anche Navi Aujla dell’assistenza Google ha dichiarato

Google Cloud Platform non prevede restrizioni sul traffico proveniente dalla Cina. Se state ospitando un sito web su GCP, il traffico proveniente dagli utenti cinesi non sarà bloccato.

Detto questo, Google non ha alcun controllo sui metodi di blocco di GFW.

Potete testare il vostro sito web per verificare se è accessibile dietro il Great Firewall of China.

Cos’è l’integrazione di Kinsta con Cloudflare?

Tutti i siti su Kinsta sono protetti dalla nostra integrazione gratuita con Cloudflare. Cloudflare è un fornitore leader di servizi di sicurezza e prestazioni web. Con la nostra integrazione Cloudflare, i siti ospitati su Kinsta sono protetti da un firewall intelligente che include anche una protezione DDoS gratuita. Per maggiori dettagli, consultate il nostro articolo dettagliato sull’integrazione con Cloudflare.

Perché vedo ancora un messaggio che dice che il mio dominio non è puntato su Kinsta?

Se avete un account Cloudflare e avete puntato il vostro dominio (lasciando trascorrere fino a 24 ore per la propagazione del DNS), ma continuate a vedere uno dei seguenti messaggi, controllate le Regole della pagina nel vostro account Cloudflare:

  • un banner o un avviso che indica che il vostro sito non è puntato su Kinsta ed è soggetto a interruzione del servizio.
  • uno stato di “Conferma del puntamento del dominio a Kinsta”.

Nelle Regole di pagina di Cloudflare, se il dominio principale viene reindirizzato al dominio WWW o viceversa, il dominio che viene reindirizzato non può essere verificato in MyKinsta.

Per risolvere questo problema, è necessario rimuovere il reindirizzamento nelle Regole di pagina di Cloudflare. In questo modo il dominio potrà essere verificato in MyKinsta. Il reindirizzamento al dominio primario sarà ora gestito da Kinsta.

Quali sono le impostazioni della piattaforma? (Informazioni e versioni PHP)

Di seguito sono riportate le impostazioni, il software del server e le versioni utilizzate sulla piattaforma di hosting di Kinsta.

Informazioni su PHP

Kinsta offre le versioni PHP 8.1, 8.0 e 7.4. Queste sono le impostazioni predefinite di PHP:

memory_limit = 256M

post_max_size = 128M

upload_max_filesize = 128M

max_input_vars = 10000

max_execution_time = 300

Server

Kinsta usa Nginx come server web, al momento con la versione 1.15.9 o superiore.

Database

Kinsta usa MariaDB 10.3 o versioni successive.

TLS

Tutti i server Kinsta e il nostro CDN Kinsta supportano TLS 1.3 o superiore. Leggete la nostra guida TLS vs SSL.

Kinsta è compatibile con Zapier?

Sì, i siti WordPress ospitati su Kinsta sono compatibili con le automazioni Zapier tramite l’endpoint xmlrpc.php. Per impostazione predefinita, disabilitiamo l’accesso a xmlrpc.php perché è un vettore di attacco comune per gli hacker e altri soggetti malintenzionati. Se avete problemi con l’integrazione di Zapier con WordPress su Kinsta, aprite una nuova chat con il nostro team di assistenza e vi aiuteremo ad autorizzare l’integrazione di Zapier.

Con quale frequenza viene effettuato il monitoraggio del sito/il controllo dell’uptime?

Il vostro sito viene controllato ogni 2 minuti. Se qualcosa dovesse richiedere attenzione, i nostri ingegneri inizieranno a indagare immediatamente. Se le notifiche di monitoraggio del sito sono abilitate in MyKinsta, vi invieremo anche un’email in caso di errori del sito, errori DNS, errori SSL o domini scaduti.

Fornite l’accesso root?

No, non forniamo l’accesso root. L’accesso root completo è un’arma a doppio taglio: se da un lato vi permette di fare letteralmente tutto ciò che volete con un server (compresa la modifica di file critici per il sistema), dall’altro non possiamo fornire assistenza per qualcosa che non conosciamo o che non abbiamo configurato.

Qual è il vostro SLA?

Potete leggere il nostro Service Level Agreement (SLA, cioè l’accordo sui termini di servizio) qui.

Ci siamo persi qualcosa?

Se avete altre domande tecniche non incluse in questa lista, scriveteci nel modulo di feedback qui sotto. 👇 Oppure potete sempre aprire una chat con il nostro team di assistenza.