Sapete che il momento migliore per piantare un albero era vent’anni fa e il secondo momento migliore è adesso?

È lo stesso con l’email marketing. Il momento migliore per iniziare a costruire la vostra lista è stato quando avete avuto l’idea della vostra attività. Il secondo miglior momento è adesso. Infatti, nel 2017, DMA ha scoperto che il ritorno medio per ogni £1 (~$1,28) spesa per l’email marketing era £32,28 (~$41,28), che è un incredibile ritorno sull’investimento.

Ma è più facile a dirsi che a farsi. Il numero di soluzioni di software di email marketing disponibili può farvi girare la testa. Quale dovreste scegliere?

Oggi vedremo come utilizzare Mailchimp, uno dei più popolari strumenti di email marketing in circolazione, e vi mostreremo come utilizzarlo per iniziare a costruire la vostra mailing list oggi stesso.

come usare Mailchimp come strumento di email marketing
Mailchimp strumento di email marketing

Cos’è Mailchimp?

Mailchimp è un’azienda di email marketing fondata nel 2001 da Ben Chestnut e Dan Kurzius.

Inizialmente, si trattava solo di un progetto parallelo destinato ad aiutare i clienti dell’agenzia di web design di Ben e Dan a creare elenchi di email, ed è rimasto tale per i primi sei anni della sua esistenza, apportando appena poche migliaia di dollari al mese.

Mailchimp originale

Mailchimp originale (origine immagine: Sumo)

Tuttavia, nel 2007 Ben e Dan si sono resi conto che i loro cuori non erano più nel business delle agenzie di web design e hanno deciso di concentrarsi su Mailchimp a tempo pieno.

(lettura suggerita: Una Guida Per Avviare e Gestire un’Agenzia WordPress di Successo).

Non hanno chiesto alcun finanziamento esterno e hanno finanziato la crescita del business reinvestendo i profitti.

Da allora, Mailchimp è diventato uno dei software di email marketing più popolari e conosciuti in circolazione, con cambiamenti recenti che lo stanno trasformando in una piattaforma di marketing a tutti gli effetti.

Secondo Forbes, nel 2018 aveva 20 milioni di utenti, generava oltre 600 milioni di dollari di entrate, e aveva un valore di 4,2 miliardi di dollari.

I cofondatori rimangono impegnati nel business e non hanno intenzione di vendere:

“Diventare pubblico? Non ne vale la pena! “Dice Chestnut. Vendere? I fondatori sembrano increduli.
“Fino ad oggi, c’è stata solo la bella sensazione di poter essere di aiuto”, spiega Kurzius. Chestnut ribatte: “Voglio che la gente veda che gli ultimi 17 anni sono stati solo il riscaldamento”.

Pro e Contro di Mailchimp

Qual è il miglior software di email marketing sul mercato oggi?

È impossibile rispondere a questa domanda. Tutto dipende dalle esigenze della vostra azienda. Quindi quello in realtà dovreste chiedervi è: “Quale software di email marketing è il migliore per me?”

MailChimp, proprio come qualsiasi altro strumento, ha i suoi pro e contro e funziona meglio per alcuni e meno per altri. Se siete curiosi, noi di Kinsta utilizziamo e apprezziamo moltissimo Mailchimp.

Pro di Mailchimp

Azienda Affermata e Fondatori Appassionati

Andare con una startup alle prime armi è sempre un rischio perché potrebbe piegarsi in qualsiasi momento.

C’è qualcosa chiamato Lindy Effect. È una teoria che dice che l’aspettativa di vita futura di una cosa non deperibile è proporzionale alla sua età attuale. Così, ad esempio, se un’azienda è in affari da un anno, potete aspettarvi che sia in attività per un altro anno, ma se un’azienda è in attività da 18 anni, come Mailchimp, potete aspettarvi che rimanga in affari per altri 18 anni.

Questa è una considerazione importante perché un fornitore di software di email marketing che chiude potrebbe rovinare le vostre azioni di email marketing, cosa che potrebbe costarvi un sacco di soldi in entrate perse.

Facile da Usare, Ha Tutte le Funzionalità Necessarie, È Affidabile

18 anni di attività significa anche che Mailchimp offre un prodotto raffinato.

Certo, il software è sempre un work in progress, ma hanno avuto il tempo di elaborare l’interfaccia utente (anche se alcuni potrebbero sostenere che c’è molto spazio di miglioramento, dato che imparare a usare Mailchimp può richiedere un certo sforzo), aggiungere le funzionalità necessarie e garantire la consegna.

Gratuito per iniziare

Se siete appena agli inizi, è probabile che i soldi siano già pochi e potrebbe sembrare ridicolo pagare più di $30 di canone mensile per inviare email ai vostri tre abbonati.

Tuttavia, con MailChimp, non dovete pagare nulla finché non raggiungete 2.000 iscritti alle email. A quel punto probabilmente state ricavando abbastanza dalla vostra lista per giustificare le spese di upgradse ad un piano premium.

I prezzi di Mailchimp

I prezzi di Mailchimp

Contro di Mailchimp

È un Software di Email Marketing Generico

Il pubblico di destinazione di Mailchimp sembra essere chiunque e chiunque voglia creare una mailing list.

E stanno facendo molto bene tutto il casting di una vasta rete. Non importa se siete hobbisti, creatori online o imprenditori di ecommerce, Mailchimp vi copre su tutto.

Tuttavia, servire un pubblico così vasto significa che, sebbene sia una soluzione accettabile, non è necessariamente la soluzione migliore per la vostra nicchia di mercato.

Ad esempio, se siete hobbisti che hanno bisogno solo della più semplice funzionalità di email marketing, MoonMail potrebbe essere una soluzione migliore.

MoonMail

MoonMail

Se siete creatori online, ConvertKit è stato creato pensando per voi, e la loro mission è aiutare i creativi a guadagnarsi da vivere online.

ConvertKit

ConvertKit

E se avete un’attività di ecommerce, allora potreste dare un’occhiata a SmartrMail o a Drip:

SmartrMail

SmartrMail

Quindi è necessario vedere se ha senso per voi scegliere Mailchimp quando sono disponibili opzioni di nicchia.

Sebbene Possiate Iniziare Gratuitamente con Mailchimp, Può Diventare Costoso Man Mano che la Vostra Lista Cresce

Mailchimp è gratuito fino a 2000 abbonati, ma poi quanto costa?

Potete utilizzare il calcolatore dei costi nella pagina dei prezzi di Mailchimp per calcolare quanto dovreste spendere una volta raggiunto un numero specifico di abbonati.

Calcolatore prezzi di Mailchimp

Calcolatore prezzi di Mailchimp

Mailchimp ha ricevuto delle critiche sui prezzi che alcuni considerano ingiustificati.

Ad esempio, la star del bootstrap Pieter Levels nel 2017 è passato da Mailchimp a SendGrind:

La sua motivazione principale era che Mailchimp gli addebitava $250 al mese, cosa che lui ha definito “predatoria”:

Tuttavia, per essere onesti su Mailchimp, i loro prezzi non sono così scandalosi rispetto ad alcuni dei loro concorrenti, ma è sempre qualcosa da tenere a mente se il prezzo per voi è un problema.

Domanda Scottante: Dovreste Usare Mailchimp?

Dipende.

Se avete un’attività consolidata e avete denaro da investire nell’email marketing, allora probabilmente ha più senso optare per una delle soluzioni di nicchia presenti nel mercato.

Tuttavia, se siete appena agli inizi, Mailchimp è l’opzione più economica (almeno nel breve periodo) ed è un ottimo modo per imparare le basi dell’email marketing.

Inoltre, la realtà è che avreste dovuto avviare una mailing list nel momento in cui avete avuto la vostra idea imprenditoriale e ora siete in ritardo rispetto al programma.

Quindi, se vi trovi bloccati nella paralisi dell’analisi, confrontando all’infinito varie soluzioni senza mai sceglierne una, allora potrebbe essere meglio scegliere Mailchimp.

È sempre possibile passare ad un altro fornitore di software di email marketing in un secondo momento (cambiare dà dei gran mal di testa, ma è comunque fattibile).

Ciò che conta ora è che iniziate a costruire la vostra lista di email.

Il momento migliore per iniziare a costruire la vostra mailing list è stato il momento in cui avete lanciato la vostra attività. Il secondo momento migliore è adesso. 😉 Click to Tweet

Iniziare con Mailchimp

Come vedrete in questo tutorial, iniziare a lavorare con Mailchimp è facile.

Passo 1

Andate al sito web di Mailchimp e fate clic sul pulsante “Sign Up for Free” nell’angolo in alto a destra.

Verrete indirizzati a un modulo di registrazione che richiede la vostra email, nome utente e password.

Registrazione a MailChimp

Registrazione a MailChimp

Passo 2

Dopo aver trasmesso le informazioni richieste, riceverete un’email da Mailchimp che vi chiede di attivare il vostro account facendo clic sul pulsante “Activate Account”.

Passo 3

Quindi dovrete confermare di essere umani facendo clic sul pulsante “I’m Not a Robot”.

Passo 4

Verrete quindi sottoposti ad una serie di schermate di configurazione che vi chiedono altre informazioni (nome, dettagli aziendali, indirizzo fisico, ecc.).

Info registrazione Mailchimp

Info registrazione Mailchimp

C’è anche un quiz “Let’s Find Your Marketing Path” che fornisce a Mailchimp le informazioni di cui ha bisogno per formulare in futuro suggerimenti di marketing.

Una volta che avete finito con tutto questo, continuerete la procedura di onboarding progettando la vostra prima email.

Progettare la prima email in Mailchimp

Progettare la prima email in Mailchimp

Potrete quindi aggiungere contatti importandoli da un file o utilizzando un modulo a comparsa per raccogliere gli iscritti.

Infine, potete inviare la vostra prima email alle persone che avete appena aggiunto.

Verranno quindi presentati suggerimenti su cosa fare dopo, inclusa la creazione di una landing page, come aumentare il pubblico con Facebook e come impostare di un’email di benvenuto automatica.

Mailchimp ha concluso la registrazione

Mailchimp ha concluso la registrazione

Come potete vedere, le procedura di registrazione e onboarding sono molto semplici, quindi non avete scuse per rinviare ancora la registrazione. Fatelo subito!

Come Utilizzare i Merge Tag

Mailchimp è uno strumento facile da usare, dotato di un’interfaccia utente abbastanza intuitiva. Più lo userete, più acquisirete familiarità.

C’è una cosa fondamentale, però, che dovete imparare fin dall’inizio perché è super importante: come utilizzare i Merge Tags.

I Merge Tag, o tag di unione, sono token dinamici che potete utilizzare quando dovete creare email dall’aspetto più personale. Questi token estraggono i dati dal vostro pubblico e dal vostro account (“audience merge tags” e “system merge tags”).

Ecco qualche rapido esempio:

*|FNAME|* è un tag di unione che rappresenta il nome del destinatario. Quindi, dato che raccogliete i nomi dei vostri iscritti, se iniziate le email con “Hey *|FNAME|*“, tutti riceveranno una bella email con sopra il loro nome. È un bel tocco, non è vero?

Eccone un altro: diciamo che è necessario inviare un’email di conferma a qualcuno, ma prima è necessario verificare che il proprio indirizzo email nei record sia corretto (a proposito, seguite questi consigli se avete bisogno di trovare l’indirizzo email di qualcuno). In questo caso, potreste utilizzare *|EMAIL|* per inserire l’indirizzo email del destinatario nel vostro messaggio. Dovrebbe somigliare a qualcosa di simile a questo:

Esempio di merge tag in Mailchimp

Esempio di merge tag in Mailchimp

Ci sono un sacco di Merge Tags che potete sfruttare, molti dei quali mostreranno tutto il loro potenziale quando andrete a creare serie di risposte automatiche e a segmentare il vostro pubblico.

Configurare la Vostra Serie di Email di Risposta Automatica

Una serie di risposte automatiche di email è una sequenza di email che si attiva automaticamente in base a un insieme di regole e criteri preimpostati.

Alcuni degli utilizzi più comuni delle sequenze automatizzate sono:

  • Email di benvenuto per gli utenti appena iscritti
  • Serie didattiche per far sì che i nuovi utenti apprendano di più sul vostro prodotto/servizio
  • Serie di email di upgrade dei contenuti per gli utenti che hanno richiesto di ricevere un ebook, un cheatsheet o qualsiasi altro omaggio dal vostro sito
  • Risposte automatiche per i potenziali clienti che hanno richiesto un vostro preventivo

L’elenco potrebbe andare avanti per giorni. La cosa importante da comprendere qui è che l’implementazione di una solida automazione delle email può davvero aiutarvi a gestire e migliorare i risultati della vostra attività.

Potete farlo in Mailchimp cliccando sulla scheda “Set up an automated welcome email”.

Qui vi saranno presentate tre opzioni: “Welcome message”, “Onboarding series”, “Education series”.

Autoresponder di Mailchimp

Autoresponder di Mailchimp

Potete iniziare con il messaggio di benvenuto. Dopo aver fatto clic sul pulsante “Begin”, ​​verrete indirizzati a una pagina in cui potrete modificare l’email di benvenuto (incluso ciò che viene visualizzato nel campo “From”, la riga dell’oggetto e il contenuto e il design dell’email). Potete anche inviare un messaggio di prova a voi stessi per essere sicuri che sia esattamente come volete che sia.

Derek Halpern, esperto di marketing online, raccomanda di porre una domanda nell’email di benvenuto: “Con cosa stai combattendo in questo momento?”

Esempio di email di benvenuto di Mailchimp

Esempio di email di benvenuto di Mailchimp (origine immagine: Social Triggers)

“Perché faccio questa domanda? Bene, quando le persone mi dicono con cosa stanno combattendo, la loro risposta mi aiuta a capire quali contenuti posso creare per loro (spesso trasformo questi contenuti in omaggi gratuiti per costruire la mia mailing list)” spiega Derek. “Mi aiuta anche a capire meglio chi è il mio cliente”.

Pensate di fare lo stesso nella vostra email di benvenuto. Non vi costa nulla ma aiuta nelle ricerche di mercato.

Una volta che avete finito con l’email di benvenuto, è il momento di impostare l’onboarding (se il nuovo abbonato è anche un nuovo cliente) o le serie di email educative (se il nuovo abbonato vuole solo saperne di più).

Potete farlo facendo clic sul pulsante “Create” nell’angolo in alto a destra dello schermo, quindi facendo clic sulla scheda “Email”, poi sulla scheda “Automated”, sulla scheda “Welcome new subscribers” e infine su “Onboarding series” oppure “Education series”.

Mailchimp fornisce un template per le serie nel caso in cui siate in difficoltà nel creare una struttura.

Tutto quello che dovete fare è compilare le email del template con i vostri contenuti, aggiungere più email alla serie e configurare i trigger in base a:

  • Tags
  • Subscriber Activity
  • Ecommerce/Purchase activity
  • Date based
  • API call
  • Custom settings
Modelli di email in Mailchimp

Modelli di email in Mailchimp

Le serie di email automatiche sono un elemento essenziale dell’email marketing perché vi permettono di interagire con i vostri abbonati, utenti, lead e costruire con loro una relazione che va col pilota automatico.

Non dimenticate che sarete giudicati in base a queste email, quindi fate uno sforzo per lasciare una buona impressione fornendo il ​​maggior valore possibile.

Portate la Vostra Automazione al Livello Superiore con Segmenti e Trigger

I segmenti sono sottoinsiemi dei vostri contatti che soddisfano uno o più criteri, come dati di pubblico simili, attività di acquisto, stato dell’abbonamento, interessi, attività. Pensate ad un semplice esempio basato sulla cronologia degli acquisti di un cliente:

  • lead = 0 articoli acquistati negli ultimi 30 giorni
  • nuovi clienti = 1 oggetto acquistato negli ultimi 30 giorni
  • Clienti VIP = oltre 2 articoli acquistati negli ultimi 30 giorni
  • clienti inattivi = 1 oggetto acquistato negli ultimi 90 giorni

Con il piano gratuito di Mailchimp potete utilizzare fino a cinque condizioni.

Ora, con la giusta combinazione di serie automatizzate, trigger e segmenti, è il momento di iniziare a pensare a come raccogliere più indirizzi email!

Creare un Modulo Opt-in di Mailchimp

Un modulo opt-in è un modulo che richiede un nome e un indirizzo email (è possibile chiedere alri dati ma non è consigliato) che permette di aggiungere una persona all’elenco di email dopo la trasmissione di tali informazioni (suggerito la lettura: Come Incorporare Google Forms sul Vostro Sito WordPress).

Potete crearne uno con il form builder di Mailchimp.

Fate clic sulla scheda “Audience”, quindi selezionate “Signup Forms” nel menu a discesa nella parte sinistra dello schermo.

Il form builder di Mailchimp

Il form builder di Mailchimp

Ora, il modulo predefinito non è eccezionale e ci sono tre cose da fare immediatamente:

  • Cambiate il titolo predefinito in un titolo incentrato sull’utente che indichi al potenziale abbonato ciò che otterrà se decide di iscriversi.
  • Rimuovete tutti i campi del modulo tranne “Nome” e “Indirizzo email” (sì, ci sono casi in cui potreste aver bisogno di più campi, ma questa è la pratica standard).
  • Cambiate il testo del pulsante predefinito in un testo incentrato sull’utente, che comunichi al potenziale abbonato cosa succederà quando avrà fatto clic (potete farlo facendo clic su “Translate” e modificando il testo nel campo “Subscribe”).
Esempio di form di Mailchimp

Esempio di form di Mailchimp

È quindi possibile utilizzare un collegamento che Mailchimp fornisce per indirizzare le persone al modulo di iscrizione (come questo).

Ora, se volete incorporare un modulo sul vostro sito web, dovete fare clic sulla scheda “Audience”, scegliere “Signup Forms” dal menu a discesa sul lato sinistro, quindi fare clic su “Embedded Forms”.

Form di Mailchimp incorporato

Form di Mailchimp incorporato

Questo è uno step po’ più tecnico perché una volta che avrete finito di modificare il modulo dovrete copiare/incollare il codice sul vostro sito web.

Infine, potete anche creare un modulo di pop-up facendo clic su “Audience” e scegliendo “Signup forms” dal menu a discesa e selezionando il popup “Subscriber”.

Sarete quindi in grado di progettare il modulo e generare il codice che potete copiare/incollare nel vostro sito web.

Progettazione di form in Mailchimp

Progettazione di form in Mailchimp

Ecco la cosa principale che dovete sapere sui moduli opt-in: non siate timidi nell’utilizzarli.

Create un semplice modulo opt-in da collegare immediatamente e iniziare a condividere con le persone che ritenete possano essere interessate ai vostri contenuti, in modo da raccogliere indirizzi email con il pilota automatico e iniziare a creare un elenco di email considerevole.

Inviare Email Broadcast con Mailchimp

Una email broadcast è un’email che si invia in una sola volta (ad esempio, un annuncio sul lancio di una funzionalità).

Potete farlo in Mailchimp facendo clic sul pulsante “Create” nell’angolo in alto a destra dello schermo, quindi sulla scheda “Email”, infine selezionando la scheda “Regular” e facendo clic sul pulsante “Begin”.

Broadcast delle email in Mailchimp

Broadcast delle email in Mailchimp

Quindi, scegliete semplicemente il pubblico a cui desideri inviare questa email, modifica la riga “From”, la riga “Subject” e il corpo dell’email, quindi premete “Send” (o “Schedule” se volete che venga pubblicata successivamente).

Quando arriva il momento della parte del “Content”, vi sarà chiesto di scegliere un layout e un design tra quelli già disponibili, o di caricare quello personale:

Il layout imposterà la struttura di base della vostra email così che possiate presentare i vostri contenuti nel modo che preferite:

I layout delle email in Mailchimp

I layout delle email in Mailchimp

Tutti i layout sono completamente personalizzabili, ed hanno un’interfaccia drag-and-drop che vi consente di spostare gli elementi e posizionarli ovunque preferiate:

L’email builder di Mailchimp

Per coloro che hanno bisogno di iniziare daccapo con temi preimpostati, potete sfogliarli facendo clic sulla scheda “Themes” nella parte superiore:

I temi di Mailchimp

I temi di Mailchimp

La nostra newsletter di Kinsta è stata facilmente realizzata utilizzando la semplice interfaccia drag-and-drop di Mailchimp. Non è stata necessaria alcuna codifica. Date un’occhiata ad alcune delle nostre newsletter.

Il template della newsletter di Kinsta

Il template della newsletter di Kinsta

Ora siete pronti per entrare nel gioco dell’email marketing. È giunto il momento di dare una rapida occhiata a come si comportano le vostre email e imparare a ottenere risultati migliori!

Migliorare il Vostro Email Marketing con i Dati

Mailchimp vi consente di vedere come si comportano le email e le sequenze di email, oltre a darvi i dati relativi alla crescita del vostro pubblico. Questa funzionalità è fondamentale in quanto è davvero necessario capire quali tipi di email vanno meglio di altri, quale è il giorno o l’ora migliore per far uscire comunicazioni, quali sono gli utenti più interessati alla vostra attività e così via.

Per farlo, dopo aver inviato almeno una email ai vostri iscritti, dovreste iniziare a guardare la sezione _Report_ di Mailchimp, che potete trovare in alto:

Report delle campagne di Mailchimp

Report delle campagne di Mailchimp

Qui troverete un grafico panoramico che mostra in che modo la percentuale delle vostre email e la percentuale di clic si comportano rispetto alla media del settore:

Panoramica della dashboard di Mailchimp

Panoramica della dashboard di Mailchimp

Ad essere sinceri, il dato mostrato qui non è il più utile. Se volete davvero andare in profondità e vedere i dati specifici delle email, dovete scorrere un po’ la stessa pagina in cui visualizzerete tutte le campagne email che avete inviato e fare clic sul pulsante “View Report” sulla destra:

Report delle campagne delle email in Mailchimp

Report delle campagne delle email in Mailchimp

Questo vi porterà ai dati specifici della campagna email e vi offrirà una visione più approfondita delle sue prestazioni.

E le vostre sequenze di email automatizzate?

Se avete bisogno di verere come vanno, dovrete andare al menu principale di Mailchimp e fare clic sulla scheda “Campaign”:

Report delle campagne automatiche delle email

Report delle campagne automatiche delle email

Una volta lì, per visualizzare le vostre campagne attive, dovete fare clic su “Ongoing” nella barra laterale sinistra, quindi passare il mouse su quella che volete controllare per visualizzare il pulsante “Report”, su cui farete clic.

Lo so, non è il percorso UX più fluido, ma vi ci abituerete in poco tempo.

Ora che sapete come creare, configurare e controllare il rendimento delle vostre campagne email in Mailchimp, abbiamo per voi qualche altro suggerimento per aiutarvi a ottenere i risultati migliori!

Bonus: Come Convincere le Persone a Leggere le Vostre Email?

È importante capire che molte persone sono sopraffatte dal numero di email che ricevono, il che significa che dovete guadagnare il vostro posto nella posta in arrivo.

Vedete, non è sufficiente convincere qualcuno a iscriversi alla vostra mailing lista, è necessario quindi costruire una relazione con quella persona, in modo che desideri leggere i vostri messaggi.

Altrimenti, finirete con un sacco di “fantasmi” nella vostra lista di email, che vuol dire persone che sono iscritte ma che non apriranno mai le vostre email.

Ora, la cosa più importante nell’email marketing è fornire valore, perché non è possibile creare un elenco di email di persone coinvolte senza dare valore.

Ogni email che inviate deve in qualche modo migliorare la vita dell’iscritto. Altrimenti, perché dovrebbe aprirle?

Pensate bene a quali problemi hanno le persone della vostra lista e a come potete aiutarli a risolverli. Quindi offrite queste soluzioni nelle vostre email.

(Chiedere “Con cosa stai combattendo adesso?” nella vostra email di benvenuto, come suggeriva Derek Halpern, rende tutto più semplice).

Tuttavia, sebbene il contenuto è il re, conta pure come si presenta che il contenuto.

È inoltre necessario prestare attenzione alle righe dell’oggetto, al copy e alla formattazione.

Righe dell’Oggetto

Sapete che i copywriter sono ossessionati dai titoli? Questo perché il titolo vi permette di catturate l’attenzione di qualcuno. Scrivetelo confuso e nessuno leggerà il contenuto.

Bene, è lo stesso con le righe degli oggetti: se non riuscite a catturare l’attenzione dell’iscritto, la vostra email semplicemente si perde nella loro casella di posta, nel mare di altre email.

Quello che dovreste fare è pensare con attenzione alle righe dei vostri oggetti, e pensare a come potete essere sicuri che la vostra email spicchi tra decine di altre email in una casella di posta affollata.

Copy

Nel mondo del copywriting, “Copy” si riferisce a un testo che è pensato per vendere, sia che si tratti di un annuncio, di una email, di una descrizione di prodotto o di qualsiasi altra cosa.

Quello che dovete tenere a mente quando scrivete la vostra email è che non è solo un testo, è un copy, perché state cercando di convincere i vostri iscritti a fare qualcosa (anche se è solo leggere la vostra prossima email).

Quindi, studiate copywriting. Imparate come attirare le persone, raccontare una storia e legala al messaggio che volete trasmettere. Non andrete da nessuna parte se le vostre email sono noiose.

Formattazione

Diciamo le cose come stanno: leggere su uno schermo è fastidioso.

Quindi non rendetelo ancora più fastidioso inviando ai vostri iscritti muri di testo (suggerimento: nessuno li leggerà).

Rendete le vostre email facili per gli occhi, usando spazi bianchi, testo in grassetto e punti elenco per spezzare il testo.

Non deve essere elegante. Deve solo essere leggibile.

Per esempio, date un’occhiata a questa email di 5-Bullet Friday di Tim Ferriss:

Esempio di formattazione dell'email di 5-Bullet Friday

Esempio di formattazione dell’email di 5-Bullet Friday (origine immagine: Tim Ferriss)

Vedete come lo spazio bianco, il testo in grassetto e i collegamenti rendono l’email facile da leggere (però il mostruoso paragrafo acetil-L-carnitina apparirebbe migliore se fosse spezzato in alcuni paragrafi più brevi)?

Dovreste cercare di dare un aspetto simile alle vostre email.

Infine, assicuratevi che ogni email presenti un chiaro invito all’azione, nel senso di dire alla gente cosa volete che facciano. Rispondere ad una domanda? Cliccare su un link? Partecipare a un sondaggio? Qualunque cosa sia, chiaritela e chiedete loro di farla.

Tenete la Lista Pulita

Qualunque cosa facciate, anche se siete il miglior copywriter al mondo, avrete sempre qualche “fantasma” nella vostra lista.

Di nuovo, per “fantasma” intendo le persone che sono iscritte alla vostra mailing list ma non aprono mai le vostre email.

Pensa alla vostra casella di posta. Avete mai ricevuto un’email da qualcuno a cui siete iscritti, decidete che non siete abbastanza interessati a leggerla e semplicemente la archiviate senza aprirlo? Bene, congratulazioni, anche voi siete un fantasma. Lo siamo tutti.

Razionalmente, questo comportamento non ha molto senso, perché l’annullamento dell’iscrizione da un elenco richiede meno di un minuto. Allora, perché rimanere e continuare ad archiviare le email? Perché in qualche modo fare così sembra più facile che passare attraverso la “seccatura” della cancellazione dell’iscrizione.

Ora, quando siete proprietari di una mailing list, diventa subito chiaro che con i fantasmi ci sono tre problemi:

  • Alimentano la vostra vanità. Di’, avete una lista di 100.000 abbonati, e questo è abbastanza impressionante. Ma quale percentuale sono fantasmi? È facile illudersi pensando che state facendo molto meglio di quanto non sia in realtà se permettete che si accumulino iscritti inattivi.
  • Distorcono le statistiche Quando gli iscritti inattivi costituiscono una parte significativa del vostro elenco di email, questi influenzano le statistiche come i tassi di apertura e le percentuali di clic. Mentre vi fanno sopravvalutare la dimensione della vostra mailing list, vi fanno anche sottostimare il coinvolgimento, perché spingono verso il basso i numeri relativi all’interesse del pubblico. Quindi potreste guardare i vostri tassi di apertura, vedere che sono al di sotto della media e pensare che ci sia qualcosa di sbagliato nelle vostre righe degli oggetti, quando in realtà avete semplicemente un gruppo di persone nella vostra lista che non aprono mai le vostre email.
  • Vi costano soldi. Se utilizzate Mailchimp, allora pagate un canone mensile di abbonamento in base al numero di iscritti. I fantasmi non sono un problema quando si dispone di una piccola lista, ma man mano che cresce, tutti gli iscritti inattivi iniziano a sommarsi e potrebbero costare centinaia di dollari al mese.

Ad esempio, Noah Kagan, fondatore di AppSumo e Sumo, non era contento del suo conto di Mailchimp da 700 dollari ed ha iniziato a cercare il modo di ridurlo.

Il conto di Mailchimp

Il conto di Mailchimp (origine immagine: Noah Kagan)

Riuscì a ridurlo del 47% (fino a 375 dollari al mese) semplicemente rimuovendo gli abbonati inattivi (che definiva come persone che non hanno interagito con nessuna delle sue email negli ultimi tre mesi).

“Come molti imprenditori, ci piace vantarci delle dimensioni della nostra mailing list” ammette Noah.

Tuttavia, ha comunque preso la decisione di ripulire la propria mailing list principale, in seguito alla quale è passato da oltre 105.000 abbonati a 72.000+.

“Il vostro ego sarà ferito (…)” dice Noah. “Ma alla fine della giornata, preoccupatevi dei risultati, non della vanità.”

Quindi non esitate a fare lo stesso. È possibile inviare una sequenza di tre email ai propri iscritti inattivi dicendo loro che la loro iscrizione sarà annullata se non confermano di voler continuare a ricevere le proprie email (fornite un collegamento su cui farle cliccare). Quindi, annullate l’iscrizione a tutti coloro che non l’hanno confermata.

In alternativa, potete semplicemente staccare la spina senza preavviso, perché è improbabile che qualcuno che non ha aperto le vostre email negli ultimi tre mesi sia turbato da questo (o l’abbia anche notato).

Potete farlo facendo clic sulla scheda “Audience”, quindi su “View Contacts”, poi su “New Segment”. Selezionate “Campaign activity”, “Did not open” e “All campaigns within the last 3 months” dai menu a discesa.

Mailchimp

Il segmento “Did Not Open” in Mailchimp

Quindi fate clic su “Add” per creare una nuova condizione e scegliete “Campaign activity”, “Was sent” e “Any campaigns within the last 3 months”.

Fate clic su “Preview Segment”, quindi selezionate la casella accanto a ciascun contatto che desiderate rimuovere, fate clic su “Actions” e selezionate “Unsubscribe” dal menu a discesa.

Eliminare la sottoscrizione del pubblico per ripulire la lista in Mailchimp

Eliminare la sottoscrizione del pubblico per ripulire la lista in Mailchimp

Potete anche annullare l’iscrizione degli iscritti inattivi visualizzando il segmento, facendo clic su “Export Segment”, poi su “Export as CVS”.

Quindi fate clic sulla scheda “Audience”, selezionate “Manage contacts” dal menu a discesa, poi clic su “Unsubscribe people”. Aprite il file CVS sul vostro computer, fate copia-incolla degli indirizzi email nel campo di testo “Unsubscribe people” e fate clic su “Unsubscribe”.

In teoria, dovreste farlo ogni tre mesi, in questo modo manterrete il vostro elenco pulito e la fattura di Mailchimp gestibile.

Inoltre, se pulite regolarmente la vostra lista, rimuovere gli abbonati inattivi non farà male quanto farebbe in un caso come quello di Noah, che ha rimosso oltre 30.000 abbonati dalla lista principale.

Cosa più importante, ricordate che è la qualità della lista che conta, non il numero di iscritti. Non lasciare che la vostra vanità interferisca!

Riepilogo

Ricordate che all’inizio di questo articolo ho paragonato una lista di email al piantare un albero?

Bene, il confronto funziona, perché proprio come un albero, una mailing list richiede tempo e attenzione per crescere in qualcosa di grande e potente.

Quindi adattate le vostre aspettative di conseguenza. Tutti vogliono avere una mailing list di 100.000 iscritti. Tuttavia, solo pochi hanno la pazienza di lavorare duramente per ottenere il loro primo, decimo e centesimo iscritto.

Ma, allo stesso modo in cui una ghianda non si trasformerà in una potente quercia durante la notte, la vostra mailing list non passerà da zero a 100.000 iscritti in un mese, un anno o anche diversi anni.

Ma ci arriverete se lavorate duramente per dare un valore reale ai vostri iscritti e vi impegnate a far crescere la vostra mailing list.

Quindi, iniziate subito.


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24x7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani