A volte un cliente può chiederci di migrare il proprio sito ma non essere in grado di andare in produzione in modo tempestivo. Quando il sito è pronto per andare live, il contenuto del sito potrebbe aver bisogno di un aggiornamento che rifletta i cambiamenti fatti mentre era live e ospitato altrove.

Se succede a voi, avete alcune opzioni:

Migrare Manualmente le Modifiche

La prima opzione è quella di migrare manualmente le modifiche. Può essere fatto in almeno tre modi diversi:

Prima di avviare questa procedura, è importante prendere nota delle eventuali modifiche apportate al sito qui su Kinsta dopo la migrazione iniziale. Se avete modificato la configurazione di WordPress, modificato i file, i plugin o i temi aggiunti o rimossi qui su Kinsta dopo la migrazione iniziale, tali modifiche potrebbero essere sovrascritte quando eseguite la migrazione del sito una seconda volta, a seconda della procedura che seguite.

Chiedere a Kinsta una Seconda Migrazione

Se non riuscite a gestire l’aggiornamento da soli, potete chiedere assistenza a Kinsta.

Se la migrazione originale è avvenuta nell’ultima settimana, possiamo semplicemente copiare i file aggiornati e importare una nuova copia del database. Si noti che il sito live potrebbe dover passare in modalità di manutenzione durante la procedura. Il costo di una singola sincronizzazione di un sito migrato nell’ultima settimana è di $50, oppure potete scegliere di farci utilizzare un credito di migrazione gratuita se ne avete uno disponibile nel vostro account.

Se è passata più di una settimana dalla migrazione originale, è probabile che dovremo migrare l’intero sito come se fosse una nuova migrazione. In questo caso, la commissione per la migrazione sarà di $100, oppure potresti scegliere di farci utilizzare un credito di migrazione gratuita se ne avete uno disponibile nel vostro account.