L’errore HTTP 304 è uno dei tanti codici di stato che indica un problema di comunicazione tra il browser di un utente e il server di un sito web. Se voi o i vostri utenti vi imbattete in questo errore sul vostro sito, questo può bloccare completamente l’accesso ai vostri contenuti.

Questo errore può verificarsi dal lato del server o dal lato del client, quindi capirne l’origine può richiedere un po’ di lavoro. Per fortuna, ci sono diverse soluzioni infallibili per risolverlo.

In questo post parleremo dei codici di stato HTTP e spiegheremo cos’è l’errore HTTP 304. Poi vi illustreremo sei soluzioni che voi (o i vostri visitatori) potrete utilizzare per eliminarlo.

Cominciamo!

Introduzione ai Codici di Stato HTTP

Per capire l’errore HTTP 304, è sicuramente di aiuto una comprensione preventiva dei codici di stato. In parole povere, ogni volta che si fa una richiesta al proprio browser – ad esempio accedendo a un particolare sito web – viene inviato un codice di stato HTTP per lo scambio di informazioni tra il browser e il server.

Ci sono più di 40 diversi codici di stato che possono entrare a far parte di questa comunicazione. Tuttavia, è probabile che ne incontrerete direttamente solo una manciata. Quando vi imbattete in un codice di stato, di solito significa che qualcosa è andato storto.

I codici di stato HTTP si suddividono in cinque categorie, numerate tra 100 e 500. Ogni serie indica un diverso tipo di problema. Ad esempio, i codici di errore che rientrano nel 400, come l’errore “404 Not Found“, indicano tipicamente che c’è stato un problema nella richiesta e che il sito web o la pagina in questione era irraggiungibile.

D’altra parte, i codici 300 – come il codice di errore HTTP 304 su cui ci concentreremo in questo post – sono codici di reindirizzamento. Questi codici chiariscono che le informazioni richieste sono state temporaneamente o permanentemente sostituite con un’altra risorsa.

Quando ci si imbatte in uno di questi errori, significa che è necessario intraprendere ulteriori azioni.

L’errore HTTP 304

HTTP 304, noto anche come “304 Not Modified”, è un codice che comunica al browser che: “The requested resource has not been modified since the last time you accessed it” (“La risorsa richiesta non è stata modificata dall’ultimo accesso”).

In sostanza, il server comunica al vostro browser (o a quello del vostro visitatore) che le risorse memorizzate nel browser (nella cache) non sono state modificate dall’ultima volta che avete visitato quella pagina.

A sua volta, il browser recupera una versione salvata della pagina web dalla cache. Lo scopo è quello di migliorare la velocità della pagina e la consegna, evitando che il vostro browser debba scaricare ripetutamente le stesse informazioni.

Capire le Richieste HTTP 304

Quando il browser memorizza una risorsa nella cache, conserva quelle che vengono definite informazioni del “Last Modified Header” (“Header di Ultima Modifica”) che sono state inviate dal server. Se un browser riceve una richiesta per una pagina web di cui ha salvato una copia, ma non sa se ha l’ultima versione, invia al server una richiesta di ‘convalida condizionale’.

Il browser comunica al server la data e l’ora di ultima modifica (“Last Modified”) per la copia della risorsa di cui dispone, tramite l’intestazione “If-Modified-Since” o “If-None-Match“. Il server ispeziona queste intestazioni e guarda anche il valore dell’ETag. Quest’ultimo è un identificatore univoco utilizzato per specificare la versione di una particolare risorsa.

Se i valori di questi file sono gli stessi, il server invia l’intestazione della risposta HTTP 304 Not Modified e il browser utilizza la copia della risorsa presente nella cache.

Se la copia del browser è obsoleta, il che significa che il file è stato modificato rispetto all’ultima richiesta, viene inviato un codice HTTP 200 e viene utilizzata una nuova copia.

Purtroppo, potrebbero verificarsi dei problemi che potrebbero causare una risposta di errore HTTP 304 quando non dovrebbe verificarsi. Le cause più comuni includono:

Questo errore può essere dovuto ad un problema sia sul lato server che sul lato client, quindi potrebbe essere necessario dedicare un po’ di tempo all’analisi del problema per poterlo individuare e risolvere.

L'errore HTTP 304 può bloccare l'accesso a tutti i vostri contenuti, per questo è fondamentale capire come risolverlo 🚨 Questa guida offre 6 soluzioni per rimettere le cose subito a posto ✨Click to Tweet

Come Risolvere l’Errore HTTP 304 (6 Possibili Metodi)

Le soluzioni che permettono di risolvere un errore HTTP 304 variano da soluzioni semplici a soluzioni abbastanza tecniche. I motori di ricerca sono responsabili dell’indicizzazione e memorizzazione dei siti web, quindi questo problema può essere ricondotto al browser utilizzato per accedere al sito.

Naturalmente, non c’è molto che si possa fare per riparare i browser delle persone che stanno cercando di accedere al vostro sito.

Tuttavia, capire cosa può causare il problema per i visitatori può essere utile, sia quando si cerca di trovare una soluzione da parte vostra, sia quando li si assiste direttamente.

Tenendo presente questo, diamo un’occhiata a sei metodi che possiamo seguire per provare a correggere un errore HTTP 304!

1. Cancellate i Dati della Cache del Browser

Per prima cosa, cancellare i dati del browser per ripulire la cache potrebbe essere utile per accedere all’URL desiderato. Questo riguarda la cancellazione di tutti i dati di navigazione, i cookie e le informazioni sulla cache.

Le operazioni da effettuare variano a seconda del browser che si sta utilizzando. Se non siete sicuri di come fare sul vostro dispositivo, fate riferimento alla nostra guida sullo svuotamento della cache per tutti i principali browser.

2. Eseguite una Scansione del Malware

Un altro colpevole può essere cercato nei browser corrotti che sono stati infettati da un virus o da un malware. Pertanto, è una buona idea quella di eseguire una scansione del malware sul vostro sistema. In questo modo potrete identificare e rimuovere eventuali problemi che potrebbero interrompere o interferire con la richiesta dell’header, comprese le estensioni problematiche.

Se utilizzate la versione per Windows di Chrome, potete eseguire il Malware Scanner e il Cleanup Tool integrato.

Prima di tutto assicuratevi di avere l’ultima versione di Chrome aprendo una nuova scheda e cliccando sull’icona del menu, poi su Informazioni su Chrome:

La pagina Informazioni su Chrome

La pagina Informazioni su Chrome

Se il vostro browser non è aggiornato alla versione corrente, potete risolvere il problema nello stesso posto. Quindi, aprite una nuova scheda Chrome e inserite “chrome://settings/cleanup” nella barra degli indirizzi.

Premere Invio, e poi accanto a Trova e rimuovi il software dannoso fate clic sul pulsante Trova:

Lo strumento di pulizia di Google Chrome

Lo strumento di pulizia di Google Chrome

Lo scanner inizierà a lavorare, poi riporterà i risultati.

Sfortunatamente, alcuni altri browser come Firefox e Edge, così come i sistemi operativi macOS e Linux, non hanno una propria versione di questo strumento integrato. Dovrete invece eseguire una scansione del malware utilizzando il software antivirus del vostro computer.

3. Disattivare le Estensioni del Browser

Anche le estensioni del vostro browser potrebbero infettarsi e interferire con le richieste e la comunicazione con il server. Per questo motivo potreste disattivare. Potete farlo aprendo il menu di Chrome e andando su Impostazioni > Estensioni:

La voce di menu Estensioni nelle impostazioni di Chrome

La voce di menu Estensioni nelle impostazioni di Chrome

Nella pagina delle estensioni, è possibile disattivare ciascuna di esse cliccando sul corrispondente interruttore.

Potete anche cancellare le estensioni non utilizzate o non aggiornate tramite il tasto Rimuovi:

La pagina delle estensioni in Google Chrome

La pagina delle estensioni in Google Chrome

Anche in questo caso, questa procedura varia leggermente a seconda del browser. L’obiettivo è quello di rimuovere o disattivare ogni estensione manualmente e poi controllare se questo risolve l’errore HTTP 304.

Una volta fatto, potrete provare a riattivarle una per una.

4. Svuotare il DNS e Resettare il TCP/IP

Se il problema a questo punto non è stato risolto, potrebbe esserci un problema con le impostazioni del DNS. Per esempio, anche l’utilizzo di un indirizzo IP non aggiornato potrebbe causare un errore HTTP 304.

Pertanto, un altra soluzione da provare è la pulizia del DNS e il reset del TCP/IP.

Con Chrome, potete ripulire il DNS del browser inserendo “chrome://net-internals/#dns” in una nuova scheda.

Premete Invio e fate clic sul pulsante Clear host cache:

La pagina delle impostazioni per la pulizia della cache del DNS in Chrome

La pagina delle impostazioni per la pulizia della cache del DNS in Chrome

Potete anche svuotare il DNS e resettare il TCP/IP nel vostro sistema operativo. Se avete bisogno di una guida dettagliata, potete fare riferimento al nostro tutorial Come Svuotare la Cache del DNS (Windows, Mac, Chrome).

5. Provate a Utilizzare il DNS Pubblico di Google

Un’altra possibile causa dell’errore HTTP 304 è un indirizzo DNS errato. Pertanto, vale la pena di utilizzare il DNS pubblico di Google per vedere se questo risolve il problema.

In Windows è possibile farlo premendo i tasti Win + R. Nella finestra Run che appare, digitate nella casella di comando “ncpa.cpl”, e poi premete Ok.

Stanco di problemi con WordPress e di un hosting lento? Forniamo un supporto di livello internazionale da parte di esperti WordPress disponibili 24/7 e server incredibilmente veloci. Dai un’occhiata ai nostri piani

Nella finestra Connessioni di rete che vi appare a questo punto, individuate la connessione di rete che state utilizzando e fate clic con il tasto destro del mouse. Selezionate quindi Proprietà:

La pagina delle impostazioni delle connessioni di rete in Windows

La pagina delle impostazioni delle connessioni di rete in Windows

Da lì, fare doppio clic sulla versione 4 del protocollo Internet:

Le impostazioni delle proprietà Wi-Fi in Windows

Le impostazioni delle proprietà Wi-Fi in Windows

Selezionate l’opzione “Utilizza i seguenti indirizzi di server DNS”, quindi immettete il valore “8.8.8.8.8” sotto Preferred e “8.8.4.4” sotto Alternate:

I campi per inserire indirizzi di server DNS preferiti e alternativi in Windows

I campi per inserire indirizzi di server DNS preferiti e alternativi in Windows

Quando avete finito, fate clic su Ok. Poi riavviate il vostro sistema e provate ad accedere di nuovo al sito web.

Per modificare le impostazioni del vostro server DNS utilizzando macOS, andate su Apple > Preferenze di sistema > Rete:

Preferenze di sistema in macOS

Preferenze di sistema in macOS

Nella finestra che vi appare, selezionate la vostra connessione, quindi fate clic su Avanzato e poi sulla scheda DNS:

Il pannello DNS di rete in macOS

Il pannello DNS di rete in macOS

Fate clic sull’icona + accanto agli indirizzi IPv4 o IPv6, per sostituire gli indirizzi esistenti con gli IP pubblici di Google.

Per ulteriori istruzioni o per una guida sull’uso di Google Public DNS su un sistema operativo Linux o altro sistema operativo, consultate la guida DNS di Google.

6. Verificate che i File di Configurazione del Server non Contengano Istruzioni di Reindirizzamento Errate

Gli errori HTTP 304 Not Modified possono verificarsi per problemi legati sia al server che al client. Se nessuno dei metodi che abbiamo descritto finora ha eliminato il problema, potrebbero essere in errore i file di configurazione del server. Ad esempio, è possibile che siano presenti istruzioni di redirect non corrette.

La procedura di controllo dei file di configurazione del server cambia a seconda che si utilizzi Nginx o Apache.

Noi di Kinsta usiamo il web server Nginx. Quindi, se siete utenti di Kinsta, non avrete accesso al file .htaccess come gli utenti di Apache.

Tuttavia, potrete comunque eseguire funzioni simili. Ad esempio, dopo aver effettuato il login in MyKinsta, potete controllare la sezione Analytics > Risposta del cruscotto per un’analisi dei codici di risposta e dei redirect:

Ripartizione dei codici di risposta in MyKinsta

Ripartizione dei codici di risposta in MyKinsta

Potete anche controllare i registri degli errori. Se avete una domanda o una richiesta specifica sulla modifica dei file di configurazione, la cosa migliore da fare è contattare il nostro team di supporto.

Se il vostro server è in esecuzione su Apache, allora dovrete cercare il file .htaccess nella directory principale del vostro sito. Potete farlo accedendo al File Manager del vostro account di hosting e navigando nella cartella public_html.

Una volta aperto il file, cercate una sezione del modulo mod_cache. Dovrebbe avere questo aspetto:

LoadModule cache_module modules/mod_cache.so
<IfModule mod_cache.c>
    LoadModule cache_disk_module modules/mod_cache_disk.so
    <IfModule mod_cache_disk.c>
        CacheRoot "c:/cacheroot"
        CacheEnable disk  "/"
        CacheDirLevels 5
        CacheDirLength 3
    </IfModule>

    # When acting as a proxy, don't cache the list of security updates
    CacheDisable "http://security.update.server/update-list/"
</IfModule>

Non consigliamo di cancellare nulla, in quanto questo potrebbe causare gravi danni. Potete invece provare a commentare temporaneamente la sezione della cache aggiungendo un simbolo “#” all’inizio di ogni riga.

Dopo aver salvato le modifiche, controllate se questa soluzione ha risolto il problema HTTP 304.

Non lasciare che un errore HTTP 304 ostacoli il tuo sito ❌ Scopri tutti i trucchi per eliminare l'errore in questa guida approfonditaClick to Tweet

Riepilogo

I codici di reindirizzamento HTTP 304 sono utilizzati per migliorare la velocità e le prestazioni della pagina. Sfortunatamente, quando un server o un browser non è configurato correttamente, la comunicazione tra i due può essere interrotta e causare un errore HTTP 304.

Ci sono sei metodi a disposizione per correggere l’errore HTTP 304, nello specifico:

  1. Cancellare i dati della cache del browser.
  2. Eseguire una scansione malware.
  3. Disabilitare le estensioni del browser.
  4. Pulire il DNS e ripristinare il TCI/IP.
  5. Provare il DNS pubblico di Google.
  6. Controllare che i file di configurazione del server non contengano istruzioni di reindirizzamento errate.

Se ti è piaciuto questo tutorial, allora apprezzerai molto il nostro supporto. Tutti i piani di hosting di Kinsta includono supporto 24/7 da parte dei nostri sviluppatori e tecnici veterani di WordPress. Chatta con lo stesso team che supporta i nostri clienti Fortune 500. Scopri i nostri piani