AWS o Azure? È una domanda in cui ci si imbatte spesso quando si parla di cloud computing. Entrambi gli ecosistemi cloud offrono innumerevoli vantaggi, dalla potenza di calcolo superiore, la scalabilità e la sicurezza all’impareggiabile rapporto costo-efficacia e alla riduzione delle emissioni di carbonio.

Il settore del cloud computing è cresciuto rapidamente, esplodendo in una vasta gamma di fornitori di cloud, tecnologie, prodotti e servizi. Anche una semplice implementazione del cloud offre centinaia di opzioni. È strano da dire, ma è un problema di troppe opzioni di scelta!

Per complicare ulteriormente le cose, molti fornitori usano terminologie uniche per offerte simili. La stessa tecnologia avrà nomi diversi, e questo rende più confusi i confronti tra caratteristiche simili. Quindi, avete bisogno di una guida che vi aiuti a rendere semplici le decisioni difficili.

In questo articolo, vi aiuteremo a decidere tra i due giganti del cloud computing: Amazon Web Services (AWS) e Microsoft Azure. Imparerete a conoscere i loro prodotti principali, i servizi, i modelli di prezzo e le strutture di supporto ai clienti.

Cominciamo!

Perché AWS vs Azure

Ogni industria ha i suoi leader di mercato – poche aziende selezionate che si elevano sopra il resto, stabilendo il punto di riferimento per l’eccellenza.

Se state esplorando il mondo dei prodotti e servizi cloud, allora Google Cloud Platform, Microsoft Azure e Amazon Web Services sono i tre fornitori che sono diventati sinonimo di “cloud”, mentre Alibaba Cloud si è aggiunto di recente.

Prima di salire alla ribalta nel mercato del cloud, Amazon e Microsoft erano leader globali nei loro rispettivi campi. Ognuno era rinomato per una storia di innovazione, eccellenza e dominio del mercato.

Quando si sono imbarcati nell’avventura del cloud, avevano la base tecnologica ideale, le competenze e le risorse finanziarie per sviluppare piattaforme di cloud computing leader del settore. Entrambi i fornitori hanno guidato la creazione di nuovi prodotti e servizi cloud dalla comparsa della tecnologia.

Non sorprende che Microsoft e Amazon Web Services siano stati nuovamente nominati leader nel più recente Magic Quadrant di Gartner per l’infrastruttura cloud e i servizi di piattaforma. Entrambi figurano nell’angolo in alto a destra del quadrante dei leader, premiati sulla capacità di esecuzione e sulla completezza della visione. AWS ottiene l’onore del primo posto, aggiudicandoselo per il decimo anno consecutivo.

Magic Quadrant 2020 per l'infrastruttura cloud come servizio, in tutto il mondo (fonte: Gartner)

Magic Quadrant 2020 per l’infrastruttura cloud come servizio, in tutto il mondo (Fonte: Gartner)

AWS e Microsoft Azure Dominano la Quota di Mercato del Cloud

Secondo l’ultima ricerca di Canalys e Synergy Research Group, Microsoft Azure e AWS insieme controllano più del 50% della spesa mondiale per i servizi di infrastruttura cloud. Questa è una tendenza che sembra destinata a continuare, con entrambi i fornitori che cercano di rafforzare ulteriormente la loro posizione nel mercato attraverso investimenti e innovazione nelle loro piattaforme cloud.

Spesa mondiale per i servizi di infrastruttura cloud, 3° trimestre 2020 (Fonte: Canalys)

Spesa mondiale per i servizi di infrastruttura cloud, 3° trimestre 2020 (Fonte: Canalys)

Nonostante la pandemia del Coronavirus abbia causato un declino economico globale, il mercato del cloud computing sta sfidando le probabilità, con la più recente previsione di Gartner che prevede una crescita del 6,3% nel fatturato mondiale del cloud pubblico nel 2020.

La pandemia ha reso necessario il bisogno di lavorare in remoto, facendo esplodere la modalità di lavoro a distanza e portando a un sorprendente aumento del 94% nel mercato del Desktop as a Service (DaaS). Allo stesso modo sta costringendo innumerevoli organizzazioni a iniziare o accelerare i loro viaggi di trasformazione digitale per sopravvivere. In questo contesto, ci si può aspettare che AWS e Azure continuino la loro crescita.

Indipendentemente dal fatto che stiate cercando IaaS, PaaS o SaaS, grazie a Amazon Web Services e Microsoft Azure scoprirete una soluzione cloud competitiva . Entrambi i fornitori si sono evoluti per offrire centinaia di prodotti e servizi cloud, permettendo loro di competere nella vastità del mercato cloud: la loro continua innovazione aggiunge nuove soluzioni cloud che creano flussi di entrate costanti.

Entrate di Amazon Web Services nel 2020

AWS ha raggiunto un fatturato annuo di oltre 40 miliardi di dollari alla fine del 2019. Il suo Q4 Earnings Release del 2019 riporta un fatturato di quasi 10 miliardi di dollari.

Durante il 2020, mentre la gravità della pandemia prendeva piede, abbiamo iniziato a vedere un impatto significativo sul tasso di crescita di AWS. Le dichiarazioni sugli utili del Q1, del Q2 e del Q3 per il 2020 hanno mostrato che il tasso di crescita YoY è sceso sotto il 30% : un netto calo rispetto ai 3 anni precedenti quando la crescita era costantemente intorno al 40-50%.

Naturalmente, questo non è uno scenario cupo e tetro. Andy Jassy, CEO di AWS, ha dato il via alla recente Conferenza re:Invent di Amazon Web Services annunciando che l’azienda ha superato i 40 miliardi di dollari di entrate annuali. A partire da novembre 2020, AWS ha aggiunto un incremento di 10 miliardi di dollari di entrate nei 12 mesi precedenti, il più veloce di sempre.

Fatturato di Microsoft Azure nel 2020

Mentre Amazon specifica le sue entrate per AWS, Microsoft riporta solo il tasso di crescita di Azure. Questa mancanza di specificità frustra la maggior parte degli esperti di cloud, poiché non permette di confrontare direttamente le dimensioni di AWS e Azure.

Microsoft, tuttavia, fornisce informazioni su un raggruppamento di prodotti di cui Azure fa parte chiamato “Intelligent Cloud”. Quando Microsoft ha rilasciato la dichiarazione del loro Q4 2019 Earnings Release, ha riportato una crescita delle entrate di Azure del 62%, con Intelligent Cloud che ha registrato una crescita delle entrate del 27% fino a raggiungere 11,9 miliardi di dollari.

Con la pandemia sullo sfondo, Microsoft ha continuato a segnalare una crescita impressionante nel corso del 2020. Le dichiarazioni sugli utili del Q1, Q2, Q3 e Q4 hanno riportato una crescita trimestrale per Azure al 59%, 47%, 48% e 50%, rispettivamente.

Mentre entriamo nel 2021, Microsoft ha riferito che il suo run rate commerciale per il cloud ha raggiunto 66,8 miliardi di dollari; il CEO Satya Nadella cita la trasformazione digitale e la domanda di cloud come forze trainanti dietro i risultati impressionanti di Microsoft.

Confronto delle Caratteristiche tra Amazon Web Services e Microsoft Azure

Confrontare le piattaforme cloud AWS e Azure non è un compito semplice. Poiché i sistemi tradizionali si sono spostati dall’on-premises al cloud, entrambi i fornitori hanno ampliato le loro offerte di servizi per includere oltre 25 diverse categorie di soluzioni cloud.

Oggi, AWS e Microsoft Azure offrono centinaia di soluzioni cloud competitive che comprendono innumerevoli prodotti e servizi. C’è una ricchezza di scelta con categorie che vanno dal calcolo allo stoccaggio, e poi il database, la sicurezza, la robotica, il machine learning e persino le tecnologie quantistiche. Per evitare di perdersi nei dettagli mentre si fa questo confronto, è necessario un livello base di conoscenza e comprensione delle due tecnologie.

Fortunatamente, i prodotti e i servizi della piattaforma Amazon Web Services e della piattaforma Microsoft Azure sono per lo più raggruppati sotto le stesse voci di categoria. Per aiutarvi ad accelerare e semplificare il processo decisionale, ci siamo presi il tempo per confrontare i prodotti e servizi cloud più comunemente ricercati in diverse categorie business-critical.

Poiché abbiamo una grande esperienza nella fornitura ai nostri clienti di soluzioni di hosting WordPress leader di mercato, conosciamo di prima mano questi tipi di servizi cloud. Oltre a discutere la costruzione di un’implementazione cloud, daremo anche uno sguardo dettagliato alle considerazioni chiave che accompagnano questi servizi, come il supporto clienti, l’infrastruttura globale, la fatturazione e le strutture dei prezzi.

Usate l’indice sopra per spostarvi tra le sezioni:

Caratteristiche di Calcolo

Le risorse di calcolo sono la base su cui costruirete la vostra implementazione del cloud. Le decisioni che prendete in questa categoria influenzano direttamente la velocità e le prestazioni della vostra piattaforma, compresi i sistemi che si eseguono su di essa e i servizi che i vostri dipendenti usano. Quindi, dovete scegliere la configurazione giusta per le vostre esigenze aziendali.

È anche necessario tenere conto dei costi di calcolo, in quanto costituiscono due terzi della spesa media del cloud aziendale, secondo il CEO di ParkMyCloud, Jay Chapel.

Confrontando le capacità di calcolo di Amazon Web Services e Microsoft Azure, ci concentriamo principalmente sulle macchine virtuali (VM). Le macchine virtuali formano la spina dorsale del vostro ambiente cloud, emulano le funzionalità dei sistemi informatici fisici e alimentano quasi tutti i carichi di lavoro a cui potete pensare.

Sia AWS che Azure adottano un approccio simile alle VM. Tuttavia, scavando nei due servizi, scoprirete che usano una terminologia diversa per le loro offerte di calcolo individuali.

L’offerta di calcolo di Amazon Web Services è conosciuta come Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2). Microsoft, d’altra parte, si riferisce al suo prodotto di calcolo come Azure Virtual Machines. La tabella qui sotto mostra le differenze chiave di calcolo tra AWS e Azure:

Caratteristica Amazon EC2 Azure
Macchine virtuali Istanze Macchine virtuali
Immagini Amazon Machine Image VM Image (sia del solo disco d’avvio che della macchina completa)
Modelli di VM AWS Cloud FormationS Azure Resource Manager
Scalabilità automatica delle istanze Auto Scaling Azure Autoscale
Formati di importazione VM supportati RAW, OVA, VMDK e VHD VHD
Località di deployment Zonale Regionale (equivalente alle zone della piattaforma Cloud)
Macchine virtuali preemptible
Snapshot incrementali

Caratteristiche delle Macchine Virtuali

Esplorando le implementazioni di VM-instance in Amazon EC2 e Azure, scoprirete che i provider condividono molte caratteristiche simili, se non identiche. Queste includono:

Accesso alle Macchine Virtuali

Troverete che sia Azure che AWS adottano un approccio simile all’accesso alle VM di macchine Linux e Windows.

Per le macchine Linux, se volete un accesso al terminale basato su SSH, Amazon EC2 e Azure richiedono entrambi di includere la propria chiave SSH. Inoltre, nessuno dei due provider supporta l’accesso al browser SSH.

Per quanto riguarda l’accesso alle VM per le macchine Windows, Amazon EC2 e Azure supportano l’accesso attraverso i protocolli standard Remote Desktop (RDP).

Il punto in cui differiscono leggermente è nella fornitura di percorsi di accesso aggiuntivi. Azure offre un accesso aggiuntivo alle macchine Windows tramite Microsoft PowerShell, mentre Amazon EC2 fornisce un accesso aggiuntivo alle macchine Windows tramite il suo indirizzo IPv6 e Session Manager.

Tipi di Istanze di Macchine Virtuali

Per semplificare e accelerare il processo di implementazione della vostra configurazione VM, Azure e Amazon EC2 offrono entrambi una vasta gamma di istanze predefinite.

Ogni tipo di istanza VM è configurata con una specifica CPU virtuale, RAM e componenti di rete. Se optate per Microsoft o Amazon, ci sono centinaia di tipi di macchine virtuali disponibili tra cui scegliere.

Entrambi i fornitori implementano la flessibilità nel processo, permettendovi di personalizzare la vostra configurazione. È possibile riconfigurare gli elementi fondamentali dell’istanza predefinita, tra cui il numero di CPU e la RAM disponibile, dandovi il potere di scalare le capacità delle risorse della VM verso l’alto o verso il basso per soddisfare i requisiti unici della vostra organizzazione.

Entrambi i fornitori offrono specifiche di fascia alta estrema per supportare i carichi di lavoro più esigenti. Attualmente raggiungono il massimo con le seguenti specifiche:

Per semplificare ulteriormente il processo, entrambi i provider raggruppano i tipi di VM in categorie ottimizzate e configurate per l’uso previsto. Queste categorizzazioni di VM includono quelle per utilizzo generico, quelle ottimizzate per la memoria, ottimizzate per il calcolo, ottimizzate per l’archiviazione, per l’elaborazione grafica (GPU) e le VM ad alte prestazioni.

Abbiamo compilato la seguente tabella, che elenca i tipi di macchine aggiornate per entrambi i servizi a partire da gennaio 2021.

Tipo di macchina Amazon EC2 Azure
Utilizzo generale a1.medium – a1.metal

t4g.nano – t4g.2xlarge

t3.nano – t3.2xlarge

t3a.nano – t3a.2xlarge

t2.nano – t2.2xlarge

m6g.medium – m6gd.metal

m5.large – m5d.metal

m5a.large – m5ad.24xlarge

m5n.large – m5dn.24xlarge

m4.large – m4.16xlarge

A1 v2 – A8m v2

B1LS – B20MS

D2a v4 – D96a v4

D2as v4 – D96as v4

D2 v4 – D64 v4

D2d v4 – D64d v4

D2ds v4 – D64ds v4

D2s v4 – D64s v4

D2 v3 – D64 v3

D2s v3 – D64s v3

D1-5 v2 – D5 v2

DS1-5 v2 – DS5 v2

DC1s v2 – DC8 v2

Ottimizzate per la memoria r6g.medium – r6gd.metal

r5.large – r5d.metal

r5a.large – r5ad.24xlarge

r5n.large – r5dn.24xlarge

r4.large – r4.16xlarge

x1e.xlarge – x1e.32xlarge

x1.16xlarge – x1.32xlarge

u-6tb1.metal -u24tb1.metal

z1s.large – z1d.metal

E2 v3 – E64 v3

E2 v4 – E64 v4

E2a v4 – E96 v4

E2as v4 – E96as v4

E2d v4 – E64d v4

E2ds v4 – E64ds v4

E2s v3 – E64s v3

E2s v4 – E64s v4

D11 v2 – D15 v2

DS11 v2 – DS15 v2

G1 – G5

Gs1 – Gs5

M8ms – M128ms

M32dms v2 – M192idms v2

M32ms v2 – M192ims v2

M208s v2 – M416ms v2

S96 – S576m

S223 – S896oom

DS11-1 v2 – M128-64ms

Ottimizzate per il calcolo c6g.medium – c6gd.metal

c5.large – c5d.metal

c5a.large – c5ad.24xlarge

c5n.large – c5n.metal

c4.large – c4.8xlarge

F2s v2 – F72s v2

F1 – F16

F1 – F16

Ottimizzate per l’archiviazione i3.large – i3.metal

i3en.large – i3en.metal

d2.xlarge – d2.8xlarge

h1.2xlarge – h1.16xlarge

L8s v2 – L80s v2

L4s – L32s

GPU p4d.24xlarge

p3.2xlarge – p3db.24xlarge

p2.xlarge – p2.16xlarge

inf1.xlarge – inf1.24xlarge

g4dn.xlarge – g4dn.metal

g3s.xlarge – g3.16xlarge

f1.2xlarge – f1.16xlarge

NC6 – NC24

NC6 Promo – NC24r Promo

NC6s v2 – NC24s v2

NC6s v3 – NC24s v3

NC4as T4 v3 – NC64as T4 v3

NP10s – NP40s

NV6 – NV24

NV12s v3 – NV48s v3

ND6s – ND24s

ND40rs v2

Prestazioni elevate n/a H8 – H16m

H8 Promo – H16mr Promo

HB120rs v2

HC44rs

Nota: Azure e Amazon EC2 aggiungono regolarmente nuovi tipi di VM. Per un elenco completo per ogni servizio, vedete Azure Linux Virtual Machines, Azure Windows Virtual Machines e Amazon EC2 Instance Types.

Immagini delle Macchina Virtuali

Le immagini delle macchine virtuali accelerano l’implementazione fornendo una configurazione preconfigurata della macchina virtuale che include un sistema operativo, insieme al software del server e del database di supporto. Sia Azure che Amazon EC2 permettono l’uso di immagini di macchine per creare nuove istanze.

Oltre a una serie di configurazioni di immagini proprietarie già pronte, entrambe le piattaforme supportano l’uso di immagini sviluppate da fornitori terzi, a cui è possibile accedere attraverso le rispettive piattaforme, AWS Marketplace e Azure Marketplace. Avete anche la possibilità di creare e memorizzare le vostre immagini personalizzate per uso privato.

Nel dicembre 2020, AWS ha lanciato Amazon Elastic Container Registry Public (ECR Public), offrendo la capacità unica di memorizzare, gestire, condividere e distribuire immagini di container in modo che chiunque possa scoprirle e scaricarle a livello globale. Dimostrandosi già un’opzione popolare, questo è senza dubbio un servizio che Azure cercherà di replicare in futuro.

Scalabilità Automatica delle Istanze delle Macchine Virtuali

La scalabilità automatica permette di creare e rimuovere istanze VM in linea con le politiche definite dall’utente. È possibile ottimizzare le prestazioni, scalando le risorse di calcolo in alto o in basso in tempo reale per soddisfare la domanda. Ciò consente di controllare i costi, riducendo al minimo le risorse inutilizzate, e pagare solo ciò di cui si ha bisogno.

Sia Amazon EC2 che Azure supportano l’autoscaling, implementandolo in modi simili:

Tra le piattaforme, ci sono tre piani di auto-scalabilità disponibili: manuale, dinamico e programmato. Amazon Auto Scaling supporta tutti e tre, mentre Azure Autoscale supporta solo l’autoscaling dinamico e programmato. Ogni piano può essere definito come segue:

Istanze Temporanee di Macchine Virtuali

Le istanze temporanee sono VM che girano sulla capacità inutilizzata del fornitore di cloud. Queste VM sono imprevedibilmente disponibili, quindi è possibile riassegnare le loro risorse in qualsiasi momento. Di conseguenza, sono disponibili a tariffe altamente scontate, permettendovi di sbloccare la potenza del cloud a un buon prezzo.

Le istanze temporanee sono ideali per:

Entrambe le piattaforme cloud Amazon e Microsoft supportano istanze temporanee con convenzioni di denominazione simili. Il servizio AWS per le istanze temporanee è Spot Instances, mentre il servizio Azure è Spot Virtual Machines (Spot VMs).

Sia le macchine temporanee di Azure che quelle di AWS condividono una serie di caratteristiche che includono:

Le istanze temporanee su AWS o Azure sono disponibili a un tasso scontato fino al 90% rispetto ai prezzi standard prepagati e a richiesta. Vale certamente la pena di indagare ulteriormente.

Performance

Confrontare le prestazioni delle macchine VM tra Azure e AWS non è un compito facile. Non possiamo semplicemente dichiarare che uno di questi fornitori di cloud è migliore dell’altro. Ci sono centinaia di istanze VM paragonabili disponibili tra AWS e Azure, con la scala delle prestazioni che va verso l’uno o l’altro, a seconda del confronto.

Un recente studio di Cockroach Labs ha confrontato le prestazioni della CPU di AWS rispetto ad Azure e a GCP su una gamma di VM single-core e 16-core. GCP è risultato al top nella categoria single-core, con prestazioni del 10% superiori a quelle di AWS, mentre Azure è arrivato ultimo. Quando si confrontano le macchine virtuali a 16 core, AWS è arrivato in cima con le iterazioni più veloci al secondo. GCP è arrivato secondo, e Azure è arrivato di nuovo ultimo.

Caratteristiche di Rete

Le piattaforme cloud Azure e AWS sono costruite su un’infrastruttura cloud globale di centinaia di data center interconnessi grazie a centinaia di migliaia di sistemi di cavi sottomarini in fibra ottica. Ognuno è rinomato per fornire servizi di rete all’avanguardia che offrono prestazioni ad alta velocità, alta disponibilità, forte sicurezza e copertura globale.

In questa sezione esploriamo in dettaglio i principali prodotti e servizi di rete disponibili da Microsoft e Amazon. La seguente tabella vi dà una visione di alto livello dei prodotti di rete comparativi di AWS e Azure prima dell’approfondimento.

Prodotto Servizi Web Amazon Microsoft Azure
CDN Amazon CloudFront Azure CDN
Interconnessione dedicata Collegamento diretto con AWS ExpressRoute
DNS AWS Route 53 Azure DNS
Load balancing Elastic Load Balancing Azure Load Balancer
Reti virtuali Amazon Virtual Private Cloud Azure VNet

Sedi della Rete di Data Center

Sia AWS che Azure offrono una rete globale di data center interconnessi che si estendono su più continenti, regioni, paesi e località. Entrambe le piattaforme forniscono ridondanza di rete completa, alta tolleranza ai guasti e bassa latenza.

Sedi della Rete di Amazon Web Services

All’ultimo conteggio, la rete cloud di AWS è disponibile in 24 regioni, 77 zone, 210 sedi di rete periferiche e 245 paesi e territori. Di conseguenza, AWS ha la più grande impronta globale di infrastruttura cloud di qualsiasi fornitore.

Questo dà ad AWS un netto vantaggio quando si tratta di latenza di rete. In media, voi e i vostri clienti sarete più vicini a un centro dati AWS. Questa vicinanza geografica significa che i dati hanno meno distanza da percorrere, e questo riduce i tempi di latenza.

Amazon ha piani ambiziosi per la continua espansione della sua infrastruttura globale con il lancio di ulteriori data center. Le posizioni di questi centri includono Hyderabad (India), Jakarta (Indonesia), Osaka (Giappone), Madrid (Spagna) e Zurigo (Svizzera).

AWS Cloud Regional Network (Fonte: Amazon Web Services)

AWS Cloud Regional Network (Fonte: Amazon Web Services)

Sedi della Rete Azure

Anche se non in modo così esteso, le sedi della rete cloud Azure sono disponibili in più di 60 regioni e 170 punti di presenza della rete (PoP).

Microsoft ha anche ambiziosi piani di espansione per la sua rete globale Azure. I piani per i nuovi data center Microsoft includono Austria, Cile, Danimarca, Grecia, Israele, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Polonia, Qatar, Spagna, Svezia, Taiwan e Stati Uniti (Arizona).

Microsoft Azure Cloud Regional Network (Fonte: Microsoft)

Microsoft Azure Cloud Regional Network (Fonte: Microsoft)

Content Delivery Network (CDN)

L’utilizzo di una Content Delivery Network (CDN) garantirà ai vostri utenti l’accesso più veloce ai vostri contenuti, ovunque si trovino. AWS e Azure offrono ciascuno una soluzione CDN: Amazon CloudFront e Azure CDN, rispettivamente.

Distribuendo e consegnando i contenuti localmente, beneficerete di tempi di caricamento più rapidi, di una minore sollecitazione della larghezza di banda e di una migliore reattività delle vostre applicazioni e siti web. Ogni provider fornisce questo servizio replicando e ospitando i vostri contenuti nella loro rete globale distribuita di data center interconnessi.

Entrambe le soluzioni CDN offrono una maggiore sicurezza per proteggere la rete e gli attacchi DDoS a livello di trasporto, offrendo una migliore resilienza e prevenendo la perdita del servizio.

CloudFront rafforza la sicurezza offrendo una profonda integrazione con i prodotti di sicurezza AWS, tra cui AWS Shield, AWS Web Application Firewall e Route 53. Allo stesso tempo, Azure CDN offre una maggiore protezione attraverso soluzioni personalizzate di terze parti come Azure CDN di Verizon e Azure CDN di Akamai. Microsoft fornisce un confronto dettagliato delle caratteristiche tra questi servizi CDN attraverso la sua piattaforma di documentazione del prodotto.

DNS

Un servizio DNS serve a convertire i nomi di dominio leggibili dall’uomo in indirizzi IP utilizzati dai server per comunicare.

Sia Amazon che Microsoft offrono soluzioni DNS simili basate sul cloud: Amazon Route 53 e Azure DNS. Entrambe le piattaforme supportano la maggior parte dei tipi di record DNS, il servizio any-cast-based e la registrazione dei nomi di dominio.

Amazon Route 53 offre un notevole vantaggio nella fornitura di tre caratteristiche distinte, non ancora supportate da Azure DNS:

La tabella seguente delinea un elenco di caratteristiche mappate in entrambi i servizi:

Caratteristica Amazon Route 53 Azure DNS
Zona Zona ospitata Zona DNS
Supporto per la maggior parte dei tipi di record DNS
Servizio any-cast-based
Routing basato sulla latenza No
Routing basato sulla posizione geografica No
Firma DNSSEC No
Zone private / Split Horizon

Load balancing

Un servizio di load balancing, se configurato correttamente, distribuisce automaticamente il traffico su più istanze VM per migliorare le prestazioni, la tolleranza ai guasti e la disponibilità delle vostre applicazioni.

Sia Microsoft che Amazon offrono prodotti di load balancing comparabili che potete configurare per soddisfare le vostre esigenze.

Load Balancing AWS

La soluzione di load balancing per AWS si chiama Elastic Load Balancing (ELB). Include le seguenti caratteristiche e funzionalità:

Per uno sguardo più da vicino e un confronto più dettagliato delle caratteristiche, controllate la documentazione di Elastic Load Balancing di AWS.

load Balancing di Azure

La soluzione di load balancing di Microsoft su Azure si chiama Azure Load Balancer. Offre le seguenti caratteristiche e funzionalità:

Controllate la documentazione di Microsoft Load Balancer per uno sguardo più dettagliato alla loro offerta di prodotti.

Connettività Privata ad Altre Reti

Sia AWS che Azure offrono diversi servizi per supportare la connettività privata al di fuori della loro rete, compreso il vostro ambiente on-premises.

La tabella seguente fornisce un confronto di alto livello dei servizi di connettività privata di AWS e Azure:

Caratteristica Servizi Web Amazon Microsoft Azure
Virtual Private Network Amazon CloudFront Gateway VPN Azure
Connettività privata a un VPC Collegamento diretto con AWS Peering VNet
Connessione privata dedicata attraverso un partner carrier Collegamento diretto con AWS ExpressRoute
Connessione pubblica dedicata attraverso un partner carrier Collegamento diretto con AWS ExpressRoute
Connettività CDN Amazon CloudFront Azure CDN

Connettività Privata AWS

AWS Direct Connect è il servizio principale per la fornitura di connettività privata alla piattaforma AWS. AWS Direct Connect vi permette di creare una connessione di rete dedicata tra la vostra rete e una delle centinaia di sedi AWS Direct Connect.

Stabilire questa connessione riduce i vostri costi di larghezza di banda trasferendo i dati direttamente ad AWS, riducendo al minimo l’utilizzo dei dati attraverso il vostro ISP esistente. Beneficiate anche di un trasferimento dati ridotto di AWS Direct Connect piuttosto che di tariffe di trasferimento dati.

Utilizzando Direct Connect per collegare la vostra rete on-premise e Amazon VPC creerete una rete privata a banda larga. La natura elastica del servizio consente di scalare la connessione da 1 Gbps a 10 Gbps per soddisfare le esigenze uniche della vostra azienda.

Connettività Privata Azure

Azure ExpressRoute è il principale servizio di connettività privata di Microsoft per la piattaforma Azure. Come per AWS, è possibile creare una connessione di rete dedicata tra la vostra rete on-premises e la rete globale Microsoft.

Potrete accedere a riduzioni simili dei costi di larghezza di banda attraverso un uso ridotto dell’ISP e velocità di trasferimento dati ridotte disponibili attraverso Azure ExpressRoute.

ExpressRoute sembra avere il vantaggio su Direct Connect quando si tratta di velocità di connessione, con Microsoft che offre una larghezza di banda fino a 100 Gbps supportata attraverso la connessione diretta.

Latenza

La latenza è un fattore critico quando si confrontano le reti cloud. È il ritardo temporale tra la richiesta del cliente e la risposta del fornitore di servizi cloud.

Il 2021 Cloud Report di Cockroach Labs ha confrontato la latenza di rete di Azure, AWS e GCP. La loro ricerca ha mostrato che AWS si comporta meglio grazie alla latenza di rete più bassa in assoluto, seguito da vicino da Azure e, infine, da GCP.

Mentre la ricerca è una misura robusta e informativa, dovrete comunque tenere conto dei vostri requisiti unici. Come lo studio di cui sopra evidenzia, la latenza varia nella ricerca in base al posizionamento fisico delle istanze VM.

La vostra vicinanza geografica al data center del fornitore di cloud influenzerà significativamente la latenza, quindi dovete esplorare questo fattore quando confrontate AWS e Azure.

Caratteristiche di Archiviazione

Questa sezione dà uno sguardo più dettagliato ai diversi tipi di archiviazione e servizi disponibili sulle piattaforme Azure e AWS.

Confrontando le opzioni di cloud storage tra le piattaforme cloud di Microsoft e Amazon, possiamo definire cinque tipi di servizi di archiviazione distinti:

Comprendere le differenze tra i tipi di archiviazione e di disco è vitale per scegliere il servizio giusto per la vostra azienda. Si tratta di decisioni di importanza critica, in quanto influenzano direttamente la velocità e le prestazioni delle vostre applicazioni e dei vostri sistemi utilizzando i servizi di cloud storage.

Distributed Object Storage

L’object storage distribuito è il processo di memorizzazione dei dati come oggetti, altrimenti detti blob. Questo processo consente di memorizzare, scalare, proteggere e accedere a volumi di dati a oggetti utilizzati in diversi scenari, tra cui siti web, app mobili cloud-native, backup, archiviazione e analisi di big-data.

Amazon Simple Storage Service (S3) e Azure Blob Storage sono due servizi concorrenti di storage a oggetti. Nonostante una variazione nella terminologia utilizzata per descrivere i loro servizi, offrono funzionalità simili.

Ogni oggetto è memorizzato in un’unità di set e ha una chiave unica e un record di metadati associato che contiene informazioni pertinenti: dimensione dell’oggetto, data dell’ultima modifica, tipo di media, ecc.

Entrambi i fornitori offrono una serie di caratteristiche simili per i loro servizi di object storage, che includono:

Di seguito è riportata una tabella che confronta le caratteristiche dello storage distribuito di oggetti tra Azure Blob Storage e Amazon S3:

Caratteristica Amazon S3 Azure Blob Storage
Unità di deployment Bucket Container
Deployment identifier Chiave unica globale Chiave unica a livello di account
Emulazione di file system Limitato Limitato
Metadati dell’oggetto
Object versioning Manuale, snapshot per-object
Gestione del ciclo di vita degli oggetti Sì (attraverso le regole del ciclo di vita o Azure Automation)
Notifiche di aggiornamento Notifiche di eventi Notifiche di eventi
Classi di servizio Standard, Standard-Infrequent Access, One Zone-Infrequent Access, Amazon Glacier Livelli di ridondanza: LRS, ZRS, GRS, RA-GRS
Livelli: Hot, Cool, Archive
Località di deployment Regionale Zonale e regionale
Prezzi Prezzo in base alla quantità di dati memorizzati al mese, all’uscita dalla rete e al numero di richieste API comuni Prezzo in base al volume di dati memorizzati al mese, quantità e tipi di operazioni eseguite, costi di trasferimento dei dati e qualsiasi opzione di ridondanza dei dati selezionata

Block Storage

L’archiviazione a blocchi è quella in cui un disco virtuale è collegato a una macchina virtuale basata sul cloud.

Sia Amazon che Microsoft offrono servizi di archiviazione a blocchi che si integrano completamente con le loro rispettive piattaforme cloud. Ognuno offre una gamma di tipi di storage a blocchi configurabili che è possibile scalare per soddisfare i requisiti unici della vostra azienda.

I servizi di block storage concorrenti sono Amazon Elastic Block Store (EBS) e Azure Disk Storage. Ogni servizio permette di collegare i dischi in due modi diversi:

Dischi collegati alla rete

I dischi collegati alla rete sono volumi collegati alla vostra istanza VM tramite la rete del vostro provider cloud. Questo offre benefici nativi per il cloud come la ridondanza integrata, gli snapshot del disco e l’attacco e lo stacco senza soluzione di continuità dei volumi del disco.

Ecco come Microsoft e Amazon si confrontano sulle caratteristiche dei dischi collegati alla rete nei loro servizi di storage a blocchi:

Caratteristica Amazon EBS VHD di Azure
Tipi di volume EBS Provisioned IOPS SSD, EBS General Purpose SSD, HDD ottimizzato per il throughput, Cold HDD Ultra Disk Storage, SSD premium, SSD standard, HDD standard
Collegamento del volume Un singolo volume può essere collegato a un massimo di 16 istanze, ciascuna con permessi di lettura e scrittura sul volume condiviso Un singolo volume può essere collegato a un massimo di 10 istanze e può essere configurato solo con uno stato di sola lettura
Dimensione massima del volume 16 TiB 64 TiB
Ridondanza
Istantanee
Crittografia del disco Crittografato per impostazione predefinita Crittografato per impostazione predefinita

Diamo un’occhiata più da vicino ad alcune caratteristiche chiave per i dischi collegati alla rete:

Collegamento e Distacco del Volume

Fino alla fine del 2020, Google Cloud è stato l’unico fornitore a offrire la possibilità di collegare un volume di disco virtuale a più istanze, una caratteristica unica che consente di distribuire una nuova applicazione clusterizzata o di migrarne una esistente.

Vedendo i benefici intrinseci di questa caratteristica, Amazon e Microsoft hanno ora rilasciato una funzionalità competitiva sulle loro rispettive piattaforme cloud: EBS Multi-Attach per AWS e Shared Disks per Azure.

Backup del volume

Amazon EBS e Azure vi permettono entrambi di creare e memorizzare le istantanee dei vostri volumi di disco. È possibile usare queste istantanee per creare nuovi volumi in un secondo momento. Potete usare la funzione Snapshots per eseguire il backup dei carichi di lavoro critici e dei dati per il failover in caso di guasti al sistema.

Le istantanee in AWS e Azure sono incrementali. Il primo snapshot replica l’intero volume del disco, con gli snapshot successivi che creano solo copie dei blocchi che sono cambiati dagli snapshot precedenti.

Dischi Collegati Localmente

I dischi collegati localmente sono volumi che sono stati collegati direttamente alla macchina fisica che esegue l’istanza.

Collegare un disco localmente riduce la latenza e offre un throughput più elevato per una maggiore prestazione, il che significa che i dati vengono caricati più velocemente, migliorando l’esperienza dell’utente. L’aspetto negativo è che se un disco collegato localmente fallisce, non c’è ridondanza.

Diamo un’occhiata approfondita a come le caratteristiche di AWS e Azure si confrontano in termini di dischi collegati localmente:

Block Storache Amazon EC2 Azure
Nome del servizio Instance store Local SSD
Collegamento del volume Legato al tipo di istanza Legato al tipo di istanza
Volumi collegati per istanza Varia in base al tipo di istanza – fino a 24 Varia in base al tipo di istanza
Capacità di archiviazione Varia in base al tipo di istanza – fino a 2500 GB per volume Varia in base al tipo di istanza – fino a 2400 GB per volume
Migrazione dal vivo No No
Ridondanza Nessuno Nessuno

Archiviazione di File

Amazon Elastic File System (EFS) e Azure Files sono i servizi concorrenti di archiviazione file. Entrambi i fornitori offrono semplicità, scalabilità e sicurezza integrate nelle loro offerte di condivisione dei file.

Fornendo un servizio completamente gestito, AWS e Azure consentono di creare e configurare rapidamente sistemi di condivisione dei file con facilità, liberi dall’onere di distribuire e gestire l’infrastruttura sottostante.

La sicurezza è garantita dalla crittografia dei dati per impostazione predefinita, sia a riposo che in transito. Le funzioni di automazione permettono di scalare la capacità di archiviazione del file system verso l’alto o verso il basso, offrendo efficienza dei costi e prestazioni ottimizzate in linea con la domanda.

Diamo un’occhiata più da vicino ad alcune differenze di caratteristiche chiave nei servizi di archiviazione file di AWS e Azure:

Network File System Protocols

Sia Amazon EFS che Azure Files supportano NFS v4, il nuovo e più performante Network File System Protocol. Tuttavia, NFS v4.1 è supportato solo in anteprima per Azure Files a partire da settembre 2020, mentre la stessa funzionalità è disponibile attraverso Amazon EFS dall’inizio del 2017.

Input/Output Operations Per Second (IOPS)

Quando confrontiamo le operazioni di lettura al secondo (IOPS), Amazon EFS presenta un vantaggio significativo su Azure Files.

Nell’aprile 2020, Amazon ha annunciato un aumento del 400% delle operazioni di lettura per i file system in modalità General Purpose attraverso la modalità di prestazioni Max I/O, supportando 500.000 IOPS e 10 GB/s di throughput.

Secondo gli obiettivi di condivisione dei file di Azure, Azure File supporta solo 100.000 IOPS e 10 GB/s di throughput attraverso il suo servizio di condivisione file Premium, rendendo le operazioni di lettura di Amazon EFS 5 volte più veloci di Azure File per l’estremità superiore della fornitura del servizio. Naturalmente, questa differenza di prestazioni è rilevante solo per chi di voi che ha intenzione di ospitare grandi database con carichi di lavoro molto esigenti.

Per un’impresa media, le richieste di archiviazione dei file possono essere ugualmente soddisfatte sia da AWS che da Azure.

Cool Storage

Il cool storage è progettato per i dati immagazzinati per lunghi periodi di tempo, a cui si accede raramente. Il cool storage è tipicamente usato per i backup di database e file.

AWS offre il cool storage attraverso le classi di storage Amazon S3. Ci sono due classi disponibili per il cool storage:

Azure offre il cool storage attraverso i livelli di accesso di Azure Blob Storage. C’è solo un livello rilevante per il cool storage:

Archival Storage

Si parla di archival storage quando l’archiviazione è progettata per i dati immagazzinati per la conservazione a lungo termine, a cui si accede raramente. Questo servizio è a basso costo rispetto ad altri tipi di archiviazione a causa dei requisiti di carico di lavoro ridotti.

L’archiviazione è in genere progettata principalmente per coloro che lavorano in settori altamente regolamentati – servizi finanziari, sanità e settore pubblico – dove è richiesto di conservare i set di dati per 7-10 anni per soddisfare la conformità normativa.

AWS offre l’archival storage attraverso le classi di storage Amazon S3. Ci sono due classi disponibili per l’archiviazione:

Azure offre un archival storage attraverso i livelli di accesso di Azure Blob Storage. C’è solo un livello rilevante per l’archival storage:

Caratteristiche di Sicurezza

La sicurezza sarà tra le vostre considerazioni primarie quando scegliete un fornitore di cloud.

Quando fate confronti sulla sicurezza del cloud tra AWS e Azure, prestate attenzione ai pilastri fondamentali della sicurezza che si combinano per proteggere le applicazioni, i dati, le infrastrutture e i sistemi basati sul cloud. Questo significa esplorare i controlli, le politiche, i processi e le tecnologie che definiscono la vostra posizione di sicurezza.

Un modello per proteggere i carichi di lavoro del cloud (fonte: HyTrust)

Un modello per proteggere i carichi di lavoro del cloud (Fonte: HyTrust)

Amazon Web Services e Microsoft Azure sono rinomati per la loro solida posizione di sicurezza e l’implementazione di una sicurezza all’avanguardia. Entrambi investono continuamente nella ricerca e nello sviluppo della cybersecurity per fornire una piattaforma sicura, resiliente alla minaccia sempre in evoluzione e crescente del panorama tecnologico.

Amazon e Microsoft garantiscono la sicurezza del cloud attraverso una combinazione di tre pratiche:

Diamo uno sguardo più da vicino alla sicurezza del cloud AWS rispetto alla sicurezza del cloud Azure e alle caratteristiche e funzionalità principali che dovreste considerare come parte di questo confronto.

Conformità

La protezione dei dati e la conformità continuano ad aumentare man mano che sia i governi che le industrie applicano un maggiore controllo sull’archiviazione, il trasferimento e la condivisione delle informazioni. Sia che si operi in un settore altamente regolamentato, in una specifica posizione geografica o in entrambi, la conformità della propria piattaforma cloud sarà una considerazione chiave per la sicurezza.

Sia Azure che AWS hanno sviluppato piattaforme e processi cloud sicuri che soddisfano i requisiti di conformità più difficili, tra cui CSA STAR, GDPR, HIPPA, PCI-DSS e una serie di standard ISO.

Ognuno offre programmi di conformità completi per coprire la certificazione, la legge, la regolamentazione specifica del settore, i quadri di sicurezza e la privacy. C’è un distinto crossover tra entrambi i fornitori di cloud in quanto ognuno compete per servire la stessa base di consumatori.

Con il GDPR che continua a essere una grande considerazione e preoccupazione per molte organizzazioni, sia AWS che Azure hanno sviluppato centri di risorse. Oltre a evidenziare come le loro rispettive piattaforme cloud sono conformi al GDPR, entrambe offrono una ricca documentazione e una guida sulle migliori pratiche per garantire che la vostra organizzazione soddisfi i requisiti del GDPR.

Se è puramente un gioco di numeri, Microsoft sembra avere il vantaggio su Amazon. Il programma di conformità di Azure si allinea a 91 standard di conformità contro il programma di conformità di AWS, che si allinea solo a 75 standard.

Per voi, scegliere un fornitore di cloud basato sulla conformità diventerà rilevante solo se applicate alla vostra attività uno specifico standard di settore o governativo. Solo allora sarà probabilmente un fattore decisivo nella vostra scelta delle piattaforme.

Crittografia

La crittografia è fondamentale per la protezione dei vostri dati, indipendentemente dalla loro posizione. La pratica di codificare i vostri dati assicura che sia quasi impossibile decifrarli senza una chiave di decrittazione, mantenendo la sicurezza e la segretezza.

Modello visivo della crittografia a chiave privata (Fonte immagine: Cheap SSL Security)

Modello visivo della crittografia a chiave privata (Fonte: Cheap SSL Security)

Entrambe le piattaforme cloud AWS e Azure offrono la crittografia dei dati per impostazione predefinita, sia a riposo che in transito. I dati sono crittografati usando AES a 256 bit, uno dei più forti cifrari di crittografia disponibili.

AWS Key Management Service (KMS) e Azure Key Vault sono i loro servizi di crittografia concorrenti. Entrambi consentono di creare e gestire centralmente le chiavi utilizzate per crittografare e firmare digitalmente i vostri dati, permettendovi di gestire la crittografia in tutta la loro gamma di servizi cloud.

I servizi di crittografia di entrambi i fornitori soddisfano il Federal Information Process Standard 140-2 (FIPS 140-2), che convalida che i loro moduli crittografici soddisfano standard di sicurezza ben definiti.

Firewall

Un firewall è la prima linea di difesa per la vostra infrastruttura. È responsabile della protezione della vostra rete contro le intrusioni indesiderate.

Sia Microsoft che Amazon proteggono la loro piattaforma cloud con firewall all’avanguardia, fornendovi un livello base di protezione. Oltre a questo, entrambi i fornitori di cloud offrono una gamma di prodotti firewall-as-a-service competitivi per migliorare la vostra posizione di sicurezza.

Di seguito descriviamo i diversi servizi di firewall disponibili insieme ai prodotti concorrenti:

Gestione Firewall

Configura e gestisce centralmente le regole del firewall su tutti i vostri account, applicazioni, istanze e sedi.

Firewall per Applicazioni Web

Implementate rapidamente un servizio di firewall per proteggere le vostre applicazioni web dalle comuni incursioni che possono avere un impatto sulla vostra disponibilità, compromettere la sicurezza o consumare eccessive risorse di calcolo. Controllate come il traffico raggiunge le vostre applicazioni e create regole per bloccare gli attacchi più comuni, come SQL injection e cross-site scripting.

Virtual Private Network Firewalls

Accedete a un servizio di firewall gestito, che consente di implementare rapidamente la protezione di rete essenziale nelle VPN basate sul cloud. Centralizzate la creazione, l’applicazione e la registrazione delle vostre politiche di connettività per le applicazioni e la rete.

Gestione dell’Identità e degli Accessi (Identity Access Management)

L’Identity Access Management è fondamentale per evitare che le informazioni private e sensibili siano accessibili alle persone sbagliate.

È il processo di applicazione della sicurezza basata sull’utente per controllare chi ha accesso alle vostre applicazioni, file, cartelle, sistemi, e cosa quell’utente può fare se gli è stato dato l’accesso. Questo tipicamente controlla il loro diritto di accedere, creare, modificare ed eliminare file, servizi o impostazioni.

Una visione di alto livello della gestione delle identità e degli accessi in Microsoft (Fonte: Microsoft)

Una visione di alto livello della gestione delle identità e degli accessi in Microsoft (Fonte: Microsoft)

Amazon e Microsoft offrono una serie di servizi che permettono di implementare l’Identity Access Management nella vostra implementazione del cloud.

Console per la Gestione dell’Identità e degli Accessi

Una console centrale attraverso la quale è possibile gestire e proteggere le identità. Create e gestite utenti e gruppi, applicando permessi per consentire o impedire il loro accesso alle risorse basate sul cloud.

Controllo delle Applicazioni Mobile e Web

Implementate la gestione delle identità e degli accessi per controllare l’iscrizione e l’accesso degli utenti e per controllare l’accesso alle vostre applicazioni mobile e web rivolte ai clienti.

Alcuni dei più grandi brand e aziende del mondo si affidano all’hosting WordPress Enterprise di Kinsta. Dalle startup alle agenzie, fino alle aziende Fortune 500. Vuoi iniziare anche tu? Dai un’occhiata ai nostri piani.

Single Sign-On

Usate l’accesso SSO (Single Sign-On) per gestire e controllare l’accesso degli utenti a più account e applicazioni on-premises e nel cloud: questo offre facilità di accesso per una migliore esperienza utente e una maggiore produttività dei vostri dipendenti.

Modello di Responsabilità Condivisa

Implementare la sicurezza nel cloud è una responsabilità condivisa.

Capire dove finisce e inizia la responsabilità tra voi e il vostro fornitore di cloud è fondamentale per mantenere una forte posizione di sicurezza. Un’incomprensione qui può creare vulnerabilità e lacune nella vostra sicurezza che altrimenti sarebbero facilmente evitabili.

Amazon Web Services e Azure forniscono una chiara documentazione sul loro modello di responsabilità condivisa, dandovi le informazioni necessarie per capire dove si colloca la responsabilità della sicurezza. Qui sotto, potete vedere una rappresentazione visiva della responsabilità condivisa per ogni fornitore di cloud:

Modello di Responsabilità Condivisa di AWS

Modello di responsabilità condivisa della piattaforma cloud AWS (fonte: AWS)

Modello di responsabilità condivisa della piattaforma cloud AWS (Fonte: AWS)

Modello di Responsabilità Condivisa di Azure

Modello di responsabilità condivisa di Azure Cloud Platform (Fonte: Microsoft)

Modello di responsabilità condivisa di Azure Cloud Platform (Fonte: Microsoft)

Supporto

Quando si gestisce l’implementazione del cloud, ci si imbatte in situazioni in cui non sempre si hanno le conoscenze necessarie per eseguire determinate attività o risolvere i problemi. Quando questo accade, avete bisogno di un fornitore di cloud che vi possa supportare con una guida efficace e un supporto aggiuntivo, in modo da poter risolvere rapidamente e facilmente queste sfide.

Supporto Self-Service

AWS e Azure sono ampiamente riconosciuti per il loro supporto self-service. Questo include ampi depositi di documentazione tecnica e fiorenti comunità online che abbracciano innumerevoli blog, gruppi e forum di discussione.

Qui incontrerete centinaia di migliaia di esperti di cloud che condividono apertamente le loro conoscenze e competenze. Potete navigare liberamente in un ecosistema in continua crescita ricco di argomenti, tutorial, discussioni e incontri virtuali o di persona.

Di seguito, potete trovare i link a questi preziosi sistemi di supporto self-service:

Piani di Assistenza

Non è possibile risolvere tutte le situazioni attraverso il self-service. Potreste incontrare una situazione in cui avrete bisogno dell’immediato supporto pratico di un esperto. Quando arriva questa situazione, è meglio avere una soluzione di supporto ufficiale in atto, direttamente dal vostro fornitore di cloud.

Sia AWS che Azure offrono piani di assistenza cloud di base, insieme a una gamma di piani premium a pagamento. Se state considerando un piano premium, cercate di capire cosa è incluso insieme alle spese associate, assicurandovi di scegliere un piano di cui avete bisogno a un prezzo che vi potete permettere.

Piani di Assistenza AWS Cloud

AWS offre quattro piani di supporto disponibili suddivisi tra livelli gratuiti e premium. Il supporto premium è diviso in tre livelli: Developer, Business e Enterprise.

I prezzi partono da 29 dollari al mese o sono calcolati sul 3% dell’utilizzo di AWS e arrivano oltre i 15.000 dollari al mese. I prezzi Business ed Enterprise sono calcolati su una percentuale dell’utilizzo di AWS che diminuisce con il crescere delle fasce, come si vede qui sotto:

Ogni incremento del livello di assistenza aggiunge nuove opzioni disponibili, tra cui:

I piani Premium sono completamente personalizzabili e vi permettono di scegliere a quali prodotti e servizi volete aggiungere il supporto premium; vi danno un maggiore controllo sui vostri costi, insieme a un servizio di supporto che riflette le vostre esigenze.

Piani di Assistenza di Azure Cloud

Microsoft offre cinque piani di assistenza Azure: Basic, Developer, Standard, Professional Direct e Premier.

I piani di supporto Basic, Developer e Standard sono basati sui ruoli e offrono piani che vanno da gratuito a 100 dollari al mese per utente. Ogni aumento di livello aggiunge ulteriori livelli di supporto, tra cui:

Il supporto Professional Direct è il pacchetto Goldilocks, che è attraente sia per l’offerta di assistenza che per i prezzi tra il supporto legato al ruolo e il supporto Premier. Ha un prezzo di 1.000 dollari al mese per utente ed è rivolto alle organizzazioni il cui business dipende strettamente da Azure.

Professional Direct è un gradino superiore al supporto standard che include servizi aggiuntivi, tra cui:

Il supporto Premier è il livello più alto di assistenza ed è necessario contattare Microsoft per conoscere i prezzi. È progettato per le organizzazioni il cui business dipende da Azure per più prodotti.

Il supporto Premier è un altro passo avanti rispetto a Professional Direct, con servizi aggiuntivi che includono:

In Kinsta, comprendiamo l’importanza del supporto da parte di esperti di prima classe. Ecco perché il nostro intero team di supporto è composto da ingegneri WordPress e Linux altamente qualificati. Vi forniamo l’accesso a esperti che contribuiscono attivamente al core di WordPress, ai progetti open source e anche allo sviluppo di plugin.

Crediamo nell’accessibilità di un supporto esperto per chounque. Avrete lo stesso livello di supporto premium sia che siate una PMI o una società Fortune 500, e per questo il nostro servizio di supporto non è secondo a nessuno.

Fatturazione e Prezzi

Come per qualsiasi prodotto acquistato, il prezzo è sempre una delle considerazioni più importanti. Purtroppo ottenere un confronto accurato dei prezzi per le implementazioni cloud tra i vari fornitore sarà uno degli aspetti più impegnativi e lunghi del processo decisionale.

L’approccio alla fatturazione e gli sconti d’uso di ogni fornitore, più le combinazioni quasi illimitate di prodotti e servizi, creano strati di complessità che la maggior parte dei professionisti non riesce a navigare con successo.

Per aiutarvi a capire la sfida di creare un confronto accurato dei prezzi, ecco una piccola selezione di variabili che potete verificare e che influenzano il prezzo della vostra implementazione del cloud:

La complessità del confronto dei prezzi aumenta esponenzialmente con ogni prodotto o servizio aggiuntivo che si include. La prospettiva è resa ancora più impegnativa dalla decifrazione manuale delle tecnologie comparabili tra ogni fornitore di cloud.

Ma non tutto è perduto! Abbiamo ricercato e scoperto una serie di strumenti e dati per guidarvi verso la formulazione del vostro confronto di prezzi personalizzato tra AWS e Azure.

Confronto dei Prezzi tra AWS e Azure Cloud

Sia AWS che Azure vi offrono una moltitudine di scelte tra centinaia di prodotti e servizi cloud comparabili.

Ogni fornitore offre il proprio meccanismo di prezzi unico e una gamma di opzioni configurabili per influenzare il costo complessivo. Anche una semplice implementazione cloud di una singola istanza VM con storage annesso avrà migliaia di configurazioni di prodotto e iterazioni di prezzo tra cui scegliere.

Comprendere le vostre esigenze aziendali e i prodotti cloud associati di cui avete bisogno vi permetterà di concentrarvi su questa situazione. Solo allora potrete restringere le vostre opzioni e iniziare a creare i vostri confronti sui prezzi del cloud.

Calcolatori dei Prezzi del Cloud

Per aiutarvi a navigare e formare un confronto accurato dei prezzi, sia Amazon che Microsoft hanno creato calcolatori di prezzi cloud completi, mettendovi a portata di mano ogni informazione su ogni prodotto, opzione configurabile e il prezzo associato.

Confronto tra i Prezzi di AWS e Azure Compute

Per fornirvi una maggiore comprensione del confronto prezzi del cloud tra AWS e Azure, abbiamo condotto una nostra ricerca.

Abbiamo scelto di concentrarci specificamente sul confronto dei costi delle VM di Azure e Amazon EC2. Secondo Gartner, questa decisione si basa sul fatto che le risorse di calcolo costituiscono due terzi della spesa totale per un’implementazione media del cloud.

Configurazione per il Confronto dei Prezzi del Cloud

Per creare un confronto alla pari tra le VM di Azure e quelle di AWS, abbiamo scelto le stesse opzioni di configurazione tra CPU, sistemi operativi e regioni:

Abbiamo poi selezionato istanze VM con specifiche RAM comparabili per i seguenti tipi di utilizzo della macchina:

Quando fate la vostra configurazione, prendete tempo per esplorare le opzioni. Scoprirete rapidamente che passare da una variabile all’altra tra il tipo di istanza, la regione, il sistema operativo e le CPU può alterare significativamente la vostra stima del prezzo.

Per il nostro confronto dei prezzi, abbiamo scelto le seguenti istanze:

Tipo di istanza Amazon EC2 RAM AWS

(GiB)

Azure VM Azure RAM

(GiB)

Per utilizzo generale t4g.xlarge 16 B4MS 16
Ottimizzate per il calcolo c6g.xlarge 8 F4 8
Ottimizzate per la memoria r6g.xlarge 32 E4a v4 32

Pay-As-You-Go

La tariffazione pay-as-you-go offre un approccio flessibile e su richiesta al consumo di risorse cloud. Ideale per le organizzazioni che usano il cloud in modo intermittente, questa opzione consente di aggiungere e rimuovere risorse cloud in linea con la domanda. Tuttavia, questa flessibilità ha un costo, con i modelli di pricing pay-as-you-go che hanno il prezzo orario più alto:

Tipo di istanza Amazon EC2 Prezzo AWS

(per ora)

Azure VM Prezzo Azure

(per ora)

Per utilizzo generale t4g.xlarge $0.134 B4MS $0.166
Ottimizzate per il calcolo c6g.xlarge $0.136 F4 $0.199
Ottimizzate per la memoria r6g.xlarge $0.201 E4a v4 $0.252

Quando si confrontano i prezzi delle macchine virtuali di AWS rispetto a quelle di Azure, Amazon EC2 è il chiaro vincitore tra i tipi di istanze per utilizzo generale, ottimizzate per il calcolo e ottimizzate per la memoria. AWS è un 20% più economico (come minimo) in tutte e tre le categorie.

Se vi interessano solo risorse di calcolo intermittenti a breve termine e avete carichi di lavoro resistenti alle interruzioni, dovreste considerare l’esplorazione di istanze temporanee. Conosciute come Spot Instances su AWS e Spot Virtual Machines su Azure, le istanze temporanee sono fino al 90% più economiche dei prezzi on-demand, pay-as-you-go.

Piani di Impegno a Lungo Termine

Se state pianificando un’implementazione del cloud a lungo termine, allora i piani di impegno a lungo termine con il vostro fornitore di cloud offrono un significativo risparmio sui costi rispetto ai modelli pay-as-you-go.

Sia AWS che Azure offrono piani di impegno a lungo termine, che si riferiscono a istanze riservate, dove potete scegliere tra due impegni anticipati: uno o tre anni. Le istanze riservate sono premiate con un risparmio di costi fino al 72% rispetto ai prezzi on-demand, pay-as-you-go.

AWS offre una maggiore flessibilità per i suoi piani di istanze riservate rispetto ad Azure. Con Amazon EC2, si può scegliere tra due piani:

Le istanze non convertibili – dove si paga tutto in anticipo – offrono il massimo livello di sconto, ma si sacrifica la flessibilità nella distribuzione.

Confrontando le istanze riservate per AWS, abbiamo scelto un pagamento anticipato del 100% e istanze non convertibili per sbloccare il massimo sconto disponibile. Pagare in anticipo con Azure sembra non influenzare la percentuale di sconto, almeno secondo il calcolatore dei prezzi di Azure.

Istanza con Impegno Annuale

Tipo di istanza Amazon EC2 Prezzo AWS

(per ora)

Azure VM Prezzo Azure

(per ora)

Per utilizzo generale t4g.xlarge $0.079 B4MS $0.097
Ottimizzate per il calcolo c6g.xlarge $0.080 F4 $0.124
Ottimizzate per la memoria r6g.xlarge $0.118 E4a v4 $0.148

Confrontando i prezzi per le istanze riservate per un anno, AWS è il chiaro vincitore in tutti e tre i tipi di istanze.

AWS è il 20% più economico di Azure tra i tipi di istanze generiche e ottimizzate per la memoria, mentre sui tipi di istanze ottimizzate per il calcolo è addirittura un 40% più economico.

Entrambi i fornitori di cloud offrono una media del 40% di risparmio sui costi per le istanze con impegno annuale rispetto al prezzo on-demand, pay-as-you-go.

Istanza con Impegno Triennale

Tipo di istanza Amazon EC2 Prezzo AWS

(per ora)

Azure VM Prezzo Azure

(per ora)

Per utilizzo generale t4g.xlarge $0.050 B4MS $0.062
Ottimizzate per il calcolo c6g.xlarge $0.051 F4 $0.078
Ottimizzate per la memoria r6g.xlarge $0.075 E4a v4 $0.099

Quando si confrontano i prezzi di AWS con quelli di Azure per le istanze con impegno triennale, AWS continua a offrire i prezzi più competitivi ed è di nuovo l’opzione più economica per tutti e tre i tipi di istanze.

Tra i tipi di istanza per utilizzo generali e ottimizzati per la memoria, AWS è il 20% più economico di Azure. Il divario di prezzo si allarga per i tipi di istanze ottimizzate per il calcolo, con AWS che costa il 35% in meno del suo equivalente Azure.

Quando si tratta di istanze con impegno triennale, AWS e Azure offrono un impressionante risparmio medio del 60% rispetto ai prezzi on-demand, pay-as-you-go.

Prove Gratuite

Una prova gratuita è ideale per testare i servizi del fornitore di cloud senza la necessità di prendere un impegno finanziario.

Sia AWS che Azure offrono prove gratuite su una serie di loro servizi cloud principali, dandovi una quantità di risorse predefinita per un periodo di tempo stabilito, perfetto per testare i servizi cloud.

Oltre a questo, entrambi i fornitori di cloud offrono anche servizi cloud “sempre gratuiti”, ideali se avete poche esigenze di utilizzo del cloud e non vi preoccupa che le operazioni vengano interrotte. Diamo un’occhiata più da vicino.

AWS Free Tier

Con l’AWS Free Tier, avrete accesso gratuito a 85 diversi prodotti e servizi cloud AWS tra cui calcolo, storage, database, IoT, AI e molte altre categorie.

Il Free Tier di AWS è diviso in tre tipi:

Se state esplorando AWS per la prima volta, vi consigliamo di ispezionare le opzioni di calcolo e di archiviazione di AWS incluse gratuitamente per 12 mesi dall’iscrizione. Questi sono i servizi che formeranno la base della vostra implementazione del cloud:

Naturalmente c’è una serie di restrizioni, quindi assicuratevi di controllare le FAQ di AWS Free Tier per scoprire le informazioni chiave come il passaggio da free a pay-as-you-go, le restrizioni regionali e altro.

Account Gratuito Azure

La creazione di un account gratuito di Azure sbloccherà l’accesso gratuito a 54 prodotti e servizi cloud di Azure attraverso il calcolo, l’archiviazione, il database, la sicurezza, l’AI e molte altre categorie.

L’account gratuito di Azure vi dà due tipi di accesso:

Oltre al vostro accesso gratuito, riceverete anche 200 dollari di credito da spendere durante i primi 30 giorni dopo l’iscrizione.

Se state provando la piattaforma cloud Azure per la prima volta, ci uniamo all’opinione su AWS e vi suggeriamo di provare i servizi di calcolo e di storage di Azure, che sono gratuiti per i primi 12 mesi:

Come per AWS, assicuratevi di esplorare le FAQ di Azure Free Account, poiché c’è una serie di restrizioni e considerazioni di cui dovrete essere consapevoli.

AWS È Più Economico di Azure?

Scoprire quale fornitore di cloud offre il prezzo più competitivo non è un compito facile.

Quando si tratta di prezzi di calcolo, sulla base delle nostre ricerche approfondite, possiamo dire con certezza che AWS è più economico di Azure in media. Questo è coerente in tutti i piani tariffari pay-as-you-go e riservati.

Ma questo è solo un aspetto della vostra implementazione del cloud. Guardando il quadro generale, le cose si offuscano. La nostra ricerca più ampia sui prodotti cloud comparativi, i servizi e i modelli di prezzo mostra che l’equilibrio può spostarsi tra AWS e Azure.

Uno studio di NetApp che confronta i prezzi dello storage mostra definitivamente che Azure è l’opzione più economica per l’Object Storage. Tuttavia, per i prezzi del Block Storage, l’equilibrio si sposta e AWS diventa l’opzione più economica.

Riflettendoci, capire quale tra AWS o Azure è il fornitore di cloud più economico è una risposta che dipende dalla vostra organizzazione ed è definita dalla vostra posizione, dalla configurazione di implementazione del cloud, dai requisiti delle risorse, dal piano di prezzi scelto e dalle altre innumerevoli variabili che influiranno sul vostro costo finale.

Riepilogo

Confrontando Amazon Web Services con Azure, abbiamo cercato di rispondere alla domanda su quale fornitore di cloud sia il migliore in assoluto. Alla fine del viaggio, la nostra ricerca favorisce di gran lunga AWS come chiaro vincitore.

Facendo un passo indietro e guardando il quadro generale, diversi fattori chiave rendono questa una decisione abbastanza facile:

Tuttavia, questa ricerca ci ha insegnato che questa risposta può cambiare in base alle esigenze uniche di ogni azienda. Quindi, mentre AWS potrebbe sembrare migliore nel complesso, la ricerca per il vostro business potrebbe portarvi a propendere su Azure come scelta migliore per voi.

Alla fine, rimane il fatto che sia Azure che AWS sono fornitori all’avanguardia con la migliore piattaforma cloud, prodotti e servizi da offrire. Qualsiasi cosa scegliate, otterrete un gran numero di vantaggi del cloud.


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 28 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.