La deliverability delle e-mail è un aspetto importante per un’attività. Quando si inviano newsletter, promozioni o aggiornamenti importanti, è fondamentale che arrivino nella casella di posta dei clienti e non nelle loro cartelle di spam. Se le email non vengono recapitate, tutto il duro lavoro viene vanificato e i tassi di coinvolgimento ne risentiranno inevitabilmente.

Gmail e Yahoo Mail hanno recentemente introdotto nuovi requisiti per l’invio di e-mail. Questi cambiamenti vanno a vantaggio di tutti coloro che fanno business online e hanno lo scopo di aumentare la sicurezza, ridurre lo spam e migliorare l’invio di e-mail.

Ma ciò vuol dire che per le aziende è necessario modificare immediatamente il modo in cui inviano le email.

Qui analizzeremo cosa succede se non si soddisfano questi nuovi requisiti, spiegheremo i passi da seguire per ottenere i giusti risultati e condivideremo alcune best practice per migliorare la deliverability e il coinvolgimento delle vostre email.

Non c’è tempo da perdere, quindi iniziamo.

Perché Gmail e Yahoo stanno cambiando le cose?

Gmail e Yahoo stanno aggiornando i requisiti per l’invio di e-mail per migliorare la sicurezza e la qualità dei loro servizi di posta elettronica. Queste modifiche sono pensate per proteggere gli utenti da spam, attacchi di phishing e altre forme di frode via e-mail.

Approfondiamo questi motivi chiave:

Maggiore sicurezza

Sia Gmail che Yahoo stanno rafforzando i loro protocolli di autenticazione delle e-mail per prevenire spoofing e phishing. Questi nuovi requisiti consentiranno ai provider di e-mail di verificare meglio l’autenticità delle e-mail. Per impostazione predefinita, questo renderà più difficile per i malintenzionati inviare email da domini spoofati.

Ridurre lo spam

Un altro obiettivo importante di queste modifiche è quello di ridurre la quantità di spam che le persone ricevono. Gmail e Yahoo stanno implementando soglie di reclamo per lo spam più severe per garantire che solo le e-mail pertinenti e desiderate raggiungano le caselle di posta delle persone. Un basso tasso di reclami per spam richiederà ai mittenti di dare priorità all’esperienza complessiva dell’utente. Se si adegueranno, le loro e-mail avranno maggiori probabilità di essere aperte e lette. Certo, la configurazione richiederà uno sforzo da parte vostra, ma il potenziale di un maggior numero di email lette vale da solo la pena.

Conformità legale

Questi cambiamenti si allineano anche agli standard legali globali per l’email marketing, come il CAN-SPAM Act negli Stati Uniti. L’applicazione di meccanismi di cancellazione più chiari, ad esempio, aiuterà Gmail e Yahoo a garantire che i mittenti di e-mail rispettino i requisiti legali e forniscano alle persone un modo semplice per disiscriversi, se lo desiderano.

Migliorare l’esperienza degli utenti

L’obiettivo finale di questi aggiornamenti è quello di migliorare l’esperienza complessiva degli utenti delle e-mail. Troppe persone sono assillate ogni giorno da email indesiderate, quindi l’aggiunta di misure che aiutino a filtrare le email indesiderate e a garantire che vengano recapitati solo messaggi legittimi e pertinenti migliorerà la UX delle email.

Quali sono i nuovi requisiti di Gmail e Yahoo?

Quindi adesso conosciamo il perché, ma in cosa consistono questi nuovi cambiamenti? Innanzitutto, è importante sapere che queste modifiche riguardano principalmente i mittenti che inviano più di 5.000 email al giorno.

Se rientrate tra questi, o potreste rientrarvi in futuro, ecco una panoramica delle nuove regole:

Protocolli di autenticazione: SPF, DKIM e DMARC

I nuovi requisiti prevedono che i mittenti di e-mail debbano implementare i protocolli di autenticazione SPF, DKIM e DMARC.

Questi protocolli aiutano a:

  1. Verificare il dominio del mittente.
  2. Assicurare che l’email non sia stata manomessa durante il trasporto.

I protocolli specifici sono i seguenti:

  • SPF (Sender Policy Framework): questo protocollo verifica che le e-mail siano inviate da indirizzi IP autorizzati per il dominio del mittente.
  • DKIM (DomainKeys Identified Mail): DKIM aggiunge una firma digitale alle e-mail, aiutando a verificare che non siano state alterate.
  • DMARC (Domain-based Message Authentication, Reporting, and Conformance): il DMARC si basa su SPF e DKIM per fornire una strategia completa di autenticazione delle e-mail. Aiuta a proteggere i domini dall’uso di attacchi di phishing e di email spoofing.

Soglie di spam

Oltre all’autenticazione, Gmail e Yahoo stanno imponendo soglie più rigide per il tasso di spam per ridurre la quantità di email indesiderate ricevute. I mittenti devono mantenere un tasso di reclami per spam inferiore allo 0,3% per assicurarsi che le loro e-mail vengano consegnate.

Il tasso desiderato per Gmail è ancora più basso, pari allo 0,1%. Il superamento di queste soglie può far sì che le e-mail vengano contrassegnate come spam o non vengano consegnate affatto.

Meccanismi di cancellazione

I mittenti dovranno anche includere un link di cancellazione con un solo clic nelle loro e-mail. Questa funzione deve essere posizionata in modo evidente, nell’intestazione o nel piè di pagina, e deve consentire alle persone di rinunciare facilmente alla ricezione di email future con un solo clic.

Non sono più ammessi link di cancellazione nascosti o questionari a più livelli per la cancellazione.

Questo requisito ridurrà i reclami per spam e permetterà alle aziende di rispettare gli standard legali.

Cosa succede se non ci si adegua a questi cambiamenti?

Il mancato rispetto dei nuovi requisiti per l’invio di e-mail potrebbe avere conseguenze significative per la vostra azienda. Queste vanno dai problemi di deliverability ai potenziali danni alla reputazione, fino alle conseguenze legali!

Ecco una panoramica dettagliata di ciò che potrebbe andare storto:

Problemi di recapito

La mancata conformità ai nuovi requisiti può avere un impatto sulla deliverability delle email:

  • Le e-mail saranno contrassegnate come spam: se non rispettate i nuovi standard di autenticazione (SPF, DKIM, DMARC), è più probabile che le vostre e-mail vengano contrassegnate come spam. Questi nuovi protocolli verificano la legittimità del mittente e senza di essi le email saranno considerate sospette e filtrate.
  • Riduzione del posizionamento nella casella di posta: anche se le vostre email non vengono contrassegnate come spam, potrebbero non arrivare nella casella di posta. Il mancato rispetto delle soglie di spam significa che le email potrebbero finire nella cartella spam o essere bloccate del tutto. Gmail e Yahoo sono particolarmente attenti a mantenere bassi i tassi di reclamo per spam.
  • Fallimenti nella consegna: in assenza di record DNS adeguati e di conformità agli standard RFC 5322 , le e-mail potrebbero non essere consegnate. Questa non conformità tecnica può portare a un vero e proprio rifiuto da parte dei server di posta elettronica, con conseguenti tentativi di consegna falliti.

Potenziali danni alla reputazione

Come se la mancata consegna delle email non fosse già abbastanza grave, ignorare questi nuovi requisiti può anche danneggiare la vostra reputazione di mittente di email:

  • Punteggio di reputazione del mittente: i provider di posta elettronica tengono traccia della reputazione del dominio di invio e degli indirizzi IP. Alti tassi di reclamo per spam, frequenti fallimenti nella consegna e la mancata conformità ai protocolli di autenticazione possono avere un impatto negativo sul proprio punteggio di mittente. Un punteggio di reputazione basso significa che le email future hanno maggiori probabilità di essere bloccate o segnalate come spam.
  • Impatto a lungo termine sulle campagne: una reputazione danneggiata si ripercuote sulla vostra campagna email attuale e su quelle future. E ripristinare una reputazione compromessa è un processo lento e noioso. Significa che dovrete comportarvi al meglio per un lungo periodo di tempo. Ma quei potenziali clienti nella cui casella di posta siete ormai finiti come spam? Non potrete riconquistarli.

Potenziali problemi legali

La non conformità può portare anche a problemi legali:

  • Violazione del CAN-SPAM Act: il CAN-SPAM Act richiede alle aziende, tra le altre cose, di fornire chiari meccanismi di cancellazione. La mancata inclusione di un link di cancellazione con un solo clic o il mancato rispetto delle richieste di cancellazione possono comportare sanzioni legali. Questa legge stabilisce che le richieste di cancellazione devono essere evase entro 10 giorni lavorativi, ma i requisiti di Gmail e Yahoo sono ancora più severi. Dovrete rendere le cose più semplici e agire tempestivamente o subirne le conseguenze.
  • Sanzioni e multe: le violazioni delle leggi sull’email marketing possono comportare multe salate. Il CAN-SPAM Act, ad esempio, impone sanzioni fino a 51.744 dollari per ogni email non conforme. Le violazioni ripetute possono portare ad azioni legali più severe, tra cui azioni legali e ulteriori controlli normativi.

Guida dettagliata per prepararsi ai cambiamenti dei mittenti delle e-mail

Per assicurarvi che le vostre email siano conformi a questi nuovi requisiti, abbiamo messo a punto delle istruzioni dettagliate, passo dopo passo. Affrontiamo singolarmente ogni aspetto di questo processo.

Autenticazione del dominio

Come ormai saprete, una corretta autenticazione del dominio è uno dei modi principali per evitare che le email vengano contrassegnate come spam o rifiutate.

Ecco come impostare SPF, DKIM e DMARC per il proprio dominio:

Configurazione SPF

Questo processo potrebbe variare un po’ a seconda del provider di hosting o del registrar di domini che si sta utilizzando, ma dovrebbe comunque offrire una panoramica generale su come procedere.

Per configurare l’SPF, avrete bisogno di:

1. Accedere alle impostazioni DNS

Accedete al vostro registrar di domini o al vostro provider di hosting DNS. Individuate la sezione Domini e individuate l’elenco dei vostri record DNS.

Record DNS
Individuare l’elenco dei propri record DNS.

2. Aggiungere un record SPF

Individuate quindi l’opzione per aggiungere un nuovo record DNS.

Aggiungere un record DNS
Aggiungere un record DNS avanzato.

Scegliete quindi il tipo di record TXT.

record txt
Selezionare il record TXT.

Inserite il nome del vostro dominio nel campo Nome.

Nel campo Valore, aggiungete il vostro record SPF. In genere ha questo aspetto:

v=spf1 Indirizzi IP

include:yourmailserver.com ~all

Dove c’è scritto “indirizzi IP”, inserite tutti gli indirizzi IP che possono inviare la posta a vostro nome. Poi, potete indicare i server di terze parti che possono inviare la posta per voi (che vi rappresentano), come il server di posta del vostro provider di hosting.

Terminare con il tag “~all” indica all’ISP cosa deve fare se incontra un server che non avete elencato nel vostro record SPF. Il tag “~all” indica al server che l’email deve essere classificata come un “soft fail” e che deve essere comunque inviata ma etichettata come tale.

Utilizzando il tag “-all”, invece, l’ISP rifiuterà tutte le email non conformi.

Una volta terminato, cliccate su Salva.

3. Verificare la configurazione

L’ultima operazione da fare è verificare il processo di configurazione. Le modifiche al DNS possono richiedere fino a 24 ore per avere effetto, quindi tenetelo presente. Potete utilizzare uno strumento di validazione SPF per assicurarvi che il vostro record sia configurato correttamente, come SPF Record Check.

Configurazione del DKIM

Per questo processo, dovete creare le chiavi DKIM e aggiungere un record DKIM al vostro DNS, quindi serve essere ancora all’interno della dashboard del vostro provider di hosting.

1. Generare le chiavi DKIM

Utilizzate il vostro provider di servizi e-mail per generare una coppia di chiavi DKIM (chiave pubblica e privata). Di solito si trova nelle impostazioni avanzate e basta cliccare su un pulsante. Tuttavia, la generazione delle chiavi può richiedere un po’ di tempo. Nel frattempo, potete passare allo step successivo.

creare le chiavi dkim
Generare le chiavi DKIM nelle impostazioni del provider di posta elettronica.

2. Aggiungere un record DKIM al CNAME

Accedete alle impostazioni DNS.

Aggiungere un nuovo record CNAME.

Nel campo Nome, inserite il selettore DKIM seguito da ._domainkey, quindi qualcosa come:

selector1._domainkey.

Incollate la chiave pubblica nel campo Value, Alias to o Points to.

dkim
Aggiungere un nuovo record CNAME con la chiave DKIM.

Cliccate su Salva o Aggiungi.

3. Abilitare la firma DKIM

Tornate al vostro provider di posta elettronica e selezionate l’opzione per far sì che il vostro server di posta elettronica firmi le e-mail in uscita con la chiave privata che avete appena impostato.

Politiche DMARC

Come ultimo di questi processi di autenticazione del dominio, dovrete impostare un criterio DMARC. Vediamo ora come fare.

1. Creare un record DMARC

Ancora una volta, dovrete accedere alle impostazioni DNS del vostro provider di hosting.

Aggiungete un nuovo record TXT.

Nel campo Nome, inserite _dmarc.

Nel campo Value o Record, aggiungete il vostro criterio DMARC. Un criterio di base potrebbe essere simile a questo:

v=DMARC1; p=none; rua=mailto:[email protected]; pct=100; adkim=s; aspf=s
aggiungere dmarc
Aggiungere il DMARC come record DNS TXT.

Salvate le modifiche apportate qui.

2. Impostare il criterio DMARC

Iniziate con p=none per monitorare e raccogliere dati. Alla fine, passate a p=quarantine o p=reject per applicare criteri più severi.

3. Monitorare e regolare

Controllate regolarmente i rapporti DMARC per capire come vengono elaborate le vostre email e regolate le vostre politiche di conseguenza.

Impostazione di meccanismi di cancellazione aggiornati

Per conformarvi a questi ultimi standard, dovrete anche assicurarvi di avere un’opzione di cancellazione con un solo clic. Ma c’è molto di più, quindi vediamo i passaggi necessari:

1. Aggiungere il link di cancellazione

Nel vostro modello di email, aggiungete un link di cancellazione ben visibile nella parte superiore o inferiore dell’email.

Il link dovrebbe indirizzare gli utenti a una semplice pagina web in cui possano confermare la cancellazione con un solo clic.

2. Implementare l’intestazione List-Unsubscribe

Configurate le intestazioni delle email in modo da includere un campo List-Unsubscribe. Questo può essere fatto attraverso le impostazioni del vostro provider di servizi e-mail.

Esempio:

List-Unsubscribe: <mailto:[email protected]>,

<https://yourdomain.com/unsubscribe>

Nella casella di posta elettronica del destinatario si presenterà in questo modo:

list unsubscribe
Come appare List-Unsubscribe nella casella di posta elettronica.

3. Testare la funzione Unsubscribe

Inviate delle email di prova per assicurarvi che il link e il processo di cancellazione funzionino correttamente.

Poi, verificate che le richieste di annullamento dell’iscrizione vengano elaborate tempestivamente, idealmente entro 48 ore.

Suggerimenti per migliorare la deliverability e l’engagement delle email

Oltre ai nuovi standard stabiliti da Google e Yahoo, ci sono altre cose che è possibile fare per migliorare il coinvolgimento e la deliverability delle email. Vediamo ora questi suggerimenti e trucchi.

Ottimizzazione dei contenuti delle email

L’ottimizzazione dei contenuti delle email dovrà essere un obiettivo primario in futuro per migliorare la deliverability e l’engagement delle email. Ciò comporta la personalizzazione, la segmentazione e la garanzia che i vostri messaggi siano pertinenti e coinvolgenti.

Per affrontare la personalizzazione, potete

  1. Includere il nome del destinatario nell’oggetto o nel corpo dell’email. Ad esempio, “Ciao [Nome], ecco la tua offerta esclusiva!”
  2. Utilizzare i dati delle interazioni precedenti per personalizzare i contenuti in base agli interessi del destinatario. Se un utente ha mostrato interesse per un particolare prodotto o argomento, mettete in evidenza articoli o contenuti simili (potete facilitare questa operazione attraverso la segmentazione, di cui parleremo tra poco).
  3. Utilizzare blocchi di contenuti dinamici che cambiano in base al profilo o al comportamento del destinatario. Ciò può includere consigli sui prodotti, articoli rilevanti o offerte personalizzate.

La segmentazione è uno dei modi principali per implementare la personalizzazione nel vostro email marketing. Si tratta di suddividere i destinatari delle email in gruppi e di inviare a ciascuno di essi messaggi diversi. Ecco alcuni modi in cui segmentare il vostro pubblico:

  1. Demografico: segmentate la vostra lista di email in base a informazioni demografiche come l’età, il sesso o la località. Questo vi permetterà di inviare contenuti più mirati e pertinenti.
  2. Comportamentale: segmentate la lista in base al comportamento degli utenti, come la cronologia degli acquisti, l’attività sul sito web e il coinvolgimento nelle email. Ad esempio, inviate un’email di follow-up agli utenti che hanno cliccato su un link specifico nell’email precedente.
  3. Ciclo di vita: tenete in considerazione la posizione dei vostri utenti nel ciclo di vita del cliente. I nuovi iscritti potrebbero ricevere una serie di benvenuto, mentre i clienti più fedeli potrebbero ricevere offerte esclusive o premi fedeltà.

Monitoraggio e analisi

L’uso di strumenti di monitoraggio e di analisi può aiutarvi a monitorare le prestazioni delle campagne di marketing e a prendere decisioni basate sui dati per quelle future.

Uno strumento fondamentale da utilizzare subito è Google Postmaster Tools. Una volta configurato, vi fornirà informazioni sulle prestazioni delle email del vostro dominio. Impostate il vostro dominio per iniziare a ricevere dati sugli errori di consegna delle email, sui tassi di spam e sui feedback.

Dovreste anche utilizzare una piattaforma di analisi delle email per tenere sotto controllo le vostre campagne. Piattaforme come Mailchimp, SendGrid e HubSpot offrono analisi dettagliate sulle performance delle email. Potete usare queste piattaforme per monitorare i tassi di apertura, i tassi di clic e i tassi di conversione. Potete anche eseguire test A/B su oggetto, contenuto dell’email e pulsanti di invito all’azione per determinare cosa risuona meglio con il vostro pubblico. Utilizzate i risultati per perfezionare le vostre campagne email.

Consigli per mantenere un basso tasso di spam

Poiché mantenere un basso tasso di spam è ancora più importante oggi, ecco alcuni modi per mantenere il vostro bassissimo:

  • Inviate email solo agli utenti che si sono registrati e che hanno mostrato interesse per i vostri contenuti. Evitate di acquistare liste di email, perché spesso contengono indirizzi non interessati o non validi.
  • Assicuratevi che ogni email offra valore al destinatario, sia attraverso contenuti informativi, offerte speciali o aggiornamenti utili. Le email di alto valore hanno meno probabilità di essere contrassegnate come spam.
  • Iscrivetevi ai circuiti di feedback dei principali ISP per ricevere notifiche quando i destinatari contrassegnano le vostre email come spam. Utilizzate queste informazioni per migliorare i contenuti delle email e l’igiene della vostra lista.
  • Rimuovete regolarmente gli indirizzi e-mail inattivi o non validi dalla vostra lista. Questo aiuta a mantenere alta la reputazione del mittente e a ridurre la frequenza di rimbalzo.

Riepilogo

Gmail e Yahoo stanno implementando nuovi requisiti per l’invio di email per migliorare la sicurezza e l’esperienza complessiva degli utenti. Come abbiamo discusso qui oggi, questi cambiamenti includono protocolli di autenticazione dei domini più severi (SPF, DKIM e DMARC), il mantenimento di bassi tassi di reclamo per spam e la fornitura di chiare opzioni di cancellazione con un solo clic. La mancata conformità può causare problemi di deliverability, danni alla reputazione e potenziali conseguenze legali. Tutte cose che nessun imprenditore vuole affrontare.

Per prepararvi, seguite i passaggi per una corretta autenticazione del dominio, allineate le intestazioni delle email e impostate meccanismi efficaci di cancellazione. Una volta che tutti gli aspetti tecnici sono a posto, potrete concentrarvi sulla creazione di contenuti email migliori attraverso la personalizzazione e la segmentazione. Quindi, monitorate le prestazioni nel tempo.

Siete pronti a ottimizzare la deliverability e il coinvolgimento delle vostre email? Scoprite le potenti soluzioni di hosting di Kinsta per supportare le prestazioni e le esigenze di sicurezza del vostro sito web. Date un’occhiata ai nostri piani di hosting gestito per saperne di più.

Jeremy Holcombe Kinsta

Content & Marketing Editor at Kinsta, WordPress Web Developer, and Content Writer. Outside of all things WordPress, I enjoy the beach, golf, and movies. I also have tall people problems ;).