Nel 2016 il traffico mobile ha superato per la prima volta il traffico desktop. E se vi siete tenuti al passo con i cambiamenti dell’algoritmo di Google degli ultimi anni, potreste aver notato la tendenza a dominare del traffico mobile. Appropriatamente, subito dopo che il traffico mobile è cresciuto oltre il totale del traffico desktop, Google ha annunciato che l’indicizzazione sui motori di ricerca sarebbe passata al mobile-first.

Anche se Google aveva affermato che le modifiche non sarebbero state immediate e che sarebbero state diffuse lentamente mentre i test erano ancora in corso, è passato più di un anno e mezzo dall’annuncio iniziale. A partire dal 26 marzo 2018, Google ha annunciato ufficialmente il lancio del sistema di indicizzazione mobile-first. Ciò presenta seri cambiamenti nello status quo dell’indicizzazione.

Attualmente, la maggior parte dei siti sono a malapena ottimizzati correttamente per il desktop, per non parlare dei dispositivi mobili, dove il 21% dei siti delle piccole imprese non sono “ottimizzati”. 😧 Se Google dovesse improvvisamente invertire il proverbiale passaggio all’indicizzazione mobile-first, la stragrande maggioranza dei siti che dominano la concorrenza si troverebbe ad affrontare una Grande Depressione SEO, distruggendo potenzialmente il loro attuale modus operandi.

Allora, cosa significa davvero l’indicizzazione mobile-first? Da auando ha effetto e come ci si può preparare? In questo post vi spiegheremo il mobile-first e come preparare il vostro sito WordPress per evitare potenziali disastri.

Con gli annunci di Google, a volte è difficile leggere tra le righe. Diamine, per oltre un decennio non abbiamo avuto nemmeno la conferma dei due principali fattori di ranking. Ottenere una risposta diretta da Google è molto difficile. L’indicizzazione mobile-first è un concetto piuttosto semplice, ma spesso la gente lo definisce in modi inutilmente complessi.

Lasciate che ve lo spieghi in modo semplice: Google ha notato che la maggior parte delle persone naviga su dispositivi mobili e quindi visita le versioni mobili dei siti web. Ma attualmente, l’intero sistema di indicizzazione guarda prima di tutto alla versione desktop di un sito per valutare la qualità e la rilevanza per gli utenti.

Si tratta di una disconnessione enorme, potenzialmente dannosa per Google, che potrebbe causare l’abbandono della piattaforma da parte di chi effettua le ricerche. In che modo? Se la maggior parte delle persone utilizza dispositivi mobili per navigare, eppure Google indicizza le versioni desktop per la rilevanza e la qualità, è probabile che gli utenti mobili stiano ottenendo un’esperienza scadente.

E ricordate la statistica precedente: il 21% dei siti mobili delle piccole imprese non è ottimizzato. Ciò significa che molti utenti di Google visitano inevitabilmente siti mobili di bassa qualità. Google e i siti aziendali non possono più permettersi di lasciare che ciò accada. Non quando l’85% degli utenti non tornerà sul vostro sito dopo aver avuto una scarsa esperienza mobile.

E non sorprenderebbero in tal caso cali di traffico se Google non affrontasse questa enorme disconnessione. Nel 2013, Google ha subito un’interruzione del servizio di soli cinque minuti, che ha portato a un calo del traffico globale del 40% e a una perdita di entrate nette di 545.000 dollari.

I dati mostrano che Alphabet Inc (la società madre di Google), guadagna oltre 3.200 dollari al secondo. Ciò significa che un’unica interruzione di cinque minuti dei servizi nel 2018 produrrebbe una perdita netta quasi doppia rispetto a quella che Google ha affrontato nel 2013:

Denaro perso durante l'interruzione del sito web
Denaro perso durante l’interruzione del sito web (Fonte: InvestorPlace)

Si può affermare con certezza che Google sta mettendo alla prova il suo modello attuale, cercando di evitare che si verifichino potenziali catastrofi sia in termini di ricavi sia di quote di mercato.

Per questi motivi, Google apporterà lentamente delle modifiche per rendere i siti mobili la priorità assoluta quando nell’indicizzare i contenuti per rilevanza e qualità. Google continuerà a indicizzare le versioni dei siti desktop, ma darà la priorità ai siti mobili.

Il cellulare è più importante che mai. Alla fine del 2017, gli esperti del settore hanno iniziato a notare i primi test e rollout del mobile per alcuni siti. L’analista di Google Webmaster Gary Illyes ha comunicato queste informazioni al pubblico alla conferenza SMX East.

Il 26 marzo 2018, Google ha annunciato ufficialmente il primo lancio dell’indicizzazione mobile. Ma state tranquilli, sarà lento e costante. Il che significa che non dovrete preoccuparvi di svegliarvi di fronte a un potenziale giorno del giudizio su Internet, in cui le vostre classifiche e il traffico saranno svaniti durante la notte.

John Mueller, un analista di Google Webmaster Analyst, ha detto che, quando il loro sito sarà stato spostato, gli utenti saranno informati tramite Google Search Console. Vedete un esempio nell’email qui sotto.

Email di indicizzazione Mobile-first abilitato da Google
Email di indicizzazione Mobile-first abilitato da Google

Ma questo non significa che si possa aspettare che il lancio avvenga sul proprio sito. Arriva, che siate preparati o meno. Ecco come fare a sapere se il vostro sito è pronto e quali modifiche dovrete fare per non affondare in questo paesaggio in continua evoluzione.

Rendete il Vostro Sito Mobile-Friendly o Reattivo il Prima Possibile

Secondo il comunicato stampa di Google, ci sono alcune condizioni da tenere presenti con l’indicizzazione mobile. In primo luogo, Google ha chiarito che i siti che utilizzano protocolli per cellulari o che rispondono alle esigenze dei cellulari si prestano bene a questo update.

Se il vostro sito è mobile-friendly o mobile-responsive, ovvero i vostri contenuti si aggiornano dinamicamente tra desktop e mobile, non dovrete apportare modifiche fondamentali al vostro sito. Questo non significa che non dovreste preoccuparvi di migliorare il vostro sito mobile, ma significa che avrete meno lavoro da fare.

Ma come fare a sapere se il sito è mobile-friendly o reattivo? Uno dei modi più semplici è semplicemente utilizzare lo strumento di test Mobile-Friendly di Google.

Test Google mobile-friendly
Test mobile-friendly di Google

Potete anche gestire il vostro sito web attraverso uno strumento di terze parti come Responsive Design Tool. Quando inserite il vostro sito nella barra di ricerca, lo strumento vi mostrerà l’aspetto del sito mobile su cellulare, tablet e desktop:

Design reattivo ai test
Design reattivo ai test

Se al momento disponete di siti separati per cellulari e desktop in cui dovete apportare modifiche aggiornate, il vostro sito non è reattivo ai dispositivi mobili. Ad esempio, se il contenuto e il markup sono diversi su ogni sito, Google raccomanda di apportare modifiche.

Per cominciare, assicuratevi di servire un markup strutturato sia per la versione mobile che per quella desktop del vostro sito. Potete verificare utilizzando lo strumento Structured Data Tool. Eseguite il vostro URL attraverso lo Structured Data Tool. Questo invierà i vostri dati direttamente al vostro account Google Search Console in “Search Appearance → Structured Data”.

Da qui, verificate se i vostri dati strutturati possono essere scaricati senza errori e se le sitemap si aggiornano di conseguenza. Se riscontrate dei problemi, la console di ricerca vi sirà quali sono i passi da compiere per risolvere i problemi.

Dati strutturati di Google
Dati strutturati di Google

Con il nuovo aggiornamento del mobile-first index in arrivo, il vostro sito deve essere mobile responsive o mobile friendly. Ma se il vostro sito non lo è, non fatevi prendere dal panico. Potete risolvere il problema rapidamente, senza rompere tutto o dover revisionare l’intero sito web.

Usate un tema WordPress Responsive

Uno dei grandi vantaggi di WordPress è che quasi ogni tema venduto oggi è nativamente reattivo. Tuttavia, se usate un tema più vecchio o siete indietro con gli aggiornamenti, potrebbe essere che il tema WordPress non sia ancora mobile-friendly. Ecco alcune cose da fare.

In primo luogo, assicuratevi che il tema WordPress sia aggiornato. A volte gli sviluppatori ricostruiscono il codice su temi meno recenti o li spostano nei framework per assicurarsi che siano mobili. Se state saltando delle versioni, vi consigliamo sempre di fare prima un backup e poi di testare la nuova versione su un sito di staging.

In secondo luogo, se si usa un tema WordPress non aggiornato o lo sviluppatore non è più in circolazione, allora potrebbe essere il momento di passare a un nuovo tema. Ci sono molti ottimi temi WordPress gratuiti e premium tra cui scegliere. Potreste usare un tema leggero, veloce e reattivo come GeneratePress o OceanWP. Questi permettono di costruire praticamente qualsiasi sito web e persino di supportare i negozi di eCommerce.

GeneratePress
GeneratePress

Ecco alcuni theme provider su cui cercare:

Assumete uno Sviluppatore WordPress per Rendere il Vostro Sito Mobile-Friendly

Forse avete un tema o un sito WordPress costruito su misura e non potete passare a un nuovo tema WordPress. In questo caso, potrebbe essere necessario spendere un po’ di soldi e assumere uno sviluppatore WordPress per far sì che sia mobile-friendly. Questo potrebbe comportare lo spostamento del sito su un nuovo framework o anche rifattorizzare tutto il codice di base. Chiedete un paio di preventivi prima di procedere. A seconda del sito, questa potrebbe essere un’impresa piccola o molto grande. Ecco alcune aziende che ci sentiamo di consigliare:

Usate un Plugin WordPress per Cellulari

Se siete in difficoltà, potete anche utilizzare un plugin per cellulari WordPress. Anche se lo consigliamo come ultima risorsa, può essere uno dei modi più semplici per far sì che il vostro sito sia subito mobile-friendly.

Tra i migliori plugin per l’ottimizzazione mobile attuali ricordiamo WPtouch, WP Mobile Pack, Jetpack e OBox Mobile. Con oltre cinque milioni di download, WPtouch è uno dei plugin più aggiornati, supportati e affidabili per l’ottimizzazione dell’esperienza mobile.

WPtouch WordPress mobile plugin
WPtouch WordPress mobile

Attualmente attivo su oltre 200.000 siti e considerato come la scelta migliore di Google per le soluzioni mobili, è una scommessa sicura ed efficace. Il piano più economico parte da $79,00, ma è possibile personalizzare le caratteristiche a la carte se desiderate modificare i piani e i prezzi. WPtouch aggiunge un tema mobile per i visitatori del vostro sito WordPress.

Permette di creare una versione istantanea mobile-friendly che passerà dinamicamente i contenuti dal vostro desktop ai siti mobili. All’interno della dashboard, è possibile personalizzare i temi pre-costruiti in modo che si adattino meglio anche al vostro attuale branding desktop:

Esempio WPtouch
Esempio di WPtouch

WPtouch è una delle soluzioni più semplici per garantire che il vostro sito mobile offra un’esperienza utente migliore per il mobile index.

Concentratevi sul Miglioramento della Velocità del Sito

Nell’ottimizzare il vostro sito per il mobile-first, la velocità è uno dei fattori principali. La velocità gioca un ruolo importante, sia per quanto riguarda le percentuali di rimbalzo sia per comprendere se i potenziali acquirenti torneranno o meno sul vostro sito.

In effetti, le cattive esperienze di mobilità porteranno la maggior parte degli utenti a non tornare mai più. Secondo l’ultimo rapporto sulla velocità delle pagine di Google, il tempo medio di caricamento di un sito mobile nel 2018 è stato di 15 secondi. 🐌 Riuscite a immaginare di aspettare quasi mezzo minuto per caricare una singola pagina? Stupefacente.

Come potete immaginare, gli utenti chiedono (e meritano) di meglio. Secondo lo stesso rapporto sulla velocità delle pagine, il 53% dei visitatori dei siti mobili lascia le pagine che richiedono più di tre miseri secondi per essere caricate.

Una navigazione lenta non uccide solo le conversioni. Preclude anche la possibilità di convertire i potenziali clienti. Man mano che i tempi di caricamento delle pagine aumentano di pochi secondi, la probabilità che qualcuno rimbalzi sale in modo esponenziale.

Statistiche di rimbalzo in base al tempo di caricamento della pagina
Statistiche di rimbalzo in base al tempo di caricamento della pagina (Fonte: Google)

Se il vostro sito mobile richiede più di dieci secondi per essere caricato, potreste perdere quasi tutti i vostri clienti, potenziali e attuali. E ho una notizia per voi: Il vostro sito web è probabilmente troppo lento. Secondo Google, il sito medio di ogni singolo settore è troppo lento.

Indice di velocità media
Indice di velocità media (Fonte: Google)

La riduzione della frequenza di rimbalzo dovrebbe sempre avere la massima priorità. Uno dei modi migliori per farlo è aumentare la velocità del sito. L’obiettivo è quello di dare agli utenti una reale possibilità di consumare i contenuti piuttosto che andarsene in un impeto di rabbia.

È possibile utilizzare GTmetrix, WebPageTest o Chrome DevTools per vedere qual è la velocità di caricamento del sito su una connessione mobile 2G o 3G.

Prova della velocità 3G con GTmetrix
Prova della velocità 3G con GTmetrix

Con lo strumento Test My Site di Google, è possibile eseguire la scansione del sito mobile e ottenere una visione diretta dei passi necessari per aumentare la velocità del sito. Eseguendo il sito attraverso questo strumento, verrà generata una versione gratuita del report che verrà inviata direttamente alla vostra casella di posta elettronica. Il report descrive la velocità del sito attuale rispetto a quella dei concorrenti. Vi mostrerà anche le vostre attuali potenziali perdite di visitatori:

Velocità mobile
Velocità mobile

Oltre ai dati di riferimento, Google vi offre modi diretti e concreti per rendere il vostro sito più veloce. Stima anche la quantità di tempo che ogni attività potrebbe togliere dai tempi di caricamento complessivi:

Rendi il tuo sito più veloce le raccomandazioni
Rendi il tuo sito più veloce seguendo le raccomandazioni

Fate clic su uno dei suggerimenti “See how” e riceverete un tutorial passo passo per risolvere uno di questi problemi sul sito. Prima di inoltrarli ad uno sviluppatore, date un’occhiata ad alcuni dei nostri tutorial che potrete seguire per risolvere velocemente da soli:

Dopo aver apportato le modifiche suggerite, eseguite nuovamente il sito attraverso lo strumento e confrontate i risultati. Dovreste vedere notevoli miglioramenti che porteranno il vostro sito al successo nel mondo mobile. Ricordate: molto probabilmente non sarete in grado di risolvere tutto. Il valore più importante è il tempo di caricamento complessivo del sito.

Scegliete anche un host WordPress veloce come Kinsta. Abbiamo ottenuto di nuovo il massimo punteggio nei benchmark di performance del 2018 di ReviewSignal e siamo alimentati da Google Cloud Platform, una delle reti più veloci al mondo.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi

Implementate Google AMP

Se avete ancora problemi con la velocità del vostro sito WordPress, potreste anche cercare di implementare Google AMP. Google AMP (Accelerated Mobile Pages Project) offre essenzialmente un modo per fornire una versione ridotta della vostra attuale pagina web senza tutte le cose che la rallentano, come JavaScript, CSS gonfiati, ecc. Ci sono plugin di terze parti che ora rendono questo processo piuttosto semplice.

Google AMP
Google AMP

Ma consigliamo di procedere con cautela a seconda del tipo di sito WordPress. Dato che Google AMP è un grande cambiamento, può avere un impatto su tutto, dai tassi di conversione ai CTA. Questi, naturalmente, potranno essere nuovamente impostati, ma richiederanno un certo lavoro. Se gestite un sito WooCommerce e avete clienti mobili, assicuratevi di testare tutto!

Abbiamo finito per rimuovere Google AMP dal sito di Kinsta dopo averlo testato. Tuttavia, questo non significa che non lo testeremo di nuovo in futuro. Google sta apportando regolarmente dei miglioramenti a questa tecnologia.

Fate del Mobile la Vostra Priorità Assoluta

Il traffico mobile domina il panorama della navigazione online e Google si adegua di conseguenza. Quindi è ora di spostare il proprio internal focus. E anche se la velocità è fondamentale per preparare il sito per il mobile-first index, non è proprio tutto.

Traffico mobile vs desktop
Traffico mobile vs desktop

Se volete trovare il vero successo con un sito mobile, questo deve diventare la vostra priorità. Ciò significa che dovete andare oltre l’ottimizzazione dinamica e la reattività. Il vostro intero sito deve soddisfare l’utente mobile, dalla struttura al design e agli elementi che utilizzate.

Gli utenti navigano in modo molto diverso sul cellulare rispetto al desktop. Quindi, il più delle volte, la semplice imitazione di un sito desktop per dispositivi mobili non ottimizza completamente l’esperienza dell’utente. Su mobile, gli schermi sono più piccoli, la potenza di calcolo è limitata e gli utenti sono spesso in movimento.

I tipici elementi di pagina e le immagini ad alta risoluzione impantaneranno l’esperienza dell’utente mobile. Avere un’architettura del sito molto profonda può causare esperienze mobili terribili, costringendo gli utenti a cliccare su decine di schede per raggiungere i contenuti di cui hanno bisogno:

Architettura del sito web
Architettura del sito web (Fonte: Riverbed Marketing)

Risolvere questo tipo di problemi richiede ovviamente una riflessione seria. Potrebbe anche richiedere una massiccia riprogettazione della struttura del sito. Ma l’imminente mobile-first index di Google dovrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso.

Se l’attuale struttura del sito è profonda e difficile da navigare su mobile, dovreste prendere in seria considerazione la possibilità di testare l’esperienza dell’utente su mobile. Vedere quali sezioni sono difficili da attivare e dove si trovano i punti di caduta più frequenti.

Con il mobile-first, dovreste cercare di semplificare l’esperienza degli utenti mobili sul vostro sito. Invece di creare prima un sito desktop complesso e poi un sito mobile, capovolgete lo script. HubSpot lo ha testato già nel 2015 quando ha deciso di semplificare tutto sul suo sito mobile.

Innanzitutto, hanno iniziato con le pagine di destinazione dei contenuti. Hanno ridotto di dimensioni e hanno limitato la quantità di scorrimento, pinching, zoom e clic che un utente doveva fare:

Formattazione mobile
Formattazione mobile (Fonte: Hubspot)

Poi sono passati ai moduli che accompagnavano queste pagine:

Moduli mobili
Moduli mobili (Fonte: Hubspot)

Dopo aver aggiornato le landing page e i moduli in modo che fossero condensati e semplici su dispositivi mobili, hanno ottenuto una diminuzione media del 27% dei rimbalzi del cellulare. Combinando la semplificazione dei contenuti e dell’architettura del sito con un design reattivo, il tasso di rimbalzo è diminuito di un altro 10,7%.

Su mobile, bisogna mettere a punto tutto, dal design reattivo alla velocità, dall’architettura all’esperienza dell’utente. E l’unico modo per farlo è mettere davvero il mobile al primo posto tra le vostre priorità.

Un’altra cosa importante da notare è che con l’indicizzazione mobile-first, i contenuti che sono compressi o nascosti nelle schede non saranno trattati diversamente dai contenuti visibili (come potrebbe essere stato in precedenza), dal momento che questo tipo di gestione dello spazio dello schermo è in realtà una best practice del mobile. Per saperne di più su questo argomento, cliccate qui.

Date anche un’occhiata a questi suggerimenti sulla progettazione dei contenuti per il mobile-first index.

Tracciate le parole chiave del cellulare

Siete preoccupati per la vostra SEO con il nuovo indice mobile? Anche se tutto ciò di cui abbiamo parlato sopra può aiutarvi a migliorare la vostra SEO, potreste anche tenere traccia della vostra classifica delle parole chiave su mobile e su desktop. Questo è importante soprattutto per chi ha un dominio mobile separato, come m.example.com.

Potete farlo facilmente con un tool come Accuranker o SEMrush. Ora è un buon momento per implementarlo, prima che accada, in modo da poter monitorare efficacemente l’impatto del cambiamento di Google sul vostro sito.

Accuranker confronta le classifiche mobile vs desktop
Accuranker confronta le classifiche mobile vs desktop

Altri Suggerimenti da Google

Ecco alcuni consigli aggiuntivi da Google:

  • Assicuratevi che anche la versione mobile del vostro sito abbia contenuti importanti e di alta qualità. Questo include testo, immagini (con alt-attributes), e video – nei soliti formati crawlable e indicizzabili.
  • I metadati dovrebbero essere presenti su entrambe le versioni del sito. Questo include titoli, meta descrizioni, intestazioni, ecc. Consultate anche la nostra checklist SEO.
  • Controllate i link hreflang su URL mobili separati. Quando usate gli elementi link rel=hreflang per l’internazionalizzazione, collegate separatamente gli URL mobile e desktop. L’hreflang dei vostri URL mobili dovrebbe puntare alle versioni in altre lingue/regioni su altri URL mobili e, analogamente, collegate il desktop con altri URL desktop utilizzando gli elementi di collegamento hreflang. Se seguite la nostra guida multilingue WordPress, dovreste essere pronti a partire!
  • Assicuratevi che i server che ospitano il sito abbiano una capacità sufficiente per gestire il potenziale aumento del crawl rate. Questo non riguarda i siti che utilizzano un web design reattivo e un servizio dinamico, solo i siti in cui la versione mobile è su un host separato, come m.example.com.
  • Non sono necessarie modifiche per l’interconnessione con URL mobili separati (siti m.-dot). Per i siti che utilizzano URL mobili separati, mantenete il collegamento esistente rel=canonical e gli elementi di collegamento rel=alternate tra queste versioni. Glenn Gabe descrive alcuni problemi aggiuntivi visti con domini mobili separati e tag canonici.

Conclusioni

Meno di due anni fa, il traffico mobile ha superato il traffico desktop in tutto il mondo e Google ci ha fatto sapere che avrebbe apportato delle modifiche al modo in cui le cose vengono indicizzate. E ora è qui! Google ha iniziato a lanciare il nuovo indice mobile a partire dal 26 marzo 2018.

Se il vostro sito non è stato ancora pronto, c’è ancora tempo per lavorarci. Concentratevi per rendere il vostro sito mobile-friendly e reattivo, aumentare la velocità e mettere il mobile-first in tutto ciò che fate sul vostro sito.

Ci sono altri suggerimenti per il mobile-first index che ci siamo persi? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.