Una delle più efficaci implementazioni dell’esperienza utente che potete fare se possedete un server è il pannello di controllo. Per anni, cPanel ha dominato il settore e molti proprietari di server e web host lo usano come standard. Detto questo, è vero anche che, per diverse ragioni, molte persone stanno cercando alternative a cPanel.

Scegliere il giusto pannello di controllo è essenziale. Dopo tutto, è qui che i vostri utenti gestiranno tutto ciò che riguarda i loro account e siti. Deve essere intuitivo, utilizzabile e flessibile. Per alcuni utenti, cPanel non rispetta alcuni di questi requisiti e il suo prezzo crescente è uno dei fattori più recenti.

In questa carrellata, esploreremo varie alternative a cPanel e vedremo cosa le rende così grandi. Prima, però, vediamo in dettaglio perché potrebbe servirvi un’alternativa.

Perché Trovare un’Alternativa a cPanel

Per i non addetti ai lavori, cPanel è un “pannello web” di base per molti server. Se non sapete esattamente a cosa si riferisce questo termine, un “pannello web” è il cruscotto che usate quando avete bisogno di accedere al vostro account di hosting o al server del vostro sito.

In poche parole, cPanel è la scelta migliore per questo compito.

Il logo di cPanel

Il logo di cPanel.

A seconda di come l’avete impostato, potete fare diverse cose attraverso il cPanel:

Ma ci sono molte altre caratteristiche a cui non possiamo rendere giustizia qui.

Infatti, 1 sito web su 8 usa cPanel, anche se questo numero è in calo. E per quanto riguarda il perché, c’è una grande ragione: il prezzo.

I livelli di prezzo originali avevano una struttura semplice, ma nel 2019 cPanel ha scelto di aumentare i prezzi con pochi mesi di preavviso. Per il prezzo mensile, l’aumento è nominale, anche se la differenza più significativa è il limite dell’account per ogni livello.

In breve, con le revisioni del 2019, si paga un prezzo fisso fino a 100 account cPanel, poi 0,20 dollari per ogni account aggiuntivo. Questo limite è un problema per molti utenti.

Con i prezzi precedenti, paghereste circa 200-500 dollari all’anno a un prezzo fisso. Con i prezzi del 2019, un cliente che ha bisogno di 1.000 account cPanel pagherebbe circa 225 dollari al mese.

Tuttavia, questa non è la fine della storia. Nel 2021, cPanel ha aumentato i prezzi di un 8% sui piani di livello superiore e di un enorme 50% sulla tariffa per i multiaccount. Ciò significa che lo stesso cliente che ha bisogno di 1.000 account cPanel pagherebbe circa 318 dollari al mese.

In poche parole, cPanel era conveniente ma non lo è più per molti utenti. E forse anche voi siete tra quelli che cercano un’alternativa a cPanel.

Per anni, cPanel è stato il pannello di controllo più utilizzato... ma sono entrate in scena nuove soluzioni che potrebbero dargli filo da torcere 👀 Scoprile tutte qui 👇Click to Tweet

Le Migliori 11 Alternative a cPanel per Gestire i Siti Web

Nelle seguenti sezioni, presentiamo la nostra opinione su 11 grandi alternative a cPanel e vi daremo le informazioni su come si comportano rispetto al loro concorrente più famoso.

Iniziamo con la soluzione integrata di Kinsta!

1. MyKinsta

MyKinsta è un punto fermo della piattaforma Kinsta, un pannello di hosting costruito su misura per gestire i vostri siti web e il vostro account.

Il cruscotto di MyKinsta

Il cruscotto di MyKinsta.

Potete gestire tutti i vostri siti alimentati da Kinsta da questa posizione centrale, ed è specifico per WordPress. È anche ricco di informazioni e vi offre pannelli dedicati ai seguenti aspetti:

Anche se le immagini non sono l’unico aspetto da considerare, aiutano l’esperienza utente. Il backend di MyKinsta ha un layout economico, con un facile accesso a tutte le schermate più rilevanti di cui avete bisogno.

La schermata Siti di MyKinsta

La schermata Siti di MyKinsta.

Tutto questo fa sì che MyKinsta si distingua come alternativa a cPanel. Inoltre, il pannello di controllo è costruito su misura per fornire l’esperienza più ottimale quando si usa Kinsta. L’approccio mirato e la UX di MyKinsta potrebbero accentuare i limiti di cPanel in queste aree.

Per usare MyKinsta, dovete essere cliente di Kinsta. Tuttavia, il cruscotto non ha un prezzo extra ed è incluso in tutti i piani Kinsta.

2. Froxlor

Se vi piace l’approccio open-source di WordPress e volete mantenere questa linea con il vostro pannello di controllo di hosting, Froxlor è un’eccellente opzione come alternativa al cPanel.

L'interfaccia di Froxlor

L’interfaccia di Froxlor.

Ha una licenza GPL, il che significa che si scarica gratis e si può usare su tutti i domini di cui avete bisogno. Potete anche personalizzare l’interfaccia, il che significa che potreste inventarvi un tema tutto vostro da offrire agli utenti.

Froxlor offre tutte le caratteristiche che vi aspettereste da un popolare pannello di controllo:

C’è anche un’ampia interfaccia di programmazione delle applicazioni (API). Questa API vi permette di accedere a Froxlor ed espandere la portata di ciò che potete fare con la piattaforma.

Vista la sua gratuità, Froxlor batte cPanel in tutto e per tutto. Tuttavia, il set di funzioni è più limitato, quindi da questo punto di vista cPanel ha probabilmente la meglio. Tuttavia, Froxlor è ottimo e rappresenta una solida alternativa a cPanel date le circostanze.

3. Webmin

Webmin è un’altra alternativa a cPanel con licenza open-source, questa volta con una licenza Berkeley Software Distribution (BSD). È più focalizzato sulle distribuzioni Linux, anche se è disponibile una versione per Windows.

L'interfaccia di Webmin

L’interfaccia di Webmin.

Ci sono anche alcune distribuzioni di pacchetti, quindi potrete installare il pannello di controllo indipendentemente dalla vostra specifica configurazione e dalle vostre preferenze.

L’idea alla base di Webmin è che ci sia un pannello di controllo completo che potete arricchire con moduli di terze parti (con le giuste competenze). In superficie, questo ricorda WordPress, quindi dovrebbe soddisfare coloro che hanno esigenze personalizzate e un occhio per lo sviluppo.

Esistono molti moduli confezionati con Webmin che coprono tutte le funzionalità essenziali di cui avete bisogno e alcuni a cui potreste non aver pensato (come la masterizzazione di CD).

Come anche Froxlor, Webmin sarà adatto ai server dove domina lo stack open-source. Tuttavia, vista la modularità di Webmin, potrebbe essere l’alternativa gratuita di cPanel ideale per molti utenti.

4. Control Web Panel

Il vecchio CentOS Web Panel ha un nuovo nome — Control Web Panel (CWP) — dopo che la distribuzione CentOS Linux è stata interrotta. Naturalmente, si tratta ancora di un pannello di controllo solo per Linux e raccomanda le distribuzioni CloudLinux e RedHat.

L'interfaccia del Control Web Panel

L’interfaccia del Control Web Panel.

Scoprirete che ci sono molte opzioni di server web, come Apache, Nginx, Varnish, LiteSpeed e molti altri. Questo dà a CWP flessibilità e una base negli standard dei server moderni.

Secondo la nostra opinione, CWP è uno strumento potente per chi si occupa di sysadmin. Avete a disposizione un sistema di log ampio e completo, molti strumenti di monitoraggio che vi aiutano a tenere sotto controllo l’attività del server e molto altro.

Nel complesso, CWP sembra più potente di cPanel, anche se non è così adattabile alla vostra configurazione specifica.

CWP nella sua versione gratuita è un prodotto completo, ma potete anche scegliere la sua edizione premium. È abbastanza conveniente, sia con che senza addon di supporto. Il prezzo sarà un tema ricorrente in questo articolo, ed è uno dei punti più deboli di cPanel.

5. ISPConfig

Potete aggiungere ISPConfig alla lista delle alternative open-source di cPanel sul mercato. Ha un pannello di controllo semplice ed è, secondo certi aspetti, migliore rispetto a cPanel.

L'interfaccia di ISPConfig

L’interfaccia di ISPConfig.

Potete scegliere tra i server web Apache e Nginx e gestire più server dallo stesso pannello di controllo. Inoltre, potete impostare la virtualizzazione, le configurazioni mirror e gestire i server Domain Name System (DNS) usando un paio di strumenti diversi.

L’elenco completo delle funzioni è esteso, il che è una buona notizia per gli aspiranti nuovi utenti. Se date un’occhiata all’intera lista, noterete anche qualche novità in preparazione per il futuro, come per esempio il DNSSEC, un modo più moderno per proteggere i dati attraverso le reti.

Come alternativa a cPanel, con ISPConfig scambierete il prezzo con le funzionalità. È gratuito, il che è fantastico visto quello include, ma non è così attrezzato. Se avete solo pochi siti non noterete la differenza e potreste anche dimenticarvi del cPanel dopo un po’.

6. Ajenti

Ajenti è una popolare alternativa a cPanel che esegue JavaScript (o varianti) sul front-end e Python sul back-end. Come tale, questo pannello di controllo è proprio come le sue lingue principali: ha le “batterie incluse”. In breve, significa che avrete un semplice accesso a diversi moduli aggiuntivi per personalizzare la vostra esperienza con il pannello di controllo.

Il sito web di Ajenti

Il sito web di Ajenti.

Include molte funzionalità che vi aiutano a gestire i server, come un file manager. Ci sono molte altre soluzioni che includono lo stesso, ma Ajenti fa un passo avanti per fornire l’accesso alla riga di comando e la modifica del testo dall’interno della piattaforma.

Ajenti è una soluzione open-source con licenza MIT, il che significa che non riceverete lo stesso supporto di prodotti più commerciali. Significa anche che dovete essere a vostro agio nella gestione dei server perché l’assistenza non sarà disponibile molto facilmente.

Tuttavia, data la natura modulare di Ajenti, la sua eccellente documentazione e il codice sottostante, la piattaforma comprende molti vantaggi. Potete anche creare interfacce web personalizzate usando il framework Ajenti Core.

Se ne avete il tempo e le capacità, Ajenti potrebbe fare al caso vostro, specialmente perché non vi costa nulla installarlo e usarlo.

7. DirectAdmin

Facciamo una pausa dalle soluzioni open source per conoscere una soluzione commerciale ben attrezzata: DirectAdmin.

L'interfaccia di DirectAdmin

L’interfaccia di DirectAdmin.

Vi dà quasi tutte le caratteristiche essenziali di cui avete bisogno per gestire i vostri server, come l’amministrazione DNS e la gestione degli IP. DirectAdmin supporta anche il clustering DNS per aiutare le macchine a trasferire i dati e include la protezione dei domini duplicati.

Molte caratteristiche aggiuntive danno a DirectAdmin il vantaggio rispetto ad altre soluzioni. Per esempio, gli account possono usare l’autenticazione a due fattori (2FA), c’è la funzionalità di recupero automatico dei crash e avrete accesso a grandi opzioni di supporto.

Gli utenti ottengono un sistema di supporto integrato di ticketing, lo strumento Site-Helper e il sito. Sono una guida completa a tutto ciò che DirectAdmin offre.

Non ne puoi più di un supporto di hosting WordPress di livello 1 che non ti dà risposte? Prova il nostro team di supporto di prima classe! Dai un’occhiata ai nostri piani.

Anche quando pagate il prezzo massimo di 29 dollari al mese, DirectAdmin rappresenta un buon valore. Combinata con il suo robusto set di caratteristiche, la soluzione vi offre molti aspetti apprezzabili.

8. Virtualmin

Se qualcosa vi torna familiare leggendo questo nome, non è strano: Virtualmin si basa su Webmin ed è pubblicato con la GPL.

La pagina iniziale di Virtualmin

La pagina iniziale di Virtualmin.

Il cruscotto sembra pulito, anche se avete la possibilità di personalizzarlo come volete. Tuttavia, potreste non volerlo fare una volta che iniziate a usarlo. Trovate quasi tutte le opzioni dal menu di sinistra e vi basterà un’occhiata per capire che è un solido strumento di sysadmin.

Potete gestire gli account di dominio (qui chiamati “server virtuali”, il che può generare confusione) delegando l’amministrazione agli utenti. Inoltre, ci sono molti modi per gestire gli account per utente.

Virtualmin usa i repository dei pacchetti standard del sistema in modo da poter automatizzare gli aggiornamenti velocemente. È bello che possiate scegliere tra la linea di comando e l’interfaccia.

Potete anche estendere Virtualmin usando diverse applicazioni e script per circa 100 prodotti diversi. Detto questo, l’integrazione con il cloud è già inclusa in modo da poter impostare il cloud storage con Amazon S3, Dropbox, Google Cloud, Rackspace e altro.

Ci sono due versioni di Virtualmin: la versione gratuita GPL e una versione professionale. Il prezzo non è ben documentato sulla homepage ma si aggira intorno ai 20-25 dollari al mese, che è ragionevole.

9. InterWorx

InterWorx è un’impresa commerciale che si presenta in due parti. Combinate, vi offrono una potente alternativa cPanel all-in-one che presenta molte possibilità e scalabilità.

Il sito web di InterWorx

Il sito web di InterWorx.

Le due parti coprono il lato server e il lato client. NodeWorx è lo strumento di gestione del server e vi dà quasi tutte le caratteristiche di cui avete bisogno. Ci sono anche molti strumenti di controllo del server, come la gestione delle regole del firewall, la gestione del database, la protezione dai virus e altro.

Al contrario, SiteWorx è un pannello di controllo utente che vi permette di configurare i domini, visualizzare le statistiche, installare varie applicazioni, software e altro.

InterWorx comprende entrambi questi servizi combinati.

Se state cercando un’alternativa a cPanel che vi permetta di creare più account di amministrazione e utente e di sfruttare la tecnologia di clustering, InterWorx va messo in lista. Anche il prezzo è allettante.

Ci piace il loro modello semplice. Per una singola licenza VPS, pagate 7,50 dollari al mese. Questo vi permette di ospitare un numero quasi illimitato di domini, ma potete anche optare per una singola licenza server per 20 dollari al mese. Dovrete contattare InterWorx per il prezzo esatto delle licenze multiple, ma pare che si possa arrivare a pagare 5 dollari al mese per 500 o più licenze.

10. VestaCP

L’obiettivo principale di VestaCP è la semplicità. Potete capirlo dal momento in cui navigate sul sito web e compare il tema del software del pannello di controllo.

L'interfaccia di VestaCP

L’interfaccia di VestaCP.

L’interfaccia web è leggera e funziona su JavaScript e PHP. Il set di funzioni non spicca rispetto ad altre alternative di cPanel e non ci sono sorprese. Tuttavia, questo non è l’obiettivo del pannello di controllo, che invece si concentra su velocità ed efficienza.

Anche se questo potrebbe sembrare uno svantaggio, è un punto a favore di VestaCP perché gli strumenti e le funzionalità vi saranno familiari. Per esempio, ci sono API per le distribuzioni Ubuntu, Debian e CentOS e potete utilizzare MySQL o PostgreSQL (anche con una scelta rispettiva di phpMyAdmin o phpPgAdmin).

Tutto questo fa di VestaCP un pannello di controllo con cui potete sentirvi a vostro agio fin dall’inizio. Questo è positivo, specialmente se siete utenti di cPanel di vecchia data, visto che cambiare spesso implica una ripida curva di apprendimento.

Come ogni altra soluzione GPL su questa lista, VestaCP è gratuito. Tuttavia, un plugin premium può aiutarvi a limitare gli utenti alle loro home directory e disabilitare SSH. Si tratta di una funzione opzionale, quindi non avete nulla da pagare per il pannello di controllo.

11. aaPanel

La nostra ultima proposta alternativa a cPanel è popolare in Asia e merita di trovare la sua strada sui server occidentali. Come altre soluzioni gratuite e open-source, aaPanel include molte caratteristiche che saranno ottime per reti di pochi server.

Il sito web di aaPanel

Il sito web di aaPanel.

Le caratteristiche sono standard su tutta la linea, anche se ci sono molti ambienti tra cui scegliere. Non siete nemmeno limitati ad Apache e Nginx, perché è supportato anche OpenLiteSpeed. Mentre il supporto a MySQL è scontato, anche MongoDB fa la sua comparsa per coloro che sono interessati alle soluzioni NoSQL.

C’è un plugin aaPanel dedicato disponibile che implementa gestori di progetti Java e Python, un gestore PostgreSQL, gestori DNS e molto altro. Anche il cloud storage utilizza un plugin e, una volta attivato, potete scegliere Amazon S3, Google Cloud e altri.

Ci piace anche il fatto che ci siano implementazioni in un solo clic per alcune applicazioni popolari. WordPress è nel mix, naturalmente, ma potete anche distribuire applicazioni Joomla, Drupal, Laravel e Roundcube.

Come per altre alternative open-source di cPanel, aaPanel si scarica e si usa gratuitamente. Per questo offre molto e potrebbe diventare il vostro pannello di controllo preferito, indipendentemente dalla vostra posizione.

Una delle scelte importanti per la UX da fare se possiedi un server è il pannello di controllo. Dai un'occhiata a questo elenco di alternative a cPanel per scoprire il più adatto a te ✅Click to Tweet

Riepilogo

Non c’è motivo di criticare le caratteristiche e le funzionalità di cPanel. Dopo tutto, è un pilastro tra i pannelli di controllo di web hosting e ha un sacco di clienti. Tuttavia, i recenti cambiamenti di prezzo hanno dato agli utenti una ragione per guardare altrove. Se non altro, i nuovi prezzi amplificano gli aspetti negativi di cPanel.

Abbiamo esplorato 11 alternative a cPanel e abbiamo discusso perché sono su questa lista. Anche se cPanel è ancora ampiamente utilizzato, la maggior parte delle aziende oggi sceglie altre soluzioni.

Nel 2021, le aziende hanno bisogno di un cruscotto potente ma facile da usare per gestire i loro siti web. Ed è qui che entra in gioco MyKinsta. Provate la sua demo gratuita e guardate voi stessi.

Preferite un pannello di controllo alternativo che non si trova in questa lista? O siete ancora fedeli a cPanel? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto!


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 28 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.