Come ogni settore lo sviluppo web ha la sua terminologia, le sue professioni, i suoi strumenti e le sue competenze. Nello sviluppo web, la differenza tra backend e frontend è discussa abbastanza spesso. Cosa significano? C’è qualche sovrapposizione? Si possono usare in modo intercambiabile?

In questo articolo confronteremo lo sviluppo backend con quello frontend, parleremo delle differenze chiave ed entreremo nello specifico di queste differenze esplorando gli strumenti, i linguaggi di programmazione e i framework utilizzati nei due casi

Inoltre, aiuteremo coloro che sono appena entrati nell’industria dello sviluppo web. Per esempio, si guadagna di più con lo sviluppo backend rispetto a quello frontend? E in cosa consiste il processo lavorativo per chi lavora su ogni parte di un sito web?

Continuate a leggere per scoprire il nostro confronto approfondito tra sviluppo web backend e frontend!

Sviluppo Backend vs Frontend: Differenze Chiave

Quando si confronta lo sviluppo backend con quello frontend, le differenze di solito si presentano nelle seguenti categorie:

  • Le aree di cui si occupano questi due tipi di sviluppo.
  • La tecnologia e gli strumenti utilizzati da ciascuno.
  • I linguaggi utilizzati nel backend rispetto al frontend.
  • Requisiti e competenze professionali.

Cominciamo in modo semplice:

Il backend si riferisce alla tecnologia e all’interfaccia che gira nel background di un sito web o di un’applicazione web per produrre un’interfaccia completamente rivolta al server o per far funzionare il frontend. Il backend si rivolge al server e spesso non viene mai visto dagli utenti.

Il frontend si riferisce alle tecnologie presentate nella “facciata” di un sito o di un’applicazione web, il che significa che è un’interfaccia rivolta al cliente che permette agli utenti di muoversi con elementi come browser, pulsanti e testo.

E ora entriamo nel dettaglio:

Non c’è solo una differenza tra lo sviluppo backend e quello frontend, ma piuttosto una serie di tecnologie, strumenti utilizzati, competenze richieste e linguaggi implementati che li rendono due cose completamente diverse. Certo, lavorano insieme per lo stesso prodotto finale: un sito web o un’applicazione web; tuttavia, questo non tiene conto delle complessità che vanno nei processi di sviluppo backend e frontend.

Vediamo meglio cosa li rende unici.

Backend vs Frontend: cosa significano i due termini? C'è qualche sovrapposizione? Puoi usarli in modo intercambiabile? Scopri di più ⬇️ Clicca per twittare

Sviluppo Backend

Questo è ciò che potete aspettarvi dallo sviluppo backend:

  • Il backend di un’applicazione web o di un sito web gestisce ogni aspetto della gestione dei dati per un progetto web, specialmente quando si tratta di archiviazione, consegna e organizzazione dei dati.
  • Il backend è la parte lato server dello sviluppo di un sito web. A volte questo significa che il sito web o l’app creata funziona solo sul lato server, come un database interno che lavora in background o un file server che registra le risorse per una società. Tuttavia, nello sviluppo web, il backend spesso si collega direttamente al frontend offrendo processi e servizi come le ricerche nel database, l’archiviazione nel cloud e la gestione dei file per chi lavora dal frontend. Un esempio è un database di utenti (backend) su un sito di incontri, dove le informazioni vengono presentate come profilo (frontend).
  • Il backend è quasi sempre nascosto alla vista dell’utente. È come la magia dietro le quinte; molte persone non hanno idea di come funzioni un sito web, ma il backend spesso dice agli elementi del frontend cosa fare.
  • Lo sviluppo del backend utilizza linguaggi come PHP, Python, C++, Ruby e Java.
  • Alcuni framework di backend includono Laravel, Spring, Rails, Django ed Express. Altri linguaggi di scripting includono Ruby, GO, REST e C#.
  • Gli utenti frontend tecnicamente interagiscono con il backend attraverso un’interfaccia frontend, ma non vedono mai effettivamente il funzionamento del backend.
  • Compiti aggiuntivi, come la creazione di librerie e la scrittura di API, si collegano anche all’interfaccia backend. Chi sviluppa li usa per generare una funzione completamente nuova.

Sviluppo Frontend

Ecco cosa include lo sviluppo frontend:

  • Il frontend di un sito web o di un’applicazione web contiene l’area in cui l’utente interagisce. Il suo scopo principale è quello di lavorare con le risorse di dati del backend per fornire informazioni, permettere all’utente di prendere decisioni e consumare contenuti, con strumenti come pulsanti, elementi multimediali e calcolatori.
  • È ciò che l’utente vede in ogni momento, a volte combinato con i dati estratti dal backend.
  • Chiamiamo il frontend il lato client del sito web o dell’applicazione, visto che l’utente spesso naviga attraverso il frontend con un browser o un’altra interfaccia.
  • Alcuni elementi comunemente utilizzati nel frontend includono tabelle, pulsanti, colori, testo, navigazione, immagini e praticamente ogni elemento visivo che si incontra in un sito web.
  • I linguaggi per lo sviluppo frontend includono HTML, CSS e JavaScript.
  • I due obiettivi primari dello sviluppo frontend includono il miglioramento delle prestazioni e la reattività, cioè vogliono che il sito web frontend si carichi velocemente e funzioni bene su tutti i tipi di dispositivi.
  • I framework frontend includono Flutter, SAAS, jQuery, React.js e AngularJS.
  • Gli utenti del frontend possono spesso navigare usando una GUI (interfaccia grafica utente) o una linea di comando.

Perché il Frontend e il Backend Sono Separati nello Sviluppo Web?

Il frontend e il backend sono separati per alcune ragioni. Prima di tutto, sono interfacce completamente diverse che utilizzano i propri framework, linguaggi e meccanismi di sviluppo unici.

Tuttavia, è ancora una domanda valida, considerando che il frontend e il backend sono collegati in molti modi. Stanno lavorando per lo stesso obiettivo: produrre un sito web, un’applicazione o un software funzionale.

Non potremmo dire “sviluppo” e farla finita?

Sì, potremmo semplicemente combinare lo sviluppo frontend e backend con un termine più generale come “sviluppo”, e indovinate un po’, lo facciamo! Il termine “sviluppo” è semplicemente una categoria generale che si riferisce a tutti i tipi di programmazione, design e costruzione di siti web. Inoltre, c’è lo sviluppo full-stack, che si riferisce sia al frontend che al backend.

È un po’ come costruire una casa: nella squadra di costruzione avete falegnami, elettricisti, idraulici, architetti e molti altri lavori che vanno nel progetto completato. La squadra di un’impresa edile comprende individui che lavorano al completamento di un obiettivo comune. Tuttavia, si tratta di una categoria ampia; dire che qualcuno lavora nell’edilizia non ci dice molto sulle sue competenze specifiche, sugli strumenti che usa, o su quali parti della casa lavora.

Costruire un sito web è molto simile alla costruzione di una casa. È possibile per una persona costruire una casa da sola? Certo, ma è meno efficiente e richiederebbe che quella persona sia formata in molte abilità. Lo stesso si può dire dello sviluppo frontend e backend. Sono sottoinsiemi dello sviluppo di siti web perché sono unici nelle loro capacità. Questo rende più facile all’interno dell’industria trovare le persone perfette per ogni lavoro invece di passare al setaccio molte persone che si definiscono developer, ma che possono lavorare solo su un lato dello sviluppo.

Pensate a uno sviluppatore frontend come l’imbianchino di una casa. Chi lavora nello sviluppo backend è come un elettricista, che si occupa dei lavori invisibili ma fondamentali all’interno delle pareti. L’imbianchino potrebbe avere qualche abilità come elettricista e l’elettricista potrebbe avere un po’ di esperienza con la pittura, ma sarebbe sciocco cercare di risparmiare denaro non reclutando entrambi i professionisti richiesti per il lavoro.

Tecnologie e Linguaggi Utilizzati per lo Sviluppo Frontend e Backend

Abbiamo detto che sia lo sviluppo frontend che il backend hanno bisogno di una cassetta degli attrezzi unica, e queste cassette degli attrezzi sono diverse e includono:

Iniziamo con i framework.

Framework Backend

I framework forniscono una base, come un modello, per creare rapidamente siti web e applicazioni web. Questi framework seguono la vecchia regola di non reinventare la ruota; qualcuno ha già gettato le basi, con potenziali file del sito, database e altri elementi pronti per essere utilizzati quando si avvia un nuovo progetto.

Un framework fa risparmiare tempo, permette uno sviluppo più standardizzato e le aziende possono scalare molto più facilmente quando non devono partire da zero. Inoltre di solito non dovete pagare per i framework.

I componenti che costituiscono il framework backend di Laravel, tra cui Vapor, Forge, Envoyer e molti altri
Esempi dei componenti di un framework backend.

Sia gli sviluppatori backend che quelli frontend approfittano dei framework per accelerare i loro processi di lavoro. Alcuni dei più popolari framework di sviluppo backend includono:

  • Django: Un framework open source che può essere utilizzato per varie applicazioni implementando anche un ambiente di sviluppo sicuro e ricco di funzionalità. Sviluppatrici e sviluppatori si orientano verso Django poiché è considerato uno dei framework più veloci e offre una curva di apprendimento meno ripida di quella che si può trovare con altri framework.
  • Spring Boot: Usa il linguaggio Java e i vantaggi di utilizzarlo come framework includono le sue proprietà delle app facilmente personalizzabili, il supporto per Jetty e Undertow e una migliore gestione delle dipendenze. Il framework open source funziona meglio per le app e offre funzionalità alle applicazioni Java.
  • Laravel: Questo framework backend ha un sistema di packaging modulare e un gestore delle dipendenze incorporato nel framework. È ottimo per attingere ai database relazionali, commentare dal vivo, memorizzare nella cache, migliorare l’autenticazione e semplificare il processo API.
  • Rails: Questo framework per applicazioni lato server si concentra sulla strutturazione di database, servizi web e siti web completi in modo economico e coerente, offrendo una delle opzioni di framework backend più popolari e semplici. L’obiettivo dietro Ruby è quello di ottenere risultati di sviluppo in un ambiente privo di bug, mentre si scalano i siti web, anche se il sito prevede di supportare un numero incredibilmente alto di utenti.
  • ExpressJS: Utilizzato principalmente per costruire API e applicazioni, il framework ExpressJS funziona come backend, componente open source, ma anche come soluzione frontend per database specifici come NoSQL. NodeJS serve come linguaggio di programmazione all’interno di ExpressJS.
  • Asp .NET: Presentato come un framework modulare per una codifica minima, una migliore manutenzione e un supporto multipiattaforma, ASP.NET Core si sforza di ottenere prestazioni superiori rispetto ad altri framework, così come un’esperienza che limita la quantità di codice in un intero progetto. È alimentato dal linguaggio C#.
  • CakePHP: Spesso utilizzato per siti web orientati ai media, il framework CakePHP è scritto in PHP. Questo framework open source estremamente popolare ha le sue radici nel sistema Ruby on Rails, ma si concentra maggiormente sulla mappatura dei dati, sulla registrazione attiva e sulla mappatura relazionale degli oggetti. La sua flessibilità ed estensibilità rendono CakePHP una scelta ideale come framework backend. Permette a chi programma di generare pezzi di codice riutilizzabili da distribuire e utilizzare su altri progetti o all’interno dello stesso progetto.
  • Phoenix: Lo scopo principale del framework backend Phoenix è quello di generare applicazioni ad alte prestazioni, la maggior parte delle quali ha la scalabilità incorporata fin dall’inizio. La produttività è al centro di Phoenix, quindi troverete meno bug grazie alla sua migliorata tolleranza ai guasti e agli elementi che aiutano l’affidabilità. Potrete anche eseguire un bel po’ di occorrenze alla volta, velocizzando il processo di sviluppo e senza dovervi preoccupare degli errori di battitura.

Framework (e Librerie) Frontend

Lato frontend, chi si occupa di sviluppo può scegliere tra framework e librerie. A volte la linea tra ciò che costituisce una libreria e un framework è confusa, ma, in generale, un framework frontend è un modello di file, linguaggi e strumenti per costruire e scalare rapidamente la parte anteriore di una web app o di un sito web. Quando si paragona il backend al frontend, un framework frontend esegue compiti come lo stile del sito web, la gestione delle richieste AJAX e il modo in cui i file del backend sono utilizzati e presentati nel frontend.

Homepage del sito di React.js
React.js assottiglia il confine tra framework frontend e librerie.

D’altra parte, le librerie tendono a “scaricare” più risorse su chi sviluppa senza fornire altrettanta struttura. Alcune librerie sono framework borderline, e i framework tipicamente contengono ciò che sarebbe considerato una libreria. In parole povere, una libreria può aiutare sviluppatrici e sviluppatori a eseguire compiti specifici ma non richiede alcuno stile architettonico del sito. Le librerie servono come grandi collezioni di risorse al contrario delle fondamenta guida.

I framework sono di solito pacchetti più piccoli destinati a completare uno scopo specifico ed essenzialmente “costringono” chi sviluppa a seguire linee guida, linguaggi e architetture specifiche. I framework sono solitamente considerati migliori per l’efficienza (dal momento che sono come modelli preimpostati), mentre le librerie forniscono più libertà (ma molta meno assistenza, quindi non sono destinate a scalare rapidamente).

Date un’occhiata ad alcuni dei più popolari framework e librerie frontend:

  • React.js: Commercializzato come una libreria JavaScript per la costruzione di interfacce utente, questo è esattamente ciò che dovreste aspettarvi dalla libreria gestita da Facebook. Le caratteristiche di React.js includono componenti dell’interfaccia utente che rimangono stabili e sicuri durante tutto il processo di sviluppo; un set di strumenti SEO-friendly ideali per il riutilizzo in altre parti dell’applicazione o in altri progetti; un debug veloce; una maggiore velocità e un data binding che viene completato in modo unidirezionale.
  • AngularJS: Il framework frontend AngularJS proviene dal team di Google. Utilizza il linguaggio di programmazione Typescript insieme alla sincronizzazione in tempo reale tra il modello di sviluppo e la visualizzazione effettiva del prodotto. Il linguaggio TypeScript è stato implementato in Angular per assistere coloro che sviluppano a individuare rapidamente i bug, eliminare gli errori di scrittura e mantenere tutto il codice ordinato e comprensibile; tutto questo viene offerto con TypeScript (che è legato a JavaScript).
  • Bootstrap: Se state pensando di costruire il frontend di un sito web responsive, probabilmente state esaminando il framework Bootstrap. Alcune persone lo chiamano framework, ma è più una libreria con un incredibile toolkit frontend, vari componenti precostruiti e alcuni fantastici plugin da combinare con qualsiasi file HTML, CSS o JavaScript che volete implementare in un sito web mobile-friendly.
  • Vue.js: Si tratta di un altro framework/libreria frontend che usa il linguaggio JavaScript, simile a React.js, e lo scopo principale del framework è quello di sviluppare app a una pagina e interfacce online. È uno dei framework più semplici per design. Offre animazioni e transizioni CSS integrate, vari modelli HTML e una dimensione molto più piccola di altri framework comparabili.
  • jQuery: Anch’esso un framework con linguaggio JavaScript, le radici di jQuery risalgono al 2006, e questo lo rende una delle prime opzioni di sviluppo per costruire facilmente interfacce frontend con un framework (jQuery popola una porzione significativa di internet e ha una forte comunità che aiuta chi lavora con il framework). Nel complesso, è un framework browser-friendly e orientato ai dispositivi mobili che si distingue per la riduzione al minimo della quantità di codice JavaScript necessario per le interfacce frontend dei siti web.
  • Ember.js: Continuando con i framework basati su JavaScript, Ember.js fornisce un potenziale di sviluppo più veloce, una migliore organizzazione e opzioni per grandi team con cui integrare, eseguire il debug e creare un sistema stabile nella sua interezza. Utilizzato da aziende top come LinkedIn, Apple e Square, Ember.js non è male, soprattutto grazie alla sua metodologia di sviluppo semplificata, ai modelli, agli idiomi comuni e alle pratiche standard che più persone possono capire.
  • Flutter: Questo è unico dopo aver parlato di così tante librerie e framework che si rivolgono agli utenti CSS, HTML e JavaScript. Invece degli standard industriali, il framework frontend Flutter si basa su un linguaggio di programmazione chiamato Dart, che aiuta a creare applicazioni mobili, desktop e web ad alte prestazioni, prendendo tutto da un unico codice base.
  • Semantica-UI: Attenendosi a linguaggi più semplici e standardizzati come HTML e JavaScript, Semantic-UI si rivolge a coloro che cercano di sviluppare interfacce frontend a un ritmo rapido e di generare layout di siti web responsive utilizzando HTML conciso, strumenti di debug semplificati e migliaia di variabili di tematizzazione. Insieme a più di 50 componenti UI e 5.000 commit, è un framework che gioca bene con altre librerie e vi permette una grande flessibilità.
  • Materialize: Proprio come suggerisce il suo nome, questo framework frontend accelera lo sviluppo di siti web moderni e responsive, il tutto utilizzando un approccio di material design. Alcuni temi sono inclusi nel framework e a chi sviluppa viene richiesto di utilizzare JavaScript e CSS per manipolare i componenti, generare elementi come i moduli e produrre design web con elementi grafici in grassetto e movimento per catturare l’attenzione.
  • Backbone.js: Funziona come una libreria per applicazioni web e fornisce una piattaforma accelerata per lavorare su progetti con JavaScript e per creare applicazioni web a pagina singola, ma con i benefici aggiunti di sincronizzare più parti dell’applicazione web. Lavora insieme a jQuery e ad altri framework e librerie come Underscore.js.
  • Foundation: Con Foundation potete creare una vasta gamma di applicazioni web mobile-first, siti e anche email HTML, poiché il framework frontend presenta una griglia veloce e responsive per lo sviluppo con CSS e HTML. Potete trarre vantaggio da elementi di base come pulsanti, snippet e menu di navigazione, utilizzando anche modelli precostituiti. Questo rende Foundation una scelta comune per molti sviluppatori frontend perché offre alcuni dei modelli più comuni richiesti per costruire un sito web mobile.

Linguaggi Backend

Avrete notato che tutti i framework e le librerie nelle sezioni precedenti funzionano con specifici linguaggi di programmazione. Questo perché i framework servono come base fondamentale quando si sviluppano applicazioni web frontend o backend; i pezzi che tengono insieme queste fondamenta sono i linguaggi di programmazione.

Tornando alla nostra analogia sulla costruzione della casa, i framework sono come le collezioni di finestre, cartongesso e strumenti utilizzati per costruire la casa. I linguaggi di programmazione sono come le materie prime che vanno in questi elementi per farli funzionare, come la colla, il vetro e il legno per le finestre.

I linguaggi di programmazione permettono di scrivere script, istruzioni e file del sito che alla fine vengono eseguiti da un computer. Pertanto, che siate frontend o backend developer, dovete avere esperienza in un particolare linguaggio per creare un’applicazione o un sito web con un framework.

Potete quindi usare i framework come scorciatoie mentre scrivete il codice personalizzato utilizzando lo stesso linguaggio. I linguaggi vengono digitati in qualcosa come un editor di testo o HTML, compilati per l’organizzazione, poi convertiti in un linguaggio macchina in modo che il computer possa elaborare i dati e completare la serie di istruzioni richieste.

I linguaggi di backend si correlano direttamente con i framework di backend e aiutano a elaborare le operazioni di backend come la logica di business, le chiamate al database, la rete, l’elaborazione delle immagini e molto altro.

Ogni linguaggio di programmazione ha il proprio sito web dove trovare download, documentazione, comunità e moduli di apprendimento, molto simile a quello mostrato per il linguaggio backend PHP
Sito web del linguaggio di programmazione PHP.

Questi linguaggi sono più comunemente utilizzati nei framework backend, o ogni volta che si lavora su un progetto backend in qualsiasi forma:

  • PHP: Forse uno dei linguaggi backend più conosciuti, PHP fornisce un linguaggio di scripting onnicomprensivo e generale per tutti i tipi di sviluppo web. Interagisce con il linguaggio frontend HTML, ma in modo diverso da come interagisce JavaScript. È disponibile per tutti i principali sistemi operativi, offre la segnalazione degli errori, è sicuro e dà a chi sviluppa un controllo estremo senza dover usare lunghe linee di codice.
  • Java: Questo linguaggio lato server è stato introdotto nel 1995, rendendolo affidabile per applicazioni mobili, applicazioni desktop, server web, applicazioni web, connessioni a database e altro. Anche se molti pensano che Java sia il predecessore, o in qualche modo legato, a JavaScript, sono linguaggi completamente diversi. Per quanto riguarda le caratteristiche, Java è un linguaggio gratuito e open source, funziona sulla maggior parte dei principali sistemi operativi ed è piuttosto sicuro, veloce e semplice da usare. È un linguaggio orientato agli oggetti per un ambiente di sviluppo gestibile e molte persone passano a o da Java e C++ (o Java e C#) perché i linguaggi sono molto simili.
  • Python: Un altro linguaggio mainstream lato server si chiama Python. Potete trovare Python in applicazioni e siti web come Instagram, Facebook, Quora e molte altre grandi aziende tecnologiche. Python funziona bene per la matematica, lo sviluppo di software, lo scripting e il suo uso più comune: lo sviluppo web backend. L’intero punto di Python è quello di migliorare la leggibilità, quindi è in qualche modo simile alla lingua inglese.
  • C++: Spesso insegnato a scuola per eseguire funzioni matematiche, il linguaggio di programmazione C++ serve anche per generare applicazioni online, elementi di siti web e calcoli ad alte prestazioni. Essendo un linguaggio di programmazione popolare (se non uno dei più popolari), il suo uso backend è utile per adattarsi a più piattaforme, riutilizzare programmi creati in precedenza e integrarsi con qualsiasi interfaccia grafica. Per non parlare del fatto che C++ è simile a Java e C#, quindi le persone che imparano questi linguaggi troveranno facile saltare da un linguaggio all’altro.
  • JavaScript: Abbiamo detto che JavaScript è diverso da Java, ed è vero. JavaScript offre un potenziale di sviluppo sia per il backend che per il frontend, essendo utilizzato in entrambi i tipi di framework. Quando si tratta di sviluppo backend, JavaScript estende tutti i linguaggi principali per fornire oggetti specifici per l’intero sito web, come far comunicare un’applicazione con un database.
  • Ruby: Il linguaggio Ruby ha continuato a guadagnare popolarità per lo sviluppo backend di applicazioni e siti web, principalmente perché è molto più facile da leggere e scrivere; è molto simile all’inglese. È anche un linguaggio orientato agli oggetti che rimuove il bisogno di un compilatore per eseguire siti web e applicazioni, e si abbina perfettamente al suo framework partner, Rails.

Linguaggi Frontend

I linguaggi frontend utilizzati nello sviluppo lato client hanno un’attenzione maggiore verso il cliente. Come tali, questi linguaggi sono più noti al grande pubblico. Questi sono i linguaggi a cui la persona media pensa quando si parla di sviluppo web.

I linguaggi frontend sono essenziali per produrre siti web, applicazioni web e applicazioni mobili user-friendly. Servono a generare belle interfacce, siti web ad alte prestazioni e tutti gli elementi con cui tipicamente interagite quando visitate un sito web.

Quando è il momento di scegliere il giusto linguaggio frontend, di solito è meglio iniziare con ciò che si conosce meglio per poi optare per framework e linguaggi specifici che si adattano al risultato desiderato. Per esempio, l’HTML offre agli utenti un’esperienza essenziale e ad alte prestazioni, che ha senso per costruire siti web semplici. E i CSS portano l’HTML un passo avanti per quanto riguarda lo stile.

Tuttavia, non dovete mai dimenticare che alcuni di questi linguaggi lavorano insieme per produrre il miglior risultato. Molti siti web hanno una combinazione di HTML, CSS e JavaScript che lavorano tutti insieme.

Ecco i principali linguaggi di sviluppo frontend:

  • HTML: Sinonimo delle basi fondamentali del web design, l’HTML (Hypertext Markup Language) fornisce il linguaggio di markup essenziale e primario per sviluppare qualsiasi tipo di sito web online. L’HTML può comporre tutto, dal testo alle immagini, dai link alle intestazioni, e fornire certi livelli di stile per mostrare dove questi elementi possono finire nella pagina. Da solo, l’HTML funziona bene per generare pagine web statiche. Tuttavia, quando è combinato con altri linguaggi come JavaScript e CSS, potete completare compiti molto più avanzati, generare uno stile moderno e influenzare il comportamento di altri linguaggi all’interno della codifica del sito.
  • CSS: Acronimo per Cascading Style Sheets, i CSS hanno a che fare con la manipolazione degli elementi frontend per renderli più presentabili, con la pulizia della quantità di codice HTML richiesto e con i processi di styling che non sono possibili con il solo HTML. Anche se l’HTML contiene l’effettivo contenuto frontend del sito web (e alcune opzioni di stile di base a causa dei limiti dei tag in HTML), i CSS forniscono lo stile per quel contenuto, ed è tutto memorizzato in fogli di stile esterni che vanno nei file CSS sul server.
  • JavaScript: Abbiamo parlato di JavaScript come il linguaggio di programmazione più popolare per la sezione backend, ma è anche considerato uno dei linguaggi di riferimento per chi si occupa di sviluppo frontend. La versione frontend di JavaScript lavora in tandem con HTML e CSS per produrre un bel layout. Mentre l’HTML si concentra sulla struttura del documento e i CSS sullo stile, JavaScript fornisce una soluzione essenziale per far interagire il client frontend con il server.
  • Dart: Conosciuto per le sue somiglianze con i linguaggi Java e C, Dart serve allo sviluppo e alla programmazione di applicazioni mobili, il che significa che potete creare praticamente qualsiasi cosa con questo linguaggio, comprese applicazioni, siti web, server e software desktop.

Database

Insieme ai linguaggi, ai framework e alle librerie, lo sviluppo frontend e quello backend richiedono un lavoro diverso con i database.

I database sono solitamente gestiti solo da backend developer. Lo sviluppo full-stack gestisce anche i database, ma chi lavora sul frontend interagisce solo con i database per assicurare che l’interfaccia utente produca i giusti risultati.

In breve, nello sviluppo frontend si testano le funzionalità del database, si esaminano i risultati e si verifica se la connessione è regolare. Tuttavia, qualsiasi problema trovato nel frontend sarà molto probabilmente documentato e inviato a chi si occupa di backend per l’analisi e la riparazione.

Quindi, il backend utilizza i database, li integra con i sistemi e li gestisce nel futuro.

Ma quali database vengono utilizzati?

Sono disponibili molti database, ma ce ne sono due tipi standard per lo sviluppo web backend:

  • Database relazionali
  • Database non relazionali

I database relazionali, spesso chiamati database SQL (Structured Query Language), usano le tabelle per organizzare e definire le relazioni tra i dati. SQL è il linguaggio implementato all’interno dei database relazionali, quindi struttura le tabelle, sposta i dati e permette a chi sviluppa di piegare le caratteristiche del database alle proprie esigenze.

Quando si usano le tabelle in un database, chi lavora nel backend può completare i seguenti compiti con facilità:

  • Generare record del database
  • Aggiornare i record del database
  • Rimuovere i record del database
  • Cercare nell’intero database
  • Popolare i database con dati di massa

Gli sviluppatori vanno anche oltre il regolare aggiornamento, la ricerca e l’eliminazione dei punti dati mantenendo e ottimizzando l’intero set di dati. Nel complesso, un database SQL è scalabile verticalmente, il che significa che si implementa qualsiasi sistema (come i processori e lo stoccaggio) nello sviluppo del backend e si sfrutta qualsiasi risorsa disponibile.

Tuttavia, ogni computer ha dei limiti, quindi potrebbe essere difficile espandersi oltre i limiti imposti dalla vostra attuale macchina. Supponiamo che i carichi di dati aumentino oltre quanto offerto dalla vostra macchina. In questo caso, dovete passare a un sistema più grande o riconfigurare il database come un database NoSQL (che è scalabile orizzontalmente).

Ecco altre cose da ricordare su SQL o sui database relazionali:

  • Usano schemi predefiniti e strutturati invece di schemi di dati meno strutturati e dinamici.
  • A causa della sua scalabilità verticale, i database SQL richiedono un hardware ad alte prestazioni che è spesso specializzato per questo lavoro. Questo perché non volete finire in un posto dove il database non può supportare l’aumento dei dati.
  • Esempi di database relazionali (SQL) per lo sviluppo web includono MySQL, Sybase, PostgreSQL e Oracle SQL.
  • I database SQL hanno più senso per progetti che richiedono complesse interrogazioni di dati e validità dei dati.
  • Non sono ottimi quando si cerca di memorizzare insiemi complicati di dati gerarchici.
  • Molti database SQL sono open source, ma potreste dover pagare per alcuni a seconda della vostra scelta.
Homepage di MySQLs
MySQL è uno dei database SQL più usati.

All’altra estremità dello spettro, un database non relazionale o NoSQL offre una soluzione di database che è più facile da scalare rispetto a SQL, memorizzando quantità incredibili di dati gerarchici e producendo applicazioni web ad alte prestazioni. Nel complesso, è un tipo di database prezioso quando le esigenze di archiviazione diventano troppo elevate o quando c’è una richiesta immediata di distribuzione rapida dei dati, di solito in tempo reale. Non c’è da meravigliarsi che i più grandi social network e motori di ricerca come Facebook, Twitter e Google si appoggiano tutti pesantemente al supporto dei database NoSQL.

A differenza del formato di tabella strutturata di un database SQL, i database NoSQL, non relazionali, offrono tecnologie avanzate per memorizzare tutto, dai dati strutturati a quelli non strutturati. Supportano anche cose come l’archiviazione polimorfica.

Questo perché NoSQL utilizza database grafici, accoppiamenti e registri di documenti invece dell’archiviazione tabellare di base di SQL. Il NoSQL ha un potenziale scalabile verticalmente, minimizzando il bisogno di macchine ad alte prestazioni. Offre invece un modo per aggiornarsi a seconda delle necessità di sviluppo e si collega ad altre macchine se necessario.

Questo deriva anche dallo schema dinamico del NoSQL. È tutto molto più flessibile con un database non strutturato.

I database non relazionali includono MongoDB, Cassandra, Neo4j e Redis. Questi sono i nomi dei prodotti che nello sviluppo backend andrebbero esaminati quando si implementa un database NoSQL.

Homepage di MongoDB
MongoDB è un esempio di database NoSQL.

Ecco qualche altra riflessione sui database NoSQL:

  • Sono tutti open source.
  • Sono i migliori per l’archiviazione di grandi quantità di dati e per la flessibilità.
  • Non sono adatti per le query complesse. Per quello attenetevi ai database SQL.
  • Il NoSQL se la cava bene con l’immagazzinamento e la gestione gerarchica dei dati.
  • L’idea è quella di fornire dati velocemente, a volte a spese della precisione.

Sviluppo Backend vs Frontend: Come Differiscono Queste Due Professioni?

Ora conosciamo gli strumenti utilizzati (come i framework) e i linguaggi abbracciati quando si lavora nello sviluppo backend e nel frontend. Ma che dire della professione vera e propria? Com’è lavorare giorno per giorno come sviluppatore o sviluppatrice frontend o backend?

Abbiamo spiegato che ogni tipo di sviluppo richiede una gamma specifica di competenze, il che implica che anche il lavoro varia. Ed è vero.

Diamo un’occhiata alle mansioni tipo richieste da ogni tipo di sviluppo, insieme ai titoli di lavoro disponibili per chi lavora nel frontend e nel backend.

Mansioni dello Sviluppo Frontend

  • Usare framework e creare nuovo codice rivolto all’utente per l’intera architettura, assicurando un’esperienza utente efficiente e accattivante.
  • Lavorare con AJAX per migliorare il modo in cui i siti web presentano i dati e gli elementi interattivi, caricando dinamicamente dati specifici del server in background senza ricaricare la pagina.
  • Interagire con gli sviluppatori backend per combinare elementi backend come i database con componenti dell’interfaccia frontend (moduli, pulsanti e menu).
  • Creare di mockup, wireframe e altri prototipi e passare da un’idea a un prodotto finale.
  • Testare le interfacce e fare il debug per assicurare che l’esperienza dell’utente sia la più impeccabile possibile.
  • Pensare a modi per migliorare l’esperienza dell’utente, usando la creatività e la comunicazione efficace per interagire con product manager, rappresentanti del supporto clienti e altre parti interessate.
  • Accettare suggerimenti, critiche e cambiamenti dalle parti interessate e anche dagli utenti, per poi convertire quei pensieri in soluzioni codificate dall’altra parte.
  • Assemblare tutti i pezzi visivi che arrivano da altri reparti creativi e mettere tutto insieme per assicurare che l’insieme funzioni come previsto. Chi sviluppa per il frontend raccoglie tutti i materiali, dalle foto (che arrivano dai fotografi) al testo (che arriva dai copywriter) e lo modellano tutto insieme in un’opera d’arte finale.
  • Lavorare con sistemi di gestione dei contenuti, API e altri strumenti per completare il design.
  • Alcuni sviluppatori frontend devono anche fornire servizi di graphic design, contenuti o qualsiasi altra cosa che va sulla facciata visibile di un sito web; tutto dipende dalle risorse disponibili per l’azienda e da chi altro è stato assunto per completare il lavoro.

Mansioni dello Sviluppo Backend

  • Gestire la logica dell’applicazione rivolta al server e capire come integrare strumenti vitali nell’infrastruttura.
  • Impostare i database per memorizzare tutto, dalle informazioni di contatto email ai profili dettagliati dei dipendenti, agli appuntamenti con le persone o ai prodotti.
  • Lavorare per assicurare che i database in background siano pronti a comunicare con il sito web o l’applicazione.
  • Interagire con i professionisti IT all’interno dell’organizzazione per gestire la manutenzione del server. A volte la maggior parte della manutenzione del server cade interamente nelle mani dello sviluppo backend, a seconda dell’organizzazione. Alcune aziende guardano ai membri del team di sviluppo backend come alle persone tecniche che tutto sanno.
  • Scrivere codice per migliorare la funzionalità di un database, migliorare il modo in cui il server produce risultati per l’applicazione finale e integrare tutte le parti mobili.
  • Usare framework per costruire e finalizzare l’intera infrastruttura backend del sito web o dell’applicazione.
  • Monitorare lo stato di salute del sito web, eseguire protocolli di sicurezza backend e gestire qualsiasi bug da risolvere.
  • Programmare con linguaggi backend comuni come Python, Java e PHP.
  • Creare un codice pulito e ben documentato che sia anche portabile per essere inviato alle parti interessate e utilizzato da altre persone nell’azienda per andare avanti con il progetto.
  • Collaborare con i product manager e altre parti interessate per comprendere appieno le basi del progetto. Pertanto, le capacità di comunicazione sono essenziali e l’abilità di prendere le informazioni comunicate e trasformarle nella soluzione codificata più efficacemente possibile.

Tipi di Lavoro Disponibili per Chi Fa Sviluppo Frontend

Le mansioni di cui sopra si uniscono per formare un ruolo lavorativo più definito per gli sviluppatori. Tuttavia, non tutti i progetti di siti web sono uguali. Alcune aziende hanno bisogno di sviluppatori frontend per realizzare pagine di destinazione mobile di una pagina, dove si lavora principalmente con interfacce iOS e Android.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi

Al contrario, un’altra azienda potrebbe richiedervi di semplificare un sito web ricco di dati eliminando l’uso eccessivo di HTML e facendo un piano che utilizzi principalmente JavaScript.

Ecco alcuni dei titoli di lavoro che potete aspettarvi di vedere quando si parla di sviluppo frontend:

  • CSS Developer
  • CSS/HTML Developer
  • Content Manager
  • Frontend Accessibility Expert
  • Frontend DevOps Engineer
  • Frontend Engineer
  • Frontend SEO Expert
  • Frontend Testing Engineer
  • Frontend Web App Developer
  • Frontend Web Designer
  • Full-Stack Developer
  • General Frontend Developer
  • HTML Developer
  • IA o IxD Developer
  • JavaScript Developer
  • Mobile Frontend Developer
  • Site Developer
  • UX Developer
  • User Interface Developer
  • Web Designer
  • WordPress Developer (qui trovate informazioni sullo stipendio)

Tipi di Lavoro Disponibili per Chi Fa Sviluppo Backend

Come potete vedere dai titoli dello sviluppo frontend, alcuni termini vengono combinati con parole più specifiche, permettendo alle aziende di individuare esattamente i tipi di persone di cui hanno bisogno. Potete anche vedere titoli inventati come “qualcosa con Hacker”, “qualcosa con Ninja” o “qualcosa con Rockstar”. Ma questi titoli non ci dicono nulla e di solito sono il tentativo di un’azienda di sembrare originale.

Troverete tendenze simili per le professioni che ruotano intorno allo sviluppo backend, tranne che di solito fanno qualche riferimento al backend, all’ingegneria o al tipo specifico di linguaggi di programmazione utilizzati.

Ecco alcuni esempi:

  • API Backend Developer
  • Backend Developer
  • Backend Software Engineer
  • Cloud Developer
  • Database Developer
  • DevOps Engineer
  • Ecommerce Developer
  • Fullstack Developer
  • iOS Developer
  • Java Developer
  • Node JS Backend Developer
  • PHP Developer
  • Programmer
  • Python Developer
  • Software Engineer
  • Web Developer
Schermata di un sito di offerte di lavoro
Esempi di offerte di lavoro per lo sviluppo backend.

Potreste anche vedere offerte di lavoro per lo sviluppo focalizzate sulla costruzione di siti web, sul content management system o sulle piattaforme di eCommerce in uso, come per esempio sviluppatrice/sviluppatore Magento, Shopify o WordPress.

Tenete presente che molti titoli professionali non sono esattamente precisi. Tutto dipende dalla persona che ha scritto la descrizione del lavoro e dall’azienda che assume per quel lavoro. Per esempio, Software Engineer non significa per forza che si sta parlando di un Backend Developer, ma spesso troverete questa equivalenza. La dicitura Software Engineer tecnicamente implica “programmatore, ma non per il web”, quindi non è una descrizione accurata di chi fa sviluppo backend.

Differenza di Stipendi tra Sviluppo Frontend e Backend

Se avete intenzione di lavorare nello sviluppo di siti web, probabilmente volete sapere quanto potreste essere pagati dopo aver ottenuto un diploma o aver seguito un programma di formazione.

Quali sono alcuni esempi di stipendi nello sviluppo frontend e backend?

  • Secondo Salary.com, lo stipendio mediano negli Stati Uniti per chi lavora nello sviluppo frontend è di 119.224 dollari, e varia tra 106.000 e 130.000 dollari.
  • Lo stipendio medio di chi lavora nello sviluppo backend (da Salary.com) è di 106.255 dollari. Il range è tra circa 91.000 e 120.000 dollari.
  • Glassdoor indica una paga base media di 87.136 dollari per lo sviluppo frontend, che varia tra 52.000 e 147.000 dollari.
  • Gli sviluppatori backend, come misurato da Glassdoor, guadagnano una media di 80.086 dollari e vanno da 48.000 a 133.000 dollari
  • L’analisi di Indeed.com scava un po’ più a fondo negli stipendi medi e nei bonus, affermando che chi fa sviluppo frontend negli Stati Uniti guadagna una media di 103.380 dollari all’anno e un bonus in denaro di circa 2.500 dollari all’anno.
  • Inoltre, in base ai dati di Indeed.com, chi lavora nel frontend ha uno stipendio medio di 117.811 dollari all’anno e 4.000 dollari di bonus in contanti ogni anno.

Potete anche leggere il nostro approfondimento sugli stipendi medi dello sviluppo web:

  • Richiesta di lavoro nello sviluppo web
  • Competenze richieste per diventare (ed essere pagati come) sviluppatore o sviluppatrice web
  • Stipendio medio nello sviluppo web da più fonti, basato sull’esperienza lavorativa, il tipo di lavoro e altro
  • Come iniziare una carriera da freelance nello sviluppo web
  • Stipendi per linguaggio di programmazione

Abbiamo anche pubblicato informazioni più dettagliate sullo stipendio medio di chi sviluppa in PHP. Quell’articolo approfondisce i lavori di backend e i salari e aiuta anche a capire se lo sviluppo PHP sia o meno un ottimo lavoro.

Non è una regola ferrea, ma i lavori di sviluppo backend offrono un potenziale di stipendio più alto . Tuttavia, secondo le nostre fonti, molti sviluppatori frontend ottengono stipendi iniziali e medi più alti rispetto a chi lavora nello sviluppo backend. Perché?

Nel complesso, dipende dalle vostre abilità, dalla complessità del lavoro specifico e da quanto rapidamente crescete con un’azienda. Inoltre, lavorare in alcune località dovrebbe rendere uno stipendio più alto/basso in base ai costi di vita variabili.

Qui ci sono esempi di differenze negli stipendi del settore sviluppo in alcune località degli Stati Uniti:

  • Gli sviluppatori backend, in media, guadagnano più degli sviluppatori frontend a San Francisco ($156.175 per il backend contro $146.806 per il frontend). Ancora, gli sviluppatori frontend hanno stipendi medi più alti a Seattle ($122.256 per frontend vs $118.875 per backend), secondo l’analisi regionale per i salari frontend e backend di Indeed.com.
  • Le città in cui si ricevono stipendi più alti per lo sviluppo frontend includono San Francisco, Seattle, Los Angeles, Durham, New York, Austin, Chicago e Denver (in questo ordine). Al contrario, le città con stipendi più alti per lo sviluppo backend includono San Francisco, San Jose, Boston, New York, Chicago, Seattle, Dallas e Las Vegas (in questo ordine).
  • Rispetto alla media nazionale, gli stati dove i lavori di sviluppo frontend sono pagati meno sono Idaho, Maine, Mississippi, New Mexico, Alabama, South Carolina e Delaware.
  • Rispetto alla media nazionale, gli stati dove i lavori di sviluppo backend sono pagati meno sono South Carolina, Kentucky, Indiana, Florida, Kansas, Oklahoma, Louisiana, Missouri, Tennessee, Michigan, Wisconsin, Ohio, Delaware, Nevada e Utah.

Tenendo tutto questo a mente, dobbiamo ricordare che il costo della vita cambia in base alla vostra posizione, quindi uno stipendio più basso per un lavoro nello sviluppo backend a Indianapolis è molto più conveniente se confrontato con una posizione simile a New York City o Los Angeles.

Nel complesso, sembra che nello sviluppo backend si ricevano stipendi più alti per via di progetti più tecnici e complessi, specialmente quando la persona lavora da molto tempo e diventa un tassello cruciale per il continuo successo di un’azienda. Ecco perché tendiamo a vedere una crescita maggiore per chi si occupa di sviluppo backend.

Questo si collega in qualche modo alla percezione dello sviluppo backend da parte di chi non conosce lo sviluppo. Possono capire lo sviluppo frontend per via della loro familiarità con i componenti visivi. Lo sviluppo backend sembra invece un linguaggio incomprensibile, fatto di database noiosi e processi magici che nessun altro capisce tranne la o il developer.

Tuttavia, alcune fonti dicono che sviluppatrici e sviluppatori frontend hanno stipendi iniziali e medi più alti. Possiamo solo indovinare, ma questo potrebbe essere dovuto alla crescente domanda di interfacce altamente visive e interattive, dato che le aziende tecnologiche fanno a gara per impressionare gli utenti comuni con design fantasiosi.

Stiamo anche vivendo in un mondo mobile-centrico, che quasi sempre cade nell’ambito dello sviluppo frontend.

Indipendentemente da ciò, il potenziale salariale per lo sviluppo backend confrontato con il frontend sembra promettente in questo momento e in futuro. Sviluppatrici e sviluppatori di talento possono iniziare con un ottimo stipendio di 50.000 dollari e arrivare a sei cifre se producono risultati di qualità. Entrambe le professioni sono molto richieste e rimarranno tali con la crescita e l’evoluzione delle tecnologie.

Quale Tipo di Sviluppo Fa per Voi?

Una carriera nello sviluppo web generalmente inizia con questo tipo di domanda. Vi piacerebbe creare siti web, applicazioni e altri progetti lavorando sul frontend o sul backend? È possibile immergersi in un ambiente di sviluppo full-stack, ma generalmente dovete iniziare o con l’uno o l’altro per non sentirvi soccombere.

Come si fa a rispondere a questa domanda?

Prima di tutto, dovreste fare una lista di ciò che vi piace e come questi interessi si collegano alla tecnologia:

  • Vi piace il bel design, le architetture visive e lavorare con gli stili per creare qualcosa che le persone possono usare? Se è così, lo sviluppo frontend è un ottimo punto di partenza.
  • L’idea di usare la logica combinata con i linguaggi per manipolare un’interfaccia vi sembra interessante? Volete risolvere problemi per i quali alla fine potrete vedere risultati visibili? Di nuovo, lo sviluppo frontend segue queste preferenze.
  • Vi piace l’obiettività della matematica, l’ingegnosità dietro gli algoritmi e l’idea di capire i problemi che potrebbero non avere ancora soluzioni? Per questo tipo di persone, raccomandiamo di iniziare con lo sviluppo backend.
  • Vi interessano i database, i problemi di business, la comprensione dei server e il collegamento alle interfacce cloud? Tutte queste cose sono legate al mondo dello sviluppo backend.
  • Avete un’inclinazione per armeggiare con API, plugin e servizi di terze parti? Lo sviluppo backend sembra un percorso di carriera adatto a voi.

Inoltre, potreste dover optare per un particolare aspetto dello sviluppo in base alla necessità o a ciò che il vostro datore di lavoro richiede. Per esempio, se un progetto ha bisogno di una soluzione per la gestione del database, l’organizzazione deve trovare qualcuno che si occupi dello sviluppo backend.

Ecco alcune ragioni per scegliere tra backend e frontend in base al tipo di progetto:

  • Lo sviluppo backend è richiesto per la funzionalità di gestione del database.
  • Avrete anche bisogno di una sviluppatrice o uno sviluppatore backend per la maggior parte dei lavori di programmazione.
  • Se la sicurezza e l’accessibilità entrano in gioco, assumete una sviluppatrice o uno sviluppatore backend.
  • Anche l’utilizzo del framework rientra nel regno dello sviluppo backend.
  • Gli sviluppatori frontend hanno bisogno di una solida conoscenza dei linguaggi di programmazione lato client come CSS, HTML e JavaScript.
  • Chi fa sviluppo frontend di solito entra in gioco quando si lavora con l’automazione, le API e i sistemi di gestione dei contenuti.
  • Tutto ciò che è mobile-friendliness e responsività cade nelle mani dello sviluppo frontend.
  • Gli addetti al frontend di solito si occupano anche del debugging del codice e del test delle interfacce utente.

E, naturalmente, la scelta tra sviluppo backend e frontend dipende dai linguaggi e dai framework richiesti per il lavoro.

A volte non è sufficiente definirsi sviluppatrice o sviluppatore backend quando le aziende hanno bisogno di una persona competente nel linguaggio di programmazione Python e nel framework Django. Lo stesso si può dire per lo sviluppo frontend. A seconda del progetto può essere utile una persona esperta nello sviluppo frontend con competenze in CSS, JavaScript, HTML e framework come Angular e React.
Frontend o backend? Scopri la differenza tra questi due comuni termini tecnici nella nostra guida 👩‍💻 Clicca per twittare

Riepilogo

Nel complesso, confrontare lo sviluppo backend con quello frontend richiede di esaminare le differenze chiave tra i due. Inoltre, è essenziale esplorare i framework unici, le librerie, i linguaggi e i database utilizzati per il backend e il frontend.

Considerate il potenziale tipo di lavoro per questi due lati dello spettro di sviluppo. Vale anche la pena considerare la quantità di denaro che viene pagata.

Chi fa sviluppo backend si concentra più sugli sviluppi lato server come le comunicazioni con i database, l’utilizzo di framework e la programmazione, con linguaggi come JavaScript, Python e PHP nel loro arsenale.

Per quanto riguarda lo sviluppo frontend, potete aspettarvi una maggiore attenzione al design, allo stile e alle sfide di codifica per generare interfacce versatili e visivamente attraenti per gli utenti. I linguaggi frontend includono HTML, CSS e JavaScript.

Per riassumere, lo sviluppo backend è generalmente visto come più tecnico, mentre quello frontend è più visivo.

Avete qualche domanda sullo sviluppo backend vs frontend? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto. E sì, stiamo assumendo!


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.