Google Analytics 4 (GA4) è in circolazione da qualche tempo, ma nonostante l’aggiunta regolare di nuove funzionalità, molti utenti hanno ritenuto che fosse ancora carente in alcune aree o semplicemente non hanno avuto il tempo di familiarizzare con la nuova interfaccia.

Dato che i problemi di privacy legati a Universal Analytics (UA) di Google sono diventati molto frequenti e che Google ha fissato una data per la disattivazione di UA, è il momento migliore per fare il salto di qualità e iniziare a utilizzare GA4.


Cos’è GA4?

GA4 è la nuova generazione di Google Analytics, che offre un approccio più attento alla privacy per il tracciamento degli utenti su siti web e app, facendo meno affidamento sui cookie di prima parte per rimanere in linea con i futuri sviluppi della normativa sulla privacy.

Google ha ottenuto questo risultato migliorando l’apprendimento automatico, utilizzando la modellazione per “colmare le lacune” quando gli utenti scelgono di non accettare i cookie, consentendo essenzialmente a GA4 di continuare a fornire informazioni sul coinvolgimento degli utenti mantenendo i loro dati anonimi.

Sebbene sia ancora possibile installare Universal Analytics, GA4 è ora la versione predefinita per tutte le nuove proprietà GA.

Con l'aumento dei problemi di privacy legati a Universal Analytics di Google e la data fissata per la disattivazione di UA, è il momento perfetto per fare il salto di qualità e iniziare a utilizzare GA4. 📈 Clicca per twittare

Quando è Stato Lanciato GA4?

Google ha annunciato per la prima volta il rilascio di GA4 nel luglio 2019 (disponibile in versione beta). Il lancio è avvenuto nell’ottobre del 2020, quando è diventata la piattaforma predefinita per tutte le nuove proprietà.

Sebbene GA4 non sia ancora stato adottato completamente dalla maggior parte dei marketer, le aziende sono diventate più consapevoli del problema della privacy e si stanno ponendo domande su quanto Universal Analytics sia in grado di gestirlo.

Perché Google ha Aggiornato Universal Analytics a GA4?

Le aziende si affidano alle informazioni di Google Analytics da oltre un decennio, misurando il coinvolgimento degli utenti per comprendere le loro prestazioni online e utilizzando i dati per prendere decisioni informate.

Sebbene GA4 sia in grado di fornire informazioni simili, Google ha completamente rivisto Universal Analytics e i modelli di dati su cui si basa, il che significa che non è possibile migrare i dati da Universal Analytics a GA.

Questo ha provocato agitazione nella community del marketing digitale, perché molti proprietari di siti web raccolgono dati e seguono le tendenze stagionali da molti anni. L’idea di partire da zero è tutt’altro che ideale.

Con l’introduzione del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) nel 2018, le aziende sono state costrette a prendere più seriamente la privacy e a capire meglio come gestire i dati degli utenti.

Universal Analytics di Google è un ottimo esempio di strumento di analisi utilizzato per raccogliere dati sugli utenti. Questo ha fatto sì che lo strumento ottenesse molta pubblicità negli ultimi anni, con crescenti preoccupazioni sul fatto che, utilizzandolo, i siti stiano violando le norme del GDPR.

GA4 è la risposta di Google a un futuro senza cookie e si pone l’obiettivo di consentire alle aziende di continuare a tracciare il coinvolgimento degli utenti con l’aiuto dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico per “colmare le lacune” degli utenti che scelgono di non fornire il proprio consenso al tracciamento.

Messaggio sui cookie che richiede agli utenti di accettare o rifiutare i cookie di marketing
Richiesta dei cookie su kinsta.com

Cosa Significa Questo per gli Utenti di Google Analytics?

Google ha annunciato il ritiro di Universal Analytics a partire dal 1° luglio 2023 e rimuoverà l’accesso alla visualizzazione dei dati storici alla fine del 2023.

Se avete iniziato a usare Google Analytics dopo il 14 ottobre 2020, è probabile che stiate già usando una proprietà GA4. Se avete iniziato a utilizzare Google Analytics dopo il 14 ottobre 2020, è probabile che stiate utilizzando una proprietà GA4.

Che siate già pronti a passare a GA4, o che facciate ancora molto affidamento su Universal Analytics, dovreste almeno aprire un account GA4 per iniziare ad accumulare dati storici. Avere almeno un anno di dati vi permetterà di confrontare i report con l’anno precedente, il che è importante per misurare le tendenze stagionali.

Privacy di GA4

Dato che i siti web continuano a evolvere e gli utenti diventano sempre più consapevoli della privacy dei dati, rinunciando a tracciare le loro sessioni, Google Analytics ha dovuto apportare alcuni cambiamenti importanti per continuare a fornire informazioni rilevanti ai proprietari dei siti web.

GA4 ha affrontato alcuni di questi problemi utilizzando l’intelligenza artificiale per creare modelli basati sui dati degli utenti in suo possesso, al fine di fornire una buona comprensione di come gli utenti non tracciati interagiscono con i siti web.

GA4 è Conforme al GDPR?

Sebbene GA4 prenda molto più seriamente la privacy rispetto al suo predecessore, con una serie di impostazioni sulla privacy che possono essere configurate per limitare il tracciamento, resta il fatto che Google memorizza ancora i dati degli utenti su server con sede negli Stati Uniti, il che, secondo Matomo, è contrario al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Ciò significa che tutti i siti web che raccolgono dati di utenti residenti nell’UE non sono conformi al GDPR.

In Europa si sono già verificati diversi casi di alto profilo che hanno costretto i siti web a rimuovere Google Analytics per rispettare le linee guida del GDPR. Questo ha spinto molti proprietari di siti web a prendere in considerazione diverse alternative a Google Analytics.

Infatti, un sondaggio condotto su Twitter dal guru della SEO Aleyda Solis ha suggerito che fino a un terzo degli utenti potrebbe prendere in considerazione l’idea di abbandonare del tutto Google Analytics.

Il Garante della privacy ha rilevato che Google trasferisce illegalmente i dati degli utenti negli Stati Uniti, compresi gli indirizzi IP, i dati del browser, i sistemi operativi, le risoluzioni dello schermo, le lingue selezionate e la data e l’ora delle visite al sito web. In questo modo i siti web violano le leggi del GDPR.

GA4 vs Universal Analytics – Differenze principali

Google ha introdotto Universal Analytics nel 2012 con l’obiettivo di fornire agli utenti di Google Analytics un approccio più solido per la raccolta dei dati. Sfortunatamente, la piattaforma è ancora costruita su fondamenta che semplicemente non sono adatte al web come lo conosciamo oggi.

GA4 è una revisione completa di Universal Analytics, costruito con l’obiettivo di tracciare i percorsi completi degli utenti su più dispositivi, consentendo di seguire le sessioni degli utenti mentre si spostano tra laptop, cellulari, app, tablet e altri dispositivi.

Modelli di Dati: Cosa è Cambiato?

I modelli di dati servono a indicare a Google Analytics come gestire le informazioni raccolte dagli utenti su un determinato sito web. Una delle maggiori differenze tra GA4 e Universal Analytics è il funzionamento di questi modelli di dati, ed è il motivo principale per cui Google non è in grado di migrare senza problemi gli utenti da Universal Analytics a GA4.

Il modello di dati di Universal Analytics utilizza le sessioni e le pageview, che sono state sviluppate per la prima volta più di 15 anni fa, in un’epoca in cui gli smartphone e i tablet non si erano ancora affermati completamente.

Il modello basato sulle sessioni raccoglie i dati delle interazioni degli utenti che avvengono in un arco di tempo specifico. Questo sistema è sempre stato difettoso, in quanto un singolo utente può attivare diversi obiettivi all’interno di una singola sessione, ma solo una conversione viene conteggiata in Universal Analytics.

Il modello di dati di GA4 utilizza eventi e parametri ed è stato realizzato con un sistema di tracciamento multipiattaforma, il che significa che ci si può aspettare una reportistica più accurata quando gli utenti passano da un dispositivo all’altro.

Perché il Traffico è Diverso in GA4?

Dato che i metodi di raccolta dei dati degli utenti sono cambiati, è improbabile che i dati sul traffico coincidano tra le due versioni di Google Analytics; per questo motivo non esiste un modo semplice per migrare da Universal Analytics a GA4. Lo stesso vale per altre metriche, come la frequenza di rimbalzo e le conversioni.

Google Analytics 4 vs Universal Analytics: Caratteristiche a Confronto

Avrete notato che GA4 dispone di alcune nuove funzioni, ma alcune delle funzioni di Universal Analytics che conoscete e apprezzate non sono state migrate.

Tracciamento delle Conversioni in GA4

Con Universal Analytics, gli obiettivi possono essere configurati utilizzando Eventi, Destinazioni e Durata. Ad esempio, potete creare l’obiettivo “Invio modulo” e associarlo a un evento che si attiva quando un visitatore invia un modulo, oppure aggiungere l’obiettivo “Completamento della cassa”, che si attiva quando un visitatore arriva sulla pagina di checkout.

Universal Analytics è limitato nel conteggio delle conversioni: registra solo una conversione per sessione per ogni obiettivo. Ciò significa che se un utente invia un modulo più di una volta durante una singola sessione, il monitoraggio delle conversioni di UA mostrerà una sola conversione. Inoltre, Universal Analytics limita il numero di obiettivi che possono essere aggiunti nella versione gratuita a un massimo di 20.

GA4, invece, ha abbandonato gli “obiettivi” e ora tiene traccia delle conversioni, portando a 30 il numero massimo di conversioni che possono essere aggiunte. Le conversioni di GA4 possono essere create solo utilizzando il tracciamento basato sugli eventi, che si basa su Pageviews, Scrolls, Outbound clicks, Site search, Video engagement e File downloads.

Per impostare il tracciamento delle conversioni in GA4, bisogna solo associare un evento specifico a una conversione.

GA4 conta anche tutti gli eventi di conversione, indipendentemente dal numero di conversioni effettuate da un singolo utente in una singola sessione. Per questo motivo, potreste notare alcune discrepanze confrontando i dati di conversione di GA4 con quelli di UA.

Come Aggiungere le Conversioni in GA4

Iniziate facendo clic su Configura e poi su Eventi dal menu di sinistra, quindi selezionate tutti gli eventi che volete monitorare come conversioni, contrassegnandoli come eventi di conversione.

Rapporto GA4 che mostra tutti gli eventi, con levette per contrassegnare gli eventi come eventi di conversione
Selezione degli eventi come conversioni

Ora fate clic su Conversioni per visualizzare l’elenco delle conversioni aggiunte.

Come per le conversioni di Universal Analytics, le conversioni di GA4 vengono monitorate solo dal momento in cui vengono create, quindi non vedrete nuove conversioni nei dati storici.

Come Creare Conversioni Personalizzate in GA4

Per creare una conversione personalizzata in GA4, selezionate Crea evento per creare un nuovo evento o Modifica evento per modificare un evento esistente. Assicuratevi di aggiungere il nome dell’evento facendo attenzione a maiuscole e minuscole. Una volta salvato, contrassegna il nuovo evento come conversione.

Per maggiori informazioni sull’impostazione degli eventi personalizzati, si legga la guida dettagliata di Google.

Tasso di Conversione di GA4

È possibile monitorare il tasso di conversione di qualsiasi evento di conversione utilizzando il tasso di conversione degli utenti, che è la percentuale di utenti che hanno attivato un evento di conversione, e il tasso di conversione delle sessioni, che è la percentuale di sessioni in cui è stato attivato un evento di conversione.

Questi dati possono aiutarvi a capire come si comportano i vostri eventi di conversione, fornendovi spunti per migliorare l’ottimizzazione del tasso di conversione.

Tracciamento Ecommerce di GA4

I rapporti sulla monetizzazione di GA4 permettono di monitorare l’entità dei ricavi generati da un sito web, oltre a fornire dati aggiuntivi che aiutano a capire quali sono le aree del sito che hanno ottenuto i risultati migliori. Per controllare i report sulla monetizzazione, fate clic su Rapporti dalla navigazione a sinistra e poi su Monetizzazione.

Il rapporto sulla Monetizzazione fornisce un riepilogo dei ricavi del sito e della app.

Il rapporto sugli Acquisti Ecommerce offre dati più dettagliati sui ricavi generati da prodotti specifici e sulle interazioni con questi prodotti.

Potete leggere di più sull’impostazione del monitoraggio degli eventi ecommerce per i vostri siti web e/o app.

Rapporti di GA4

GA4 è dotato di una serie di report predefiniti che possono essere utilizzati per monitorare i siti web e le app.

L’interfaccia dei Report di GA4

I report di GA4 si trovano in ogni sezione del menu di sinistra, ma anche nei report istantanei presenti nella dashboard principale. Potete espandere i report istantanei cliccando sui link presenti in ogni scheda.

Come nel caso di Universal Analytics, ogni sezione di GA4 è corredata da un pannello di riepilogo contenente alcuni report chiave. Questi sono completamente personalizzabili e permettono di creare dei report che si concentrano sulle metriche e sulle dimensioni più importanti per la vostra azienda.

Oltre a questi, potete anche aggiungere dei confronti, applicando dei filtri per confrontarli con i dati predefiniti. In questo modo si aggiungono altre serie al grafico, consentendovi di confrontare facilmente le tendenze di diversi segmenti nel tempo. Ogni confronto può contenere uno o più filtri (ad es. paese, dispositivo, sistema operativo, ecc.)

Salvare i Report in GA4

Avrete notato che in GA4 non esiste una scheda Rapporti personalizzati. Per creare rapporti personalizzati in GA4, bisogna andare nella sezione Esplora del menu di sinistra e iniziare una nuova esplorazione. È possibile creare un nuovo report da zero utilizzando l’opzione Vuoto oppure utilizzare uno dei modelli predefiniti.

Come Creare il Report sulle Landing Page in GA4

Tutti conosciamo i report che mostrano le visite a specifiche landing page nel tempo, che si tratti di trovare le pagine più visitate in un determinato periodo di tempo o che si utilizzino dei filtri per analizzare landing page specifiche.

Sebbene GA4 non disponga di un report sulle landing page nelle dashboard predefinite, è facile impostarlo.

  1. Fate clic su Esplora nel menu a sinistra, poi su Vuoto per iniziare una nuova esplorazione.
  2. Date al vostro report un nome appropriato (ad esempio report Landing pages), quindi impostate il periodo di tempo desiderato.
  3. Fate clic su Dimensioni e cercate Landing page. Selezionate la casella di controllo e fate clic sul pulsante Importa.
  4. Fate clic su Metriche e selezionate le metriche che desiderate includere nel vostro report. Ad esempio, Utenti totali, Frequenza di rimbalzo, Conversioni e Ricavi totali.
  5. Fate doppio clic su ciascuna delle dimensioni e delle metriche aggiunte per spostarle nel vostro report.
  6. Se volete filtrare le landing page per vedere una pagina specifica o un gruppo di pagine, scorrete in basso sotto Impostazioni scheda, poi fate clic su Filtri e scegliete la dimensione o la metrica che desiderate filtrare. Ad esempio, per vedere tutti i post del blog, potete impostare Landing page su contiene /blog/.
    Impostare un filtro in GA4

È possibile scegliere il tipo di report che si desidera (ad es. tabella, grafico a ciambella, grafico a linee, ecc.) selezionando una delle opzioni alla voce Visualizzazione.

Schermata di GA4 che mostra le impostazioni di visualizzazione
Visualizzazione del report di GA4

Se volete aggiungere più di una visualizzazione (ad esempio tabella e grafico a linee), potete duplicare il primo modulo e cambiare la visualizzazione del report duplicato.

Duplicazione di un report in GA4
Duplicazione di un report in GA4

Potrete quindi aggiornare i nomi dei moduli per dare loro un titolo pertinente facendo doppio clic sul titolo.

Schermata di GA4 che mostra il titolo aggiornato
Aggiornamento del titolo di un report

Viste e Flussi di Dati

In Universal Analytics, le visualizzazioni consentono ai proprietari di siti di creare sottoinsiemi di proprietà con le proprie impostazioni di configurazione. In GA4, le viste sono state sostituite dai flussi di dati.

Cosa Sono i Flussi di Dati di GA4?

I flussi di dati sono la risposta di GA4 alle viste di Universal Analytics. Secondo Google, un flusso di dati è “un flusso di dati dal vostro sito web o dalla vostra applicazione ad Analytics” I flussi di dati sono suddivisi in 3 tipi:

  • Web (per i siti web)
  • iOS (per le applicazioni iOS)
  • Android (per le applicazioni Android)

Una configurazione comune di Universal Analytics prevede la creazione di una “vista non filtrata” per tutti i dati, senza filtri (ad esempio filtri IP per escludere il traffico interno o filtri spam per escludere i modelli associati allo spam); una “vista di prova” per testare i filtri e assicurarsi che non abbiano esiti inaspettati; e una “vista principale”, con tutti i filtri applicati e il monitoraggio degli obiettivi.

In GA4 non si ha la possibilità di creare più viste, ma di creare più flussi di dati.

Come Impostare i Flussi di Dati

Per aggiungere un flusso di dati, fate clic su Amministrazione in fondo al menu di sinistra. Per prima cosa, selezionate l’account e la proprietà che volete aggiornare, quindi fate clic su Flussi di dati dalla colonna delle proprietà e poi su Aggiungi flusso, selezionando l’app iOS, l’app Android o il Web.

Per aggiungere un flusso di dati per il vostro sito web, inserite l’URL del vostro sito web (questo è il vostro dominio, ad esempio domain.com) e impostate un nome per il flusso, ad esempio “Kinsta web stream”.

Per impostazione predefinita è selezionata la misurazione avanzata, che raccoglie automaticamente le visualizzazioni delle pagine e altri eventi. È possibile disattivare questa opzione cliccando sulla levetta (questa operazione può essere eseguita anche in un secondo momento, se necessario).

Google dice che nella maggior parte dei casi è necessario un solo flusso di dati per ogni tipo (web/app), in quanto l’aggiunta di più flussi web può causare incongruenze. Per saperne di più, consultate la guida di Google sulla strutturazione dell’account GA4.

Dovrete aggiungere il tag Analytics al vostro sito prima che i dati vengano visualizzati nella vostra nuova proprietà GA4. Consultate questa guida per aggiungere il tag GA4 al vostro sito WordPress.

Tracciare i Sottodomini in GA4

Uno dei principali vantaggi del nuovo snippet gtag.js è che imposta i cookie al livello di dominio più alto possibile, il che significa che GA4 può tracciare gli utenti in tutti i sottodomini senza bisogno di ulteriori configurazioni.

Tracciamento UTM di GA4

Google ha aggiunto il supporto per la maggior parte dei parametri di tracciamento UTM, quindi potete continuare ad aggiungerli per tracciare le campagne in GA4. Questi possono essere trovati nel report sull’acquisizione del traffico.

Casella di Ricerca di GA4

La barra di ricerca di GA4 permette di ottenere report immediati basati sulla ricerca. La funzione di suggerimento automatico può aiutarvi a far emergere domande correlate non appena iniziate a digitare, facendovi risparmiare tempo e aiutandovi a trovare facilmente i report.

La casella di ricerca di GA4 supporta anche le risposte istantanee, quindi potete fare domande come “quante conversioni abbiamo ottenuto la scorsa settimana?”

Esempio di una query nella casella di ricerca che chiede "quante conversioni abbiamo ottenuto la scorsa settimana?" con una risposta di 519.

La casella di ricerca di GA4 permette anche di raggiungere facilmente i documenti di supporto di Google, quindi può essere molto utile per rispondere alle domande sulla configurazione del vostro account GA4.

Come Migrare a GA4

Siete pronti a fare il salto di qualità e passare a GA4? Prima di tagliare i ponti con Universal Analytics, non dimenticate di esportare tutti i dati storici che avete!

Come Scaricare i Dati Storici da Universal Analytics

Google ha già evidenziato che non è possibile migrare i dati da Universal Analytics a GA4 perché la nuova piattaforma utilizza modelli di dati diversi (ne abbiamo parlato brevemente sopra, ma Google entra più nel dettaglio nella sua documentazione). Tuttavia, potete già iniziare a scaricare i vostri dati storici da Universal Analytics.

Per esportare manualmente i dati, aprite il report che volete scaricare in Google Analytics. Ad esempio Acquisizione > Tutto il traffico > Canali. Scegliete i filtri e i segmenti che desiderate applicare, quindi fate clic su ESPORTA dal menu in alto a destra. È possibile scaricare il file in formato PDF, Google Sheet, Excel o CSV.

Anche se può essere utile per conservare dati preziosi, la funzione di esportazione ha delle limitazioni:

  • Attualmente è possibile applicare solo due dimensioni alla volta
  • le righe sono limitate a 5k
  • i dati possono essere campionati (il segno di spunta verde in alto a sinistra appare quando i dati non sono campionati)

Questo articolo di SEJ fornisce una serie di metodi alternativi per scaricare i dati.

Passare a GA4

Sebbene Google abbia messo a disposizione alcuni strumenti per aiutarvi a migrare i vostri obiettivi su GA4, dovrete partire da zero per quanto riguarda la configurazione del vostro account.

Come Creare una Proprietà GA4 Utilizzando il Codice di Tracciamento UA Esistente

Se state già utilizzando Universal Analytics con gtag.js, potete facilmente associare la proprietà al vostro nuovo account GA4 utilizzando i tag del sito collegati, risparmiandovi il tempo necessario per aggiungere il tag di tracciamento.

Come Aggiungere i Tag del Sito Collegato

  1. Fate clic su Admin in fondo al menu di sinistra e selezionate il vostro account e la vostra proprietà
  2. Fate clic su Flussi di dati sotto la voce Proprietà
  3. Fate clic sulla scheda Web e poi su Flusso di dati Web.
  4. Fate clic su Gestisci i tag del sito collegato nella sezione Tag di Google
  5. Sotto Tag collegati, inserite l’ID di tracciamento della proprietà UA che volete aggiungere (lo trovate nella sezione Amministrazione del vostro account UA sotto Proprietà > Informazioni sul tracciamento > Codice di tracciamento)
  6. Dategli un nome (ad esempio, [nome del sito] ID UA)
  7. Fate clic su Connetti.

Assistente di Configurazione GA4

Per creare la vostra nuova proprietà GA4 potete utilizzare l’Assistente di configurazione di GA4, che può funzionare in parallelo alla vostra proprietà Universal Analytics esistente. Ciò significa che avrete ancora accesso alla proprietà Universal Analytics (per ora!).

La procedura guidata dell’Assistente di configurazione di GA4 non aggiunge alcun dato storico alla nuova proprietà, quindi prima iniziate, prima potrete iniziare a raccogliere dati.

Schermata di GA4 che mostra l'assistente di configurazione nel menu di sinistra

Date un’occhiata a questa guida di Google per scoprire come utilizzare l’assistente di configurazione GA4 per creare una proprietà GA4 per un sito che utilizza Universal Analytics.

Lo Strumento di Migrazione degli Obiettivi di GA4

GA4 è ora dotato di uno strumento che permette di migrare automaticamente gli obiettivi da Universal Analytics a GA4. Per utilizzare questo strumento, il vostro account deve essere impostato sul ruolo di “Editor”.

Aprite la vostra nuova proprietà GA4, poi fate clic su Admin. Fate clic su Assistente di configurazione nella colonna Proprietà, quindi navigate su Importa obiettivi esistenti dalla proprietà Universal Analytics collegata e fate clic su Inizia. Ora potete selezionare gli obiettivi che desiderate migrare nella vostra proprietà GA4.

Schermata di GA4 che mostra l'opzione di importazione delle conversioni da universal analytics

È possibile trovare i nuovi eventi di conversione anche nella vostra proprietà GA4, sotto Configura > Conversioni nella tabella Eventi di conversione. Il completamento della migrazione può richiedere fino a 24 ore.

Per saperne di più, consultate la documentazione di Google.

Dimensioni e Metriche di GA4

Anche se quando si configura GA4 molte dimensioni e metriche vengono popolate automaticamente, alcune richiedono una configurazione aggiuntiva prima di essere attivate.

Utenti

Universal Analytics ha due metriche relative agli utenti: Utenti totali, ovvero gli utenti che hanno avviato almeno una sessione nell’intervallo di date selezionato, e Nuovi utenti, ovvero gli utenti che hanno visitato per la prima volta il sito nell’intervallo di date selezionato.

In Google Analytics 4, le metriche relative agli utenti sono tre: Utenti totali, Nuovi utenti e Utenti attivi.

Gli utenti attivi sono la metrica principale utilizzata in GA4 ed è costituita dal numero di utenti che hanno visitato un sito web o un’applicazione. Un utente attivo viene attivato da qualsiasi utente che abbia una sessione attiva o quando Analytics raccoglie:

  • l’evento first_visit o il parametro engagement_time_msec di un sito web
  • l’evento first_open o il parametro engagement_time_msec di un’applicazione Android
  • l’evento first_open o user_engagement di un’app iOS

La maggior parte dei report di Universal Analytics si riferisce agli Utenti, in base al Totale degli Utenti. Anche GA4 utilizza gli Utenti, ma si basa sugli Utenti Attivi, che vengono calcolati in modo diverso e possono creare confusione se si confrontano le due metriche.

Una metrica più comparabile in GA4 può essere trovata utilizzando Esplorazioni per visualizzare gli utenti totali.

Tasso di Coinvolgimento

Il Tasso di Coinvolgimento, che si basa sulla percentuale di sessioni impegnate, è calcolato in base al numero di sessioni che sono durate più di 10 secondi, che hanno avuto un evento di conversione o che hanno avuto almeno 2 pageview o screenview.

Frequenza di Rimbalzo

In GA4, la Frequenza di Rimbalzo è la percentuale di sessioni che non hanno avuto alcun coinvolgimento, quindi l’opposto della frequenza di coinvolgimento. Viene calcolata in modo diverso da Universal Analytics, quindi è improbabile che i risultati coincidano quando si confrontano i due strumenti.

In UA, gli utenti potrebbero passare 10 minuti a leggere il vostro post e poi andarsene senza attivare alcun evento, e questo verrebbe conteggiato come un rimbalzo. In GA4, invece, gli utenti che trascorrono più di 10 secondi su una pagina non vengono considerati come rimbalzi, il che è molto più utile.

Non c'è mai stato un momento migliore per passare a GA4 - e questa guida è qui per aiutarti 💪 Clicca per twittare

Programma di Formazione GA4

Se volete saperne di più su ciò che è possibile fare con GA4 e volete imparare a utilizzare le nuove funzionalità disponibili beneficiando di un certificato riconosciuto, potete iscriverti al programma di formazione di Google Analytics 4.

Riepilogo

Se avete rimandato il passaggio a GA4, ora è il momento di iniziare. Anche se non siete pronti a investire il vostro tempo per imparare a usare GA4, potete facilmente far funzionare entrambe le versioni in parallelo, continuando ad avere accesso ai report di UA che conoscete fino a quando UA non sarà dismesso.

Resta il fatto che Google staccherà la spina nel luglio del 2023, quindi prima passerete a GA4 e prima potrete rendervi conto del futuro di Google Analytics.