Dato che Facebook è il più grande sito di social networking del mondo, con oltre 2,2 miliardi di utenti attivi al mese, non dovrebbe sorprendere che su di lui ci siano molte statistiche interessanti e alcune un po’ folli. Tra le statistiche e i fatti di Facebook si possono citare quelli che risalgono alle origini dell’azienda, ai suoi progetti più recenti, a come continui a garantire il suo dominio e potere in gran parte del mondo o a fornire informazioni agli investitori, ai marketer e persino all’utente medio di Facebook.

Facebook è il più grande sito di social networking del mondo. Dai un'occhiata a questi fatti curiosi e un po’ folli! 🤓Click to Tweet

Le Origini della Rivoluzione dei Social Media di Facebook

Facebook è stata fondata da Mark Zuckerberg, insieme ad altri studenti dell’Università di Harvard – e compagni di stanza – Eduardo Saverin, Andrew McCollum, Dustin Moskovitz e Chris Hughes il 4 febbraio 2004.

Fondatori di Facebook

I fondatori di Facebook (Fonte immagine: Le Journal de Montréal)

L’origine di quella che oggi è un’azienda potente con una portata senza precedenti è un sito creato da Zuckerberg chiamato “Facemash”. Questo sito estrae le foto dai “facebook” online dei nove studentati di Harvard e chiede agli utenti di scegliere la persona “più sexy”.

Facesmash

Facesmash (Fonte immagine: IncomeDiary)

Inutile dire che gli amministratori del campus non reagiscono con entusiasmo. Chiudono il sito e minacciano di espellere Zuckerberg dalla scuola d’elite. Zuckerberg, imperterrito, ha un’altra idea. Decide di mettere online gli annuari degli studenti del campus con foto e informazioni di base (noti come “facebook”). L’idea non è esattamente frutto dell’inventiva di Zuckerberg, dato che Harvard aveva già in programma di fare la stessa cosa. Tuttavia, Zuckerberg pensa che sia ridicolo che la scuola ci metta così tanto tempo a metterli su, così costruisce il suo sito. Il sito viene inizialmente lanciato come “TheFacebook.com”, disponibile solo per gli studenti di Harvard prima di essere aperto agli studenti della zona di Boston e a quelli che frequentano le altre scuole della Ivy League. Nel 2006 è aperto a chiunque abbia almeno 13 anni.

Thefacebook

Thefacebook (Fonte immagine: The Wayback Machine)

Naturalmente, anche prima che Facebook sia aperto a tutti, Zuckerberg si trova sommerso da problemi legali, poiché i suoi compagni Cameron Winklevoss, Tyler Winklevoss e Divya Narendra gli fanno causa per aver rubato loro l’idea. Arrivano a un accordo che concede a ognuno di loro 1,2 milioni di azioni della società. Nel 2004, Sean Parker si incorpora nel team e diventa il primo presidente di Facebook: la società si trasferisce a Palo Alto, California, dopo aver ricevuto un investimento di 500.000 dollari da parte del co-fondatore di PayPal, Peter Thiel. L’anno successivo, l’azienda fa cadere l’articolo “The” dal suo nome e si trasferisce nel suo attuale dominio “facebook.com”, dopo averlo acquistato per 200.000 dollari. Nel 2007, Facebook introduce Facebook Marketplace, che permette agli utenti di pubblicare annunci pubblicitari. Sempre in quell’anno viene introdotta la piattaforma Facebook Application Developer, che permette agli sviluppatori di creare applicazioni e giochi su Facebook. L’anno successivo è importante per il gigante dei social media. Nel 2008, stabilisce la sua prima sede internazionale a Dublino, Irlanda. Inoltre, lancia la chat di Facebook, insieme a funzionalità come People You May Know, la bacheca e Facebook Connect.

Scavando nella Demografia di Facebook

Quanti utenti ha Facebook? Date un’occhiata a queste statistiche degli utenti di Facebook: A partire dal secondo trimestre del 2018, Facebook vanta 2,23 miliardi di utenti attivi mensili, con il 68% degli statunitensi che usano la piattaforma di social media. Sebbene gli statunitensi facciano grande affidamento sul sito di social media, oltre l’85% degli utenti di Facebook proviene da fuori degli Stati Uniti e del Canada.

Utenti mensili di Facebook

Utenti mensili di Facebook (Fonte immagine: Statista)

Il 26 agosto 2008 Facebook supera il traguardo dei 100 milioni di utenti. A luglio 2010, ha mezzo miliardo di utenti. L’anno successivo, Facebook supera il limite di 1 trilione di pagine viste. Nello stesso anno, Nielsen scopre che Facebook è il secondo sito più visitato negli Stati Uniti e il più popolare sito di social networking. Poi, nel settembre 2012, Facebook raggiunge 1 miliardo di utenti, stabilendosi sui 2 miliardi di utenti nel 2017. Anche se Facebook è abbastanza popolare fra tutte le fasce di età, perde terreno con i teenager. Solo il 51% delle persone tra i 13 e i 17 anni usa Facebook, mentre le altre piattaforme di social media fanno molto meglio con questa fascia demografica: L’85% si trova su YouTube, il 72% su Instagram e il 69% su Snapchat. I numeri più recenti per questa fascia d’età mostrano un calo significativo rispetto al 71% dei teenager che tre anni fa usavano Facebook.

Adolescenti che usano Facebook

Adolescenti che usano Facebook (Centro di ricerca PEW)

Se però analizziamo meglio i dati sui teenager, c’è un’interessante statistica su Facebook che balza agli occhi: i teenager delle famiglie a basso reddito continuano a gravitare intorno a Facebook. Sebbene le donne usino Facebook in misura maggiore rispetto agli uomini – il 74% contro il 62% – il gruppo più numeroso di utenti di Facebook è costituito da maschi di età compresa tra i 25 e i 34 anni, che costituiscono il 18% di tutti gli utenti.

Utenti di Facebook per età e sesso

Utenti di Facebook per età e sesso (Fonte immagine: Statista)

Con così tante persone che ronzano intorno a Facebook, è sconvolgente rendersi conto che un dato utente è separato da un altro solo da 3,57 gradi di separazione. Sebbene l’utente medio di Facebook abbia 338 amici, considera solo il 28% dei suoi amici Facebook come amici veri o intimi.

Gradi medi di separazione su Facebook

Gradi medi di separazione su Facebook (Fonte immagine: Facebook Research)

Un altro fatto folle di Facebook è che l’utente medio è connesso con meno amici veri e molte più persone che non ha mai incontrato di persona, il che comprende il 39% delle connessioni degli utenti. E, grazie ad altre interessanti statistiche di Facebook, è emerso che il 47% dei genitori sono amici dei loro figli sulla piattaforma di social media.

Amici di Facebook e genitori

Amici di Facebook con i genitori (Fonte immagine: PEW Research Center)

Statistiche di Facebook su Dati e Uso

Facebook genera 4 petabyte di dati al giorno: un milione di gigabyte. Tutti questi dati sono memorizzati in quello che viene chiamato The Hive (l’alveare), che contiene circa 300 petabyte di dati. Questa enorme quantità di generazione di contenuti è senza dubbio legata al fatto che gli utenti di Facebook passano più tempo sul sito che gli utenti di qualsiasi altro social network, passandoci all’incirca un’ora al giorno. Se non siete sicuri di essere un utente Facebook superiore alla media, potete ora approfittare dello strumento “Your Time on Facebook” per capire – avete indovinato – quanto tempo trascorrete sul sito.

Minuti spesi al giorno sulle piattaforme social

Minuti spesi al giorno sulle piattaforme social (Fonte immagine: Recode)

Un motivo per cui è importante che gli utenti di Facebook tengano sotto controllo il loro utilizzo è la natura coinvolgente del sito. Circa tre quarti degli utenti di Facebook visitano il sito quotidianamente, e il 51% lo visita più volte al giorno.

Uso quotidiano Facebook

Uso quotidiano Facebook (Fonte immagine: PEW Research Center)

Infatti, un recente sondaggio di Harris Poll ha rivelato che gli utenti definiscono Facebook come il sito di social media più difficile da evitare. Anche se Zuckerberg è un programmatore, in realtà si è laureato in psicologia, il che può spiegare le sue intuizioni sullo sviluppo di un sito che crea dipendenza. Il numero di persone che si uniscono alla piattaforma è in costante aumento, con circa 400 utenti che si iscrivono a Facebook ogni minuto. Naturalmente, in quel minuto, su Facebook succede molto di più di 400 persone che si iscrivono. Ogni 60 secondi, vengono pubblicati 510.000 commenti, vengono aggiornati 293.000 stati, vengono aggiornati 4 milioni di post e vengono caricate 136.000 foto. Ma questo non è abbastanza per Facebook. Alla ricerca di modi per aumentare le interazioni con i post e le pubblicità, Facebook ha rilasciato l’opzione “reazioni” nel 2016. Più di 300 miliardi di reazioni sono state usate nell’anno successivo al rilascio della funzione. Naturalmente, non tutte le interazioni, le reazioni o anche gli account su Facebook sono legittimi. Infatti, Facebook ha cancellato 583 milioni di account falsi nei primi tre mesi del 2018. Anche con la rimozione di milioni di account, il costante aumento del numero di utenti di Facebook ha fatto sì che ci fossero sempre più post che si contendevano l’attenzione degli utenti. Facebook ha ammesso che, in un dato momento, possono esserci più di 1.500 storie che si contendono uno spazio nel newsfeed di un utente. Tuttavia, Facebook sceglie solo circa 300 storie da far apparire nel feed di un utente. Il modo in cui queste storie vengono selezionate è cambiato nel 2018 quando Facebook ha annunciato gli aggiustamenti al suo algoritmo, dando priorità ai post degli amici e dei familiari degli utenti. Anche se molti utenti di Facebook si sono rallegrati del cambiamento, è stata una brutta notizia per le aziende che puntano sul traffico organico. Ora hanno bisogno di affidarsi maggiormente alle pubblicità a pagamento per finire nel newsfeed di un utente. Zuckerberg ha ammesso che dopo la revisione del nuovo algoritmo, la gente passava meno tempo sul sito: si è scesi a 50 milioni di minuti al giorno, che sono solo circa 1-2 minuti per utente. Non solo, per la prima volta dalla sua nascita, Facebook ha registrato una diminuzione della sua base di utenti negli Stati Uniti e in Canada nel quarto trimestre del 2017. È passato da 185 milioni nel terzo trimestre a 184 milioni nel quarto trimestre. Anche se un milione di utenti potrebbe sembrare un calo, è importante notare che ogni utente attivo mensile degli Stati Uniti e del Canada porta in media 27 dollari di entrate.

Utenti attivi su Facebook negli Stati Uniti e in Canada

Utenti attivi su Facebook negli Stati Uniti e in Canada (Fonte immagine: Recode)

La Trasformazione in una Mobile Company

Nel 2014, Zuckerberg ha detto: “Ora siamo a mobile company“. Date un’occhiata a queste statistiche di utilizzo di Facebook: non stava scherzando; Facebook si è concentrato sul rendere i dispositivi mobili una parte delle loro strategie chiave. Ora, il 95,1% delle persone accede a Facebook con il proprio smartphone, che permette di consumare contenuti più velocemente rispetto a quando si usa il sito da desktop.

Utilizzo del dispositivo Facebook

Un enorme 95,1% delle persone accede a Facebook con il proprio smartphone! Statista)

Un incredibile 95,1% delle persone accede a Facebook con il proprio smartphone! 😲Click to Tweet

Il 47% degli utenti Facebook accede al sito esclusivamente dal proprio dispositivo mobile. Infatti, l’azienda ha raggiunto 1 miliardo di utenti mobile al mese nel novembre 2016. Qualche mese prima, ha superato il limite di 1 miliardo di utenti attivi da mobile al giorno.

Utenti attivi mensili di Facebook

Utenti attivi mensili di Facebook (Fonte immagini: VentureBeat)

Nel 2017, Facebook ha rilasciato Facebook Lite e Messenger Lite, applicazioni progettate per le persone che vivono in paesi in via di sviluppo con internet lento. A giugno di quell’anno, c’erano circa 200 milioni di utenti di Facebook Lite. Considerando tutte le cose che i dispositivi mobili possono fare, è sconvolgente rendersi conto che il 19% di tutto il tempo trascorso su tali dispositivi è speso su Facebook. Chiaramente, Facebook ha fatto un lavoro straordinario come “mobile company”.

Tempo trascorso per categoria di app negli Stati Uniti

Tempo trascorso per categoria di app negli Stati Uniti (Fonte immagine: Flurry)

Il Video È il Prossimo Megatrend

Zuckerberg ha detto che il video è il prossimo “megatrend” dopo il mobile. Non è solo il fatto che i video seguono a ruota i cellulari, ma anche che i dispositivi mobili hanno aperto la strada alla crescita della popolarità dei contenuti video: la gente ha cinque volte più probabilità di vedere i video di Facebook sul proprio cellulare.

In media, Facebook genera più di 8 miliardi di visualizzazioni giornaliere di contenuti video; più di 100 milioni di ore video al giorno. Sebbene i contenuti video costituiscano solo il 3% dei contenuti di Facebook, il loro coinvolgimento è molto maggiore rispetto ad altri tipi di post.

I video sono condivisi in media 89,5 volte di più di altri contenuti su Facebook, il che li rende il tipo di contenuti più condiviso sul sito. Inoltre, i video nativi di Facebook hanno una reach 10 volte maggiore rispetto ai link di YouTube, il che è uno dei motivi per cui sempre più aziende caricano contenuti video attraverso la loro pagina Facebook, piuttosto che condividere semplicemente i link.

Media delle condivisioni video su Facebook

Media delle condivisioni video su Facebook (Fonte immagine: Mari Smith)

Una strana statistica di Facebook sugli utenti che consumano contenuti video sul sito è che l’85% delle persone guarda i video con l’audio spento, e l’80% degli utenti trova fastidioso quando un video va in auto-play con l’audio. Per questo motivo, gli annunci video sottotitolati possono aumentare le visualizzazioni del 12%. Un altro modo in cui gli utenti stanno modificando i loro video per ottenere risultati migliori è quello di realizzare video quadrati, che occupano il 78% di spazio in più nel newsfeed mobile rispetto ai video panoramici. Un altro adattamento che Facebook ha fatto per promuovere i contenuti video è stata l’introduzione di Facebook Live, che è stato introdotto nel 2016. Dalla sua nascita, ci sono state circa 3,5 miliardi di trasmissioni guardate da quasi 2 miliardi di persone. La tendenza a usare Facebook Live è in rapida crescita; le trasmissioni da pagine Facebook sono aumentate del 50% nell’ultimo anno. E andare spesso in diretta ripaga, visto che i video in diretta vengono guardati più che i loro replay.

Dati Finanziari di Facebook

Facebook ha lanciato la sua IPO iniziale nel 2012, per un totale di 104 miliardi di dollari, il che la rende la più grande valutazione fino ad oggi per una società pubblica appena quotata in borsa. Ha raccolto 16 miliardi di dollari, diventando la terza più grande IPO nella storia degli Stati Uniti. Nel 2010, Facebook, valutata 41 miliardi di dollari, è diventata la terza società web più grande degli Stati Uniti, subito dopo Google e Amazon. Secondo gli utili del secondo trimestre del 2018, Facebook non ha raggiunto i 13,36 miliardi di dollari entrate previste arrivando a un utile effettivo di 13,23 miliardi di dollari. Anche le entrate pubblicitarie non hanno raggiunto i 13,16 miliardi di dollari previsti, con un guadagno effettivo di 13,04 miliardi di dollari. Facebook ha detto che si aspettava che i tassi di crescita dei suoi ricavi sarebbero stati inferiori quest’anno visto che la società si concentra sulle Stories – che non generano reddito – e sta rafforzando la privacy e la sicurezza per la conformità al Regolamento Europeo in materia di Protezione dei Dati Personali (GDPR). Il calo dei guadagni potrebbe anche essere attribuito a una serie di problemi legati alle pubbliche relazioni in tema privacy ed elezioni presidenziali americane del 2016. Anche se ci sono molti riconoscimenti finanziari nel portafoglio di Facebook, si sono manifestate alcune situazioni meno gradevoli, come il fatto di essere la prima azienda a perdere oltre 100 miliardi di dollari in un solo giorno, il 26 luglio 2018.

Acquisizioni su Facebook

Per molti utenti di Facebook, non c’è differenza tra Facebook e Messenger. Tuttavia, l’azienda ha rilasciato Messenger come applicazione standalone nel marzo 2011, dopo averla acquisita da Beluga. Circa 1,2 miliardi di persone usano ora Messenger. Tuttavia, Messenger non è stato sufficiente per il portafoglio di applicazioni di messaggistica di Facebook. Nel febbraio 2014, l’azienda ha acquistato WhatsApp per 19 miliardi di dollari – la sua più grande acquisizione fino ad oggi. L’obiettivo dell’acquisizione era che l’azienda entrasse nel panorama della messaggistica internazionale. Una parte importante del motivo del prezzo elevato di WhatsApp è stata la rapida crescita degli utenti, che ha portato a 1 milione di utenti al giorno. Un’altra importante acquisizione per il gigante dei social media è stata l’acquisizione di Instagram per 1 miliardo di dollari nel 2012, un mese prima della sua IPO. L’acquisto ha trasformato un rivale dei social media nell’applicazione fotografica standalone di Facebook. Guardando al futuro dell’intrattenimento e dei social media, Facebook ha acquisito Oculus VR per 2 miliardi di dollari, pagati in contanti e in azioni, nel marzo 2014. Oculus VR è una società che produce cuffie di realtà virtuale per il gioco. Quando gli è stato chiesto quale fosse la sua visione dell’azienda, Zuckerberg ha risposto che ha intenzione di utilizzare Oculus VR per qualcosa di più del semplice gioco. In particolare, vuole farne una piattaforma per esperienze diversificate. Un esempio che ha dato è stato quello di potersi sedere a casa e guardare una partita di basket a bordo campo. Un altro esempio è stato quello di un utente che in conversazione faccia a faccia con il proprio medico.

Statistiche di Facebook sulle Aziende

Nel 2007, Facebook aveva più di 100.000 pagine aziendali, che hanno permesso alle aziende di mostrare le loro informazioni e di attirare potenziali clienti. Nel decennio successivo, questo numero è cresciuto astronomicamente; al momento ci sono più di 60 milioni di pagine aziendali di Facebook. Queste pagine sono parte integrante dell’ecosistema di Facebook, non solo a causa della pubblicità in dollari, ma perché gli utenti interagiscono con loro. Quasi il 40% delle persone mette un like o segue una pagina Facebook per ricevere offerte speciali. È anche emerso che il 32% delle persone è coinvolta regolarmente con le pagine di Facebook, lasciando ogni mese più di 5 miliardi di commenti su di esse.

Engagement su Facebook

Engagement su Facebook (Fonte immagine: Ecommerce CEO)

Anche prima dell’implementazione del nuovo algoritmo di Facebook, un post medio di Facebook aveva una portata organica del 2,6% dell’audience totale di una pagina. Ora questo numero è decisamente più basso, il che rende ancora più importante per le aziende incrementare i post e mettere da parte i dollari di marketing per i post promozionali di Facebook. È interessante notare che le pagine con un numero minore di follower tendono ad avere una una reach e un tasso di engagement più elevati. Gli editor virali, come 9gag e BoredPanda, sono stati profondamente colpiti dal cambiamento dell’algoritmo di Facebook, subendo un crollo dell’engagement.

Il declino della Facebook-influenza

Il declino della Facebook-influenza (Fonte immagine: Digiday)

I numeri di engagement di ogni singolo brand, tuttavia, dipendono da quanto l’azienda riesce a creare post che risuonano nel loro pubblico. L’uso massiccio di messaggi promozionali rischia di distogliere l’attenzione degli utenti, con quasi il 60% degli utenti che non gradiscono troppi messaggi promo.

Azioni fastidiose che i marchi compiono sui social media

Azioni fastidiose che i marchi compiono sui social media (Fonte immagine: SocialMediaToday)

In media, i brand postano otto volte al giorno, molti dei quali approfittano di strumenti che indicano il momento migliore per pubblicare: in generale, questi strumenti concordano sul fatto che il giovedì e il venerdì sabi i giorni migliori per mettere online i contenuti più importanti. Per trovare il successo del vostro marchio, è importante scavare nei vostri dati (e negli Insights di Facebook) per scoprire i giorni della settimana e gli orari della giornata con più engagement. Naturalmente, considerato che il 40% degli utenti di Facebook non mettono un “Mi piace” a nessuna pagina di brand, il modo migliore per le aziende per far notare i loro contenuti è quello di approfittare di Facebook Ads.

Vantaggio di Facebook Ads

La maggior parte del fatturato di Facebook deriva dalle entrate pubblicitarie. I marketer spendono miliardi di dollari ogni anno per rivolgersi ai clienti in base ai profili degli utenti. Con il 93% dei marketer che usano regolarmente la pubblicità su Facebook, l’azienda ha guadagnato 11,8 miliardi di dollari dalla sola pubblicità nel primo trimestre del 2018.

Entrate pubblicitarie su Facebook

Entrate pubblicitarie su Facebook (Fonte immagine: VentureBeat)

Facebook, che ha incassato quasi 40 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie nel 2017, rappresenta il 20% dei 203 miliardi di dollari del mercato pubblicitario globale. È interessante notare che circa il 70% dei 3 milioni di aziende che usano Facebook Ads come parte delle loro campagne di marketing ha sede al di fuori degli Stati Uniti. Anche in questo caso, è il focus del gigante dei social media sul mobile a guidare il successo delle sue entrate pubblicitarie: il 91% delle entrate pubblicitarie di Facebook proviene dagli annunci pubblicitari destinati ai dispositivi mobile. Uno dei motivi per cui gli annunci di Facebook sono così popolari tra così tanti marketer è che un budget più ampio non equivale necessariamente a una maggiore esposizione. Questo concetto rende Facebook Ads particolarmente attraente per le piccole e medie imprese. Il costo medio per click (CPC) per gli annunci su Facebook è di 1,72 dollari per tutti i settori, e il tasso medio di clickthrough rate (CTR) è dello 0,9%. Anche se, a prima vista, questi numeri potrebbero non sembrare sorprendenti, si scopre che il 26% delle persone che hanno fatto clic sugli annunci di Facebook hanno effettuato un acquisto.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi
CPC medio di Facebook Ads

CPC medio di Facebook Ads

Non dovrebbe essere una sorpresa che le persone siano più propense a fare clic sugli annunci che sono legati ai loro interessi, ed è qui che entra in gioco il relevance score di Facebook. Il relevance score dipende dall’engagement. Un relevance score elevato significa più engagement e che il vostro annuncio costerà meno. Ad esempio, un relevance score pari a 3 costa il 73% in più di uno con un punteggio di 8. E ha un punteggio CTR più basso del 77%.

CPC e CTR su Facebook

CPC e CTR su Facebook (Fonte immagine: AdEspresso)

Per soddisfare le esigenze delle aziende, Facebook ha sviluppato diversi tipi di annunci. Una delle forme più efficaci è il video. Tuttavia, una ricerca di Facebook ha scoperto che il 47% del valore degli annunci video di Facebook si verifica nei primi tre secondi del video. Questo significa che i marketer che vogliono trarre vantaggio dai video pubblicitari di Facebook devono andare dritti al punto. In altre forme di pubblicità, si tratta di usare l’immagine giusta, che rappresenta il 75-90% dell’efficacia della pubblicità.

I Problemi di Facebook Vanno Oltre la Redditività

Facebook, una delle più grandi aziende al mondo, non ha raggiunto indenne il suo 14° compleanno. L’azienda ha affrontato la sua buona dose di problemi, dalla diffusione di informazioni personali alle notizie false.

Notizie False

Circa il 45% degli adulti americani si informa su Facebook, nonostante solo il 5% degli statunitensi abbia “molta” fiducia nelle notizie che riceve dal sito. Gli statunitensi si fidano meno delle informazioni che ricevono dai siti di social media rispetto ad altre fonti. Circa il 37% degli statunitensi si fida delle notizie dei social media, mentre l’85% si fida delle informazioni delle organizzazioni di notizie locali e il 72% di quelle nazionali. Le notizie provenienti da amici e familiari si collocano tra le notizie nazionali e le fonti di notizie locali, con il 76% delle persone che si fidano di loro. Nel 2015, l’algoritmo di Facebook è stato programmato per omettere contenuti fuorvianti. Gli utenti potevano anche segnalare “notizie false o ingannevoli”. Poi, nel 2016, sono stati annunciati piani per affrontare la diffusione di informazioni false sviluppando nuovi prodotti, lavorando con i fact checker, colpendo i siti web che pubblicavano storie false e lanciando il Facebook Journalism Project. Tuttavia, le conseguenze della diffusione di notizie false su Facebook da parte dei troll russi per le elezioni presidenziali americane del 2016 continuano a minare la fiducia degli utenti di Facebook nelle notizie scoperte attraverso la piattaforma.

Privacy su Facebook

Un’altra grande preoccupazione di molti critici di Facebook e di altri giganti della tecnologia si concentra sulla privacy dei dati degli utenti. Il più recente scandalo di Facebook ruota attorno a Cambridge Analytica. La società di analisi è stata indagata per aver presumibilmente raccolto dati da più di 87 milioni di persone tramite Facebook. I dati raccolti da Cambridge Analytica sarebbero stati utilizzati per influenzare l’esito delle elezioni del 2016 e anche Brexit attraverso il “psychographic targeting”.

Facebook Guarda Avanti

Nonostante sia stata chiamata a testimoniare davanti al Congresso sull’ingerenza russa nelle elezioni presidenziali, e Facebook abbia bisogno di spegnere numerosi altri incendi, l’azienda continua a guardare avanti, finanziando i propri team di ricerca e sviluppo.

Facebook Watch

Facebook Watch è un servizio video-on-demand lanciato per la prima volta agli utenti statunitensi circa un anno fa. Ora è disponibile per tutti gli utenti di Facebook. Molto simile ad Amazon Originals, Facebook Watch ospita contenuti unici sul suo canale. I partner producono i contenuti, mantenendo il 55% delle entrate mentre Facebook ne trascina il 45%. Attualmente, Facebook sta esplorando il modo in cui rendere i suoi show più interattivi, avanzando l’idea che potrebbero assumere la forma di realtà virtuale.

Realtà Virtuale

Dopo l’acquisto di Oculus VR nel 2014, Zuckerberg ha annunciato il suo obiettivo di far portare 1 miliardo di persone su VR. Questo obiettivo potrebbe presto diventare realtà, dato che Facebook ha lanciato Oculus Go, l’auricolare indipendente dell’azienda, nel maggio 2018.

Facebook Oculus Go

Facebook Oculus Go (Fonte immagine: Recode)

Al prezzo di 199 dollari, Oculus Go non richiede uno smartphone di fascia alta per il suo funzionamento.

Swipe a Destra per gli Incontri su Facebook

Nel maggio 2018, Facebook ha annunciato che avrebbe sviluppato un proprio servizio di dating e incontri, in diretta competizione con la popolare applicazione Tinder. Per il momento è ancora in fase di test. Attualmente, non è stata progettata per essere un’applicazione separata, ma una funzionalità all’interno di Facebook.

Dating su Facebook

Dating su Facebook (Fonte immagine: TechCrunch)

Workplace by Facebook

Workplace by Facebook rappresenta l’incursione dell’azienda negli strumenti di collaborazione aziendale. È completamente separato dall’account personale di Facebook degli utenti e richiede un account di posta elettronica di lavoro per essere impostato. Annunciato inizialmente nel 2016, Facebook ha cercato di capitalizzare la familiarità degli utenti con la piattaforma e la facilità con cui si integra con altre applicazioni e strumenti aziendali di uso comune. Il livello standard dello strumento è disponibile solo su invito. Le aziende interessate a ottenere un account premium possono iniziare a iscriversi senza invito.

Altre Statistiche e Fatti Random su Facebook

Se doveste azzardare un’ipotesi su quanto guadagna Zuckerberg all’anno, puntereste alto parlando di milioni, e probabilmente non vi sbagliereste. Tuttavia, se doveste indovinare qual è il suo stipendio, non ci andreste neppure vicino. Lo stipendio di Zuckerberg è un ridicolo 1 dollaro all’anno. Anche se l’URL di Zuckerberg su Facebook è https://www.facebook.com/zuck, in origine era www.facebook.com/4, perché è la quarta persona che si è iscritta al sito. Ora il suo vecchio URL è appena reindirizzato a quello nuovo. Nonostante l’enorme trazione che Facebook ha nel mondo, ancora manca da uno dei più grandi mercati online del mondo: la Cina. In realtà, Facebook è proprio vietato in Cina. Questo è un peccato per qualsiasi cinese che sia fan di Cristiano Ronaldo, che è la celebrità più seguita sul sito di social media con 122 milioni di follower. Shakira ottiene la medaglia d’argento in questo senso con 102 milioni di follower.

Riepilogo

La crescente rilevanza di Facebook come gigante dei social media nel mondo, fin dai suoi umili inizi come sito per votare le ragazze più sexy della scuola, fa sì che la sua storia sia ricca di interessanti statistiche che possono aiutare a capire la traiettoria dell’azienda.

Anche se Facebook ha perso attrattiva per i teenager, il che potrebbe creare problemi all’azienda, i marketer continuano a versare miliardi in pubblicità sul sito per la sua capacità di rivolgersi agli utenti in base alla demografia e agli interessi.

Non importa come usate Facebook: conoscere le giuste statistiche vi aiuterà a ottenere il massimo da questa piattaforma di social media. Se Facebook è uno dei vostri canali social più importanti, assicuratevi di leggere la nostra lista dei migliori plugin WordPress per Facebook. Non avete trovato le vostre statistiche o fatti preferiti su Facebook in questo articolo? Condivideteli nella sezione commenti qui sotto!


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24×7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani