Quando qualcosa si rompe nel vostro sito WordPress di solito visualizzerete un codice di stato HTTP. I codici di stato vengono consegnati al browser nell’intestazione HTTP e vi aiutano a comprendere e risolvere quello che potrebbe essere un errore. Alcuni codici di stato che probabilmente conoscerete già comprendono l’errore 404 “not found” e i 301 redirect per scopi SEO. Oggi analizzeremo un codice di stato meno comune, l’errore 501 not implemented. I passaggi e i consigli che seguono vi permetteranno di risolverlo.

L’Errore 501 Not Implemented

L’errore 501 not implemented indica che il server non supporta la funzionalità necessarie a soddisfare la richiesta. Questa è la risposta che si riceve quando il server non riconosce il metodo della richiesta e non è in grado di supportarlo per nessuna risorsa (RFC7231, sezione 6.6.2). Inoltre, una risposta 501 è memorizzabile nella cache di default.

A causa della molteplicità dei browser, dei server e dei sistemi operativi, un errore 501 not implemented può presentarsi in diversi modi, ma hanno tutti lo stesso significato. Di seguito sono riportate solo alcune delle diverse varianti che potreste vedere sul web:

  • “501 Not Implemented”
  • “Error 501”
  • “HTTP 501”
  • “HTTP Error 501 Not implemented”
  • “The server either does not recognize the request method, or it lacks the ability to fulfill the request.”
Errore 501 not implemented nel browser

Errore 501 not implemented nel browser

Errori 501 e Impatto sulla SEO

A differenza degli errori 503, che vengono utilizzati per la modalità di manutenzione di WordPress e comunicano a Google di ricontrollare in un secondo momento, un errore 501 può avere un impatto negativo sulla SEO se non viene risolto immediatamente. Se il vostro sito è inattivo solo per circa 10 minuti e viene sottoposto a scansione in modo coerente molte volte, il crawler scaricherà semplicemente la pagina dalla cache. Oppure Google potrebbe non avere nemmeno la possibilità di eseguire nuovamente la scansione prima di eseguire il backup. In questo caso non ci saranno problemi.

Tuttavia, se il sito non è attivo per un lungo periodo di tempo, diciamo più di 6 ore, Google potrebbe vedere l’errore 501 come un problema a livello di sito che deve essere risolto. Questo potrebbe avere delle conseguenze negative sul vostro ranking. Se siete preoccupati del ripetersi degli errori 501, dovreste capire perché si stanno verificando. Ecco alcune delle soluzioni per risolvre il problema.

Come Risolvere un Errore 501 Not Implemented

Un errore 501 not implemented nasce quasi sempre da un problema del server web. Ci sono diverse cose che potete fare dal vostro lato per provare a risolverlo, ma in genere per questo tipo di errore dovrete contattare l’host per risolvere il problema.

1. Provare a Ricaricare la Pagina

Una delle cose più semplici e tra le prime da provare quando vi imbattete in un errore 501 not implemented è semplicemente aspettare un minuto o poco più e ricaricare la pagina (F5 o Ctrl + F5). È possibile che l’host o il server risolvano il problema. Mentre aspettate, potete anche provare rapidamente un altro browser in modo da escludere che si tratti di un vero problema.

Un’altra cosa che potete fare è incollare l’URL del sito web in downforeveryoneorjustme.com. Questo sito vi dirà se il vostro sito è inattivo o se è piuttosto un problema dal vostro lato.

downforeveryoneorjustme
downforeveryoneorjustme

2. Cancellare la Cache del Browser

Ogni volta che si verificano problemi come questo può essere utile cancellare la cache del browser. Di seguito sono riportate le istruzioni per i vari browser:

3. Disabilitare le Impostazioni Proxy

Questo è molto raro, ma a volte potresti vedere un errore 501 quando utilizzate un servizio proxy. Potrebbe essere che ne sia stato impostato uno senza che voi nemmeno lo sappiate. Leggete questi tutorial su come disabilitare o verificare che non siano attivate le impostazioni proxy:

Impostazioni proxy in Chrome

Disattivare le impostazioni proxy in Chrome

4. Contattare il Proprio Host

A differenza di altri codici di stato HTTP per i quali potete far molto da soli per risolvere il problema, gli errori 501 sono quasi sempre un problema del server web. Solitamente non sono causati da un problema di plugin difettoso o di cache. Pertanto, se non risolvete da soli in pochi minuti, vi consigliamo di rivolgervi al vostro host WordPress. Potete anche controllare la pagina di stato del vostro host WordPress.

Tra le cause tipiche di questo errore del server ci potrebbero essere le seguenti:

  • Si è verificato un errore di aggiornamento del server che non ha risposto correttamente alla richiesta del browser.
  • C’è un errore di configurazione in NGINX che deve essere risolto da un tecnico.
  • Il server a cui state tentando di accedere potrebbe essere sovraccarico e pertanto non è in grado di generare correttamente la richiesta.
  • Potrebbe anche essere un problema di fatturazione. Se non avete pagato le fatture dell’hosting, potrebbero impostare il vostro sito su 501 prima di rimuovere completamente l’account, dandovi in questo modo un’altra possibilità per risolvere il problema.

Da Kinsta, un errore 501 può anche essere dovuto al fatto che il vostro sito di staging è stato fermato. Nella scheda Informazioni del vostro sito vedrete l’opzione “Avvia ambiente di staging” (“Start staging environment”).

Avvio ambiente di staging

Avvio ambiente di staging

Se per qualche motivo avete ancora problemi, allora vi basta aprire un ticket di supporto e noi lo correggeremo immediatamente. Monitoriamo anche in modo proattivo errori come questo con New Relic, quindi è probabile che, quando ci contatterete, il nostro team stia già indagando.

Inviare ticket di supporto per WordPress

Inviare ticket di supporto per WordPress

Se siete preoccupati che questo errore si verifichi in futuro sul vostro sito, potete anche utilizzare uno strumento come updown.io per monitorare e notificare immediatamente nel caso in cui dovesse accadere. Il servizio invia periodicamente una richiesta HEAD HTTP all’URL di vostra scelta. Potete semplicemente inserire l’URL della vostra homepage. Lo strumento vi permette di impostare le frequenze di controllo ogni:

  • 15 secondi
  • 30 secondi
  • 1 minuto
  • 2 minuti
  • 5 minuti
  • 10 minuti

updown.io vi invierà un’e-mail se e quando il vostro sito genera un errore. Ecco un esempio.

Notifica email dell'errore 501

Notifica email dell’errore 501

Questo può essere particolarmente utile se siete su un host condiviso, che tende a sovraffollare i propri server. Questo può darvi la prova di quanto spesso il vostro sito potrebbe effettivamente andare giù (anche nel mezzo della notte). Ecco perché consigliamo sempre di scegliere un host WordPress gestito come Kinsta. E non perdete il nostro post che illustra i principali 9 motivi per scegliere un hosting WordPress gestito.

14
Condivisioni