Anche con un capitale limitato, oggi è facile avviare un’attività grazie alla crescita dell’ecommerce. I consumatori si affidano sempre più agli acquisti online. Si stima che entro il 2040 il 95% degli acquisti sarà effettuato online – l’ecommerce sta aprendo le porte a innumerevoli imprenditori.

E le opportunità di vendita dell’ecommerce sono in rapida crescita. Nel 2017, l’ecommerce ha generato 2,3 miliardi di dollari di vendite, che si prevede raddoppieranno quasi fino a 4,5 miliardi di dollari entro il 2021. Solo negli Stati Uniti, gli acquisti online rappresentano già il 10% delle vendite al dettaglio e si prevede che cresceranno a un tasso annuo del 15%.

Vendite ecommerce in tutto il mondo
Vendite ecommerce in tutto il mondo (Fonte immagine: Shopify)

Conoscere le statistiche e i fatti chiave dell’ecommerce, dalla demografia al comportamento d’acquisto, dall’abbandono del carrello alle tendenze, è fondamentale per comprendere ciò che sta succedendo nell’ecommerce ora – e dove sta andando.

Nella Demografia dell’Ecommerce

Millennials e Gen Xers sono i più grandi acquirenti online: il 67% dei millennials e il 56% dei Gen Xers preferiscono fare acquisti online piuttosto che in un negozio fisico. In parte ciò è dovuto al fatto che questi due segmenti della popolazione spendono più soldi online è perché passano più tempo a fare acquisti online. I Millennials e i Gen Xers passano il 50% di tempo in più a fare acquisti online rispetto alle loro controparti più anziane: 6 ore contro 4 ore.

Anche se le donne sono stereotipate come acquirenti, quando si tratta di shopping online, gli uomini dominano le statistiche, spendendo il 28% in più rispetto alle donne.

Il COmportamento d’Acquisto nell’Ecommerce

Le statistiche sui comportamenti d’acquisto dell’ecommerce sono incredibilmente rivelatrici: il 43% degli acquirenti online ha dichiarato di aver fatto acquisti mentre era a letto, il 23% in ufficio e il 20% dal bagno o in macchina.

Si è scoperto che l’alcool aumenta le vendite per le imprese dell’ecommerce, con il 10% dei clienti che hanno dichiarato di aver fatto acquisti da ubriachi. Gli uomini hanno finito per essere più del doppio più propensi a fare acquisti in tali condizioni, con il 14% che ha dichiarato di averlo fatto, mentre solo il 6% delle donne ha dichiarato di averlo fatto.

Dato il ruolo che l’alcool gioca nell’effettuare acquisti online, non dovrebbe essere una sorpresa scoprire che il 42% degli acquirenti online ha fatto un acquisto di cui si è pentito, e il 21% ha accidentalmente comprato qualcosa che non voleva.

Anche se il 48% degli acquirenti online ha speso troppo o ha acquistato qualcosa di non pianificato mentre faceva acquisti online, il percorso di acquisto non è lineare: l’85% dei clienti inizia un acquisto su un dispositivo e lo finisce su un altro.

Quota di Mercato dell’Ecommerce: Tendenze USA vs Tendenza Globale

Anche se gli Stati Uniti sono spesso considerati il più grande mercato per il commercio elettronico, non lo sono. Tuttavia, fanno parte della lista dei 10 maggiori mercati ecommerce del mondo:

  • Cina: 672 miliardi di dollari
  • USA: 340 miliardi di dollari
  • Regno Unito: 99 miliardi di dollari
  • Giappone: 79 miliardi di dollari
  • Germania: 73 miliardi di dollari
  • Francia: 43 miliardi di dollari
  • Corea del Sud: 37 miliardi di dollari
  • Canada: 30 miliardi di dollari
  • Russia: 20 miliardi di dollari
  • Brasile: 19 miliardi di dollari

Il rapporto Global Connected Commerce di Nielsen fornisce una ripartizione dettagliata dei settori più redditizi per paese, con la Corea del Sud che prende la torta nella moda (77%) e nei prodotti di bellezza (66%), così come nei prodotti non alimentari per la casa (52%), nei prodotti alimentari confezionati (51%) e nei prodotti alimentari freschi (37%).

Industrie redditizie per paese
Industrie redditizie per paese (Fonte immagine: Nielsen)

Tuttavia, quando si tratta di libri, articoli di cancelleria e acquisti di musica, il Giappone guida la classifica con il 79%. La Spagna è in cima alla classifica dei viaggi con il 67%, e il Brasile occupa il primo posto con l’elettronica di consumo al 57%.

Con lo sviluppo di un numero sempre maggiore di mercati globali, la quota di vendite del mercato dell’ecommerce negli Stati Uniti è in costante diminuzione. Da una quota globale del 20,2% nel 2015, gli Stati Uniti dovrebbero scendere al 16,9% entro il 2020. D’altra parte, si registra un aumento delle vendite globali dell’ecommerce B2B nei mercati dell’Est.

Quota USA di vendite sul mercato dell'ecommerce
Quota USA di vendite sul mercato dell’ecommerce (Fonte immagine: Statista)

Il mercato dell’ecommerce sta anche rafforzando la globalizzazione, con il 57% degli acquirenti online che hanno fatto un acquisto da un rivenditore all’estero. Il metodo di pagamento preferito da questi acquirenti varia in tutto il mondo. A livello globale, le carte di credito sono il metodo di pagamento preferito, essendo utilizzate nel 53% delle transazioni, seguite dai sistemi di pagamento digitale (43%) e dalle carte di debito (38%). Tuttavia, i sistemi di pagamento digitali sono il metodo preferito in Cina e in Europa occidentale, mentre il contrassegno è il metodo di pagamento più diffuso in Europa orientale, Africa e Medio Oriente.

Metodi di pagamento utilizzati dagli acquirenti online
Metodi di pagamento utilizzati dagli acquirenti online (Fonte immagine: Shopify)

A parte il metodo di pagamento, un numero sempre maggiore di americani preferisce già lo shopping online rispetto a quello in un negozio fisico, con il 51% che fa clic per fare acquisti. In totale il 96% degli americani ha effettuato almeno un acquisto online nella propria vita, con l’80% solo nell’ultimo mese. Tuttavia, gli americani spendono effettivamente il 64% del loro budget in negozi fisici e solo il 36% online.

Amazon che rappresenta il 44% di tutte le vendite dell’ecommerce negli Stati Uniti nel 2017 ed ha un tasso di crescita annuale del 23% negli Stati Uniti. È scioccante che il 46% delle aziende americane non abbia ancora un sito web.

Amazon top prodotti per la crescita
Prodotti a maggior crescita di Amazon (Fonte immagine: CNBC)

Ecommerce Business-to-Consumer

Il commercio elettronico B2C si riferisce a una transazione tra un’azienda e un consumatore effettuata online. Può anche riferirsi a servizi online a pagamento o a contenuti che servono direttamente i consumatori. Amazon è un ottimo esempio dell’espansività delle opzioni B2C, in quanto ha iniziato come rivenditore online ma alla fine si è ramificato in servizi, come il cloud storage, e contenuti a pagamento, come le app e i media.

La Cina rappresenta il più grande mercato del commercio elettronico B2C. Tuttavia, se pensate che il mercato dell’ecommerce B2C sia ampio, preparatevi a farvi sbalordire dal volume delle transazioni che avvengono nel mercato dell’ecommerce business-to-business.

Ecommerce Business-to-Business

Il commercio elettronico B2B si riferisce al marketing, alla vendita e alla distribuzione online di prodotti da un’azienda all’altra. Questo include le aziende di software come servizio (SaaS), il web hosting, i grossisti e così via. Comprende anche l’acquisto e la vendita di aziende.

Con quasi la metà delle aziende americane B2B che offre la linea completa di prodotti online, non c’è da stupirsi che il B2B dovrebbe generare 7,6 miliardi di dollari nel 2017, ridicolizzando il mercato B2C di circa 2,4 miliardi di dollari.

Commercio elettronico B2B
Commercio elettronico B2B (Shopify)

Una ricerca condotta da Frost e Sullivan prevede che le vendite dell’ecommerce B2B raggiungeranno i 12 miliardi di dollari a livello globale entro il 2020, con la Cina e gli Stati Uniti in testa al mercato globale. Un anno prima di questo, cioè entro il 2019, si stima che le aziende B2B spenderanno di più per la tecnologia dell’ecommerce rispetto ai rivenditori online.

Sebbene la crescita dell’ecommerce B2B sia interessante, il modello di business si trova di fronte a una miriade di sfide. I prezzi sono spesso volatili e i volumi di vendita sono elevati, il che significa che le aziende B2B richiedono soluzioni di spedizione e logistica flessibili. Inoltre, ci sono problemi con le tasse, così come preoccupazioni normative, specialmente quando si ha a che fare con aziende estere. Un’altra sfida affrontata dal B2B, soprattutto per quanto riguarda il software, è quella di stabilire come il prodotto possa essere integrato con gli altri sistemi esistenti.

Indicatori Importanti: Tasso di Conversione

Il tasso di conversione, la percentuale di visitatori del vostro sito web che completano un obiettivo desiderato, è una delle metriche più importanti da tracciare nel retail online. Un alto tasso di conversione mostra che siete in grado di ottenere più valore dai clienti che già avete. Ciò significa minori costi di acquisizione dei clienti. Inoltre, significa che quando ci si impegna di più, si possono ottenere più clienti e maggiori ricavi.

Tasso di conversione per gli acquirenti online
Tasso di conversione per gli acquirenti online (Fonte immagine: Statista)

I tassi medi di conversione dell’ecommerce variano dal 3% al 4%, con il 43% del traffico dell’ecommerce proveniente da ricerche organiche su Google. Ciò significa che è comunque essenziale costruire il proprio sito di ecommerce tenendo presente la SEO.

Tassi di conversione medi
Tassi di conversione medi (Fonte immagine: Wolfgang Digital)

Diversi fattori giocano un ruolo importante nell’aumentare il tasso di conversione del vostro business. Il primo tra questi è una buona esperienza d’uso. Questo si traduce in una buona grafica, rapidi tempi di caricamento del sito e facilità di pagamento; le transazioni PayPal hanno un tasso di checkout superiore del 70% rispetto alle transazioni non-Paypal.

Tassi di check-out PayPal
Tassi di check-out PayPal (Fonte immagine: PayPal)

Un servizio clienti di qualità, oltre a recensioni, raccomandazioni e testimonianze forti giocano un ruolo importante nell’aumentare il tasso di conversione della vostra azienda.

Creare l’Esperienza del Cliente

L’esperienza del cliente racchiude tutto per tutta la durata della relazione tra il cliente e l’azienda. Ciò include il servizio clienti, l’esperienza utente (UX) e le strategie di prezzo, così come la spedizione e la logistica.

Quando effettua un acquisto, il 64% dei clienti trova che l’esperienza del cliente sia più importante del prezzo. Secondo il Guardian, entro il 2020, la qualità dell’esperienza del cliente fornita da un brand sarà più importante del prezzo e del prodotto come elemento di differenziazione.

Servizio Clienti

Gli americani raccontano in media a 15 persone di un servizio clienti scadente e a 11 persone di uno buono, il che conferma il vecchio adagio che le cattive notizie si diffondono più velocemente di quelle buone. Più preoccupante per le aziende che non si concentrano sul servizio clienti è il fatto che il 33% degli americani dice che prenderebbe in considerazione la possibilità di cambiare azienda dopo aver avuto a che fare con un servizio clienti scadente.

Le aziende statunitensi perdono in media 62 miliardi di dollari all’anno a causa della scarsa assistenza ai clienti. Tuttavia, non tutto è perduto per le aziende con un servizio clienti debole, in quanto è stato rilevato che un moderato aumento del servizio clienti può produrre un aumento medio di 823 milioni di dollari in un periodo di 3 anni per un’azienda con un miliardo di dollari di ricavi annuali.

Ricavi persi a causa un servizio clienti scadente
Ricavi persi a causa un servizio clienti scadente (NewVoiceMedia)

Scavando nelle statistiche dell’ecommerce, la chiave per un buon servizio clienti è rendere tutto il più semplice possibile. Si scopre che una scomoda politica dei resi scoraggia l’80% degli acquirenti, mentre il 74% delle persone rischia di cambiare marca se trova il processo di acquisto troppo macchinoso.

Esperienza Utente

UX si riferisce alle emozioni e agli atteggiamenti di una persona riguardo all’uso del vostro sistema, servizio o prodotto. Il design del vostro sito web e la velocità di caricamento possono giocare un ruolo enorme nell’UX.

Il 57% dei clienti abbandonerà il vostro sito se dovrà aspettare 3 secondi o più per caricare una pagina. Più dannosi, tuttavia, sono i limiti nella ricerca sul sito. Una volta che si trovano sul vostro sito web, il 60% dei clienti lo abbandonerà se non riesce a trovare quello che cerca.

Recensioni, Raccomandazioni e Testimonianze

Gli utenti sono più propensi ad acquistare un prodotto se sanno come usarlo o sanno che funziona per gli altri. Questo spesso significa che le aziende hanno bisogno di fornire informazioni aggiuntive al di là delle descrizioni dei prodotti.

Se un potenziale cliente può guardare un video che spiega come si usa un prodotto o un servizio in anticipo, ha il 73% di probabilità in più di effettuare un acquisto.

Secondo BigCommerce, il 46% dei consumatori vuole confronti tra i prodotti dei siti di ecommerce e il 42% dei clienti vuole più testimonianze da siti di ecommerce. Sulla stessa linea, il 69% degli acquirenti online vuole più recensioni da siti di ecommerce. Infatti, il 77% dei clienti legge le recensioni dei prodotti prima di effettuare un acquisto.

Avanti con il Cellulare

Non tenere conto dei dispositivi mobili nello sviluppo della strategia di ecommerce può essere dannoso per il business.

Secondo ReadyCloud, il 44% dei minuti di vendita al dettaglio su internet sono stati spesi su uno smartphone, l’11% su un tablet e il 45% su un desktop. Queste cifre sembrano essere supportate dalle affermazioni di eMarketer secondo cui il 59% delle vendite di ecommerce sono state effettuate tramite cellulare.

Siti web mobile vs applicazioni mobili
Siti web mobile vs applicazioni mobili (Fonte immagine: ReadyCloud)

Il mondo sta assistendo a un aumento dello shopping mobile per diversi motivi. Tra questi, il fatto che la maggior parte delle persone porta i propri dispositivi mobili ovunque vada, dall’ufficio al bagno. Inoltre, le esperienze di shopping attraverso le app rendono più facile fare acquisti su dispositivi mobili, così come la proliferazione di soluzioni di portafoglio mobile, come Apple Pay e Google Wallet.

Il Cyber Monday 2017 ha visto il cellulare reclamare i suoi primi 2 miliardi di dollari in un giorno, pari a un terzo dell’importo totale speso online. Gli smartphone hanno rappresentato il 37,6% delle visite al dettaglio e il 21% delle entrate di quel giorno. Inoltre, è stato rilevato che i tassi di conversione sui cellulari sono aumentati del 10% rispetto all’anno precedente.

Per gli imprenditori che hanno appena iniziato, il mobile è particolarmente importante, in quanto è stato rilevato che i rivenditori più piccoli hanno tassi di conversione mobile fino al 30% più alti rispetto ai rivenditori più grandi.

Tassi di conversione mobile
Tassi di conversione mobile (PracticalEcommerce)

Rendete Fluida l’Esperienza di Mobile Shopping

È importante rendere l’esperienza d’acquisto mobile il più semplice possibile per gli utenti, perché il 52% delle persone dice di avere meno probabilità di riappropriarsi di un brand quando ha avuto una brutta esperienza mobile.

Anche se la nave potrebbe essere già salpata per la conversione di questi clienti, ci sono diversi modi per migliorare la vostra esperienza di shopping mobile.

Il primo passo è quello di avere un sito web reattivo al mobile, il che significa che cambierà automaticamente per adattarsi al dispositivo del cliente. La seconda cosa di cui dovrete occuparvi è lo snellimento del processo, che dovrebbe includere il riempimento automatico di quante più informazioni possibile – tutto per rendere la vita di un cliente più facile e il checkout più veloce.

Social Media e Social Shopping

Il social shopping nasce quando l’ecommerce incontra i social media. Comprende aspetti dei social network, come gruppi, comunità, raccomandazioni e discussioni, nonché la funzione principale dell’ecommerce che vende prodotti e servizi online.

Non si dovrebbe sottovalutare l’importanza dei social media per quanto riguarda l’ecommerce, dato che il 74% dei consumatori si affida ai social network per prendere decisioni d’acquisto. Inoltre, il 56% degli utenti che seguono i brand sui social media lo fa per visualizzare i prodotti.

Nei mercati emergenti, come il Sud-Est asiatico, il social shopping rappresenta il 30% di tutte le vendite online. Nel social shopping cominciano ad emergere diverse tendenze. Una di queste è il group shopping attraverso la proliferazione di siti come Groupon e LivingSocial. Questi siti sono stati costruiti sull’idea di garantire alle persone sconti di gruppo vendendo all’ingrosso. Un’altra importante tendenza è l’integrazione dell’ecommerce con i social network.

C’è stato un passaggio dai pulsanti “mi piace” a quelli “compra”, e queste piattaforme permettono agli utenti di fare acquisti sulla piattaforma in modo semplice. Lo si può vedere attraverso Shoppable Feed di Instagram e i Pinterest Buyable pin, così come Instagram Stories e i link esterni ‘Swipe Up’ di Snapchat.

I brand stanno scoprendo che le persone non devono cercare i loro prodotti; i prodotti devono solo raggiungere le persone giuste, cosa che può essere fatta attraverso un marketing molto mirato attraverso i social media.

Nessun brand è l’unico a rivolgersi alle persone attraverso i social media. Tuttavia, non importa se si deve lavorare sodo per distinguersi dalla massa, perché i costi sono ripagati: gli acquirenti di cellulari che leggono le recensioni dei prodotti sui canali dei social media mostrano tassi di conversione fino al 133%, il che rappresenta miliardi di dollari in tutto il mondo.

Abbandono del Carrello

Circa il 70% dei carrelli della spesa viene abbandonato, il che avviene quando un potenziale cliente seleziona i prodotti o i servizi da acquistare, ma non conclude il processo di check-out.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi
Abbandono del carrello
Abbandono del carrello (Fonte immagine: Baymard)

Per ogni tre acquisti conclusi in un negozio di ecommerce, ce ne sono circa sette che sono finiti in un carrello abbandonato. Questo si traduce in una perdita di circa 18 miliardi di dollari di entrate ogni anno.

Il problema dell’abbandono del carrello della spesa non fa che crescere. Nel 2006, il tasso medio di abbandono dei carrelli è stato del 59,8%. Nel 2017 il tasso era salito al 69,23%.

Abbandono del carrello della spesa online
Abbandono del carrello della spesa online (Fonte immagine: Statista)

Più del 60% dei consumatori che hanno abbandonato il proprio carrello lo ha fatto a causa dei costi di spedizione, mentre il 57% delle persone che abbandonano il proprio carrello dicono di essere state “vetrinisti”.

Un modo in cui le aziende stanno riducendo il problema è con l’invio di email di abbandono del carrello. Secondo Adobe, il 71% degli acquisti in mobilità è influenzato dalle email del rivenditore, mentre Salecycle ha scoperto che il 28,3% delle entrate dell’ecommerce proviene dalle email dei carrelli abbandonati.

Decisioni di acquisto mobile
Decisioni di acquisto mobile (Fonte immagine: Adobe)

Principali Tendenze dell’Ecommerce 2018-2019

Nel 2018 si è affermata una serie di tendenze nel commercio elettronico che continuerà nel 2019. Tra queste figurano i chatbot, gli assistenti vocali e il marketing omnicanale, nonché la personalizzazione e la localizzazione.

Ecco alcune delle più interessanti statistiche dell’ecommerce che abbiamo finora:

Chatbot

Oltre il 60% dei clienti dichiara di preferire strumenti digitali self-service, come siti web, app o chatbot per rispondere alle loro semplici richieste. Per i millennial, che esercitano un potere d’acquisto sempre più dominante, la chat è il canale di supporto preferito.

Il motivo principale per cui i chatbot sono così popolari è che spesso ci vuole troppo tempo per parlare con una persona reale quando un cliente chiama un’azienda. Nonostante ciò, i clienti aspettano in media 11 minuti prima di riagganciare. Si tratta di quasi il doppio di quanto il 75% dei clienti online si aspetta; vogliono essere assistiti entro 5 minuti. Tuttavia, i chatbot sono molto più veloci, il che significa che le richieste vengono gestite molto più rapidamente, con un tempo medio di attesa di 45 secondi per accedere a una sessione di chat.

Gli esperti prevedono che entro il 2020 l’80% delle aziende utilizzerà i chatbot.

Volete saperne di più sui chatbot? Date un’occhiata alla nostra guida dettagliata: Cosa è un Chatbot – Dovresti aggiungerne uno al tuo sito WordPress?

Assistenti Vocali e Ricerca Vocale

Le ricerche vocali sono in rapido aumento, soprattutto con la crescente popolarità degli assistenti vocali – agenti software in grado di eseguire compiti o servizi. Già il 20% delle ricerche di Google sui dispositivi mobili sono ricerche vocali. Si prevede che entro il 2020 le ricerche vocali costituiranno il 50% di tutte le ricerche.

Si stima inoltre che entro il 2020 ci saranno 21,4 milioni di altoparlanti intelligenti. Questi dispositivi creano un altro modo per i consumatori di fare acquisti online. Già il 22% dei proprietari di altoparlanti intelligenti statunitensi ha acquistato qualcosa utilizzando i propri dispositivi.

Voice Commerce
Voice Commerce (Fonte immagine: Voicebot.ai)

Questi dispositivi si affidano ad assistenti vocali per consentire alle persone di effettuare acquisti. Si è scoperto che quasi il 60% delle persone che possiedono un assistente virtuale lo hanno utilizzato per effettuare un acquisto tramite comando vocale. L’anno scorso, le vendite del commercio vocale hanno raggiunto gli 1,8 miliardi di dollari, con un potenziale di 40 miliardi di dollari nel 2022.

Si prevede che entro il 2021, i primi utilizzatori della tecnologia che hanno riprogettato i loro siti web per supportare la capacità di ricerca vocale vedranno aumentare le entrate del 30%.

Personalizzazione e Localizzazione

La personalizzazione è la pratica di creare un’esperienza personale per ogni cliente attraverso consigli personalizzati basati su dati come le query di ricerca, il comportamento di navigazione, la cronologia degli acquisti e la geolocalizzazione.

La personalizzazione sta diventando sempre più importante con le ricerche vocali mobili, perché è tre volte più probabile che si tratti di ricerche locali, come ad esempio “farmacia vicino a me”. Nel complesso, il 22% dei consumatori si dichiara soddisfatto del livello di personalizzazione che sta ricevendo.

Uno dei maggiori vantaggi della personalizzazione è che può contribuire ad aumentare i profitti di un’azienda del 15%. Questo è in parte dovuto al fatto che il 75% dei clienti è più propenso ad acquistare da un rivenditore che li riconosce per nome e raccomanda prodotti basati su acquisti precedenti. Dopo aver implementato la personalizzazione, il 93% delle aziende vede un aumento dei tassi di conversione.

Anche se tutte le forme di personalizzazione sono importanti, la localizzazione è particolarmente importante. Si tratta di un tipo di personalizzazione in cui il contenuto viene modificato in modo specifico in base all’indirizzo IP del cliente.

Uno studio di Common Sense Advisory ha rilevato che il 75% delle persone vuole acquistare prodotti nella propria lingua madre e il 92,2% preferisce fare acquisti su siti che hanno un prezzo nella propria valuta locale.

Marketing Omni-Channel

Il marketing omni-canale sviluppa un approccio multicanale alle vendite, consentendo ai clienti di effettuare acquisti attraverso quasi tutte le possibili vie. A questo punto, la maggior parte dei brand non vende solo sul proprio sito web, ma anche su varie piattaforme di ecommerce, oltre che sui social media e nei negozi fisici.

Secondo un sondaggio del 2017 condotto da Square e Mercury Analytics sui proprietari di aziende statunitensi, i canali comuni tramite cui i brand vendono i loro prodotti e servizi includono:

  • Negozio fisico (56%)
  • Sito web (34%)
  • Pop-up shop, eventi e mercati (26%)
  • Facebook (25%, ma 40% nel complesso sui social media, comprese le piattaforme come Twitter e Instagram)
  • Amazon (16%)
  • Altri (22%; include eBay, Alibaba, Etsy)

È particolarmente importante che la vostra azienda si rivolga agli acquirenti multicanale, in quanto spendono tre volte di più degli acquirenti monocanale.

Chatbots 🤖, voice/mobile 📱 e l'approccio multicanale sono il futuro dell'ecommerce marketing! Clicca per twittare

Riepilogo

Comprendendo i dati demografici di chi utilizza l’ecommerce, nonché le tendenze che determinano l’aumento delle entrate per le aziende di ecommerce, è possibile iniziare ad attingere ad un mercato multimiliardario.

La forte crescita stimata dell’ecommerce significa che, anche se il vostro business fisico può ancora ignorarlo, entro il 2021 vi troverete in difficoltà se vi rifiutate di adattarvi ai comportamenti d’acquisto in evoluzione in un mondo sempre più dipendente dai dispositivi mobili.

Non avete trovato le statistiche sull’ecommerce che cercavate? Condividetele con noi nella sezione dei commenti qui sotto!


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.