I codici di stato HTTP sono numeri che rappresentano lo stato di determinate richieste. Questi messaggi aiutano a identificare se una richiesta è andata a buon fine, se è stata reindirizzata o se ha avuto un errore. Probabilmente vi capiterà di imbattervi in questi codici mentre lavorate al vostro sito web, tra cui l’HTTP 416.

I codici di stato che rientrano nella categoria HTTP 400 indicano in genere una richiesta errata che non ha potuto essere completata. Se vi imbattete nell’errore HTTP 416, non fatevi prendere dal panico. La buona notizia è che potete prendere provvedimenti per risolverlo.

In questo articolo vi spiegheremo il codice di stato HTTP 416 e alcune cause comuni dell’errore. Poi vi spiegheremo come risolvere il problema. Iniziamo!

Guardate la Nostra Video-Guida per Risolvere l’Errore HTTP 416

Cosa Significa il Codice di Stato HTTP 416

Il codice di stato 416 dell’HyperText Transfer Protocol (HTTP) è noto anche come “Range Not Satisfiable”. Questo messaggio significa che la richiesta fatta non può essere soddisfatta. Più precisamente, indica che la vostra richiesta riguardava una porzione di risorsa che il server non ha potuto restituire.

Di solito questo codice di stato viene visualizzato perché il server non dispone della risorsa specifica che state richiedendo. Per esempio, se cercate di accedere a una pagina che non esiste, potreste visualizzare un errore 416.

I codici di stato HTTP permettono di stabilire se una richiesta ha avuto successo, è stata reindirizzata o ha riscontrato un errore. 👀 Cosa fare quando viene visualizzato il codice HTTP 416? 😅 Continua a leggere... Clicca per twittare

Cause Comuni dell’Errore HTTP 416

Ci sono diversi motivi per cui questo errore può verificarsi. Per esempio, vedrete l’errore HTTP 416 se il server non dispone della risorsa specifica che state richiedendo. In alternativa, il server potrebbe essere temporaneamente inattivo o non disponibile.

In genere, il documento o la pagina non contengono gli intervalli di richiesta indicati. In alternativa, il valore dell’header dell’intervallo (la parte che il server dovrebbe restituire) non ha senso.

Supponiamo di avere un’immagine di 1.000 byte. Se il server specifica un valore sbagliato, per esempio 1.500, il browser invierà una richiesta di 1.500 byte al server. In questo caso, il server potrebbe restituire un errore HTTP 416 perché l’immagine è di soli 1.000 byte.

È anche possibile che il server sia configurato per servire solo alcuni tipi di risorse. Se vedete un errore HTTP 416, potrebbe significare che la risorsa a cui state cercando di accedere non è uno dei tipi supportati dal server.

Infine, potreste visualizzare l’errore HTTP 417 se avete effettuato troppe richieste in un breve periodo. In questo caso, il vostro indirizzo IP (Internet Protocol) potrebbe essere temporaneamente bloccato.

Risoluzione dei Problemi e Individuazione dell’Errore HTTP 416

Quando vi trovate di fronte al messaggio di risposta 416, probabilmente vorrete determinare quale parte dell’intervallo non è soddisfacente. Di solito questo messaggio include un Content-Range che indica questa informazione.

Sarà contrassegnato dal simbolo dell’asterisco (*), seguito da una barra in avanti (/). Poi conterrà la lunghezza attuale della risorsa. Per esempio, potrebbe avere il seguente aspetto:

Content-Range: bytes */12777</code.

Come Risolvere l’Errore HTTP 416 (4 Potenziali Soluzioni)

Ora che abbiamo capito qualcosa di più su questo errore di stato HTTP e su alcune cause comuni, parliamo di come risolverlo. Di seguito sono riportate quattro potenziali soluzioni per risolvere l’errore HTTP 416!

1. Cancellare la Cache del Browser e Rivedere l’URL

La prima cosa da fare per risolvere l’errore HTTP 416 è cancellare la cache del browser. La procedura da seguire dipende dal browser che state usando.

Per esempio, se usate Google Chrome, potete fare clic sui tre puntini verticali nell’angolo in alto a destra dello schermo, quindi selezionare Altri strumenti > Cancella dati di navigazione:

Schermata di Chrome con il menu aperto e la selezione sulle opzioni Strumenti - Cancellare la cache del browser
Cancellare la cache del browser in Google Chrome.

Verificate che ci sia una casella selezionata accanto a Immagini e file nella cache. Poi fate clic su Cancella dati:

Schermata delle opzioni Cancella dati del browser in Chrome: è selezionata la casella Immagini e file memorizzati nella cache
Spuntare la casella Immagini e file memorizzati nella cache

Una volta cancellata la cache, aggiornate il browser. Poi visitate la pagina per verificare se il messaggio di errore è ancora presente. È anche una buona idea ricontrollare l’URL a cui state cercando di accedere per assicurarvi che sia scritto correttamente senza spazi o caratteri aggiuntivi.

2. Controllare il Registro degli Errori di Apache

Un altro passo che potete fare per risolvere l’errore HTTP 416 è controllare il registro degli errori. Se disponete di un server Apache, potete accedere al suo registro usando il Secure Shell Access (SSH) ed eseguendo il seguente comando:

sudo tail -100 /etc/httpd/logs/access_log

Una volta aperto il registro degli errori, potete cercare il 416. Trovarlo vi aiuterà a capire quale pagina ha generato il codice di stato. A quel punto, potrete proseguire il processo di risoluzione dei problemi.

3. Usare uno Strumento di Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni (APM)

Inoltre, gli strumenti APM possono aiutarvi a localizzare e a risolvere l’errore HTTP 416. Questi strumenti sono in grado di monitorare le prestazioni del vostro sito web e delle vostre applicazioni per ottenere informazioni più approfondite e comprendere i problemi che si presentano.

Per esempio, noi di Kinsta usiamo Nginx e Kinsta APM per tutti i nostri livelli di piano:

Scheda Kinsta APM tool nel cruscotto MyKinsta
Strumento Kinsta APM

Insieme a DevKinsta, questo strumento APM gratuito è accessibile direttamente dal vostro cruscotto MyKinsta. Vi permette di diagnosticare i problemi di performance e di identificarne rapidamente la fonte.

4. Disabilitare la Richiesta di Intervallo

A questo punto, se continuate a vedere l’errore HTTP 416, la soluzione migliore potrebbe essere quella di disabilitare la richiesta di intervallo. In questo modo i browser non potranno usare l’intestazione Range per richiedere intervalli di byte dai file.

Per disabilitare la richiesta di intervallo, potete aggiungere il seguente codice all’inizio del vostro file .htaccess:

Header set Accept-Ranges none Request

Header unset Range

Quando avete finito, salvate il file. Quindi aggiornate il browser per rivedere la pagina web con il codice di errore di stato HTTP 416. Se questo non ha ancora risolto il problema, vi consigliamo di contattare il vostro provider di hosting per ricevere ulteriore assistenza.

Se ti imbatti nell'errore HTTP 416, non farti prendere dal panico. 😅 Puoi risolvere il problema con un piccolo aiuto da questa guida ✅ Clicca per twittare

Riepilogo

Imbattersi in messaggi di errore quando si cerca di accedere a un sito web può essere incredibilmente frustrante. Uno dei codici di stato HTTP che potete incontrare è HTTP 416. Questo messaggio di solito significa che la richiesta che avete fatto non può essere soddisfatta, il che potrebbe essere dovuto a diversi motivi.

Come abbiamo discusso in questo articolo, ci sono quattro potenziali soluzioni che potete usare per risolvere l’errore HTTP 416:

  1. Cancellare la cache del browser e provare a rivisitare la pagina che ha causato l’errore.
  2. Controllare i log degli errori.
  3. Usare uno strumento di Application Performance Monitoring (APM).
  4. Disabilitare le richieste di intervallo dal vostro file .htaccess.

Volete passare a un web hosting che includa uno strumento APM per facilitare il rilevamento e la risoluzione degli errori? Scoprite i nostri piani di hosting Kinsta per saperne di più!


Tieni tutte le tue applicazioni, database e Siti WordPress online e sotto lo stesso tetto. La nostra piattaforma cloud ad alte prestazioni è ricca di funzionalità e include:

  • Semplici configurazione e gestione dalla dashboard di MyKinsta
  • Supporto esperto 24/7
  • I migliori hardware e network di Google Cloud Platform, con la potenza di Kubernetes per offrire la massima scalabilità
  • Integrazione di Cloudflare di livello enterprise per offrire velocità e sicurezza
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center e 275+ PoP in tutto il mondo

Prova tu stesso con 20 dollari di sconto sul primo mese di Hosting di Applicazioni o Hosting di Database. Esplora i nostri piani oppure contattaci per trovare la soluzione più adatta a te.