Le aziende continuano a passare al cloud computing. Sia che si tratti di usare un singolo servizio cloud o di migrare l’intera infrastruttura in un nuovo ecosistema cloud, non siete i soli a cercare i vantaggi aggiuntivi delle tecnologie cloud.

Dal miglioramento della scalabilità, della sicurezza e della flessibilità alla riduzione dei costi e dell’impatto ambientale, ci sono moltissime ragioni per passare al cloud. Naturalmente, la transizione non è facile come una volta.

Fin dalla sua nascita, l’ecosistema cloud è diventato una miriade complessa e in continua espansione di fornitori, tecnologie, prodotti e servizi. Nel tentativo di mettere insieme le diverse combinazioni tra queste verticali, la scelta delle opzioni può raggiungere rapidamente i 1000. Diventa subito evidente che c’è troppa scelta.

Aziende e servizi di cloud computing

Aziende e servizi di cloud computing (Fonte: imelgrat.me)

Come in ogni settore, una manciata di aziende si elevano al di sopra delle altre per diventare leader di mercato. Quando pensiamo ai fornitori di cloud computing, ci sono tre nomi in cima alla lista: Google Cloud Platform, Amazon Web Services e Microsoft Azure.

Oggi metteremo a confronto due giganti del cloud, Google Cloud Platform e Amazon Web Services. Faremo un tuffo profondo nei prodotti e nei servizi di ciascun fornitore. Cercheremo di aggiungere chiarezza e semplificare il processo di confronto tra questi due fornitori di cloud per prendere una decisione informata.

Anche se qui a Kinsta usiamo esclusivamente la Google Cloud Platform, vi forniremo un’opinione imparziale. Entrambe le piattaforme offrono ampi vantaggi, ma ciò che è giusto per voi dipenderà in ultima analisi dalle esigenze specifiche della vostra azienda.

🥊 Google Cloud Platform vs. Amazon Web Services 🥊 Scopri tutt su questi due giganti del settore 🚀Click to Tweet

Google Cloud vs Amazon Web Services

Se avete intenzione di usare i servizi cloud, i tre provider che scoprirete sono sicuramente Google Cloud, Amazon Web Services e Microsoft Azure. Oggi ci concentreremo sul confronto tra due di questi, nello specifico Google Cloud vs AWS.

Questi giganti del cloud sono nomi familiari nell’ambiente tech. Entrambe le organizzazioni hanno dominato per più di un decennio nei rispettivi settori. Rinomate come aziende leader a livello mondiale, sono meticolose nella loro ricerca dell’innovazione e dell’eccellenza. Ognuna di esse vanta una ricchezza di competenze nel settore tecnologico con cui è quasi impossibile competere.

Con le loro rispettive basi tecnologiche, non sorprende che abbiano sviluppato piattaforme di cloud computing leader del settore. Nel settembre 2020, Gartner ha nuovamente nominato Google e AWS leader nel Magic Quadrant for Infrastructure as a Service (IaaS).

Per Amazon, questo è il decimo anno consecutivo che AWS si aggiudica la posizione in alto a destra nel quadrante Leader del Magic Quadrant for Cloud Infrastructure as a Service (IaaS) di Gartner. Ha ottenuto il più alto piazzamento per Ability to Execute e per Completeness of Vision.

2020 Magic Quadrant for Cloud Infrastructure as a Service, in tutto il mondo

2020 Magic Quadrant for Cloud Infrastructure as a Service, in tutto il mondo (Fonte: Gartner)

Google Cloud e AWS Continuano a Dominare il Settore

Google Cloud e AWS hanno dominato lo spazio del cloud computing da quando le soluzioni IaaS hanno iniziato a prendere piede nel 2008.

Nell’agosto 2020, un rapporto di Gartner ha inserito sia Google che Amazon in un gruppo di 5 fornitori di infrastrutture cloud pubbliche che costituiscono l’80% del mercato IaaS. Una tendenza destinata a continuare solo quando entrambe le organizzazioni raddoppieranno per consolidare la loro posizione sul mercato.

Nonostante la pandemia globale che sta bloccando le principali economie, Gartner prevede una crescita del 6,3% del fatturato pubblico mondiale nel 2020. Spinti da un’esplosione del lavoro a distanza, possiamo ragionevolmente aspettarci risultati comparativi nello spazio cloud. In particolare con il rapporto che delinea un aumento del 94% nel mercato del Desktop as a Service (DaaS). In questo contesto, ci si può aspettare che Google e Amazon continuino a espandersi.

Mentre entrambi hanno iniziato la loro vita nello spazio IaaS, ora è possibile rivolgersi ad Google Cloud e AWS per 100s di soluzioni attraverso IaaS, SaaS e PaaS. Entrambe le organizzazioni continuano a innovare e ad aggiungere nuove offerte di servizi cloud al loro roster in continua espansione.

Fatturato della Piattaforma Google Cloud nel 2020

I risultati del quarto trimestre e dell’esercizio 2019 di Alphabet hanno mostrato che la società ha continuato a registrare una forte crescita, con un aumento del fatturato complessivo del 18% rispetto all’anno precedente. Anche se c’è una mancanza di trasparenza nei ricavi apportati da Google Cloud, la società ha riportato una crescita impressionante superiore al 100%, posizionando la società su un tasso di esecuzione annuale di 10 miliardi di dollari alla fine dell’anno.

Nel 2020, l’arrivo della pandemia del Coronavirus ha visto la società madre di Google Cloud – Alphabet – registrare il primo calo di fatturato trimestrale da quando è stata resa pubblica nel 2004. In questo terribile scenario, Google Cloud ha di fatto invertito la tendenza, sembrando solo accelerare la crescita.

Nel primo trimestre, Google Cloud ha ottenuto guadagni significativi grazie a Google Meet, quando il loro strumento di videoconferenza è diventato un successo per i lavoratori a distanza. Le dichiarazioni di rilascio dei guadagni per il primo, secondo e terzo trimestre mostrano un modello di continua crescita dei ricavi YoY per la piattaforma Google Cloud. Mentre ci dirigiamo verso la fine del 2020, si prevede che i ricavi di Google Cloud cresceranno a un tasso di esecuzione annuale superiore a 13 miliardi di dollari – una crescita prevista del 30% nel 2019.

Fatturato dei servizi Web di Amazon nel 2020

Nel 2019, la relazione di Amazon sui guadagni del quarto trimestre ha registrato un fatturato AWS di quasi 10 miliardi di dollari. L’organizzazione si assesta su una percentuale di ricavi annuali superiori ai 40 miliardi di dollari.

Con l’emergere della pandemia del Coronavirus nel 2020, la crescita di AWS è rallentata in modo significativo. Con le dichiarazioni dei guadagni del primo, secondo e terzo trimestre, la crescita YoY è diminuita e si è assestata su un tasso di crescita inferiore al 30% in ogni trimestre. Si tratta di un netto rallentamento rispetto alla crescita del 40-50% dei 3 anni precedenti.

Non si tratta certo di uno scenario cupo, AWS si trova ora su un tasso di fatturato annuo di 43 miliardi di dollari e si prevede che la cifra si espanderà una volta completato il quarto trimestre. L’eccezione potrebbe essere se siete azionisti di Amazon, soprattutto dopo che Jeff Bezos ha detto agli azionisti di “prendere posto” mentre la loro risposta al COVID-19 intacca i profitti operativi.

Confronto tra Google Cloud e Amazon Web Services

Non è un compito semplice confrontare le piattaforme Google Cloud vs AWS. I loro servizi cloud, sempre più estesi e in continua espansione, includono ora 100 prodotti tra cui scegliere. A complicare ulteriormente le cose, i provider usano spesso diverse convenzioni di denominazione per i prodotti comparativi. Quindi, per non perdersi nei dettagli, è necessario un certo livello di conoscenza e comprensione.

Semplificando il compito, sia la Google Cloud Platform che Amazon Web Services Platform raggruppano fortunatamente i loro prodotti sotto le stesse voci di categoria. Accelerando il processo per farvi risparmiare tempo, abbiamo fatto il lavoro pesante di confrontare i servizi più comunemente usati dalle categorie business-critical.

In questa sezione, esploreremo i prodotti che si combinano per creare una tipica distribuzione cloud: calcolo, networking, sicurezza e storage. Qui a Kinsta, abbiamo l’esperienza diretta dell’utilizzo di questi servizi per fornire soluzioni di hosting leader di mercato.

Ci occupiamo anche delle considerazioni critiche che circondano questi servizi. Supporto del servizio, stabilità della piattaforma, prezzi e struttura di fatturazione.

Caratteristiche: Calcolo

Per confrontare le capacità di calcolo di Google Cloud con quelle di Amazon Web Services, ci concentreremo sulle macchine virtuali (VM).

Queste emulazioni del sistema informatico forniscono la funzionalità di un computer fisico ed eseguono quasi tutto il carico di lavoro che vi viene in mente. Sono le fondamenta del vostro ambiente cloud, è fondamentale scegliere una configurazione VM che si adatti alle vostre esigenze aziendali.

Entrambi i fornitori di cloud hanno adottato un approccio simile alle macchine virtuali, sebbene utilizzino convenzioni di denominazione diverse per le loro offerte di prodotti individuali.

Compute Engine è l’offerta di servizi sulla piattaforma Google Cloud, mentre Amazon Web Services si chiama Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2). Ogni fornitore usa una terminologia e concetti diversi.

Per fortuna, Google ha mappato la terminologia e i concetti di Amazon EC2 con quelli di Compute Engine – che potete vedere nella tabella sottostante:

Caratteristica Amazon EC2 Compute Engine
Virtual machines Instances Instances
Image machines Amazon Machine Image Immagine
Temporary virtual machines Spot instances Preemptible VMs
Firewall Security groups Compute Engine firewall rules
Automatic instance scaling Auto Scaling Compute Engine autoscaler
Local attached disk Ephemeral disk Local SSD
VM import Formati supportati: RAW, OVA, VMDK e VHD Formati supportati: RAW, OVA, VMDK e VHD
Deployment locality Zonal Zonal

Mappatura della terminologia di alto livello per Amazon EC2 su Google Compute Engine (Fonte tabella: Google)

Caratteristiche della Virtual Machine

Quando si distribuiscono istanze di macchine virtuali su Compute Engine Amazon EC2, entrambi i servizi offrono molte caratteristiche che si allineano strettamente, tra cui:

Accesso alla Macchina Virtuale

Quando si tratta di accedere alla vostra VM, ci sono una serie di differenze fondamentali nell’approccio adottato tra Compute Engine e Amazon EC2.

Se desiderate accesso terminale a un’istanza in Amazon EC2 dovete includere la vostra chiave SSH.

Compute Engine offre un approccio più flessibile all’accesso ai terminali. Permette di creare una chiave SSH come e quando ne avete bisogno, anche se l’istanza è già in funzione. Non sarà inoltre necessario memorizzare queste chiavi sulla vostra macchina locale, grazie al terminale SSH basato su browser del Compute Engine, disponibile tramite la Google Cloud Console.

Tipi di Istanza della Macchina Virtuale

Durante l’implementazione della macchina virtuale, sia Compute Engine che Amazon EC2 offrono semplicità attraverso una serie di istanze predefinite. Queste istanze incorporano configurazioni specifiche di CPU virtuale, RAM e rete.

Sia Google che Amazon offrono 100 tipi di macchine virtuali disponibili in diverse configurazioni. Ciascuna di esse offre flessibilità, consentendovi di personalizzare le vostre configurazioni al fine di scalare le vostre risorse VM per soddisfare le esigenze uniche della vostra azienda.

È possibile farlo aumentando il numero di CPU e la RAM disponibile fino a specifiche di alto livello.

I fornitori raggiungono il massimo livello con quanto segue:

In tutta la gamma dei tipi di VM, entrambe le piattaforme usano in gran parte la stessa categorizzazione. Anche se in alcune categorie un fornitore può offrire un tipo di macchina e l’altro no.

A seconda delle vostre esigenze aziendali, potete scegliere tra i tipi di macchine di diverse categorie, tra cui core condivisi, general-purpose, ottimizzati per la memoria, ottimizzati per il calcolo, ottimizzati per lo storage, GPU e categorie ad alte prestazioni.

Per fornirvi il miglior confronto VM tra Amazon EC2 e Compute Engine, abbiamo compilato la seguente tabella che elenca i tipi di macchine più aggiornati per entrambi i servizi.

Tipo di macchina Amazon EC2 Compute Engine
Shared core N/A f1-micro – g1-small
e2-micro – e2-medium
General Purpose a1.medium – a1.metal
t4g.nano – t4g.2xlarge
t3.nano – t3.2xlarge
t3a.nano – t3a.2xlarge
t2.nano – t2.2xlarge
m6g.medium – m6gd.metal
m5.large – m5d.metal
m5a.large – m5ad.24xlarge
m5n.large – m5dn.24xlarge
m4.large – m4.16xlarge
e2-standard-2 – e2-standard-32
e2-highmem-2 – e2-highmem-16
e2-highcpu-2 – e1-highcpu-32
n1-standard-1 – n1-standard-96
n1-highmem-2 – n1-highmem-96
n1-highcpu-2 – n1-highcpu-96
n2-standard-2 – n2-standard-80
n2-highmem-2 – n2-highmem-80
n2-highcpu-2 – n2-highcpu-80
n2d-standard-2 – n2d-standard-224
n2d-highmem-2 – n2d-highmem-96
n2d-highcpu-2 – n2d-highcpu-224
Memory-optimized r6g.medium – r6gd.metal
r5.large – r5d.metal
r5a.large – r5ad.24xlarge
r5n.large – r5dn.24xlarge
r4.large – r4.16xlarge
x1e.xlarge – x1e.32xlarge
x1.16xlarge – x1.32xlarge
u-6tb1.metal -u24tb1.metal
z1s.large – z1d.metal
m1-ultramem-40 – m1-ultramem-160
m1-megamem-96
m2-ultramem-208 – m2-ultramem-416
Compute-optimized c6g.medium – c6gd.metal
c5.large – c5d.metal
c5a.large – c5ad.24xlarge
c5n.large – c5n.metal
c4.large – c4.8xlarge
c2-standard-4 – c2-standard-60
Storage-optimized i3.large – i3.metal
i3en.large – i3en.metal
d2.xlarge – d2.8xlarge
h1.2xlarge – h1.16xlarge
N/A
GPU p4d.24xlarge
p3.2xlarge – p3db.24xlarge
p2.xlarge – p2.16xlarge
inf1.xlarge – inf1.24xlarge
g4dn.xlarge – g4dn.metal
g3s.xlarge – g3.16xlarge
f1.2xlarge – f1.16xlarge
NVIDIA® Tesla® T4 – NVIDIA® Tesla® K80
NVIDIA® Tesla® T4 Virtual Workstation – NVIDIA® Tesla® P100 Virtual Workstation
High performance N/A N/A
Custom VM resource configuration

Virtual Machine Images

Per accelerare l’implementazione della macchina virtuale potete usare le machine images.

Questi sono tipicamente configurati in modo da includere un sistema operativo e il necessario software di supporto per il server web e il database. Sia Compute Engine che Amazon EC2 usano machine images per creare nuove istanze. Oltre alle configurazioni standard, entrambi consentono di usare immagini pubblicate da un fornitore terzo o immagini personalizzate create per uso privato.

Le piattaforme sono abbastanza simili da poter usare lo stesso flusso di lavoro per la creazione di immagini sia su Amazon EC2 che su Compute Engine.

Quando si tratta di archiviazione delle immagini, essi adottano approcci leggermente diversi. Su Google Cloud, le immagini vengono memorizzate con Compute Engine, mentre Amazon EC2 memorizza le sue immagini in diversi servizi – Amazon Simple Storage Service (S3) o Amazon ElasticBlock Store (EBS).

Il vantaggio distinto che Amazon EC2 offre rispetto a Compute Engine è la possibilità di accedere a un repository di immagini già pronte e la possibilità di rendere le vostre immagini disponibili al pubblico (se questo fosse un requisito).

Dall’altro lato, Compute Engine offre il vantaggio di machine images disponibili in tutto il mondo. Le immagini di Amazon Machine sono invece geo-locked, il che significa che sono disponibili solo in una regione specifica.

Scalatura Automatica (Auto Scaling) dell’Istanza delle Macchine Virtuali

Uno dei vantaggi più potenti del cloud è la capacità di scalare le risorse del carico di lavoro per soddisfare la domanda. Questo va in entrambi i sensi, aumentando le risorse nei periodi di picco per mantenere le prestazioni e riducendo inversamente le risorse nei periodi di quiete per limitare gli sprechi e controllare la spesa. Questo processo è ampiamente noto come Auto Scaling (auto scalatura).

Sia Compute Engine che Amazon EC2 supportano e implementano l’Auto Scaling in modo simile, consentendo di creare e rimuovere risorse in linea con le politiche definite dall’utente.

Amazon EC2 scala automaticamente le istanze in un gruppo, dove ogni istanza è creata da una configurazione di lancio definita. Le istanze vengono create o rimosse in base a uno dei tre piani di scalatura scelti:

Compute Engine bilancia le istanze in un gruppo di istanze gestite. Ogni gruppo di istanze è creato da un modello di istanza con risorse scalate in base a una politica di Auto Scaling. A differenza di Amazon EC2, l’autoscaler di Compute Engine supporta solo la scalatura dinamica.

Istanze Temporanee di Virtual Machine

Se volete sfruttare la potenza del cloud computing, ma con un budget limitato, vale la pena esplorare l’opzione delle istanze temporanee. Si tratta di virtual machines che funzionano su cicli di riserva di risorse assegnate ad altri processi.

Le istanze temporanee sono disponibili sporadicamente, quindi è meglio usarle in lavori che:

Sia Amazon EC2 che Compute Engine offrono una versione di istanze temporanee. Sebbene usino modelli di prezzo e convenzioni di denominazione diversi, condividono una serie di attributi comuni quando le loro VM temporanee:

Le virtual machine temporanee Amazon EC2 sono note come Spot Instances. Sono disponibili in due formati:

Le virtual machine temporanee di Cloud Engine sono chiamate Preemptible Virtual Machines. Sono disponibili più a lungo delle loro controparti EC2 di Amazon e funzionano fino a 24 ore (se non vengono recuperate) prima di essere terminate automaticamente. La loro struttura di prezzo è fissa e sono disponibili con sconti fino all’80% rispetto ai prezzi on-demand delle VM equivalenti.

Caratteristiche di Rete

Amazon Web Services e Google Cloud hanno sviluppato una formidabile infrastruttura cloud globale. Le loro reti tentacolari sono costituite da 100 centri dati interconnessi in tutto il mondo.

Ogni fornitore ha sviluppato una rete cloud all’avanguardia, progettata per un’elevata tolleranza ai guasti, innumerevoli scenari di redundancy e bassi livelli di latenza. Ciascuno di essi offre servizi di rete in grado di fornire connettività ad alta velocità a macchine virtuali, altri servizi cloud e server on-premises.

All’interno di questa sezione daremo loro un’occhiata più da vicino, confrontando i prodotti e i servizi di networking offerti da Google e Amazon.

Prodotto Amazon Web Services Google Cloud Platform
CDN Amazon CloudFront Cloud CDN
Dedicated Interconnection AWS Direct Connect Cloud Interconnect
DNS AWS Route 53 Cloud DNS
Load Balancing Elastic Load Balancing Cloud Load Balancing
Virtual Networks Amazon Virtual Private Cloud Google Virtual Private Cloud
Tiers N/A Network Service Tiers

Localizzazione

Entrambi i fornitori continuano a espandere rapidamente le rispettive infrastrutture, con nuovi centri dati in fase di sviluppo o pianificati per il futuro. Se confrontate i numeri delle localizzazioni per la disponibilità della rete, andiamo sul testa a testa.

Localizzazione del Network Google Cloud

Google vanta punti del network cloud attualmente disponibili in 28 regioni, 73 zone, 144 sedi periferiche e oltre 200 paesi e territori. Recentemente hanno aggiunto nuove località a Seoul, Salt Lake City, Las Vegas e Jakarta.

Il futuro vedrà Google Cloud continuare a espandersi nelle seguenti località: Varsavia (Polonia), Doha (Qatar), Toronto (Canada), Parigi (Francia), Milano (Italia), Santiago del Cile e Madrid (Spagna).

Google Cloud Regional Network

Google Cloud Regional Network (Fonte: Google Cloud)

Localizzazione del Network di Amazon Web Services

AWS offre ora punti del network cloud disponibili in 24 regioni, 77 zone, 210 sedi periferiche e 245 paesi e territori. Anche se questi numeri sembrano simili a quelli di Google Cloud, la rete di Amazon è più grande perché offre più zone di disponibilità nel doppio delle regioni rispetto a Google. Il che darebbe loro un vantaggio in termini di latenza.

A breve, Amazon prevede di lanciare altri centri dati a Hyderabad (India), Giacarta (Indonesia), Osaka (Giappone), Madrid (Spagna) e Zurigo (Svizzera).

AWS Regional Cloud Network

AWS Regional Cloud Network (Fonte: AWS)

 

Content Delivery Network (CDN)

AWS e Google Cloud offrono ciascuno un servizio di Content Delivery Network (CDN). Entrambi sbloccano la possibilità di fornire i vostri contenuti e servizi agli utenti finali più velocemente, replicandoli e ospitandoli nella loro infrastruttura globale per consentire un accesso più localizzato. Ciò significa tempi di caricamento più rapidi, minore sforzo sulla larghezza di banda e maggiore reattività attraverso le vostre applicazioni, siti web e servizi.

Amazon CloudFront e Cloud CDN, offrono entrambi una maggiore sicurezza per difendersi dai più frequenti attacchi DDoS a livello di rete e di trasporto. Offrono inoltre una profonda integrazione con le rispettive piattaforme, consentendo di sbloccare ulteriori strumenti per monitorare e migliorare le prestazioni.

Load Balancing

Sia Google Cloud che AWS offrono servizi di load balancing. Configurati in modo appropriato, vi aiuteranno a distribuire automaticamente il traffico su più istanze per migliorare la disponibilità e la tolleranza ai guasti delle vostre applicazioni. Offrono questi servizi in diverse configurazioni che ora esamineremo più da vicino.

Load Balancing AWS

Il servizio di load balancing di AWS si chiama Elastic Load Balancing (ELB). Ha le seguenti caratteristiche e capacità:

Consultare la sezione di confronto di Elastic Load Balancing per un confronto più dettagliato delle caratteristiche.

Google Cloud Load Balancing

Il servizio di load balancing di Google è chiamato Cloud Load Balancing. Offre caratteristiche e capacità diverse:

I diversi tipi di load balancer di Compute Engine includono:

Connettività Privata con Altre Reti

Se volete creare una connessione privata con istanze al di fuori del vostro cloud setup, come il vostro ambiente on-premises, sia AWS che Google Cloud offrono servizi per molteplici esigenze:

Virtual Private Network (VPN)

Le rispettive offerte di Cloud Router e Amazon VPC consentono di creare un gateway privato tra il loro cloud e le vostre reti.

Connettività Privata tramite VPC

Quando una VPN non fornisce la velocità necessaria per determinati carichi di lavoro, è necessaria una risorsa dedicata. Entrambi i provider offrono servizi di connettività privata con una linea di rete che offre un livello di capacità dedicato:

Connettività ad Alta Velocità ad Altri Servizi Cloud

Entrambi i provider offrono connettività ad alta velocità per l’accesso ai servizi cloud al di fuori del VPC.

Il servizio Direct Connect di AWS crea un’interfaccia virtuale separata attraverso la quale è possibile accedere a tutti i servizi cloud di AWS.

Google Cloud ha una gamma più ampia di servizi:

Connettività della del Content Delivery Network

Entrambi i fornitori offrono tariffe di uscita scontate dalle vostre risorse cloud a un fornitore di CDN. Amazon fornisce queste tariffe solo per il proprio servizio CDN, Amazon CloudFront. Google offre CDN Interconnect, che offre tariffe di uscita scontate attraverso diversi fornitori di CDN.

DNS

Entrambi i fornitori forniscono servizi DNS gestiti attraverso le rispettive offerte di Amazon Route 53 e Cloud DNS. Ognuno di essi supporta quasi tutti i tipi di record DNS, servizi basati su qualsiasi tipo di servizio e registrazione di nomi di dominio.

La differenza tra loro è che Amazon Route 53 supporta due opzioni di routing, mentre Cloud DNS no. Il routing basato sulla geografia consente di limitare i contenuti alle posizioni geografiche. Il routing basato sulla latenza dirige il traffico in base ai livelli di latenza misurati dai servizi DNS.

La tabella sottostante riporta un elenco di caratteristiche mappate per entrambi i servizi:

Caratteristica Amazon Route 53 Cloud DNS
Zona Hosted Managed
Supporto per la maggior parte dei tipi di record DNS
Any-cast-based serving
Latency-based routing No
Geography-based routing No
DNSSEC for DNS Service No
Private Zones / Split Horizon

Livelli di Servizio della Rete (Tiers)

Ad oggi, la Google Cloud Platform è l’unico provider a offrire ai propri clienti livelli di servizio di rete. Selezionando tra un livello Standard e Premium, avete la flessibilità di ottimizzare la vostra rete in base alle prestazioni e al prezzo.

Livello Premium

La scelta del livello Premium vi fa accedere alla rete ad alte prestazioni e a bassa latenza di Google. Il vostro traffico è prioritario perché viene instradato attraverso il minor numero di salti attraverso i percorsi più veloci per accelerare le velocità di trasporto e aumentare la sicurezza.
Ottenete anche l’accesso al load balancing di rete globale, pur essendo protetti da uno SLA globale.

Google Cloud Platform Premium Tier

Google Cloud Platform Premium Tier (Fonte: Google Cloud)

Livello Standard

La scelta del livello Standard vi connette alla rete a prestazioni inferiori di Google, ancora altamente competitiva rispetto ad altri servizi cloud pubblici. I vostri servizi di load balancing rimangono regionali e non siete protetti da uno SLA globale. Questa opzione è per i casi in cui il costo è più importante delle considerazioni sulle prestazioni.

Google Cloud Platform Standard Tier

Google Cloud Platform Standard Tier (Fonte: Google Cloud)

Caratteristiche di Archiviazione (Storage)

Ci sono cinque diversi tipi di servizi di storage disponibili sulle piattaforme Amazon e Google Cloud. È importante comprendere i diversi tipi di storage e di dischi utilizzati, in quanto avranno un’influenza diretta sulle vostre prestazioni.

Distributed Object Storage

Per Distributed Object Storage si intende un metodo di archiviazione dei dati come oggetti, noto anche come blob. Consente di memorizzare, proteggere e accedere a grandi volumi di dati per l’utilizzo in una vasta gamma di scenari, tra cui siti web, applicazioni mobili, backup, archiviazione e analisi di grandi dati.

Amazon Simple Storage Service (S3) e Google Cloud Storage sono i servizi concorrenti di distributed object storage. Ognuno di essi funziona in modo simile, consentendo di archiviare gli oggetti in un bucket. Ogni bucket può essere identificato con una chiave univoca e ogni oggetto ha un record di metadati associato contenente informazioni quali la dimensione dell’oggetto, la data dell’ultima modifica e il tipo di supporto.

Entrambi i fornitori hanno anche una serie di caratteristiche simili per i loro servizi, tra cui:

Di seguito riportiamo una tabella che illustra un confronto più dettagliato della terminologia e delle caratteristiche:

Caratteristica Amazon S3 Cloud Storage
Unit of Deployment Bucket Bucket
Deployment identifier Chiave unica al mondo Chiave unica al mondo
File system emulation Limitato Limitato
Object metadata
Object versioning
Object lifecycle management
Update notifications Notifiche di eventi Notifiche Pub/Sub per il Cloud Storage, trigger di Cloud Storage per le funzioni Cloud e notifiche di cambio oggetto
Service classes Standard, Standard-Infrequent Access, One Zone-Infrequent Access, Amazon Glacier Standard, Nearline, Coldline, Archive
Deployment locality Regionale Multi-regionale e regionale
Prezzi Prezzo in base alla quantità di dati archiviati al mese, all’uscita dalla rete e al numero di richieste API comuni Prezzo in base alla quantità di dati archiviati al mese, all’uscita dalla rete e al numero di richieste API comuni

Block Storage

Il block storage è il processo di aggiunta di un disco virtuale a una virtual machine basata su cloud.

Entrambi i fornitori offrono servizi di block storage che si integrano con i rispettivi servizi di calcolo delle virtual machine e che possono essere configurati in base alle diverse prestazioni e ai diversi livelli di prezzo.

Google fornisce Persistent Disk in combinazione con Compute Engine per il suo servizio di block storage. Amazon invece fornisce Elastic Block Store (EBS) in combinazione con Amazon EC2. Ciascuno di essi offre la possibilità di collegare i dischi in due modi diversi:

Network-Attached Disk

Un network-attached disk è il luogo in cui un volume di disco è collegato all’istanza della vostra VM tramite la rete del fornitore di cloud. Ciò comporta i vantaggi intrinseci del cloud grazie all’esubero incorporato, agli snapshot e alla facilità di distacco e riattacco dei volumi del disco (Volume Attachment and Detachment).

Diamo un’occhiata al confronto tra i servizi di block storage di Google e Amazon:

Caratteristica Amazon EBS Google Persistent Disks
Volume types EBS Provisioned IOPS SSD, EBS General Purpose SSD, Throughput Optimized HDD, Cold HDD Zonal standard persistent disks (HDD), regional persistent disks, zonal SSD persistent disks, regional SSD persistent disks
Volume locality rules Deve trovarsi nella stessa zona dell’istanza a cui è collegato Deve trovarsi nella stessa zona dell’istanza a cui è collegato
Volume attachment Un unico volume da allegare a un massimo di 16 istanze, ognuna con permessi di lettura-scrittura al volume condiviso Un singolo volume può essere collegato a un massimo di 10 istanze in sola lettura
Attached volumes per instance Fino a 40 Fino a 128
Maximum volume size 16 TiB 64 TB
Redundancy Zonale Zonale o multizona a seconda del tipo di volume
Snapshotting
Snapshot locality Regionale Globale

Ci sono alcune differenze tra le caratteristiche che richiedono un’ispezione più attenta:

Volume Attachment and Detachment

Una volta creato un volume del disco, è possibile collegarlo a una singola istanza di Compute Engine o di Amazon EC2. Questa istanza può poi montare e formattare il volume del disco. Si può anche scegliere di smontare e staccare questo volume del disco, che può poi essere riattaccato ad un’istanza separata.

Fino a poco tempo fa, Google aveva un vantaggio significativo che offriva la possibilità di collegare un singolo volume a più istanze in sola lettura. La situazione è cambiata con l’introduzione di Amazon di EBS Multi-Attach, che ha permesso di collegare un singolo volume a un massimo di 16 istanze basate su AWS Nitro all’interno della stessa zona di disponibilità. Ogni istanza ha i permessi di lettura-scrittura al volume condiviso.

Volume Snapshotting
Google Persistent Disk e Amazon EBS consentono di creare e memorizzare istantanee del volume del disco. Permettono di creare nuovi volumi in un secondo momento usando lo snapshot (istantanea).
Il processo di creazione delle istantanee è simile in tutti i servizi. Inizialmente si crea una copia completa del volume e con le istantanee future si copiano solo le modifiche del volume precedente.

È la loro disponibilità che differisce. Le istantanee di Google Snapshots hanno il vantaggio di essere disponibili a livello globale e possono essere usate in qualsiasi regione senza costi o requisiti aggiuntivi. Le istantanee di Amazon EBS sono diverse, disponibili solo in una regione per impostazione predefinita. Dovete copiare espressamente e sostenere spese di trasferimento dati se desiderate rendere disponibile un’istantanea con AWS in un’altra regione.

Locally Attached Disks

Un disco collegato localmente (Locally Attached Disks) è direttamente collegato alla macchina fisica che esegue la vostra istanza. Questo collegamento diretto offre i vantaggi di una latenza ridotta e di una maggiore produttività con un aumento delle prestazioni.

Diamo un’occhiata più da vicino a come i dischi collegati localmente in Compute Engine e Amazon EC2 si raffrontano sulla base delle caratteristiche dei rispettivi servizi di block storage:

Block storage Amazon EC2 Google Persistent Disks
Nome del servizio Instance store Local SSD
Volume attachment Legato al tipo di istanza Può essere collegato a qualsiasi istanza non condivisa
Tipo di dispositivo Varia in base al tipo di istanza: HDD, SSD, ecc. SSD
Volumi allegati per istanza Varia in base al tipo di istanza, fino a 24 24
Capacità di archiviazione Varia in base al tipo di istanza: fino a 2500 GB per volume 356 GB per volume
Live migration No
Redundancy Nessuno Nessuno

Archiviazione di File

Se avete bisogno di archiviazione di file come parte della vostra configurazione cloud, ci sono servizi offerti sia da AWS che da Google Cloud. Si chiamano rispettivamente Amazon Elastic File System (EFS) e Google Filestore: quest’ultimo è una nuova edizione nata dal beta testing di fine 2018.

Entrambi offrono un servizio completamente gestito, in cui è possibile creare e configurare rapidamente i file system, mentre l’infrastruttura sottostante e l’implementazione, le patch e la manutenzione associate sono gestite dal vostro fornitore. La sicurezza dei dati è garantita dalla crittografia a riposo e in transito, con la possibilità di scalare le vostre istanze per soddisfare i cambiamenti dei requisiti di performance.

Come grande differenza tra i due provider, Amazon EFS funziona sul più recente Network File System Protocol, NFSv4. Il servizio Filestore di Google, invece, usa il vecchio protocollo NFSv3. Mentre gli studi hanno dimostrato che NFSv4 fornisce significativi miglioramenti delle prestazioni rispetto a NFSv3, il throughput e le specifiche delle prestazioni IOPS di entrambi i provider sono sorprendentemente simili.

Amazon EFS offre capacità prestazionali fino a 10 GB/sec e oltre 500.000 IOPS, mentre si dice che Filestore raggiunga il massimo a 16 GB/sec e 480.000 IOPS. In parole povere, entrambi vi offriranno un’infrastruttura di archiviazione in grado di gestire i carichi di lavoro più performanti con una bassa latenza.

Cool Storage

Se state pensando di archiviare i dati a cui accedete di rado e dei quali non avete necessità immediata, dovreste considerare il cool storage.

Sia Amazon S3 che Cloud Storage forniscono una classe di archiviazione a costi ridotti per questo tipo di dati. Amazon S3 offre classi di archiviazione poco frequenti Standard-IA e One Zone-IA. Cloud Storage invece offre classi poco frequenti di Nearline e Coldline.

Cold or Archival Data Storage

Se prevedete di archiviare i dati per scopi di archiviazione, che non richiedono un recupero regolare o rapido, sia Amazon che Google offrono un’ulteriore classe di cool storage per questo tipo di dati. Sono noti come Amazon Glacier e Google Archival Cloud Storage.

Entrambe sono opzioni di archiviazione a basso costo per la conservazione a lungo termine di dati a cui si accede forse meno di una volta all’anno.

Caratteristiche di Sicurezza

La sicurezza dovrà essere al primo posto tra le vostre considerazioni quando esplorata un fornitore di cloud. Quando confrontate la sicurezza in-the-cloud, concentratevi sui controlli, i criteri, i processi e le tecnologie che si combinano per proteggere i dati, i sistemi e l’infrastruttura basati sul cloud.

Sia Amazon Web Services che Google Cloud sono conosciuti per offrire una sicurezza cloud all’avanguardia. Entrambi si impegnano a portare avanti continuamente la ricerca e lo sviluppo delle loro piattaforme per far fronte a un panorama di minacce in continua evoluzione.

Con un approccio di alto livello, entrambi i provider offrono la sicurezza in-the-cloud in tre modi:

Approfondendo il servizio, esaminiamo le considerazioni principali nel confronto tra Google Cloud Security e AWS Security.

Conformità (Compliance)

La protezione dei dati e la loro conformità implicano una marea crescente di controlli normativi applicati alle informazioni sia da parte dei governi che dell’industria. La conformità deve essere considerata al primo posto nella scelta della piattaforma cloud.

Sia la piattaforma AWS che Google Cloud soddisfano alcuni dei più severi requisiti di conformità, tra cui CSA STAR, GDPR, HIPPA, PCI-DSS e una serie di standard ISO.

Entrambi i fornitori offrono programmi di conformità che comprendono certificazioni, leggi, regolamenti, quadri normativi e privacy con un crossover distinto.

La piattaforma cloud di Amazon e i programmi di conformità AWS soddisfano 75 standard di conformità. Le offerte di Google Cloud sono conformi a 75 standard di conformità. Il che rende entrambi i provider una valida opzione, anche se lavorate in un settore fortemente regolamentato come quello sanitario o dei servizi finanziari.

Il GDPR continua ad accapparrarsi titoli nelle discussioni a tema compliance. Siate certi che sia le piattaforme AWS che Google Cloud sono conformi al GDPR. Entrambe offrono un centro risorse, vi aiutano a soddisfare i requisiti di protezione, elaborazione e privacy di tutti i dati di cittadini europei che possedete.

Crittografia

La crittografia svolge un ruolo fondamentale nella protezione delle informazioni. La pratica della codifica dei dati – che rende quasi impossibile la decodifica senza una chiave – dovrebbe essere implementata indipendentemente dal luogo in cui i vostri dati sono conservati. Vi garantisce la sicurezza dei vostri dati anche se vengono intercettati in-transit o at-rest.

Sia Google Cloud che AWS offrono la crittografia di default per i dati in-transit e at-rest usando AES a 256 bit. Ciascuno di essi offre una serie di opzioni per proteggere i dati usando la crittografia lato server o lato client.

Google Cloud Key Management e AWS Key Management Service (KMS) sono i servizi di crittografia concorrenti. Ciascuno di essi vi offre la possibilità di creare e gestire facilmente le chiavi utilizzate per crittografare e firmare digitalmente i vostri dati.

Firewalls

Agendo come prima linea di difesa per la vostra infrastruttura IT, un firewall è responsabile della protezione della vostra rete da intrusioni indesiderate. Sia Google Cloud che Amazon offrono una protezione firewall all’avanguardia delle loro piattaforme cloud.

Inoltre, entrambi i provider offrono prodotti firewall-as-a-service per migliorare la protezione se gestite un Virtual Private Cloud (VPC), dovete difendervi dagli attacchi DDoS e centralizzare la gestione della configurazione del firewall.

AWS Network Firewall e Google Cloud Firewalls sono i servizi competitivi che consentono di implementare l’accesso alla sicurezza di rete attraverso i VPC in pochi clic. Se siete alla ricerca di una protezione contro gli attacchi DDoS, potete scegliere tra i servizi di AWS Shield o Google Cloud Armor.

Quando si tratta della configurazione centrale e della gestione delle regole del firewall in tutti gli account e le applicazioni ospitate nel cloud, Amazon offre questo servizio separamente chiamandolo AWS Firewall Manager. Caratteristiche e funzionalità che Google include come parte del suo servizio principale Cloud Firewall.

Identity Access Management (IAM)

Controllare chi ha accesso a cosa svolge un ruolo critico nella sicurezza del sistema ed è un processo noto come Identity Access Management. È il primo passo per impedire ai visitatori indesiderati di accedere a informazioni sensibili.

Sia Google Cloud che AWS offrono servizi di Identity Access Management all’interno della loro piattaforma cloud. Vi danno un controllo granulare su chi ha accesso alle vostre applicazioni, a quali dati possono accedere e cosa possono fare ai vostri dati.

Di seguito riportiamo i principali servizi IAM concorrenti in offerta:

Identity and Access Management Console

Questo è il servizio IAM centralizzato che vi offre una visibilità e un controllo completi per gestire le vostre risorse cloud, dagli amministratori il potere di controllare chi può intervenire su risorse specifiche.

Managed Services per Microsoft Active Directory

Se implementate già IAM usando la directory Active di Microsoft e pensate di continuare a farlo nel cloud, entrambi i fornitori di cloud vi offrono un servizio consolidato per l’esecuzione di Microsoft AD.

Single Sign-On

Gestisce e controlla centralmente l’accesso degli utenti a più account e applicazioni sia on-premises che nel cloud attraverso l’accesso single sign-on. Aiuta a migliorare la produttività e l’esperienza utente dei dipendenti grazie alla facilità di accesso.

Mobile and Web Application Control

Approfittate di un servizio IAM basato sul cloud che vi permette di aggiungere l’iscrizione degli utenti, l’accesso e il controllo degli accessi alle vostre applicazioni mobili e web.

Cerchi una soluzione di hosting che ti dia un vantaggio competitivo? Kinsta offre una velocità incredibile, sicurezza all’avanguardia e scalabilità. Dai un’occhiata ai nostri piani

Responsabilità Condivisa

L’implementazione della sicurezza e della conformità nel cloud è una responsabilità condivisa.

È fondamentale comprendere lo spartiacque tra chi è responsabile di cosa quando si tratta di implementare una solida posizione di sicurezza in-the-cloud. Un fraintendimento in questo caso creerà vulnerabilità di sicurezza facilmente evitabili.

Amazon Web Services e Google Cloud Platform forniscono una guida completa sui loro modelli di responsabilità condivisa per la sicurezza in-the-cloud. Di seguito è riportata una rappresentazione grafica di alto livello di ciascuno di essi.

Modello di Responsabilità Condivisa di AWS

Modello di responsabilità condivisa della piattaforma cloud AWS

Modello di responsabilità condivisa della piattaforma cloud AWS (Fonte: AWS)

Modello di Responsabilità Condivisa di Google Cloud

Modello di responsabilità condivisa della piattaforma Google Cloud

Modello di responsabilità condivisa della piattaforma Google Cloud (Fonte: Google)

Supporto

Con l’implementazione di un nuovo servizio cloud, vi imbatterete in situazioni in cui vi mancheranno le conoscenze o le competenze necessarie per svolgere un compito. In queste situazioni, avete bisogno di un fornitore di servizi cloud che fornisca guida e supporto aggiuntivi necessari per superare tali ostacoli.

Sia AWS che Google Cloud sono entrambi rinomati per le loro ampie librerie di documentazione tecnica ma anche per le loro fiorenti comunità cloud, frequentate da migliaia di esperti di cloud che sono sempre disposti a condividere le loro conoscenze.

Qui è possibile sfogliare una vasta gamma di argomenti che spaziano da tutorial, discussioni e persino incontri di persona. Qui sotto potete trovare i link alla rispettiva documentazione e ai portali di supporto della comunità:

Potete risolvere la maggior parte dei problemi che incontrate con il supporto delle fonti di cui sopra. Alla fine, vi imbatterete in una situazione in cui sono necessarie competenze immediate e avanzate e un supporto pratico. In questa situazione, è ragionevole avere una soluzione di supporto ufficiale, direttamente dal vostro fornitore di cloud o da un partner terzo autorizzato.

Come parte del loro modello di supporto, sia AWS che Google Cloud offrono un supporto di base oltre a una serie di piani a pagamento aggiuntivi. Se state pensando a un piano premium, fate una ricerca e capirete cosa è incluso. Questo comporta le tariffe associate, per assicurarvi di scegliere un piano di cui avete bisogno con un prezzo che potete permettervi.

Piani di Supporto di Google Cloud

Google Cloud ha 4 piani di supporto disponibili, che si dividono in due tipi: supporto basato sui ruoli e supporto premium.

Il supporto basato sui ruoli è suddiviso in tre livelli – Base, Sviluppo, Produzione:

Il supporto premium è il piano di più alto livello disponibile:

Piani di Supporto di AWS

Anche AWS fornisce 4 piani di supporto disponibili divisi tra gratuiti e premium.

Il supporto premium è suddiviso in 3 livelli, Developer, Business, ed Enterprise:

Qui a Kinsta comprendiamo l’importanza e la necessità di un supporto esperto nel momento del bisogno. Ecco perché l’intero team di supporto Kinsta è composto da esperti ingegneri WordPress e Linux. Che siate una PMI o un’azienda Fortune 500, otterrete lo stesso livello di supporto premium dedicato.

Fatturazione e Prezzi

Senza dubbio, un confronto accurato dei prezzi tra i fornitori di cloud è uno degli aspetti più impegnativi del processo decisionale. Ogni fornitore ha una metodologia di fatturazione e di determinazione dei prezzi unica, con innumerevoli variabili e parti flessibili.

Per aiutarvi a comprendere meglio la sfida del confronto dei prezzi dei fornitori di cloud, qui di seguito sono riportate solo alcune variabili che influenzeranno il prezzo dell’implementazione del cloud desiderato:

Più grande è l’implementazione del cloud, maggiore è la complessità, soprattutto se si tiene conto dei diversi tipi di tecnologia tra i fornitori di cloud. Prendiamo le macchine virtuali, ad esempio, la diversa tecnologia può rendere impossibile il confronto tra i requisiti di RAM e CPU.

Non temete, abbiamo alcuni strumenti, informazioni e linee guida che vi aiuteranno a iniziare a creare il vostro confronto personalizzato tra i prezzi di Google Cloud e AWS.

Confronto tra i Prezzi di AWS e Google Cloud

Ci sono letteralmente centinaia di prodotti diversi offerti da Google Cloud e AWS. Ognuno ha il proprio sottoinsieme di servizi, tecnologie e modelli di prezzo. Le opzioni disponibili significano che le combinazioni di distribuzione possono facilmente superare le centinaia. Non sorprende che molte persone si sentano sopraffatte anche solo esplorando le combinazioni di archiviazione e di calcolo per la distribuzione più elementare.

Calcolatori dei Prezzi del Cloud

Per fortuna, entrambi i fornitori mettono ciascuno a disposizione il proprio calcolatore di prezzi. Esso contiene ogni prodotto e servizio, le specifiche e i costi associati. Questo è il primo passo per creare una stima comparabile dei prezzi.

Ai fini di questo confronto dei prezzi, esploreremo i costi di calcolo delle VM di Amazon EC2 e Google Compute Engine. Abbiamo scelto questa opzione di confronto perché, secondo Gartner, due terzi della spesa totale per il cloud è tipicamente destinata alle risorse di calcolo. Inoltre, nella maggior parte dei casi, le risorse di calcolo costituiranno la base della vostra implementazione del cloud. Quindi, senza ulteriori indugi, approfondiamo questo aspetto.

Premessa per il Confronto dei Prezzi del Cloud

Per creare un confronto accurato, selezioneremo la stessa regione, le stesse CPU e lo stesso sistema operativo:

Abbiamo quindi selezionato istanze VM con specifiche RAM comparabili tra i diversi tipi di macchine:

Sentitevi liberi di giocare con le vostre opzioni, poiché il passaggio tra diverse variabili nel tipo di istanza, regione, sistema operativo e CPU può modificare significativamente il vostro prezzo.

Di seguito riportiamo una tabella che illustra le istanze scelte per il confronto:

Tipo di istanza Amazon EC2 EC2 RAM(GiB) Compute Engine Google RAM (GiB)
Multiuso t4g.xlarge 16 n1-standard-4 15
Compute Optimized c6g.xlarge 8 c2-standard-4 16
Memory-Optimized r6g.xlarge 32 n2-highmem-4 32
GPU g4dn.xlarge 16 NVIDIA® Tesla® T4 64

Pay-As-You Go

AWS e Google Cloud offrono un modello di prezzo a pagamento on-demand. Questo è il modello più adatto a chi si aspetta un utilizzo intermittente del cloud, in quanto consente un approccio flessibile per aggiungere e rimuovere servizi quando ne ha bisogno. Naturalmente, questo livello di flessibilità ha un costo, rendendo il modello pay-as-you-go più costoso in termini orari.

Tipo di istanza Amazon EC2 EC2 Price
(per hour)
Compute Engine Prezzo Google (per ora)
Multiuso t4g.xlarge $0.134 n1-standard-4 $0.150
Compute Optimized c6g.xlarge $0.136 c2-standard-4 $0.188
Memory Optimized r6g.xlarge $0.201 n2-highmem-4 $0.295
GPU g4dn.xlarge $0.526 NVIDIA® Tesla® T4 $1.40

Tabella che mostra le tariffe orarie pay-as-you-go di Amazon EC2 vs Compute Engine

Come si può vedere dalla tabella qui sopra, Amazon EC2 offre un prezzo orario significativamente più basso per i diversi tipi di istanza rispetto al Compute Engine di Google. Questo fatto è sempre più impressionante se si considerano i fattori di prezzo orario di Compute Engine nel sistema di sconti per utilizzo sostenuto. Questo tipo di sconto viene applicato quando l’utilizzo in un mese supera una certa soglia, offrendo risparmi a partire dal 15% e fino al 60%.

Se cercate risorse di calcolo solo per brevi periodi intermittenti, vale la pena esplorare le istanze temporanee.

Amazon le chiama Spot Instances mentre Google parla di Preemptible Virtual Machines: potete sbloccare significativi risparmi sui costi pay-as-you-go fino al 90% del prezzo on-demand di cui sopra attingendo alle risorse di calcolo di riserva dei fornitori di cloud.

Basta che siate consapevoli che i carichi di lavoro vengono interrotti se la risorsa è improvvisamente necessaria altrove.

Piani di Impegno a Lungo Termine

Pianificando a lungo termine, se potete impegnarvi a lungo termine per la vostra implementazione del cloud, sbloccherete risparmi significativi rispetto a un modello pay-as-you-go.

Amazon e Google offrono entrambi un modello di prezzo a lungo termine con opzioni di impegno iniziale di 1 o 3 anni. Google ha nominato i suoi piani Committed Use, mentre Amazon usa il termine Reserved Instances. Entrambi offrono uno sconto significativo rispetto ai prezzi on-demand: fino al 70% su Compute Engine e fino al 72% su Amazon EC2.

Anche in questo caso, giocate con le variabili per soddisfare le vostre esigenze, come regione, tipo di istanza, CPU, sistema operativo, poiché tutto questo influenzerà il vostro prezzo all’ora. Con Amazon EC2, scoprirete anche che potete cambiare l’importo dello sconto in base a quando e come pagate.

C’è anche la possibilità di scegliere tipi di istanza convertibili, consentendo di passare a una VM più recente, se disponibile.

I casi non convertibili, con l’intero importo pagato in anticipo, offrono il massimo livello di sconto. Ai fini di questo confronto su un impegno di 1 e 3 anni, abbiamo usato queste opzioni.

Impegno di 1 anno

Come si può vedere dalla tabella sottostante, anche in questo caso Amazon EC2 è più economico per un’istanza di 1 anno rispetto a Compute Engine.

Tipo di istanza Amazon EC2 Prezzo EC2 (per ora) Comput Engine Prezzo Google (per ora)
Multiuso t4g.xlarge $0.079 n1-standard-4 $0.125
Compute Optimized c6g.xlarge $0.080 c2-standard-4 $0.141
Memory Optimized r6g.xlarge $0.118 n2-highmem-4 $0.177
GPU g4dn.xlarge $0.309 NVIDIA® Tesla® T4 $0.880

Tabella che mostra le tariffe orarie per un impegno di 1 anno per Amazon EC2 vs Compute Engine.

Amazon EC2 è fino al 40% in generale più economico di Compute Engine per un’istanza con impegno di un anno.

Il divario di prezzo si amplia con Amazon che offre uno sconto maggiore del 40% rispetto ai modelli a pagamento per tutti i tipi di istanze, come ricompensa per l’impegno. La ricompensa di Google per la vostra fedeltà invece ammonta solo al 15-20%.

È importante notare che, senza il pagamento anticipato e con l’opzione dell’istanza convertibile su Amazon EC2, l’importo dello sconto scende sotto il 30% e riduce in qualche modo la differenza di prezzo.

Impegno Triennale

Guardando la tabella qui sotto, stiamo vivendo un déjà vu, con Amazon EC2 che continua a essere più economico su tutta la linea anche quando vi impegnate per 3 anni rispetto a Compute Engine.

Tipo di istanza Amazon EC2 Prezzo EC2 (per ora) Compute Engine Prezzo Google (per ora)
Multiuso t4g.xlarge $0.050 n1-standard-4 $0.046
Compute Optimized c6g.xlarge $0.051 c2-standard-4 $0.094
Memory Optimized r6g.xlarge $0.075 n2-highmem-4 $0.126
GPU g4dn.xlarge $0.198 NVIDIA® Tesla® T4 $0.640

Tabella che mostra le tariffe orarie per un impegno di 3 anni per Amazon EC2 vs Compute Engine

Tuttavia, abbiamo un’eccezione nella categoria Multiuso: Compute Engine inverte la tendenza ed è più economico con un impegno di 3 anni.

In caso contrario, il divario di prezzo rimane intorno al 40% per le opzioni Compute Optimized e Memory Optimized su un impegno di 3 anni. Per il confronto con le GPU, in realtà si allarga a circa il 60%, un risparmio enorme.

Ancora una volta, bisogna notare che l’assenza di pagamento anticipato e l’opzione dell’istanza convertibile su Amazon EC2 implicherà una riduzione più marcata sull’importo del vostro sconto. Questo riflette l’aumento del rischio di mantenere le istanze VM per 3 anni.

Il cloud computing si evolve rapidamente, e se rimanete legati a un impegno preso non potrete attingere a istanze VM più nuove, più veloci e più efficienti.

Prove Gratuite

Se non siete pronti a passare a un servizio cloud, sia AWS che Google Cloud offrono un livello gratuito su un’ampia gamma dei loro prodotti. Poiché forniscono un importo di risorse predefinito per un determinato periodo di tempo, è la soluzione perfetta se la vostra intenzione è provare un servizio.

Entrambi i provider offrono anche servizi cloud “sempre gratuiti”, ideali se avete esigenze di utilizzo molto basse e non avete problemi di interruzione delle operazioni. Diamo un’occhiata più da vicino.

AWS Free Tier

Esplorando l’AWS Free Tier, potrete sbloccare l’accesso gratuito a una gamma di 85 prodotti e servizi cloud.

L’AWS Free Tier include tre diverse tipologie:

Sarete in grado di esplorare una vasta gamma di prodotti attraverso il calcolo, lo storage, il database, l’IoT, l’IA e molti altri.

Se state iniziando, allora vale la pena considerare le opzioni di calcolo e di archiviazione che sono gratuite per 12 mesi dopo l’iscrizione:

Google Cloud Free Tier

Le possibilità offerte da GCP Free Tier sembrano un po’ più restrittive dell’alternativa AWS. In ogni caso otterrete comunque l’accesso a 24 prodotti e servizi cloud che, a differenza di AWS, rimangono sempre in offerta gratuita, ovviamente entro i limiti di utilizzo mensili.

Oltre all’offerta gratuita di AWS, i nuovi clienti di Google Cloud sbloccheranno 300 dollari di credito che potranno essere spesi per QUALSIASI prodotto e servizio di Google Cloud.

Anche se le opzioni sono più limitate, è comunque possibile esplorare un’entusiasmante gamma di prodotti che vanno da IoT (Internet of Things), Intelligenza Artificiale, archiviazione, database e calcolo che coprirà in gran parte i servizi cloud più ricercati.

Proprio come con AWS, se state iniziando, provate le opzioni di calcolo e di archiviazione che su GCP rimangono sempre gratuite:

Quando si tratta di confrontare i livelli gratuiti, è chiaro che GCP ha un vantaggio sulla piattaforma GCP. Entrambi vi forniranno un accesso molto più ampio alla sperimentazione dei loro diversi prodotti e servizi. È la situazione ideale se preferite ancora non impegnarvi in un’implementazione cloud.

Google Cloud È Più Economico di AWS?

Quando si tratta di calcolare le risorse del cloud, che costituiscono la spina dorsale della maggior parte delle implementazioni e delle spese del cloud, la risposta è no. AWS è decisamente più economico di Google Cloud Platform per le istanze VM.

Tuttavia, la risposta diventa molto più “nuvolosa” quando ci si allontana dalle semplici risorse di calcolo. Dopo aver ricercato tra più prodotti, servizi e modelli di prezzo non c’è un chiaro vincitore nella guerra dei prezzi.

Dovrete trovare da soli la risposta a questa domanda, che si baserà interamente sulle esigenze specifiche della vostra azienda. Quale ubicazione del data center avete scelto, le vostre esigenze di networking, il tipo di carico di lavoro che state gestendo, la stagionalità. La lista è infinita.

Una cosa è certa, ci sono belle offerte di cui approfittare, e l’opportunità per Google Cloud di essere più economico di AWS esiste sicuramente. Dipende solo dalla vostra configurazione e dai servizi richiesti.

L'ecosistema del cloud è composto da una miriade complessa e in continua espansione di fornitori, tecnologie, prodotti e servizi. 🤯 Ma i servizi Web di Google Cloud Platform e Amazon Web Services sono superiori agli altri 👆Click to Tweet

Per aggiungere Azure al mix, date un’occhiata al nostro confronto sul cloud computing tra AWS e Azure.

Riepilogo

Il nostro obiettivo nell’analisi di questi fornitori di cloud è quello di cercare la risposta definitiva a quale sia la migliore piattaforma cloud: Google Cloud o Amazon Web Services?

Nel nostro viaggio, è chiaro che Google Cloud e AWS sono leader di mercato. Entrambe le piattaforme offrono una vasta gamma di prodotti e servizi cloud all’avanguardia del progresso tecnologico. Entrambi offrono vantaggi significativi rispetto a un’implementazione on-premise quando si tratta di scalabilità, prestazioni, sicurezza e costi. A prescindere da quale abbiate scelto, potrete sbloccare un servizio premium a un prezzo competitivo.

Noi di Kinsta usiamo la Google Cloud Platform per offrire prestazioni di alto livello all’interno delle nostre soluzioni di web hosting. Il servizio di rete di livello premium offre significativi miglioramenti delle prestazioni per ridurre la latenza e ridurre al minimo i tempi di inattività.

In termini di progressione, è chiaro che Google Cloud sta apportando miglioramenti significativi alla piattaforma. Quest’anno ha visto una crescita impressionante dei ricavi del cloud e l’adozione di nuovi servizi, come Google Meet, nonostante una pandemia globale. Si prevede che il 2021 sarà un altro anno entusiasmante per Google Cloud Platform.

Alla fine, la risposta migliore dipende dalle esigenze individuali della vostra azienda. Qualunque sia la risposta, fate la vostra ricerca, seguite la nostra guida Google Cloud vs AWS e prendete la decisione migliore per la vostra azienda.


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 28 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.