Gli errori del codice di stato HTTP possono essere stressanti. Questo è particolarmente vero quando non si conosce il significato del messaggio o la sua causa. Uno degli errori con cui potreste avere a che fare è HTTP 408 Request Timeout.

Per fortuna, potete adottare una serie di misure per risolvere questo problema. Dovrete semplicemente capire cosa potrebbe causare l’errore HTTP 408 e poi implementare le soluzioni per risolverlo.

In questo articolo vi spiegheremo il codice di stato HTTP 408 e alcune cause comuni dell’errore. Poi vi illustreremo otto potenziali soluzioni per risolverlo. Diamoci dentro!

Cos’È il Codice di Stato HTTP 408

I codici di stato HTTP indicano lo stato della richiesta di un cliente. Possono anche reindirizzare i clienti verso risorse diverse, a seconda delle loro richieste.

Il codice di stato HTTP più comune è 404, che indica che la risorsa richiesta non è stata trovata. Altri codici di stato comuni sono 200 (OK), 400 (Bad Request) e 500 (Internal Server Error).

I codici di stato si dividono in 5 categorie:

  1. Informativo: Il server sta ancora elaborando la richiesta.
  2. Riuscita: La richiesta è stata completata con successo.
  3. Reindirizzamento: Il cliente deve essere reindirizzato a un’altra risorsa.
  4. Errori del client: Si è verificato un errore nella richiesta.
  5. Errori del server: Si è verificato un errore con il server.

HTTP 408 rientra nella categoria degli errori del client. Questo codice di stato comunica che il server non ha ricevuto una risposta tempestiva dal client e che il server ha esaurito l’attesa della richiesta. Questo può accadere se il client impiega troppo tempo per inviare la richiesta o se il server è troppo occupato per elaborarla.

L’errore HTTP 408 è simile al codice di stato 504 Gateway Timeout. Tuttavia, il primo non proviene da un gateway o da un server proxy. Viene invece direttamente dal server web a cui il cliente è connesso.

Gli errori del codice di stato HTTP possono essere stressanti. 😰 Questa guida può aiutarti. 🛠 Clicca per twittare

Cause Comuni dell’Errore HTTP 408 Request Timeout

Ci sono una serie di potenziali ragioni alla base dell’errore HTTP 408 request timeout. Queste cause includono:

  • Latenza di rete
  • I client si bloccano
  • I server sono troppo occupati per gestire la richiesta

L’errore 408 Request Timeout significa che la richiesta inviata al server del sito web ha richiesto più tempo di quanto il server fosse disposto ad aspettare. Può accadere a causa del traffico intenso su internet o di una connessione lenta da parte vostra.

Il problema di questo codice di stato è che può verificarsi sia per motivi legati al client che al server. In altre parole, anche se l’errore 408 è classificato come errore del client, non significa necessariamente che il problema derivi dal browser o dal dispositivo. È possibile che il server sia mal configurato o che non gestisca correttamente le richieste.

Come Risolvere l’Errore HTTP 408 (8 Soluzioni)

Ora che abbiamo capito meglio il codice di stato HTTP 408, parliamo di come risolverlo. Di seguito sono riportate 8 potenziali soluzioni che potete usare, suddivise in due categorie: lato client e lato server.

Lato Client

Di seguito sono riportate alcune soluzioni lato client che potete usare per risolvere l’errore HTTP 408!

1. Eseguire il Backup del Sito

La prima cosa da fare prima di risolvere l’errore HTTP 408 è eseguire il backup del vostro sito web. In questo modo, se qualcosa dovesse andare storto mentre cercate di risolvere il problema, avrete una versione completa e aggiornata dei vostri file e del vostro database da ripristinare.

Ci sono diversi metodi che potete usare per fare il backup del vostro sito. Uno è l’approccio manuale. Questo metodo prevede l’utilizzo di un client SFTP (Secure File Transfer Protocol), come FileZilla. Dopo aver ricevuto le credenziali SFTP dal vostro host e dopo esservi collegati al server, potete scaricare i vostri file dalla directory principale( cartella public_html ).

Successivamente, dovrete scaricare il vostro database tramite phpMyAdmin. Se siete utenti di Kinsta, potete accedervi da MyKinsta > Siti > Info:

La sezione database di MyKinsta
La sezione di accesso al database da MyKinsta

Selezionate quindi Open phpMyAdmin per avviare il gestore del database. Selezionate il database del vostro sito dal menu:

La schermata phpMyAdmin di Kinsta
La schermata phpMyAdmin di Kinsta

Successivamente, fate clic su Export nella parte superiore della schermata. Assicuratevi di selezionare SQL alla voce Format e poi fate clic su Go. Il file del database dovrebbe iniziare a essere scaricato.

Potete anche usare un plugin di backup come UpdraftPlus. Dopo aver installato e attivato il plugin, andate su Settings > UpdraftPlus Backups nella bacheca di WordPress e fate clic su Backup Now:

Utilizzo di UpdraftPlus per il backup di un sito WordPress
Backup del sito WordPress con UpdraftPlus

Una terza opzione è quella di eseguire il backup del sito tramite il vostro host web. Su Kinsta, potete visualizzare i vostri backup esistenti accedendo a MyKinsta e navigando nella scheda Backup:

La scheda Backups di MyKinsta
La scheda Backup di MyKinsta

Potete creare fino a 5 backup manuali, che vengono archiviati automaticamente per due settimane. Offriamo anche DevKinsta, uno strumento di sviluppo locale di WordPress gratuito che potete usare per lo staging e il backup del vostro sito in un ambiente locale.

Potete farlo andando su DevKinsta e selezionando l’opzione Import from Kinsta. Potrebbe essere necessario verificare le credenziali del vostro hosting. Una volta scelto il sito, DevKinsta si occuperà di tutto il resto.

2. Controllare l’URL

Uno dei motivi per cui potreste vedere l’errore HTTP 408 status code è che avete semplicemente digitato l’URL sbagliato nel browser. Pertanto, dovreste ricontrollare l’URL per assicurarvi di non aver commesso errori di battitura.

Prestate molta attenzione al nome del dominio, soprattutto se ci sono degli slash o dei trattini. Provate a inserire nuovamente l’URL e a ricaricare la pagina. Se l’errore di timeout della richiesta è ancora presente, potete passare alla soluzione successiva.

3. Controllare le Recenti Modifiche al database

Se avete apportato delle modifiche recenti al vostro database, queste potrebbero essere la causa dell’errore HTTP 408. Dovrete ripristinare le modifiche apportate per risolvere il problema.

Le estensioni installate di recente o gli aggiornamenti del database potrebbero aver alterato i record del database che causano problemi. Per verificare se è questo il caso, vi consigliamo di aprire il vostro database (phpMyAdmin) e di controllare manualmente tutte le tabelle o i record che sono stati modificati di recente. Se ne trovate qualcuno, riportatelo al suo stato originale.

4. Disinstallare Estensioni e Plugin

L’aggiunta di estensioni e plugin al vostro sito può causare diversi problemi di incompatibilità ed errori, tra cui il codice di stato HTTP 408. Uno dei modi più semplici per verificare se questo è il caso è disattivare tutti i plugin del vostro sito.

Se avete accesso alla bacheca di WordPress, potete farlo navigando su Plugin dall’area di amministrazione, selezionando tutti i plugin installati e selezionando Disattiva dal menu a tendina Azioni di massa. Ora fate clic su Applica:

Disattivare i plugin di WordPress in blocco
Disattivare i plugin di WordPress in blocco

Se non avete accesso alla bacheca, potete disattivare in blocco le vostre estensioni collegandovi al vostro sito tramite SFTP e rinominando la cartella plugins in qualcosa come “plugins_old”.

Ritornate sul vostro sito. Se non vedete più il messaggio di errore, potete presumere che la colpa sia di un plugin.

Dovrete riattivare ogni plugin uno per uno, controllando il sito tra l’uno e l’altro. Quando vedrete di nuovo il messaggio di errore, dovrete disinstallare quell’estensione e trovarne una sostitutiva (o contattare chi lo ha sviluppato per maggiori informazioni).

5. Ripristinare le Modifiche Recenti

Se di recente avete apportato delle modifiche al vostro sito WordPress, come per esempio l’installazione di un nuovo plugin o l’aggiornamento del software WordPress, potreste vedere l’errore HTTP 408. I nuovi strumenti possono talvolta causare problemi di configurazione. Potete ripristinare le modifiche recenti ripristinando il vostro sito a una versione precedente.

Se siete utenti di Kinsta, aprite la bacheca MyKinsta, quindi andate su Siti e selezionate il vostro sito. Successivamente, fate clic su Backup.

Dall’elenco dei backup, trovate la versione che volete ripristinare, fate clic su Ripristina e selezionate Staging o Live:

Ripristino di un backup di WordPress da MyKinsta
Ripristino di un backup di WordPress da MyKinsta

Successivamente, potete confermare il ripristino del backup e fare clic su Ripristina backup. Una volta completato il backup, potete verificare se il messaggio di errore è ancora visualizzato.

Lato Server

Se nessuna delle soluzioni precedenti ha funzionato, l’errore HTTP 408 potrebbe essere causato da un problema lato server. Vediamo le possibili soluzioni che potete usare per risolverlo.

6. Controllare i File di Configurazione del Server

Uno dei modi per determinare la causa dell’errore HTTP 408 è controllare i file di configurazione del server tramite SFTP. La procedura da seguire dipende dal software del vostro server.

È probabile che il vostro server utilizzi Apache o Nginx. Se siete utenti di Kinsta, noi ci serviamo di Nginx.

Se usate Apache, potete cercare il file .htaccess nella directory principale del vostro sito. Una volta individuato il file, apritelo e cercate le seguenti righe:

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi
  • KeepAliveTimeout
  • RequestReadTimeout

Se trovate queste direttive, potete commentarle utilizzando il prefisso # prima della riga. Quindi salvate il file e ricaricate la pagina nel browser.

Se siete utenti Kinsta, potete controllare il vostro file .htaccess aprendo la vostra bacheca MyKinsta e navigando sul vostro sito web alla voce Siti. Individuate la sezione SFTP/SSH per ottenere le vostre credenziali, poi usatele per collegarvi al vostro sito tramite un client FTP.

Successivamente, navigate nella cartella public_html, quindi individuate e aprite il file .htaccess :

Il file .htaccess di una cartella WordPress
Il file .htaccess di una cartella WordPress

Cercate una delle direttive elencate sopra. Se vedete una di queste regole, commentatele e salvate le modifiche.

7. Esaminate i Log delle Applicazioni

I log del vostro server possono essere preziosi per fornire informazioni sulle vostre applicazioni, tra cui le attività svolte, le pagine richieste, i server a cui si sono collegati e altro ancora. Se siete utenti Kinsta, potete controllare i log degli errori usando il visualizzatore di log in MyKinsta.

Se non usate un piano di hosting Kinsta o il vostro host non fornisce uno strumento di log, potete inserire il seguente codice nel vostro file wp-config.php:

define( 'WP_DEBUG', true );

define( 'WP_DEBUG_LOG', true );

define( 'WP_DEBUG_DISPLAY', false );

In questo modo abiliterete la modalità di debug di WordPress.

Da MyKinsta, andate su Siti > Logs:

Il visualizzatore di log in MyKinsta
Il visualizzatore di log in MyKinsta

Qui troverete il visualizzatore di log che mostra i log di errore. Potete cliccare su access.log dal menu a tendina. Qui potete trovare tutte le richieste HTTP del vostro sito web. Potete anche cercare le richieste HTTP 408 utilizzando la barra di ricerca.

Se trovate degli errori, potete usare le informazioni per individuare la pagina web che causa il problema. Questo può aiutarvi a circoscrivere la fonte del problema.

8. Eseguire il Debug di Applicazioni o Script

A questo punto, se continuate a vedere l’errore HTTP 408, è il momento di eseguire il debug del vostro sito. Ci sono diverse opzioni che potete usare per questo processo.

Una è quella di utilizzare un plugin come Query Monitor:

Il plugin WordPress Query Monitor
Il plugin WordPress Query Monitor

Questo plugin gratuito consente di eseguire il debug delle prestazioni e dello sviluppo del vostro sito web. Vi permette di controllare le query del database, gli script, le tempistiche e molto altro ancora.

Un’altra opzione è quella di usare uno strumento di Application Performance Monitoring (APM). Questo software vi aiuta a monitorare e ottimizzare le prestazioni del vostro sito web o della vostra applicazione.

L’uso di uno strumento APM può aiutarvi a eseguire il debug del vostro sito, fornendovi informazioni sulle sue prestazioni e sulla posizione di eventuali colli di bottiglia. Queste informazioni possono aiutarvi a identificare e risolvere i problemi che causano la lentezza del vostro sito web o altri problemi di prestazioni.

Potete usare il nostro strumento Kinsta APM. Si tratta di uno strumento di monitoraggio delle prestazioni progettato su misura per i siti WordPress che vi aiuta a identificare i problemi di performance. Inoltre, è gratuito per tutti i siti ospitati presso di noi.

Potete accedere a Kinsta AMP tramite la vostra bacheca MyKinsta navigando su Siti > Kinsta APM:

Lo strumento Kinsta APM
Lo strumento Kinsta APM

Una volta attivato l’APM, potete usare una serie di strumenti e funzioni. Questi includono la diagnosi dei problemi di prestazioni e il monitoraggio dei risultati.

Errore HTTP 408: risolvere questo fastidioso problema è più facile di quanto tu possa pensare. 😌 Ecco da dove iniziare... ✅ Clicca per twittare

Riepilogo

I codici di stato HTTP possono fornire un’ampia gamma di informazioni sulle richieste del client e del server. Tuttavia, alcuni di questi messaggi indicano dei problemi, come l’errore HTTP 408 Request Timeout.

Come abbiamo discusso in questo articolo, l’origine del problema può essere sia lato client che lato server. Per risolvere il problema dell’errore del codice di stato, dovete rivedere e ripristinare le modifiche recenti, controllare il file di configurazione del server e i log dell’applicazione, nonché eseguire il debug delle applicazioni e degli script.

Volete passare a un hosting che fornisca un facile accesso al software per identificare, testare e risolvere i problemi del vostro sito? Date un’occhiata ai nostri piani di hosting Kinsta per saperne di più sui nostri strumenti di APM e di sviluppo!


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.