L’avvio di un’attività di ecommerce è un momento emozionante e caotico. Avete così tante cose da considerare: dovreste utilizzare una piattaforma ospitata o gestire il vostro negozio con un plugin? Quali sono le strategie da seguire per far salire le vendite alle stelle?

Ma nessuna domanda è più scoraggiante di questa: come si accettano i pagamenti?

Dopo aver fatto i compiti, ci saranno due contendenti piuttosto chiari per il vostro sistema di pagamento: Stripe e PayPal. Offrendo caratteristiche simili, scegliere tra i due dà la sensazione di scegliere in mezzo a un mucchio di mele… e ancora più mele. Ed è qui che questo articolo vi sarà utile.

Oggi metteremo a confronto questi due gateway di pagamento Stripe e PayPal.

Stripe vs PayPal

Stripe vs PayPal

Ecco il nostro percorso:

Cosa Fanno Stripe e PayPal?

Sia Stripe (fondata nel 2011) che PayPal (fondata nel 1998) sono gateway di pagamento, fanno cioè da intermediari tra i commercianti e i network delle carte di credito/istituti finanziari appropriati per autorizzare e accettare pagamenti.

La complessità di questi rapporti può diventare piuttosto contorta. Un modo semplice di guardare a un gateway di pagamento è quello di un inviato che instrada le informazioni tra i commercianti e le banche.

Ecco un’analisi visiva del posto occupato dai gateway di pagamento nella rete dell’ecommerce.

Gateway di pagamento

Gateway di pagamento (Fonte immagine: Due)

Un gateway di pagamento non è l’unica soluzione per accettare pagamenti online, ma è una delle opzioni più semplici per iniziare.

Perché, a differenza di un processore di pagamento, i gateway forniscono ai vostri dati finanziari la guardia armata di cui avete bisogno per viaggiare tra i network delle carte di credito, il vostro cliente e il vostro negozio.

In altre parole, nella maggior parte dei casi, può liberarvi dalla conformità PCI. E, se decidete di percorrere la strada del gateway, vi imbatterete certamente in Stripe e Paypal più e più volte. Ci sono molti altri gateway di pagamento come Authorize.Net, 2Checkout, Braintree (di proprietà di Paypal), ma Stripe e PayPal sono di gran lunga due dei più facili da utilizzare.

Anche per una buona ragione: hanno strettamente in mano il mercato da molto tempo. Secondo i dati di Datanyze, PayPal è utilizzato dal 64% del mercato. Stripe è al secondo posto con circa il 20%. A settembre 2018, Stripe era valutato 20 miliardi di dollari! 😮

Quota di mercato Stripe vs PayPal

Quota di mercato di Stripe vs PayPal (Fonte immagine: Datanyze)

Si noti che, nel grafico sopra riportato, anche Square si sta affermando sul mercato come un forte concorrente. Mentre prende solo il 2% della quota di mercato, è comunque in rapida crescita.

Ma il loro servizio non è solitamente considerato un gateway di pagamento, piuttosto un sistema di elaborazione dei pagamenti end-to-end, e quindi al di fuori dell’ambito di questo articolo.

Con questo avvertimento, a cosa servono i gateway di pagamento? In primo luogo e più ovviamente, i negozi di ecommerce utilizzano i gateway di pagamento. Under Armour è un esempio di negozio che utilizza sia Stripe che PayPal.

Stripe e PayPal

Stripe e PayPal (Fonte immagine: Under Armour)

Perfmatters, un plugin per le prestazioni di WordPress, è un esempio di prodotto scaricabile digitalmente che accetta entrambi i gateway di pagamento. Lo fanno utilizzando le integrazioni con il plugin ecommerce Easy Digital Downloads.

EDD accetta Stripe e PayPal

EDD accetta Stripe e PayPal (Perfmatters)

È anche possibile utilizzare entrambi i gateway di pagamento per accettare donazioni. L’UNICEF, un’organizzazione no-profit lo fa sul suo sito web.

Donazioni con Stripe e PayPal

Donazioni con Stripe e PayPal (Fonte immagine: UNICEF)

(Nota a margine: siete interessati ad accettare donazioni sul vostro sito web come l’UNICEF? Ecco le nostre guide per impostare i pulsanti di donazione per Stripe e PayPal).

È Meglio Utilizzare un Gateway di Pagamento o Due?

Tutto ciò solleva una domanda ovvia: se potete utilizzare entrambi i gateway di pagamento, perché dovete scegliere proprio voi?

Perché, a meno che non siate grandi come Under Armour, UNICEF, o non siate esperti di tecnologia e non abbiate del tempo da dedicare, vi state cercando dei gran mal di testa.

Con due gateway di pagamento ci sono il doppio dei fornitori, il doppio delle cose che vanno male, e probabilmente perderete gli sconti in base al volume dei rispettivi gateway. Se avete un back-end personalizzato o altre integrazioni, lo sviluppo intorno a prodotti o servizi che vendete potrebbe trasformarlo in un compito esageratamente complesso. Non è una cosa buona o molto sostenibile per una piccola impresa.

Ma, detto questo, a volte avere entrambi i gateway di pagamento potrebbe essere un vantaggio per il vostro business. Soprattutto in altri paesi. Non tutti hanno una carta di credito e molti consumatori e blogger usano i saldi PayPal per pagare tutto.

La gestione di uno o due gateway di pagamento dipende molto dal settore, da cosa vendete e dal tipo di clienti che avete.

Ora, fatta questa analisi, immergiamoci finalmente nel nostro confronto tra Stripe e PayPal.

Costi e Commissioni di Transazione

Per quanto riguarda i micropagamenti, PayPal è il vincitore assoluto, con un costo per microtransazione significativamente inferiore a quello di Stripe. I micropagamenti sono generalmente quelli sotto i 10 dollari.

Commissioni di Micropagamento Paypal 🏆

Commissioni di Micropagamento Stripe

Commissioni Standard

Ma, supponendo che siate interessati a qualcosa di più dei micropagamenti, il quadro comincia a farsi più complicato.

La commissione attuale di PayPal è del 2,9% + $0,30 per transazione.

Commissioni PayPal

Commissioni PayPal

Anche la tariffa di Stripe è del 2,9% + 0,30 dollari per transazione.

Commissioni Stripe

Commissioni Stripe

Come potete vedere, le loro commissioni di transazione sono ferme anche quando ci si sposta al di sopra del livello “micro”. Ma quanto sono simili le loro commissioni una volta che si inizia a entrare nel dettaglio? È qui che la cosa si fa ancora più complicata.

PayPal addebita il 4,4% per le transazioni in cui i fondi provengono dal di fuori degli Stati Uniti:

Commissioni internazionali PayPal

Commissioni internazionali PayPal

Il che significa che, anche se il cliente ora ha sede negli Stati Uniti ma utilizza una carta internazionale, gli verrà applicata la stessa commissione di transazione.

Qui Stripe è un po’ più gentile nelle sue tariffe, con un totale del 3,9% oltre la sua tariffa fissa di 0,30 dollari.

Commissioni internazionali Stripe

Commissioni internazionali Stripe

Allora, chi ne esce vittorioso nella battaglia delle commissioni di transazione? A meno che non si stiano elaborando microtransazioni in modo regolare, la risposta è beatamente conclusiva in questo caso.

Vincitore: Stripe 🏆

Ma questo è solo un frammento della struttura tariffaria complessiva da prendere in considerazione. Consigliamo anche di leggere l’articolo ancora più approfondito di Flavio per confrontare le tariffe di Stripe e Paypal.

Ora, vediamo come questi due titani si raffrontano quando si tratta di controversie e di riaddebito delle commissioni.

Commissioni per Controversie e Rimborsi

I rimborsi sono dolorosi per tutti. Quando un cliente avvia una richiesta di rimborso, è possibile anticipare qualcosa di più di un pagamento in un limbo – potreste andare incontro anche a costi aggiuntivi.

I riaddebiti di PayPal e le spese associate includono le transazioni non autorizzate, gli articoli che non hanno ricevuto reclami e i reclami su articoli che si discostano in modo significativo dalla descrizione.

Quando si avvia un rimborso, l’importo viene rimborsato al cliente, e il network della carta di credito si rivolge al commerciante con una penale fino a $20,00. (Fortunatamente, questa tassa viene rimborsata se in seguito regolano il caso a vostro favore).

Stripe, invece, adotta un approccio molto più lineare e nella documentazione classifica le controversie semplicemente come rimborsi.

Le controversie che riguardano Stripe hanno anche una piccola tassa rimborsabile di $15,00 per l’emissione. E, come bonus, Stripe dà ai commercianti la possibilità di prevenire le frodi con carta di credito con le loro nuove e sorprendenti funzionalità di Stripe Radar. Da Kinsta, siamo stati in grado di prevenire le frodi con carta di credito del 98%!

Vincitore: Stripe 🏆

Se non avete provato le nuove funzionalità di Stripe Radar, vi invitiamo a farlo.

Ma manterranno questa vena di vittoria quando si tratta di disponibilità e valute supportate?

Commissioni di Rimborso

PayPal era in passato il vincitore nella categoria dei rimborsi, in quanto vi avrebbe restituito la commissione di elaborazione originale. Tuttavia, a partire dall’11 ottobre 2019, non è più così.

Potete trovarlo nella policy di PayPal.

Se si rimborsa (parzialmente o totalmente) una transazione a un acquirente o una donazione a un donatore, non ci sono spese per il rimborso, ma le spese originariamente pagate come venditore non vi saranno restituite.

Stripe lo prevedeva già nella sua policy.

Non ci sono spese per il rimborso di un addebito, ma le spese dell’addebito originale non vengono restituite.

Vincitore: Nessuno dei due

Disponibilità Globale e Valute Supportate

È il momento di dare un’occhiata ai paesi in cui sono supportati Stripe e PayPal, con le rispettive valute.

PayPal è attualmente disponibile in oltre 200 paesi/regioni (Africa, Americhe, Asia-Pacifico ed Europa) e supporta 25 valute – anche se alcuni paesi possono avere accesso a tutti gli strumenti e le funzionalità di PayPal. PayPal rende davvero facile, indipendentemente dal luogo in cui la vostra azienda è registrata, aprire un conto e iniziare subito ad accettare pagamenti.

Stripe, invece, è disponibile solo in 26 paesi. Questo da solo potrebbe essere un punto di rottura per alcune aziende. Tuttavia, Stripe offre una soluzione. Indipendentemente dal paese in cui si risiede, è possibile utilizzare Atlas per incorporare facilmente una società statunitense, aprire un conto bancario negli Stati Uniti e iniziare ad accettare pagamenti con Stripe.

Dove Stripe batte PayPal è il supporto delle valute. Stripe supporta oltre 135 valute diverse.

Dobbiamo dare un leggero vantaggio a PayPal in questo caso, perché i paesi supportati saranno più importanti delle valute. In parte anche questo è dovuto al fatto che PayPal è sul mercato da molto tempo, mentre Stripe sta cercando di recuperare il ritardo nel supporto di nuovi paesi.

Vincitore: PayPal 🏆

Se la vostra azienda ha sede negli Stati Uniti, Stripe vincerebbe facilmente il titolo.

Assistenza Clienti

Quando è in gioco il vostro reddito, avete bisogno di un gateway di pagamento in grado di fornirvi un supporto immediato.

E, fino a poco tempo fa, Stripe non sarebbe stato all’altezza. Credeteci, abbiamo avuto la nostra buona parte di problemi con Stripe nei primi giorni. Tuttavia, a partire da luglio 2018, ora offrono supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, via telefono e live chat. 🤘 Potete anche entrare nel canale IRC #stripe su Freenode.

È il loro fiore all’occhiello. Secondo i dati di Invesp, il 73% dei clienti è più soddisfatto della live chat. Lo abbiamo sperimentato anche noi in prima persona. Noi di Kinsta offriamo una live chat 24/7 tramite il nostro cruscotto MyKinsta.

Esperienza del cliente della live chat

Esperienza del cliente della live chat (Fonte immagine: Invesp)

Sfortunatamente, al momento PayPal non è in vantaggio e non sta nemmeno provando a competere con questo livello di supporto. Attualmente, i loro canali di supporto disponibili comprendono supporto telefonico, domande nel loro forum o via email. Ecco i loro canali di supporto disponibili.

Sebbene offrano un forum in cui i membri della comunità possono presumibilmente essere disponibili in qualsiasi momento, non è la stessa cosa di ricevere un supporto ufficiale, cosa che riconoscono in un disclaimer che viene subito visualizzato quando si accede alla pagina della community. Pertanto, le informazioni che vi sono contenute dovrebbero essere prese con le pinze.

Disclaimer del forum di PayPal

Disclaimer del forum di PayPal

Anche i loro orari telefonici non sono paragonabili al supporto 24/7 di Stripe.

Orari di assistenza telefonica di PayPal

Orari di assistenza telefonica di PayPal

C’è quindi un vincitore anche per quel che riguarda l’assistenza ai clienti.

Vincitore: Stripe 🏆

Purtroppo, il loro dominio è in difficoltà nella nostra successiva categoria.

Piani di Pagamento

Gli articoli ad alto costo hanno un problema intrinseco: hanno una base di clienti molto più piccola.

Un modo per aggirare questo problema è quello di utilizzare i piani di pagamento. I piani di pagamento aprono le porte dell’ecommerce per i clienti che vogliono i vostri prodotti ma che potrebbero non essere in grado di assorbire i costi in un colpo solo.

Il rivenditore ecommerce di gioielli Vrai & Oro ha dimostrato la potenza dei piani di pagamento quando ha ridotto le scorte di inventario, ha permesso ai clienti di pagare a rate e ha raggiunto i 2.000.000 di dollari di entrate annuali.

Zulily si avvale dei due gateway per le loro offerte più economiche, come si può vedere per questo KitchenAid stand mixer.

Piano di pagamento

Piano di pagamento (Fonte immagine: Zulily)

Quindi i piani di pagamento sono sicuramente un punto di forza per un commerciante con un inventario di fascia alta (o che vuole semplicemente adottare quel tipo di inventario). È ancora meglio se il gateway di pagamento del commerciante rende tutto questo facile da impostare.

PayPal lo fa in modo nativo con una grande documentazione sullo sviluppo della procedura di checkout e pulsanti per l’impostazione di un piano di rateizzazione.

Piano di pagamento PayPal

Piano di pagamento PayPal

Stripe, invece, no. L’impostazione di un piano di pagamento con Stripe richiede una soluzione contorta attraverso il loro sistema di “abbonamento”. Funziona, ma non così semplice e fluido. Molto probabilmente avrete bisogno di uno sviluppatore o di un plugin che supporti il sistema per farlo funzionare correttamente.

Anche se Stripe dice che stanno lavorando all’implementazione di questa funzionalità, al momento perdono di gran lunga questa battaglia.

Vincitore: PayPal 🏆

A proposito di pagamenti, la scelta del gateway può limitare notevolmente le possibilità di pagamento dei vostri clienti. Chi ha le minori restrizioni?

Pagamenti Accettati

Innanzi tutto, PayPal vi permette di accettare tutte le principali carte di credito, qualsiasi metodo di pagamento che gli utenti PayPal possono memorizzare (che include gli eCheck) e il credito PayPal. È quest’ultimo che rendi questi dati difficili da interpretare.

PayPal Credit

PayPal Credit

PayPal Credit, una linea di credito virtuale estesa per conto di Synchrony Bank, è disponibile per chiunque negli Stati Uniti abbia un conto PayPal (Le clausole aggiuntive richiedono che gli utenti abbiano più di 18 anni di età, ma questo fa parte delle politiche fondamentali di PayPal per gli utenti, con grande dispiacere di molti imprenditori).

PayPal ha raggiunto la quota di 244.000.000 di account attivi nel secondo trimestre del 2018, cosa che vi dà grandi possibilità di raggiungere i clienti attraverso una linea di credito che è, come avrete probabilmente intuito, esclusiva di PayPal.

Account registrati attivi PayPal

Account registrati attivi PayPal (Fonte immagine: Statista)

Vale la pena ricordarlo quando lo si mette a confronto con Stripe, che accetta molti più metodi di pagamento. Accettano tutte le principali carte di debito e di credito oltre ai seguenti wallet: Alipay, Amex Express Checkout, Apple Pay, Google Pay, Microsoft Pay, Masterpass by Mastercard, Visa Checkout e WeChat.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi
Wallet Stripe

Wallet Stripe

Anche se tutti questi wallet (e le carte aggiuntive) sono degni di nota, le inclusioni più appariscenti sono Visa Checkout e MasterPass di Mastercard. Perché sono così importanti? Visa e Mastercard rivendicano un enorme 80,10% del network delle carte.

Quota di mercato per network di carte

Quota di mercato per network di carte (Fonte immagine: WalletHub)

Poter lavorare con i loro wallet nativi è sicuramente una grande spinta per un negozio di ecommerce. Caso chiuso, giusto? Non proprio.

Vincitore: Pari

Mentre l’inclusione di wallet e di network di carte di credito estese da parte di Stripe fa sì che la vittoria sia a loro favore, il Credito PayPal può però ribaltare l’equilibrio a favore di PayPal se la vostra clientela si trova principalmente negli Stati Uniti.

Esperienza di Checkout

Ci stiamo avvicinando alla fine del nostro articolo e abbiamo conservato i due migliori confronti per ultimi.

La vostra esperienza di checkout ha un impatto diretto sulla vostra esperienza utente e sull’usabilità del sito web: troppo, infatti, per non valutarla con attenzione.

La procedura di checkout di Stripe è semplice. Il vostro cliente inserisce un numero di carta di credito, clicca su “Invia” e poi viene portato alla tua pagina di ringraziamento o alla pagina successiva. Il design e il flusso sono nelle vostre mani.

PayPal è un po’ più complicato. Ecco cosa intendo. Diciamo che vogliamo comprare questo libro da Barnes & Noble. Dopo averlo aggiunto al nostro carrello, rimbalziamo nella sezione del checkout.

Pagamento PayPal

Pagamento PayPal

Ma, invece di passare alla procedura di checkout in loco, facciamo clic sul pulsante PayPal. Questo lancia un nuovo popup di tipo lightbox che ci farà aspettare prima di poter effettuare il login. Considero l’attesa perché l’ho provato su alcuni dei principali siti di vendita al dettaglio e molti di loro hanno impiegato più di dieci secondi per caricare la nuova finestra. Barnes & Noble è stato di gran lunga il più veloce.

I tempi di caricamento aggiuntivi sono da considerare nella valutazione della procedura di checkout: gli utenti sono particolarmente impazienti. In parole povere, più tempo impiega una pagina a caricarsi, più alta è la frequenza di rimbalzo e o l’abbandono del carrello della spesa sale. E, di solito, nell’attesa non vi lasciano molto margine di manovra, navigando su altre pagine.

Infatti, dopo che una pagina supera la soglia dei tre secondi, le visualizzazioni della pagina precipitano. Quindi il tempo di caricamento aggiuntivo tra una pagina e l’altra potrebbe finire per distruggere le vostre conversioni se va avanti abbastanza a lungo.

Tempo di caricamento della pagina web vs frequenza di rimbalzo

Tempo di caricamento della pagina web vs frequenza di rimbalzo (Fonte immagine: Pingdom)

Ma, tornando alla nostra procedura, una volta caricata la pagina, abbiamo il compito di effettuare il login. Si può saltare questa schermata se l’utente sceglie di rimanere connesso in modo permanente.

Accesso PayPal

Accesso a PayPal

Dopo di che, dobbiamo ordinare i nostri metodi di pagamento prima di cliccare di nuovo.

Metodi di pagamento PayPal

Metodi di pagamento PayPal

Ma, dopo aver cliccato sul pulsante “continua”, non abbiamo ancora finito. Aggiungete un altro clic per accedere alla schermata “Accetta & Continua”.

Continua su PayPal

Continua su PayPal

Finiamo di nuovo alla pagina di checkout, ma non abbiamo ancora finito con il nostro ordine.

Schermata finale dell'ordine PayPal

Schermata finale dell’ordine PayPal

Alla fine, portandoci via dalla pagina di checkout, PayPal ha aggiunto cinque click in più alla nostra procedura. Ma questo può variare a seconda di come avete configurato PayPal e ai pagamenti che accettate. PayPal offre soluzioni e integrazioni aggiuntive per accettare carte di credito direttamente dal vostro sito.

Anche se questi passi aggiuntivi sono in realtà piccoli e possono non sembrare molti, ci sono molte prove scientifiche che suggeriscono che potrebbero danneggiare i vostri profitti.

Conosciuta come la legge di Hick, la ricerca trova che meno sono i fattori a cui gli utenti devono pensare quando prendono una decisione, più è probabile che prendano effettivamente la decisione. Il che significa che più passaggi un cliente deve compiere, più è probabile che si finisca con un carrello abbandonato.

In diversi settori industriali, oltre il 75% dei carrelli viene abbandonato, quindi vale la pena fare tutto ciò che si può fare per salvare un carrello – o, in questo caso, vale la pena di evitarlo.

Tassi di abbandono del carrello per settore

Tassi di abbandono del carrello per settore

Anche se PayPal offre soluzioni di checkout sul vostro sito, queste variano in base ai pagamenti che accettate e al tipo di account PayPal che avete. Pertanto, Stripe ha un leggero vantaggio competitivo in questo caso, in quanto il checkout di Stripe è stato facile e fluido fin dal primo giorno.

Vincitore: Stripe 🏆

OK, c’è un ultimo guanto di sfida da lanciare per questi due gateway di pagamento e, per un utente WordPress, è la sfida più importante.

Integrazioni

Gli utenti di WordPress amano un buon plugin e qui da Kinsta non facciamo eccezione a questa regola. Prima di tutto, parliamo di WooCommerce. Non importa quale gateway di pagamento scegliate, con WooCommerce siete a posto.

Integrazioni gateway di pagamento WooCommerce

Integrazioni gateway di pagamento WooCommerce

Anche Easy Digital Downloads è compatibile con le più popolari estensioni di gateway di pagamento.

Estensioni di gateway di pagamento di Stripe

Estensioni di gateway di pagamento di Stripe

Ma che dire di altri tipi di software? Mentre il vostro software di ecommerce dovrebbe essere la vostra preoccupazione principale, il software CRM è altrettanto importante per un’attività ben oliata. Dopo tutto, il software CRM può aumentare i flussi di reddito del 74% e ridurre i costi dei contatti del 23%.

Quindi lavorare con il CRM? Sicuramente aggiungerà peso a un gateway di pagamento. Un punto in cui, purtroppo, PayPal si trova carente.

PayPal CRM

PayPal CRM

Stripe, invece, brilla, grazie alle partnership con HubSpot e Agile CRM, entrambi spesso nella top five delle migliori suite CRM gratuite a disposizione.

Stripe CRM

Stripe CRM

Data la loro varietà molto più ampia di partner – sia per WordPress, che per CRM e altro – siamo portati ancora una volta a una conclusione quasi abituale per questo confronto.

Vincitore: Stripe 🏆

Ora, questo dove ci porta nel grande schema delle cose?

Il Vincitore Finale

Mentre entrambi i gateway di pagamento offrono ai commercianti molte opportunità di espansione, Stripe ha rivendicato vittorie costantemente – anche se di poco – rispetto a PayPal grazie alla sua maggiore facilità d’uso del checkout, all’assistenza ai clienti, alla struttura delle tariffe più semplice e alle integrazioni.

Quindi, se siete indecisi sulla direzione da prendere, chiedetevi questo:

Per il resto, Stripe è la scelta superiore per i negozi di ecommerce ed è super facile da configurare su WordPress.

Se vi capita di essere in un paese non supportato da Stripe o PayPal (ce ne sono alcuni che rientrano in questa categoria), vi consigliamo di date un’occhiata a 2Checkout.

Riepilogo

La scelta del gateway di pagamento è una delle decisioni più importanti da prendere come proprietari di ecommerce. Anche se è possibile gestire più gateway, non è consigliabile per le piccole imprese. Perché, con il doppio dei gateway, arriva il doppio dei possibili disastri. Anche se, se si può, più potere a voi! 🤘

Quindi, se siete all’estremità più piccola della scala, dovete scegliere. PayPal e Stripe sono i più grandi concorrenti sul mercato. Per quel che riguarda le commissioni di transazione, PayPal batte Stripe per le microtransazioni, mentre le transazioni “medie” trovano i gateway alla pari. Tuttavia, Stripe è in testa per le transazioni internazionali, il che offre loro una vittoria limitata in questo ambito.

Le controversie e i rimborsi sono un po’ complicati quando si cerca di districarsi tra i due, dato che sia PayPal che Stripe usano termini diversi. Stripe, in definitiva, è risultato vincente per la sua semplicità.

Le ore di assistenza ai clienti sono state un’altra nostra considerazione. Grazie alla recente inclusione della chat dal vivo 24/7 e del supporto telefonico, Stripe ha nuovamente rivendicato il predominio. Questa tendenza è continuata per i pagamenti accettati, l’esperienza alla cassa e le integrazioni.

Nel complesso, grazie alla sua travolgente semplicità e alle conclusioni delle nostre rilevazioni, concludiamo che Stripe è il gateway di pagamento preferito per un’attività di ecommerce.


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24×7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani