Purtroppo, con la crescita di internet, il furto delle immagini diventa sempre più frequente. In quanto creatori di contenuti, abbiamo a che fare continuamente con il furto delle immagini qui da Kinsta. Non c’è niente di peggio che vedere tutto il proprio duro lavoro semplicemente copiato su un altro sito, in modo intenzionale o meno. Non è affatto giusto per il creatore, ma ci sono anche casi in cui può causare problemi nella ricerca di immagini di Google (che è un problema ancora maggiore). Questo può essere negativo soprattutto in alcuni settori come quello della fotografia, perché a volte le immagini sono la principale fonte di reddito. Oggi descriveremo alcuni modi per proteggere le vostre immagini, come trovare le immagini rubate e cosa fare se vengono usate senza il vostro permesso.

Perché il Furto di Immagini è un Male?

Prima di tutto, diciamo perché il furto delle immagini è un male. Oltre al fatto che si sta derubando il creatore, in molti casi è anche illegale. Prendiamo Kinsta, per esempio. In realtà, paghiamo per le icone che utilizziamo in molte delle immagini del nostro blog. Siamo grandi fan di Iconfinder e questo ha contribuito a velocizzare la creazione della nostra grafica. Se qualcuno copia e usa la nostra immagine in vetrina, in realtà sta infrangendo l’accordo di licenza di Iconfinder, che recita:

La licenza standard concede all’Acquirente il diritto non esclusivo e non trasferibile di utilizzare il Materiale concesso in licenza… (fonte)

Dato che abbiamo pagato per l’icona, solo noi abbiamo il diritto di usarla. Lo stesso vale anche per molti siti di foto stock. Operano tutti sullo stesso modello di licenza. Per questo motivo non dovreste mai prendere le vostre immagini da Google Image Search. Molte immagini che sono state pagate con una licenza sono indicizzate nella ricerca delle immagini di Google. Se ne copiate una e la usate, state infrangendo la legge. E questo può mettervi in guai seri. Getty Images è un sito di foto stock che è noto in quanto minaccia di denunciare gli utenti se scoprono che stanno utilizzando una foto senza autorizzazione.

Ci sono moltissimi posti sul web dove è possibile trovare immagini royalty-free da utilizzare in siti e progetti. Quindi fatelo nel modo giusto, ed evitate tutto lo stress di trovarvi in una situazione imbarazzante.

Come Trovare le Immagini Rubate

Prima di entrare nel merito della protezione delle immagini, parliamo di alcuni modi per trovare le immagini rubate. È importante ricordare che non tutti i furti sono intenzionali. Anche se ad alcuni potrebbe sembrare una questione di buon senso, in molti casi un blogger o un creatore di contenuti potrebbe non sapere di aver fatto qualcosa di sbagliato. Inoltre, la grande maggioranza dei siti assume writer di terze parti e si limita ad approvare/pubblicare i post non appena sono pronti. Molte volte l’editore non controlla le immagini, ma si affida all’autore.

1. Inciampandoci sopra

Uno dei primi modi per trovare le immagini rubate è semplicemente inciampandoci sopra. Può sembrare strano, ma in realtà qui da Kinsta ci succede spesso. A volte succede nella ricerca di immagini su Google Image, in una newsletter, in un Tweet, oppure ci si imbatte in un articolo mentre si fa una ricerca. Più contenuti e immagini pubblicate, più aumentano le probabilità che vi succeda. Non faremo nomi, ma abbiamo visto le nostre immagini e i nostri screenshot in evidenza su molti siti ad alta autorità in tutto il web. Di seguito vi racconteremo di più su ciò che facciamo al riguardo.

2. Ricerca Inversa di Immagini

Un modo semplice per trovare chi ha copiato le vostre immagini è quello di utilizzare uno strumento che effettua una ricerca inversa di immagini. TinEye ha un ottimo strumento che permette di cercare per immagini e di trovare il posto dove quell’immagine appare online.

Ricerca immagini inversa
Ricerca immagini inversa

Abbiamo fatto un rapido test di questo strumento inserendo un’immagine da uno dei nostri post più popolari. Alla nostra prima ricerca, abbiamo trovato un sito di terze parti (che rimarrà senza nome) che ha copiato tutti i nostri articoli, comprese tutte le nostre immagini! Abbastanza facile e veloce. Naturalmente, non troverà sempre tutto, ma può essere un buon punto di partenza. Nota: TinEye è pensato per essere gratuito solo per uso personale, non commerciale.

Trovare l'immagine copiata
Trovare l’immagine copiata

È anche possibile effettuare una ricerca di immagini su Google e inserire il nome del file. A volte, se i siti copiano l’immagine, non si preoccupano di rinominarla e la si può trovare facilmente in questo modo. Come potete vedere qui sotto nel nostro esempio, abbiamo trovato un sito che usa la nostra immagine in evidenza del nostro articolo sulla SEO Checklist. Tuttavia, in questo caso, è andato tutto bene, perché si tratta di un sito di condivisione social che rimanda al nostro articolo.

Ricerca immagini su Google per nome del file
Ricerca immagini su Google per nome del file

È anche possibile caricare un’immagine cliccando sull’icona della piccola telecamera. In seguito farà una ricerca per cercare di trovare immagini simili.

Ricerca per immagine
Ricerca per immagine

3. Utilizzare uno Strumento di Monitoraggio dei Backlink

Il modo principale per individuare le immagini copiate o rubate è quello di utilizzare uno strumento di monitoraggio dei backlink. Noi amiamo Ahrefs qui da Kinsta, che è uno strumento SEO (vedi qui: I Migliori Plugin WordPress per la SEO (e gli Strumenti SEO Indispensabili) che si può utilizzare per fare ricerche sulle parole chiave, eseguire un’analisi della concorrenza, monitorare i backlink e molto altro. Dispone di uno dei più grandi database sul web e ci affidiamo ai suoi dati per molte cose.

Il più delle volte i siti lasciano un link sull’immagine o si collegano direttamente ad essa. Questo è ciò che si chiama hotlinking, di cui parleremo più avanti. Ma, come potete vedere qui sotto, in questo esempio abbiamo trovato un dominio spammy che compilava ogni tipo di file PDF e poi vi copiava le nostre immagini. È stato fatto molto probabilmente da uno strumento di scraping.

Backlink a immagini copiate su Ahrefs
Backlink a immagini copiate su Ahrefs

Questo a volte può danneggiare negativamente la vostro SEO. Abbiamo un articolo per chi vuole saperne di più sulla SEO negativa e su come negare questo tipo di link. Che è quello che abbiamo finito per fare nel caso descritto sopra.

Come Proteggere le Immagini

Ora è il momento di parlare di come proteggere le immagini sui siti WordPress. L’implementazione di alcuni o di tutti questi suggerimenti potrà aiutare a prevenire i furti e le copie.

Attivare la Protezione Hotlink

La prima cosa che raccomandiamo è di abilitare la protezione hotlink. Il concetto di hotlink è molto semplice. Trovate un’immagine su Internet da qualche parte e utilizzate l’URL dell’immagine direttamente sul vostro sito. Questa immagine sarà visualizzata sul vostro sito web, ma sarà servita dalla posizione originale. Questo è molto conveniente per l’hotlinker, ma in realtà è un furto in quanto utilizza le risorse del sito hotlinked. È come se dovessimo salire in macchina e andarcene con la benzina che abbiamo sottratto all’auto del vicino.

L'hotlinking è come andare via con la benzina che hai rubato dall'auto del tuo vicino. 🚗 Clicca per twittare

L’hotlinking è dannoso per i seguenti motivi:

  • L’hotlinking costa soldi al proprietario del sito originale
  • L’hotlinking nella maggior parte dei casi è illegale
  • L’hotlinking utilizza le risorse del server del proprietario del sito web originale
  • L’hotlinking è semplicemente brutto

Date un’occhiata al nostro post approfondito su come attivare la protezione dagli hotlink.

Disattivare il Tasto Destro del Mouse sulle Immagini

Un’altra tecnica che potete usare è quella di disabilitare il clic destro del mouse sulle vostre immagini. Molti utenti semplicemente cliccano con il tasto destro del mouse su un’immagine che gli piace, la salvano sul desktop e la caricano sul proprio sito WordPress. C’è un piccolo plugin gratuito chiamato Prevent Content Theft che aiuta a prevenire questo fenomeno. Attualmente ha più di 4.000 installazioni attive con una valutazione di 4,5 su 5 stelle. Potete scaricarlo dal repository di WordPress o cercarlo all’interno della bacheca di WordPress alla voce “Aggiungi nuovo” plugin. Non ci sono impostazioni, basta installare il plugin e il gioco è fatto.

WordPress plugin Prevent Content Theft
Prevent Content Theft per WordPress

Questo plugin non solo disabilita il clic con il tasto destro del mouse sulle immagini, ma anche sull’intera pagina, proteggendo così anche i contenuti. Questo non fermerà in alcun modo tutto, soprattutto per chi è un po’ più esperto di tecnologia. Ma abbiamo scoperto che la maggior parte degli utenti che copia le immagini sono quelli che non sanno fare di meglio. Lo abbiamo installato e testato sul nostro sito di sviluppo e qui sotto vedete un esempio di cosa succede quando un utente fa clic con il tasto destro del mouse su un’immagine. Vengono accolti da una casella di notifica che fa loro sapere che questa funzione è disabilitata.

Disattivare il clic destro in WordPress
Disattivare il clic destro in WordPress

Oppure si potrebbe anche seguire un altro approccio con il nuovo plugin gratuito Shrinkwrap images. Invece di fare qualcosa con i prompt, aggiunge semplicemente una piccola immagine invisibile sopra tutte le immagini del vostro sito. Se un visitatore fa clic con il tasto destro del mouse su una delle vostre immagini, scarica l’immagine minuscola e chiara invece della vostra immagine originale.

Esempio di Shrinkwrap Images (fonte img: Meme Generator)
Esempio di Shrinkwrap Images (fonte img: Meme Generator)

Immagini con Filigrana

Un altro approccio che potreste adottare è quello di filigranare le vostre immagini. Questo è importante soprattutto per i fotografi. Il vostro logo o un brand collocato sopra le vostre immagini potrebbe dissuadere la gente dal copiarle. E se lo fanno, è pubblicità gratuita per voi! La filigrana potrebbe essere un’ottima soluzione se le persone condividono le vostre immagini anche sui social media.

Il plugin gratuito Image Watermark permette di filigranare automaticamente le immagini caricate nella libreria multimediale di WordPress, anche le immagini caricate in precedenza. Attualmente ha più di 30.000 installazioni attive con una valutazione di 4 su 5 stelle. Potete scaricarlo dal repository di WordPress o cercarlo all’interno della bacheca WordPress alla voce “Aggiungi nuovo” plugin.

WordPress plugin Image Watermark
Image Watermark per WordPress

Dopo l’installazione, è possibile abilitare il watermarking nelle impostazioni del plugin (vedi un esempio delle nostre impostazioni qui sotto). Potete scegliere dove volete che appaia la filigrana, caricare la vostra immagine della filigrana, impostare la scala e la trasparenza e persino fare un backup dell’immagine originale. Questo plugin ha anche una protezione di base dell’immagine per disabilitare il clic con il tasto destro del mouse. Se si volesse sia disabilitare il clic destro che implementare la filigrana, questo plugin potrebbe essere un’ottima soluzione.

Impostazioni della filigrana
Impostazioni della filigrana

Ecco un esempio sul nostro sito di sviluppo con un’immagine e il logo Kinsta come filigrana. Questo è stato applicato automaticamente all’immagine quando l’abbiamo caricata nella libreria media. Bello, vero?

Filigrana Kinsta
Filigrana Kinsta

Aggiungere il Badge DMCA

Il DMCA (Digital Millennium CopyrightAct) è una legge statunitense sul diritto d’autore incentrata sui supporti digitali che permettono ai proprietari di contenuti di rimuovere i contenuti rubati (comprese le immagini). Questo si estende a posti come gli Internet Service Provider (ISP), i provider di hosting web e i motori di ricerca. Un avviso di rimozione DMCA si applica al posto in cui il contenuto è ospitato fisicamente. Così le persone al di fuori degli Stati Uniti possono comunque presentare reclami DMCA.

Protetto da DMCA
Protetto da DMCA

Potete aggiungere gratuitamente un badge DMCA al vostro sito WordPress, anche se offrono anche servizi premium. Immaginatelo come se metteste in giro per casa delle telecamere di sicurezza che non sono abilitate. La gente potrebbe pensarci due volte prima di provare a copiare i vostri contenuti e le vostre immagini. C’è anche un plugin DMCA per WordPress.

Aggiungere il Copyright

E infine è sempre bene avere un avviso di copyright sul proprio sito WordPress. Questo tecnicamente non è richiesto in quanto tutto ciò che pubblicate è automaticamente protetto da copyright ed è di vostra proprietà. Tuttavia, è sempre consigliabile. Di solito le note di copyright vengono inserite nel footer di un sito. Potete vedere un nostro esempio qui sotto.

Avviso di copyright
Avviso di copyright

Per aggiungere una nota di copyright al vostro sito, è consigliabile controllare prima la documentazione del tema WordPress. Per la maggior parte dei temi dovrebbe esserci un modo semplice per modificare le informazioni sul copyright. Se non c’è, si può sempre inserire quanto segue in un widget nel footer.

<p>Copyright © 2017 Site Title</p>

Si potrebbe anche aggiungere un avviso di copyright dinamico al footer del sito WordPress inserendo il seguente codice nel file footer.php del tema.

Copyright ©
<?php $the_year = date("Y"); echo $the_year; ?>
<?php bloginfo('name'); ?>
All Rights Reserved.

Cosa Fare con le Immagini Rubate

Ora che ne sapete un po’ di più su come proteggere le immagini del vostro sito, vediamo cosa potete fare dopo il fatto. E credeteci, vi succederà prima o poi. Ecco l’approccio che adottiamo qui da Kinsta, che funziona abbastanza bene.

1. Analizzate Prima l’Immagine Copiata

La prima cosa che vi consigliamo di fare quando trovate qualcuno che ha rubato o copiato le vostre immagini è di controllare prima di tutto che siano ospitate sul loro server. Questo assicura che non stia facendo hotlinking e che non stia utilizzando la larghezza di banda del vostro server. In Chrome potete cliccare con il tasto destro del mouse su un’immagine, quindi su “Ispeziona”, e vedrete l’URL su cui è ospitata.

Ispezionare l'immagine
Ispezionare l’immagine

Se l’immagine carica dal loro server, allora guardate se vi hanno dato un backlink (riferito a voi come fonte). Se l’hanno fatto, allora potresti volerlo lasciare. Se non hanno fatto riferimento a voi, mandate loro un’email chiedendoglielo, perché questo può essere un buon modo per ottenere un backlink gratuito, che può essere ottimo per scopi SEO. Di seguito un esempio:

Salve,

Io lavoro per _____ e abbiamo notato che avete usato una delle nostre immagini nel vostro articolo: [link al loro post]
Potete vedere che siamo i proprietari dell'immagine qui: [link al vostro post originale]

Ci sta bene che usiate la nostra immagine, purché ci facciate riferimento. Vi invitiamo quindi ad aggiungere un link a [termine/frase] nel vostro articolo a [link sul vostro sito].

Se non volete aggiungere un link lo capiamo perfettamente, ma dobbiamo chiedervi di rimuovere l'immagine in quanto è una nostra creazione.
Grazie, se avete domande siamo a disposizione.

Nome
[link al vostro sito]

Ricordatevi però che questo vale solo per le immagini che avete creato, non per le immagini che avete acquisito in licenza. Le immagini con licenza dovrebbero comunque essere tolte in quanto non hanno il permesso di utilizzarle.

2. Inviare un’Email di Cortesia

Se l’immagine è concessa in licenza o non si desidera un backlink e si desidera semplicemente che lo si rimuova, si consiglia di inviare prima una cortese email di invito alla rimozione. Create un promemoria e poi ricontrollate tra un paio di giorni o settimane. Nota: secondo la nostra esperienza, questa email educata di solito risolve nel 90% dei casi.

Salve,

lavoro per _____ e abbiamo notato che avete usato una delle nostre immagini nel vostro articolo: [link al loro post]
Potete vedere che siamo i proprietari dell'immagine qui: [link al vostro post originale]

Vi chiediamo gentilmente di rimuovere e/o sostituire questa immagine.
Grazie, siamo a disposizione per eventuali domande.

Nome
[link al vostro sito]

3. Inviare Una Email di Invito alla Rimozione più Aggressiva

Se non si riceve alcuna risposta dal proprietario del sito dopo il primo tentativo, si può inviare un’email di invito alla rimozione un po’ più aggressiva. Secondo la nostra esperienza, questo di solito risolve il restante 10% delle persone che si erano fatte sentire.

Salve,

Lavoro per _____ e non ho più avuto vostre notizie a seguito della mia precedente email.

Abbiamo notato che avete usato una delle nostre immagini nel vostro articolo: [link al loro post]
Potete vedere che siamo i proprietari dell'immagine qui: [link al vostro post originale]

Vi chiediamo gentilmente di rimuovere e/o sostituire questa immagine. Se non avremo vostre notizie entro le prossime due settimane, dovremo presentare un reclamo DMCA.

Nome
[link al vostro sito]

4. Presentare un Avviso di Rimozione DMCA

E infine, se si tratta di questo, è possibile presentare una notifica di rimozione DMCA. Questa può essere una soluzione rapida per assicurarsi che venga tolta. Inoltre, abbiamo un articolo correlato sull’argomento: Scraping di contenuti WordPress (Combattere o Ignorare?) (Confronto con Esempi)

Riepilogo

Come creatori di contenuti, è importante proteggere le immagini del vostro sito. Se vi impegnate a crearle o le pagate, non c’è motivo per cui qualcun altro debba utilizzarle. Infatti, nella maggior parte dei casi è illegale. Speriamo che ora sia più chiaro come evitare che ciò accada, e cosa fare quando succede.

Qual è stata la vostra esperienza con il furto di immagini? Avete dovuto inviare email per chiederne la rimozione? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.


Tieni tutte le tue applicazioni, database e Siti WordPress online e sotto lo stesso tetto. La nostra piattaforma cloud ad alte prestazioni è ricca di funzionalità e include:

  • Semplici configurazione e gestione dalla dashboard di MyKinsta
  • Supporto esperto 24/7
  • I migliori hardware e network di Google Cloud Platform, con la potenza di Kubernetes per offrire la massima scalabilità
  • Integrazione di Cloudflare di livello enterprise per offrire velocità e sicurezza
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center e 275+ PoP in tutto il mondo

Prova tu stesso con 20 dollari di sconto sul primo mese di Hosting di Applicazioni o Hosting di Database. Esplora i nostri piani oppure contattaci per trovare la soluzione più adatta a te.