I codici di stato HTTP sono come brevi note di un server che vengono inserite in una pagina web. In realtà non fanno parte del contenuto del sito. Si tratta invece di messaggi provenienti dal server che vi dicono come sono andate le cose quando ha ricevuto la richiesta di visualizzare una certa pagina.

Questi messaggi vengono restituiti ogni volta che il vostro browser interagisce con un server, anche se non li vedete. Se siete il proprietario o lo sviluppatore di un sito web, la comprensione dei codici di stato HTTP è fondamentale. Quando compaiono, i codici di stato HTTP sono uno strumento inestimabile per la diagnosi e la correzione degli errori di configurazione del sito.

Questo articolo presenta diversi codici di stato e di errore del server e spiega cosa rivelano su ciò che accade dietro le quinte sul server.

Cominciamo!

Cosa Sono i Codici di Stato HTTP?

Ogni volta che fate clic su un link o digitate un URL e premete Invio, il vostro browser invia una richiesta al server web per il sito a cui state cercando di accedere. Il server riceve ed elabora la richiesta, quindi invia le relative risorse insieme ad un header HTTP.

I codici di stato HTTP vengono consegnati al browser nell’intestazione HTTP. Sebbene i codici di stato vengono restituiti ogni volta che il vostro browser richiede una pagina web o una risorsa, il più delle volte non li vedete.

Normalmente ne potreste vedere uno nel vostro browser solo quando qualcosa va storto. Questo è il modo di dire del server: “C’è qualcosa che non va. Ecco un codice che spiega cosa è successo”.

Codice di stato HTTP 404 di Google

Codice di stato HTTP 404 di Google

Se volete vedere i codici di stato che il vostro browser normalmente non vi mostra, avete diversi strumenti che ve lo permettono. Per piattaforme di sviluppo come Chrome e Firefox sono disponibili estensioni del browser, e ci sono molti strumenti di header fetching “web-based” come Web Sniffer.

Per vedere i codici di stato HTTP con uno di questi strumenti, cercate la riga che appare in cima al report che dice “Status: HTTP/1.1”. Seguirà il codice di stato che è stato restituito dal server.

Comprendere le Classi dei Codici di Stato HTTP

I codici di stato HTTP sono suddivisi in 5 “classi”. Si tratta di raggruppamenti di risposte che hanno significati simili o correlati. Sapere cosa sono può aiutarvi a determinare rapidamente la sostanza generale di un codice di stato prima di andare a cercare il suo significato specifico.

Le cinque classi sono:

All’interno di ciascuna di queste classi, esistono diversi codici che possono essere restituiti dal server. Ogni singolo codice ha un significato specifico e unico, che tratteremo nell’elenco più completo che segue.

Perché i Codici di Stato HTTP e gli Errori Sono Importanti per l’Ottimizzazione dei Motori di Ricerca (SEO)

I bot dei motori di ricerca vedono i codici di stato HTTP mentre effettuano il crawling del vostro sito. In alcuni casi, questi messaggi possono possono determinare se e come vengono indicizzate le vostre pagine, così come il modo in cui i motori di ricerca percepiscono la salute del vostro sito.

In generale, i codici di stato HTTP di livello 100 e 200 non avranno un grande impatto sulla vostra SEO. Segnalano che sul vostro sito tutto funziona come dovrebbe, e permettono ai bot dei motori di ricerca di continuare il loro lavoro. Tuttavia, non miglioreranno nemmeno il vostro ranking.

Per la maggior parte, sono i codici di livello superiore che contano per la SEO. Le risposte di livello 400 e 500 possono impedire ai bot di effettuare il crawling e indicizzare le vostre pagine. Un numero eccessivo di questi errori può anche indicare che il vostro sito non è di buona qualità, eventualmente abbassando il vostro ranking.

I codici di livello 300 hanno un rapporto un po’ più complicato con la SEO. La cosa principale da sapere per capire che impatto hanno è la differenza tra redirect permanenti e temporanei, cosa che tratteremo più dettagliatamente nella relativa sezione più avanti.

In poche parole, però, i redirect permanenti condividono la qualità dei link dai backlink, ma quelli temporanei no. In altre parole, quando si utilizzano redirect temporanei per le pagine spostate, si perde il vantaggio SEO di tutto il link building che si è fatto.

Controllare i Codici di Stato HTTP nella Console di Ricerca di Google

Un modo per monitorare il modo in cui Google percepisce i codici di stato HTTP sul vostro sito è quello di utilizzare la Google Search Console. È possibile visualizzare i codici di stato di livello 300, 400 e 500 nel report Coverage:

Report di copertura della Google Search Console

Report di copertura della Google Search Console

Quest’area del vostro cruscotto mostra quattro tipi di contenuti del vostro sito:

È possibile trovare pagine con codici di stato HTTP di livello 300-, 400- e 500 sotto le sezioni Excluded, Error o Valid with warnings, a seconda del tipo di codice. Ad esempio, i redirect 301 possono essere elencati sotto Excluded come Page with redirect:

redirect search console

Una pagina con un redirect nel report di copertura di Google Search Console

I codici di stato dei livelli 400 e 500 saranno probabilmente visualizzati sotto la voce Error.

Un altro modo per visualizzare i codici di stato HTTP è quello di utilizzare lo strumento URL Inspection. Se Google non è in grado di indicizzare una pagina specifica per via di un errore, lo vedrete qui:

search console 404

Un errore 404 nello strumento di controllo dell’URL della Google Search Console

Per altri suggerimenti sull’utilizzo di Google Search Console, consultate la nostra guida completa alla piattaforma.

Guida Completa ed Elenco di Codici di Stato HTTP

Anche se ci sono più di 40 diversi codici di stato del server, probabilmente ne incontrerete di norma meno di una dozzina. Di seguito, descriviamo i più comuni, oltre ad alcuni dei codici più oscuri che si possono incontrare.

Un codice di stato HTTP vi confonde? I nostri esperti WordPress sono a vostra disposizione. Provate Kinsta gratuitamente.

Codici di Stato 100

Un codice di stato di livello 100 vi dice che la richiesta che avete fatto al server è ancora in corso per qualche motivo. Non è necessariamente un problema, sono solo informazioni extra per farvi sapere cosa sta succedendo.

Codici di Stato 200

Questo è il miglior tipo di codice di stato HTTP che possiate ricevere. Una risposta di livello 200 significa che tutto funziona esattamente come dovrebbe.

Codici di Stato 300

Il reindirizzamento è la procedura utilizzata per comunicare che una risorsa è stata spostata in una nuova location. Ci sono diversi codici di stato HTTP che accompagnano i redirect, al fine di fornire ai visitatori informazioni su dove trovare il contenuto che stanno cercando.

400 Codici di stato

A livello 400, i codici di stato HTTP iniziano a diventare problematici. Si tratta di codici di errore che specificano che c’è un errore nel browser e/o nella richiesta.

Errore Nginx 401 authorization required in Chrome

Errore Nginx 401 authorization required in Chrome

Codice di stato 418

Codice di stato 418 “I’m a teapot”

429 too many requests

429 too many requests

Un codice di stato HTTP vi confonde? I nostri esperti WordPress sono a vostra disposizione. Provate Kinsta gratuitamente.

Codici di Stato 500

Anche i codici di stato di livello 500 sono considerati errori. Tuttavia, questi codici indicano che il problema è dalla parte del server. Questo può renderli più difficili da rimuovere.

error establishing a database connection

Error establishing a database connection

Dove Imparare di Più Sui Codici di Stato HTTP

Oltre ai codici di stato HTTP di cui abbiamo parlato in questo elenco, ce ne sono altri più oscuri cui potreste essere interessati. Ci sono diverse risorse che potete consultare per questi codici più rari, tra cui:

Conoscere questi codici di stato può aiutarvi a risolvere alcuni problemi particolari che potrebbero presentarsi durante la gestione del vostro sito web, o anche quando li incontrate su altri siti.

All'inizio possono apparire complicati, ma i codici di stato HTTP sono importanti per capire cosa sta succedendo sul tuo sito. Ecco un elenco completo di codici che dovresti conoscere! 📟🌐Click to Tweet

Riepilogo

Anche se possono sembrare all’apparenza complessi e intimidatori, i codici di stato HTTP sono in realtà molto informativi. Imparando il significato dei più comuni, potrete risolvere più rapidamente i problemi che si verificano sul vostro sito.

In questo post abbiamo definito oltre 40 codici di stato HTTP in cui potreste imbattervi. Dai più semplici codici di livello 100 e 200 ai più complessi errori di livello 400 e 500, interpretare questi messaggi è fondamentale per mantenere il vostro sito web e essere certi che sia accessibile agli utenti.


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24×7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani