Un server di sviluppo e test locale è uno degli strumenti più importanti nell’arsenale di qualsiasi sviluppatrice o sviluppatore WordPress. Queste soluzioni collaudate consentono di costruire in modo facile e rapido un sito web, senza il rischio di rompere un server web live. Tuttavia, occasionalmente possono ancora incontrare problemi.

MAMP è un popolare strumento di sviluppo locale per costruire siti web WordPress, ma a volte può riscontrare problemi di localhost. Fortunatamente, se state vedendo il comune messaggio “Localhost Refused to Connect”, cioè “localhost ha rifiutato di connettersi”, ci sono dei passi che potete seguire per risolvere l’errore.

In questo articolo, vedremo cos’è l’errore localhost di MAMP e cosa causa il problema. Condivideremo poi sette modi per risolvere questo problema di connessione. Cominciamo!

Introduzione a MAMP (e all’Errore “Localhost Refused to Connect”)

MAMP è uno stack di soluzioni composto sia da software open source che proprietario. Il nome MAMP deriva dai suoi componenti: macOS, Apache, PHP, MySQL o MariaDB, e Perl o Python. Tuttavia, MAMP non è limitato a questi elementi. Per esempio, si potrebbe scegliere di usare Nginx invece di Apache.

MAMP installa un ambiente server locale sul vostro computer Windows o macOS, ed è comunemente usato per sviluppare siti web dinamici. MAMP è anche ampiamente usato dagli sviluppatori che lavorano con sistemi di gestione dei contenuti (CMS) come WordPress:

È possibile usare MAMP per sviluppare siti web senza un server web live.

È possibile usare MAMP per sviluppare siti web senza un server web live.

Con MAMP, potete impostare un ambiente di sviluppo locale sul vostro computer. Questo elimina i tempi, i costi e la complessità spesso associati alla configurazione di un server web autonomo. In altre parole, è ideale per testare rapidamente i progetti, o per sviluppare siti web senza il rischio di rompere un server live.

Tuttavia, potreste comunque incontrare problemi quando usate MAMP. Quando tentate di accedere al vostro localhost, è possibile che vediate il seguente messaggio di errore: “Localhost Refused to Connect”.

Questo tipicamente si verifica quando c’è un problema con la configurazione della porta. Per esempio, un altro servizio potrebbe bloccare la porta che MAMP sta cercando di usare, o forse state cercando di accedere alla porta sbagliata. Potreste incontrare questo errore anche quando MAMP non riesce ad avviare il server.

Info

Stai cercando un potente strumento per lo sviluppo locale di WordPress? DevKinsta ti offre la creazione di un sito con un solo clic, HTTPS integrato, potenti strumenti di gestione di email e database, e altro ancora. Scopri di più su DevKinsta!

Come Risolvere l’Errore “Localhost Refused to Connect” di MAMP (7 metodi)

MAMP è una soluzione popolare per sviluppare e testare progetti in un ambiente locale. Tuttavia, se non potete connettervi a localhost, farete fatica a ottenere qualsiasi valore da questo strumento. Se state incontrando l’errore “Localhost Refused to Connect”, ecco sette soluzioni che dovrebbero aiutarvi a riconnettervi e tornare al lavoro.

1. Provare un Altro Browser Web

È possibile che i vostri problemi di connessione siano specifici del browser. Ogni browser web ha una configurazione e un comportamento unici.

In particolare, alcuni browser reindirizzano automaticamente all’equivalente Hypertext Transfer Protocol Secure (HTTPS) di qualsiasi indirizzo web HTTP. Se non avete abilitato il Secure Sockets Layer (SSL) per il vostro progetto web, questo reindirizzamento può provocare un errore localhost.

Prima di passare a soluzioni più complesse, potreste provare ad accedere al vostro localhost tramite un browser web alternativo. Questo può aiutarvi a verificare se il problema risiede in MAMP o nel browser che state usando.

Se non incontrate l’errore localhost in un browser alternativo, questo suggerisce che il problema è specifico del browser. In questo scenario, raccomandiamo di controllare le impostazioni del vostro browser per qualsiasi configurazione che potrebbe causare problemi con MAMP. Per esempio, potreste scoprire che il vostro browser sta reindirizzando le richieste HTTP a HTTPS per impostazione predefinita.

I passi per risolvere questo problema di reindirizzamento variano in base a quello che state usando. Per esempio, gli utenti di Chrome possono disabilitare questo reindirizzamento andando su chrome://net-internals/#hsts:

Controllate il vostro browser per i reindirizzamenti automatici HTTPS.

Controllate il vostro browser per i reindirizzamenti automatici HTTPS.

Successivamente, scorrete fino alla sezione seguente, Delete domain security policies, e inserite il vostro dominio localhost. Potete quindi selezionare Delete, che dovrebbe disabilitare il reindirizzamento di Chrome per il vostro localhost.

2. Consentire le Connessioni in Entrata

Se non riuscite ad accedere al server web via localhost, c’è una possibilità che il vostro firewall stia bloccando la connessione. Spesso potete risolvere questo problema modificando le impostazioni del vostro firewall per permettere le connessioni in entrata per la porta a cui MAMP sta cercando di accedere. In alternativa, potete permettere le connessioni per l’intera applicazione MAMP.

Se siete utenti macOS, potete modificare le impostazioni del firewall andando su Apple > Preferenze di Sistema… > Sicurezza e Privacy. Potete quindi selezionare la scheda Firewall:

Impostazioni del firewall di macOS.

Impostazioni del firewall di macOS.

Per abilitare le connessioni in entrata per l’intera applicazione MAMP, selezionate Opzioni Firewall. Potete quindi fare clic sull’icona +, selezionare MAMP, e scegliere Add. MAMP sarà quindi aggiunto alla vostra lista di applicazioni permesse.

Permettere tutte le connessioni in entrata per MAMP.

Permettere tutte le connessioni in entrata per MAMP.

A questo punto, controllate che l’applicazione MAMP sia configurata su Allow incoming connections, e poi fate clic su OK. Il vostro firewall ora permetterà tutte le connessioni in entrata per MAMP.

Se state usando Windows Defender, dovreste aver ricevuto una notifica del firewall quando avete installato MAMP. Comunque, potete cambiare i permessi del vostro firewall di Windows in qualsiasi momento, navigando su Start > Settings > Update & Security > Windows Security. Potete quindi selezionare Firewall & Network Protection per apportare le modifiche necessarie alle impostazioni del vostro firewall.

3. Controllare la Root del Documento di MAMP

Quando accedete al vostro localhost, MAMP visualizza il contenuto della vostra root dei documenti. Per default, questa si trova in /Applications/MAMP/htdocs, e contiene un file index.html o index.php.

Se spostate o cancellate questo file di indice, MAMP non avrà nulla da caricare. Se si modifica il file di indice in modo non corretto, MAMP potrebbe anche avere problemi a visualizzare qualsiasi contenuto. Questo può causare una serie di errori, incluso il messaggio “localhost refused to connect”.

Potete determinare se avete inavvertitamente modificato o spostato questa importante cartella andando su /Applications/MAMP/htdocs/. Se non contiene un file index.html o index.php, è probabile che questo contribuisca ai vostri errori localhost.

Vale anche la pena di controllare se MAMP sta caricando il contenuto dalla cartella corretta. Se state usando la versione gratuita di MAMP, potete controllare la posizione del documento principale nella finestra principale di MAMP:

Controlla la root del documento MAMP.

Controlla la root del documento MAMP.

Se state usando MAMP Pro, questo processo è leggermente diverso. Potete verificare la posizione della root selezionando Hosts > General. Questa schermata mostrerà il percorso del file Document Root:

Controllare la root del documento nelle impostazioni di MAMP.

Controllare la root del documento nelle impostazioni di MAMP.

Se sospettate che ci sia un problema con la root del vostro documento, potete semplicemente selezionare Open in seguito al vostro gestore di file preferito. Questo vi porterà direttamente alla root del documento, dove potrete ispezionare il contenuto della cartella e fare tutte le modifiche necessarie.

4. Cambiare le Impostazioni della Porta

I programmi server come MAMP richiedono l’accesso esclusivo a una specifica porta di rete. Questo permette l’esecuzione di più programmi sulla stessa macchina.

Ogni server ha una porta predefinita. Il server web Apache usa tipicamente la porta 80, mentre il server di database MySQL usa la porta 3306. Per default, MAMP usa le porte 8888, 8889, e 7888. Tuttavia, queste porte potrebbero essere già in uso da qualche altro programma o pezzo di software.

In questo scenario, potete configurare MAMP per usare una porta alternativa. Se state usando la versione gratuita, potete controllare le impostazioni della porta navigando in MAMP > Preferences. Poi selezionate la scheda Port:

Controllare le impostazioni della porta di MAMP.

Controllare le impostazioni della porta di MAMP.

Se state usando MAMP Pro, troverete queste opzioni nella scheda Ports & User. Potete quindi vedere le porte esatte che MAMP sta usando:

Controllare le impostazioni della porta di MAMP Pro.

Controllare le impostazioni della porta di MAMP Pro.

Se MAMP sta già usando una porta alternativa, potete provare a ripristinare le impostazioni di default selezionando MAMP default. Se siete utenti di MAMP Pro, potete fare clic sul pulsante Set default MAMP Ports. Questo resetterà le porte per Apache, Nginx, e MySQL a 8888, 7888, e 8889.

In alternativa, MAMP ha un pulsante 80 & 3306, che imposterà le porte ai valori più comunemente usati. Dopo aver modificato le impostazioni delle porte, potete ottenere risultati positivi digitando il nuovo numero di porta direttamente nella barra degli indirizzi del vostro browser, come in http://<localhost>:8888/.

Se state ancora incontrando l’errore localhost, potete provare a configurare MAMP per usare un numero di porta completamente casuale, come 8814. Potete poi digitare questo indirizzo direttamente nel vostro browser web (http://localhost:8814/) per vedere se risolve il problema localhost.

5. Verificare Che il Vostro Server Web Apache Sia in Esecuzione

Apache è uno dei server web più utilizzati. Sia MAMP che MAMP Pro forniscono questa opzione. Se il server Apache non è in funzione, tuttavia, avrete difficoltà a connettervi al vostro localhost.

Potete vedere se il vostro server Apache è in funzione dando un’occhiata al pulsante Stop/Start nell’angolo in alto a destra dell’applicazione MAMP. Se il server web Apache è attivo, questo pulsante sarà verde. Se siete utenti MAMP Pro, potete eseguire la verifica selezionando “Apache” nel menu di sinistra:

Controllate l'installazione del server web Apache.

Controllate l’installazione del server web Apache.

Gli utenti di MAMP Pro possono anche visualizzare maggiori informazioni sui loro server Apache selezionando Info o Status. Se il server è in funzione, entrambi questi pulsanti lanceranno una scheda contenente maggiori informazioni sulla configurazione di Apache.

Stato del server Apache.

Stato del server Apache.

Se il vostro web server Apache non è in funzione, un altro servizio MySQL potrebbe usare la stessa porta. Se sospettate che questo sia il caso, una soluzione è quella di chiudere tutti i processi httpd sulla vostra macchina. I passi esatti per chiudere i processi httpd variano a seconda del vostro sistema operativo.

Stai cercando un hosting WordPress ad alte prestazioni con la potenza dei server più veloci di Google Cloud Platform? Dai un’occhiata ai nostri piani.

Gli utenti Mac possono identificare e chiudere i processi httpd usando Monitoraggio Attività. Nella barra degli strumenti di Monitoraggio Attività, selezionate Visualizza > Tutti i processi:

Visualizza tutti i processi in Monitoraggio Attività.

Visualizza tutti i processi in Monitoraggio Attività.

Nel campo di ricerca, digitate “httpd”. Selezionate ogni risultato nella lista, e poi fate clic sull’icona Stop nell’angolo in alto a sinistra di Monitoraggio Attività:

Chiudere i processi httpd in macOS.

Chiudere i processi httpd in macOS.

Dopo aver chiuso ogni processo httpd, rilanciate MAMP e provate a riavviare il server web Apache.

Se questo non risolve il vostro problema, c’è una possibilità che il vostro file httpd.conf.temp sia corrotto. Alcuni utenti di MAMP Pro hanno riportato risultati positivi dopo aver rinominato questo file.

Sulla vostra macchina locale, andate su ~/Library/Application Support/appsolute/MAMP PRO/templates. Potete quindi rinominare httpd.conf.temp in http.conf.temp.bak. Riavviate MAMP, e controllate che il vostro server Apache stia funzionando correttamente.

6. Riavviare il Server Web Apache

Potete anche risolvere l’errore “localhost refused to connect” riavviando il server web Apache. Per fermare il server, lanciate il Terminal del vostro Mac navigando in Applicazioni > Utilità > Terminal.

Avviate Terminal in macOS.

Avviate Terminal in macOS.

In alternativa, gli utenti di Windows possono lanciare il Prompt dei comandi e poi eseguire il seguente comando: “sudo apachectl stop”. Nella finestra del Terminal o del Prompt dei comandi, dovreste vedere il seguente messaggio: Operazione in corso.

Se avete modificato le impostazioni delle porte di MAMP, è una buona idea ripristinare le impostazioni predefinite (80/3306). Potete navigare su MAMP > Preferences… > Ports (MAMP), o Ports & Users (MAMP Pro). Nella finestra risultante, selezionate MAMP default.

Poi, tornate al Terminal o al Prompt dei comandi ed eseguite il seguente comando: “sudo apachectl restart”. Potete quindi riavviare il server web Apache selezionando l’icona Start / Stop nell’angolo in alto a destra di MAMP.

7. Reinstallare MAMP

Ultimo ma non meno importante, potreste essere in grado di risolvere questo problema disinstallando e poi reinstallando MAMP. Basta essere consapevoli che la disinstallazione del programma rimuoverà tutti i database situati nella cartella db.

Se state usando MAMP Pro, quella cartella si trova in /Library/Application Support/appsolute/MAMP PRO/db. Se volete conservare queste informazioni, potete spostare i file in una posizione sicura prima di disinstallare MAMP.

Raccomandiamo anche di prendere nota dei numeri di porta di Apache, MySQL e DynDNS, poiché alcuni Content Management Systems (CMS) dipendono dalle porte. Potete trovare queste informazioni selezionando Hosts nel menu di sinistra di MAMP, e poi aprendo la scheda General.

Per disinstallare MAMP Pro, selezionate MAMP PRO > Uninstall MAMP Pro. Se richiesto, inserite il vostro nome utente e la vostra password di amministrazione:

Disinstallare MAMP Pro.

Disinstallare MAMP Pro.

Dopo aver disinstallato MAMP, vedrete il seguente messaggio: MAMP Pro has been uninstalled successfully. Ora potete andare nella cartella /Applications del vostro computer e cancellare la cartella MAMP.

Una volta rimosso completamente MAMP, è il momento di reinstallarlo! Potete scaricare una nuova copia di MAMP dal sito ufficiale, e poi installare l’applicazione come al solito.

Dopo aver installato con successo MAMP, potreste voler ripristinare i vostri database. Nel vostro file manager preferito, navigate in /Library/Application Support/appsolute/MAMP PRO/db. Potete quindi trascinare i vostri file db in quella cartella.

Riepilogo

L’ambiente del server locale MAMP può essere inestimabile per costruire e testare il vostro sito web. Tuttavia, se incontrate l’errore “localhost refused to connect”, dovrete risolverlo prima di andare avanti.

Fortunatamente, se incontrate questo problema, ci sono dei passi che potete seguire per risolverlo. Raccomandiamo di fare dei test per vedere se il problema è specifico del browser, provando ad accedere al vostro progetto tramite un browser web alternativo. Potete anche ottenere risultati positivi modificando le impostazioni del vostro firewall e la configurazione delle porte di MAMP.

Avete qualche domanda su come risolvere l’errore “Localhost Refused to Connect”? Condividetela nella sezione dei commenti qui sotto!


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 28 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.