Il Domain Name System (DNS) è la chiave per localizzare un sito web su Internet. Con una posta così importante in gioco, apportare modifiche ai record DNS può essere un’esperienza snervante.

Per fortuna, c’è un modo per testare le modifiche al DNS senza modificare i record live. Modificando il file hosts locale, potete vedere in anteprima come funzioneranno i vostri domini su un nuovo server senza mettere a rischio il sito live.

In questo articolo, scopriremo cosa sono i file hosts e illustreremo alcune ragioni per cui potreste volerli modificare. Poi vi mostreremo come modificare i file hosts su Windows 10. Iniziamo!

Introduzione al File Hosts

Un file hosts è un file di testo semplice locale che mappa il vostro server o i nomi degli host agli indirizzi IP (Internet Protocol). Ogni volta che Windows 10 si connette in rete utilizzando un nome host, farà riferimento al file hosts. Se Windows trova una voce in questo file, allora contatterà il server specificato.

Se non trova un hostname pertinente, Windows 10 risolverà l’hostname utilizzando il Domain Name Service (DNS). Questa è la procedura per ottenere l’indirizzo IP del server dietro un nome di dominio.

Ogni voce del file hosts ha la sua riga, con l’indirizzo IP numerico, uno spazio o un carattere di tabulazione e infine il nome dell’host o del dominio. Vediamo un esempio di una voce del file hosts:

120.0.0.0 example.com #Example

Nell’esempio precedente, la prima sezione denota l’indirizzo IP a cui questa richiesta sarà reindirizzata (120.0.0.0). La seconda sezione designa il luogo da cui vogliamo reindirizzare la richiesta (example.com). La sezione finale specifica un commento per questa voce. Usiamo un hashtag per dire a Windows 10 di ignorare il commento quando legge il file hosts locale.

Dopo aver aggiunto le informazioni sul dominio, il vostro sistema risolverà all’indirizzo IP che avete specificato. Nell’esempio precedente, abbiamo associato il nome di dominio example.com all’indirizzo IP 120.0.0.0.

Vale la pena notare che alcuni software utilizzano le proprie tecniche per cercare gli hostname. Questo significa che c’è sempre una possibilità che possa ignorare completamente il file hosts.

Il DNS è la chiave per localizzare un sito web. 🔑 Con una cosa così importante in gioco, apportare modifiche ai record DNS può essere un'esperienza snervante. 😰 Scopri come modificare in sicurezza i file host in questa guida 👇Click to Tweet

Cosa Succede Quando si Modifica un File Host?

Quando modificate il file hosts, questo fa sì che la vostra macchina locale guardi direttamente l’indirizzo IP che avete specificato. Per esempio, se volete far puntare mywebsite.com all’indirizzo IP 1.2.3.4.5, dovete aggiungere quanto segue:

1.2.3.4.5 mywebsite.com

Ora, ogni volta che proverete a visitare mywebsite.com, vi troverete invece all’indirizzo 1.2.3.4.5. Modificando il vostro file hosts, potete sovrascrivere i DNS per un dominio solo sulla vostra specifica macchina.

In questo articolo, ci concentreremo sull’apertura del file hosts e sull’aggiunta di singole voci. Tuttavia, è anche possibile sostituire interamente il file. Può essere un modo semplice per bloccare in massa siti web dannosi o di spam. Ci sono anche siti che hanno pubblicato elenchi già pronti di indirizzi IP associati a pubblicità, hijacker, contatori di pagine e altre connessioni indesiderate.

Potete scaricare uno di questi elenchi già pronti e copiare/incollare il suo contenuto nel vostro file hosts. In alternativa, potete sostituire il vostro file hosts nativo con il file appena scaricato. Se optate per quest’ultima soluzione, raccomandiamo di conservare una copia del vostro file originale, nel caso in cui doveste riscontrare qualche comportamento strano con il sostituto.

Perché Modificare il File Hosts di Windows 10

Potete usare il vostro file hosts per testare le modifiche al DNS senza alterare i vostri record DNS. Per esempio, immaginate di essere migrati ad un nuovo server. Prima di aggiornare le impostazioni del DNS, è una buona idea verificare come i vostri domini appariranno e funzioneranno su questo nuovo server.

Tuttavia, se inserite il vostro nome di dominio attuale, questo si risolverà sul vostro vecchio server. In questo scenario, potete modificare il vostro file hosts in modo che punti il dominio all’IP del nuovo server.

Questo file può anche aiutarvi a testare come appare il vostro sito web su un server diverso quando il vostro DNS non si è ancora propagato. Da Kinsta forniamo un URL temporaneo (sitename.kinsta.cloud), ma questo non può imitare tutto. Per esempio, di default un CDN non funzionerà su un URL temporaneo.

Potete anche utilizzare il file hosts per bloccare certi siti web. Questo può essere utile per i datori di lavoro che vogliono assicurarsi che il loro personale non perda tempo su siti non autorizzati come Facebook, Twitter o YouTube.

Anxche se ci sono soluzioni meno tecniche per bloccare l’accesso a siti web non autorizzati, molti di questi metodi sono relativamente facili da invertire. Per esempio, un bambino esperto di tecnologia può avere pochi problemi a bypassare i controlli dei genitori, ma modificare il file hosts richiede un livello più alto di conoscenza tecnica.

Potreste fare un ulteriore passo in avanti e bloccare tutti i siti web che servono pubblicità. Se mappate gli indirizzi di tutti i principali provider di pubblicità ad un indirizzo IP interno non utilizzato, allora Windows 10 non sarà in grado di risolvere questi indirizzi. Potrete quindi godervi il web senza pubblicità.

Infine, alcune terze parti malintenzionate possono impostare dei redirect alterando il vostro file hosts. Questo è conosciuto come hijack del file hosts. Se riscontrate strani reindirizzamenti, allora potrebbe valere la pena controllare il vostro file hosts alla ricerca di voci sospette.

Come Fare in Modo che Firefox Rispetti il File Hosts di Windows 10

Il browser di Mozilla risolve gli indirizzi IP in modo leggermente diverso rispetto agli altri principali browser. Per impostazione predefinita, Firefox utilizza DNS-over-HTTPS (DoH).

È un protocollo per eseguire la risoluzione del DNS remota via HTTPS. Se questa impostazione è abilitata, Firefox utilizzerà il server DOH come risolutore primario del nome, piuttosto che controllare il vostro file hosts locale o il risolutore DNS.

Come risultato, il sito web visualizzato punterà sempre all’indirizzo IP che Internet ritiene autorevole per quel dominio. Anche se modificate il vostro file hosts, le vostre modifiche non avranno alcun effetto se il server DoH restituisce un indirizzo IP funzionante.

Ci sono molti ottimi browser web che sono compatibili con Windows 10 e che onorano il file hosts nativamente. Tuttavia, se volete rimanere con Mozilla Firefox, potete sempre disabilitare DoH.

Per iniziare, selezionate il pulsante Menu nel browser Mozilla Firefox e andate su Impostazioni.

Select the Menu button in the Mozilla Firefox browser and go to Settings.
Trova il pulsante del menu e clicca su Impostazioni.

Nella scheda successiva, assicuratevi che sia selezionato Generale. Poi, scorrete fino alla sezione Impostazioni di rete e cliccate su Impostazioni.

Find network settings in Firefox
Impostazioni di rete in Firefox

Nel popup che appare, scorrete fino a Abilita DNS su HTTPS. Poi, deselezionate la casella corrispondente.

Scroll to Enable DNS over HTTPS
Scorri fino a Abilita DNS su HTTPS

Per salvare le modifiche, cliccate su OK e poi uscite da questa finestra. Da questo punto in poi, Firefox onorerà qualsiasi indirizzo personalizzato che aggiungerete al vostro file hosts di Windows 10.

Come Modificare il File host di Windows 10 (in 3 Passi)

Ci sono molte ragioni per voler modificare questo importante file. La procedura sarà esattamente la stessa, indipendentemente dal fatto che vogliate bloccare le reti pubblicitarie, verificare un nuovo dominio o eseguire altri test relativi al DNS.

Vediamo come aggiungere indirizzi personalizzati al file hosts di Windows 10.

1. Trovate il Vostro Indirizzo IP

Spesso, vorrete cambiare il modo in cui Windows 10 risolve l’indirizzo IP di un sito di vostra proprietà. Per fare questa modifica, dovrete conoscere l’indirizzo IP del vostro sito web.

Se siete clienti di Kinsta, potete recuperare questa informazione facilmente nella dashboard di MyKinsta.

La dashboard di MyKinsta
La dashboard di MyKinsta

Trovate il dominio con cui volete lavorare e cliccateci sopra. Nella schermata successiva, troverete alcune informazioni su questo dominio, incluso il vostro indirizzo IP.

Clicca sull’opzione “Siti” in MyKinsta
Clicca sull’opzione “Siti” in MyKinsta

In alternativa, potreste voler modificare il modo in cui Windows 10 risolve un indirizzo IP di terzi. Potete recuperare l’indirizzo IP di qualsiasi sito web utilizzando tracert.

Tracert è normalmente utilizzato come strumento di diagnostica di rete per risolvere problemi di connettività della rete. Ma potete anche usarlo per tracciare i percorsi di un pacchetto di dati dall’origine alla destinazione, il che rivelerà l’indirizzo IP del sito web di destinazione.

Per lanciare tracert, cliccate sull’icona Start, poi digitate command prompt nella barra di ricerca.

Type command prompt into the search bar
Digita prompt dei comandi nella barra di ricerca

Quando appare l’icona del prompt dei comandi, fate clic. Nella finestra successiva, digitate tracert seguito dall’URL del sito web in questione, per esempio:

tracert sito web.com

Poi premete il tasto Invio sulla tastiera. Il prompt dei comandi visualizzerà l’indirizzo IP di website.com in parentesi accanto all’URL.

2. Eseguite Notepad Come Amministratore

In Windows XP e precedenti, modificare il file hosts era relativamente semplice. Bastava semplicemente aggiungere un’eccezione al vostro antivirus, aprire il file hosts nell’applicazione Notepad e fare le vostre modifiche.

Tuttavia, Windows 10 ha aggiunto alcune misure di sicurezza per impedire agli utenti di modificare accidentalmente questo importante file. Questo ha senso, dato che la modifica del file hosts potrebbe potenzialmente rendere inaccessibili i vostri siti web preferiti. Nel peggiore dei casi, potrebbe anche rendere Internet inutilizzabile sulla vostra macchina.

In Windows 10, le informazioni hosts sono memorizzate in un file di testo semplice nella cartella interna System32. Anche se non dovreste avere problemi ad aprire questo file, quando provate a salvare le vostre modifiche potreste ricevere il seguente errore: “Non hai il permesso di salvare in questa posizione. Contatta l’amministratore per ottenere il permesso”.

Se volete salvare le vostre modifiche, avrete bisogno dell’accesso come amministratore. Il modo più rapido per ottenerlo è quello di utilizzare un’applicazione di testo che abbia privilegi elevati. In questo articolo useremo Notepad.

Per iniziare, premete il tasto Windows e digitate Notepad nel campo di ricerca.

Search for the Notepad app
Cerca l’app Notepad

Successivamente, cliccate con il tasto destro del mouse su Notepad e selezionate Esegui come amministratore. Windows 10 ora vi chiederà se volete permettere a questa applicazione di apportare modifiche al vostro dispositivo. Selezionate .

Select Run as Administrator
Seleziona Esegui come amministratore

Questo lancia un’istanza privilegiata dell’applicazione Notepad. Si noti che potrebbe essere chiesto di inserire una password di amministrazione per autenticarvi nuovamente.

Hai bisogno di una soluzione di hosting che ti dia un vero vantaggio competitivo? Kinsta ti assicura velocità incredibile, sicurezza all’avanguardia e scalabilità automatica. Scopri i nostri piani

3. Fate le Vostre Modifiche

Una volta che avete aperto Notepad in modalità amministratore, siete pronti a modificare il file hosts. Nella barra degli strumenti di Notepad, selezionate File > Apri.

Select File and then Open in the Notepad toolbar
Seleziona File e poi Apri nella barra degli strumenti del Blocco note

Quindi andate fino a C:WindowsSystem32driversetchosts. In alternativa, potete copiare/incollare questo percorso del file nella barra degli indirizzi e poi premere Invio.

Se non vedete il file hosts nella vostra directory /etc, potrebbe essere necessario cambiare il tipo di filtro del file. In Notepad, aprite il menu a tendina Nome file e scegliete Tutti i file.

Open the File name dropdown and choose All Files
Apri il menu a tendina Nome file e scegli Tutti i file

Una volta che avete il file host nel mirino, siete pronto a fare le vostre modifiche. Se è la prima volta che aprite questo file, vedrete un testo che descrive lo scopo del file e come fare le modifiche, per esempio:

# This file contains the mappings of IP addresses to host names. Each

# entry should be kept on an individual line. The IP address should

# be placed in the first column followed by the corresponding host name.

# The IP address and the host name should be separated by at least one

# space.

Ora potete aggiungere il vostro indirizzo IP e il vostro hostname personalizzato alla fine del file. Se state aggiungendo più voci, ricordatevi di mettere ogni voce su una riga separata. Una volta che siete soddisfatti delle vostre modifiche, salvate e chiudete il file hosts.

Per assicurarvi che il vostro computer riconosca le modifiche, è una buona idea svuotare la cache del DNS. Se non avete una finestra del prompt dei comandi aperta, cliccate sul pulsante Windows e cercate prompt dei comandi. Nella finestra successiva, digitate quanto segue:

ipconfig /flushdns

Per pulire la cache del DNS, premete il tasto Invio. Una volta fatto, Windows 10 dovrebbe utilizzare le vostre nuove impostazioni del file hosts. Se non è così, provate a riavviare il computer.

Come Bloccare il File hosts su Windows 10

Per impostazione predefinita, non potete modificare il file hosts senza i privilegi di amministratore. Tuttavia, non è impossibile acquisire questi privilegi, specialmente per i più esperti di tecnologia.

Se siete preoccupato delle modifiche non autorizzate, potete aggiungere un ulteriore livello di sicurezza al vostro file hosts. Per esempio, potreste usare il file hosts per impedire al personale di accedere ai siti di social media ma essere preoccupati che possano aggirare le vostre restrizioni. Potreste anche essere preoccupati per gli attacchi di hijack del file hosts.

In queste situazioni, potreste pensare di bloccare il file hosts. Anche se questa precauzione di sicurezza non è a prova di bomba, dissuaderà terze parti dal manomettere il file.

Per bloccare il vostro file hosts, andate su C:WindowsSystem32driversetchosts. Poi fate clic destro sul file e selezionate Proprietà.

C:WindowsSystem32driversetchosts
C:WindowsSystem32driversetchosts

Nella finestra delle proprietà, contrassegnate il file hosts come di sola lettura. Questo bloccherà il file e impedirà a chiunque di modificarlo.

Se volete rimuovere questo blocco in qualsiasi momento, vi basterà tornare alla finestra Proprietà. Potrete quindi rimuovere questa restrizione di sola lettura.

Come Resettare il File host di Windows 10

Potete sempre rimuovere singole voci dal file hosts. Vi basta semplicemente aprire il file in Blocco note e cancellare la riga in questione.

Tuttavia, a volte potresti aver bisogno di riportare il vostro file hosts al suo stato originale. Per esempio, potreste aver fatto diverse modifiche al file e non volete particolarmente disfare ogni singola modifica manualmente. Potreste anche incontrare strani reindirizzamenti, il che suggerisce che il vostro file hosts è stato corrotto.

Per ripristinare il file hosts al suo stato originale, aprite Esplora File. Nella barra degli indirizzi, digitate o copiate/incollate quanto segue:

%systemroot% system32driversetc

Poi premete il tasto Invio sulla tastiera. A questo punto, vi consigliamo di rinominare il file hosts originale. Questo file servirà come backup, nel caso in cui doveste avere dei problemi con il vostro nuovo file hosts. Potrebbe esservi richiesto di assumere prima la proprietà di questo file, a seconda di come sono configurati i privilegi sul vostro computer.

Il passo successivo è la creazione di un nuovo file hosts predefinito. A questo scopo, create un file di testo nella directory %WinDir%system32driversetc e chiamate questo file hosts.

Ora potete copiare/incollare il testo dal file hosts predefinito di Windows fornito da Microsoft:

# Copyright (c) 1993-2009 Microsoft Corp.

#

# This is a sample HOSTS file used by Microsoft TCP/IP for Windows.

#

# This file contains the mappings of IP addresses to host names. Each

# entry should be kept on an individual line. The IP address should

# be placed in the first column followed by the corresponding host name.

# The IP address and the host name should be separated by at least one

# space.

#

# Additionally, comments (such as these) may be inserted on individual

# lines or following the machine name denoted by a '#' symbol.

#

# For example:

#

# 102.54.94.97 rhino.acme.com # source server

# 38.25.63.10 x.acme.com # x client host

# localhost name resolution is handled within DNS itself.

# 127.0.0.1 localhost

# ::1 localhost

Salvate questo file. Come sempre, potrebbe essere necessario resettare il computer o svuotare la cache del DNS affinché questi cambiamenti abbiano effetto.

Preoccupato di testare le modifiche ai DNS? 😅 Non preoccuparti. 😄 Scopri come usare il file hosts locale per vedere in anteprima le modifiche senza mettere a rischio il tuo sito 👇Click to Tweet

Riepilogo

Apportare modifiche ai record DNS può sembrare un’impresa stressante. Tuttavia, come abbiamo visto in questo articolo, potete testare in sicurezza il vostro file hosts locale senza mettere a rischio i vostri record live. In Windows 10, potete farlo trovando il vostro indirizzo IP, eseguendo Notepad come amministratore e facendo le modifiche che desiderate.

Se vi è piaciuto questo tutorial, allora apprezzerete il nostro supporto. Tutti i nostri piani di hosting includono un supporto 24/7 da parte dei nostri sviluppatori e tecnici WordPress di classe mondiale. Possiamo fornire l’aiuto di cui avete bisogno per avere successo, alle 2:00 del mattino come alle 2:00 del pomeriggio.


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.