Google Analytics è lo standard per gli strumenti di analisi dei dati del web. Purtroppo, molti utenti di WordPress sono in difficoltà quando arriva il momento di aggiungere effettivamente Google Analytics a WordPress e iniziare a monitorare il proprio sito. Per darvi un aiuto, vi mostreremo come aggiungere Google Analytics a WordPress utilizzando diversi metodi.

In primo luogo, vi mostreremo come aggiungere Google Analytics a WordPress utilizzando un plugin gratuito. Successivamente, vi mostreremo altri quattro soluzioni: come aggiungere manualmente il codice di monitoraggio di Google Analytics direttamente al vostro tema e come utilizzare un plugin di Google Analytics leggermente più avanzato, per aggiungere il codice di monitoraggio e visualizzare le statistiche essenziali del sito direttamente nella dashboard di WordPress. Potete anche aggiungere Google Analytics al vostro sito con Google Tag Manager o sincronizzarlo localmente , se siete un po’ pignoli sulle prestazioni.

Aggiungere Google Analytics a WordPress

Vi mostreremo la procedura completa per ciascun metodo: l’unica cosa che assumeremo è che abbiate già registrato un account di Google Analytics. Se non lo avete fatto, potete procedere da qui. Quindi, se uno di questi metodi ha già destato il vostro interesse, fate clic su uno di questi link:

Ancora alla ricerca dell'host perfetto per WordPress?

Prova il servizio premium di hosting WordPress gestito di Kinsta per creare un'esperienza senza problemi del tuo sito.
  • Controlli stilizzati rappresentanti la gestione Completamente gestito
  • Scudo con una spunta che rappresenta la sicurezzaSicuro come Fort Knox
  • Linee convergenti rappresentanti migrazioniMigrazioni gratuite
  • Tre galloni verso destra che rappresentano la velocità del serverMassima velocità
  • Freccia circolare con un punto centrale che rappresenta i backupBackup giornalieri
  • Esagoni distanziati rappresentanti lo stack del nostro serverGoogle Cloud Platform

Metodo 1: Aggiungere Google Analytics a WordPress con Analytics Cat

Analytics Cat è un plugin leggero per Google Analytics che richiede solo pochi minuti di configurazione. Sebbene sia leggero, il vantaggio di Analytics Cat rispetto ad altri strumenti simili è che offre alcune funzionalità specifiche di Google Analytics che vi consentono di escludere dal monitoraggio determinati utenti loggati, per garantire l’integrità dei vostri dati di Google Analytics.

Il plugin per WordPress Analytics Cat

Il plugin per WordPress Analytics Cat

Attualmente vanta oltre 4.000 installazioni attive, con una valutazione 5 stelle su 5. Per usare il plugin, prima installatelo e attivatelo come fareste con qualsiasi altro plugin di WordPress. Dato che è su WordPress.org, potete farlo direttamente dalla vostra dashboard di WordPress, andando su Plugin → Aggiungi Nuovo:

Come installare Analytics Cat

Come installare Analytics Cat

Dopo aver attivato il plugin, accedete a Impostazioni → Google Analytics Manager per completare la configurazione.

Nella prima pagina, il plugin vi chiederà di collegare il vostro sito. Questo passaggio non è necessario per utilizzarlo. Potete anche cliccare su Skip This Step:

Salta questo passaggio

Salta questo passaggio

Ora, tutto ciò che dovete fare è inserire il vostro ID di Google Analytics e scegliere quali utenti escludere dal monitoraggio:

Interfaccia configurazione di Analytics Cat

Interfaccia configurazione di Analytics Cat

Consigliamo di lasciare l’opzione Exclude Users come predefinita.

Per trovare il vostro ID di Google Analytics, andate nel vostro account Google Analytics. Una volta effettuato l’accesso:

  • Fate clic sull’icona dell’ingranaggio per accedere alla pagina di amministrazione
  • Selezionate Informazioni di Monitoraggio per espandere l’elenco
  • Selezionate Codice di Monitoraggio
Codice di Monitoraggio di Google Analytics

Come trovare il Codice di Monitoraggio (Tracking ID) di Google Analytics

Nella schermata successiva, dovreste vedere il vostro Codice di Monitoraggio:

Il vostro codice di monitoraggio di Google Analytics

Il vostro codice di monitoraggio di Google Analytics

Copiate quel valore. Quindi, tornate al vostro sito WordPress e incollate il vostro codice di monitoraggio in Analytics Cat. Quindi, fate clic su Salva per attivare il monitoraggio:

Conclusione della configurazione

Conclusione della configurazione

Questo è tutto! Poiché il vostro sito riceve traffico, dovreste essere in grado di visualizzare le sue statistiche nella dashboard di Google Analytics.

Method 2: Aggiungere Manualmente Google Analytics ad un Child Theme di WordPress

Se preferite evitare di utilizzare un plugin, è abbastanza semplice anche aggiungere il codice di monitoraggio di Google Analytics direttamente nel vostro tema WordPress tramite il file functions.php.

Se si procede con il procedimento manuale, tuttavia, è essenziale utilizzare un child theme di WordPress. In caso contrario, il codice di monitoraggio verrà sovrascritto ogni volta che aggiornate il tema di WordPress.

Abbiamo una guida su come iniziare a lavorare con i child theme di WordPress che vi sarà utile se non siete sicuri di cosa fare.

Per eseguire le operazioni manualmente, il modo più semplice è incollare il codice di monitoraggio di Google Analytics proprio prima del tag di chiusura </head> nel file header.php.

Per trovare il vostro codice di monitoraggio di Google Analytics, andate nel vostro account Google Analytics. Poi:

  • Fate clic sull’icona dell’ingranaggio per accedere alla pagina di amministrazione
  • Selezionate Informazioni di Monitoraggio per espandere l’elenco
  • Selezionate Codice di Monitoraggio
Come trovare il Codice di Monitoraggio (Tracking ID) di Google Analytics

Come trovare il Codice di Monitoraggio (Tracking ID) di Google Analytics

Nella schermata successiva, cercate lo script all’interno della casella Monitoraggio del Sito Web:

Codice di Monitoraggio del Sito Web di Google Analytics

Codice di Monitoraggio del Sito Web di Google Analytics

Questo è lo script che dovete inserire nel vostro file header.php.

Per aggiungerlo, andate su Aspetto → Editor e selezionate il file header.php del vostro child theme.

Incollate il codice di monitoraggio di Google Analytics subito prima del tag </head> nell’editor:

Aggiungere il Codice di monitoraggio di Google Analytics al file header.php

Aggiungere il Codice di monitoraggio di Google Analytics al file header.php

Quindi ricordatevi di fare clic su Aggiorna file. Il vostro codice di monitoraggio di Google Analytics è ora attivo. Un’altra opzione è quella di utilizzare un plugin gratuito come Header and Footer, che vi consente di aggiungere facilmente del codice all’header di WordPress.

Metodo 3: Aggiungere Google Analytics a WordPress Con Google Analytics Dashboard for WP

Se desiderate più funzionalità rispetto ad Analytics Cat, Google Analytics Dashboard for WP è un plugin gratuito che:

  • Vi aiuta ad aggiungere Google Analytics a WordPress
  • Vi consente di visualizzare le statistiche di base del vostro sito direttamente dalla dashboard di WordPress
  • Vi dà accesso a funzioni avanzate come il monitoraggio dei link in uscita, altre opzioni di tracciamento degli eventi e dimensioni personalizzate
Il plugin Google Analytics Dashboard for WP

Il plugin Google Analytics Dashboard for WP

Attualmente conta oltre 1 milione di installazioni attive con una valutazione di 4,5 stelle su 5. Per utilizzare il plugin, potete installarlo direttamente dalla vostra dashboard, selezionando Plugin → Aggiungi nuovo e cercandolo tra i plugin della directory di WordPress.org:

Installazione di Google Analytics Dashboard for WP

Installazione di Google Analytics Dashboard for WP

Dopo aver attivato il plugin, accedete alla nuova scheda di Google Analytics e fate clic sul pulsante Authorize Plugin:

Autorizzazione di Google Analytics Dashboard for WP

Autorizzazione di Google Analytics Dashboard for WP

Nella schermata successiva, fate clic su Get Access Code per ottenere il codice necessario ad autorizzare il plugin:

Ottenere il codice di accesso di Google Analytics

Ottenere il codice di accesso di Google Analytics

Nella schermata seguente, scegliete il vostro account Google che utilizzate per accedere a Google Analytics:

Selezionate il vostro account Google Analytics

Selezionate il vostro account Google Analytics

Quindi, fate clic su Allow nella schermata successiva:

Autorizzare l'accesso a Google Analytics Dashboard for WP

Autorizzare l’accesso a Google Analytics Dashboard for WP

Nella schermata successiva, vedrete il codice di accesso di cui avete bisogno. Copiate quel valore:

Il vostro codice di accesso

Il vostro codice di accesso

Quindi, incollate il codice nell’interfaccia di Google Analytics Dashboard for WP e fate clic su Save Access Code:

Salva il codice di accesso

Salva il codice di accesso

E questo è tutto! Il monitoraggio di Google Analytics è ora attivo.

Se desiderate escludere determinati utenti dal monitoraggio, potete andare su Tracking Code → Exclude Tracking per configurare dettagliatamente il funzionamento del codice di monitoraggio:

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi
Esclusione di alcuni ruoli utente dal monitoraggio

Esclusione di alcuni ruoli utente dal monitoraggio

La sezione del Codice di Monitoraggio è anche il posto dove impostare opzioni più avanzate come il Monitoraggio degli Eventi.

Potrete anche visualizzare le statistiche per qualsiasi post del vostro sito accedendo alla scheda Articoli nella dashboard di WordPress:

Visualizzare le statistiche nella dashboard

Visualizzare le statistiche nella dashboard

Metodo 4: Aggiungere Google Analytics Con Google Tag Manager

Un altro metodo che è possibile utilizzare per aggiungere Google Analytics a WordPress è offerto da Google Tag Manager. Questo è in realtà pensato per essere utilizzato da quelli che hanno molti script, non solo Analytics. Google Tag Manager è un sistema di gestione dei tag che consente di aggiornare rapidamente e facilmente tag e snippet di codice in siti web o app mobili, come quelli destinati all’analisi del traffico e all’ottimizzazione del marketing. È possibile aggiungere e aggiornare script dall’interfaccia utente del Tag Manager invece di modificare il codice del sito nella dashboard di WordPress. Questo riduce gli errori e vi libera dalla necessità di assumere uno sviluppatore per la configurazione dei tag.

Il modo più semplice per farlo è utilizzare il plugin DuracellTomi’s Google Tag Manager for WordPress. Attualmente vanta oltre 100.000 installazioni attive con una valutazione di 4,5 stelle su 5.

Il plugin DuracellTomi's Google Tag Manager for WordPress

Il plugin DuracellTomi’s Google Tag Manager for WordPress

Potete scaricare il plugin per Google Tag Manager dalla repository di WordPress o cercarlo nella sezione “Aggiungi nuovo” plugin nella dashboard di WordPress. Dovrete quindi registrare un account Google Tag Manager se non lo avete già fatto e aver configurato Google Analytics. Vi consigliamo di seguire le indicazioni della documentazione ufficiale su come installare Google Analytics tramite Google Tag Manager.

Una volta completate le operazioni, potrete copiare l’ID del container dalla dashboard di Google Tag Manager.

Il container ID di Google Tag Manager

Il container ID di Google Tag Manager

Quindi tornate al vostro sito WordPress e incollate il vostro ID di Google Tag Manager nelle impostazioni del plugin.

ID di Google Tag Manager

GoogleID di Google Tag Manager

Qualsiasi tag che avete configurato in Google Tag Manager ora funzionerà nel vostro sito WordPress utilizzando il plugin.

Metodo 5: Sincronizzare Google Analytics in Locale per Motivi di Performance

L’ultimo metodo che potete utilizzare è quello di sincronizzare lo script di Google Analytics localmente sul vostro server. Attenti, però, perché questo metodo non è supportato da Google. Però ci sono delle valide ragioni per sceglierlo dovute alla possibilità che questo offre di ridurre le richieste HTTP esterne verso Google da 2 a 1 ed avere il pieno controllo sul caching del file. Ciò significa che potete utilizzare le intestazioni della cache del vostro server.

Probabilmente, a causa di questo codice, vi sarete imbattuti nell’avviso Sfrutta il caching del browser del browser in Google PageSpeed Insights che proviene da Google Analytics. Questa situazione è un po’ ironica dato che è lo stesso script di Google a generare l’avviso. Il problema è che hanno impostato un basso tempo di cache di 2 ore, come mostrato nell’immagine qui sotto. Molto probabilmente lo fanno perché, se per qualche ragione dovessero modificare qualcosa dal loro lato, vogliono che tutti gli utenti vedano le modifiche il più velocemente possibile. Però c’è un modo per aggirare questo problema, e cioè ospitare lo script di Google Analytics sul proprio server.

 Caching di Google Analytics

Caching di Google Analytics

Esiste un ottimo piccolo plugin gratuito chiamato Complete Analytics Optimization Suite, o CAOS in breve, creato e sviluppato da Daan van den Bergh, che consente di ospitare Google Analytics in locale sul proprio sito WordPress. Al momento, CAOS vanta oltre 10.000 installazioni attive, con una valutazione di 5 stelle su 5.

Complete Analytics Optimization Suite

Complete Analytics Optimization Suite

Potete scaricare Complete Analytics Optimization Suite dalla repository di WordPress, o cercarlo sotto “Aggiungi nuovo” plugin nella vostra dashboard di WordPress. Il plugin vi consente di ospitare localmente il file JavaScript di Google Analytics (analytics.js) e di tenerlo aggiornato utilizzando wp_cron(). Altre funzionalità riguardano la possibilità di rendere facilmente anonimo l’indirizzo IP dei visitatori, impostare una frequenza di rimbalzo ben regolata e il posizionamento dello script (header o footer).

Quindi installate il plugin, inserite il tuo ID di monitoraggio di Google Analytics, e il plugin aggiunge il codice di monitoraggio di Google Analytics al vostro sito web WordPress, scarica e salva il file analytics.js sul vostro server e lo aggiorna utilizzando uno script programmato con wp_cron(). Consigliamo, inoltre, di impostarlo in modo che carichi nel footer. Nota: questo plugin non funziona con altri plugin WordPress per Google Analytics.

Impostazioni per sincronizzare Google Analytics in locale

Impostazioni per sincronizzare Google Analytics in locale

Riepilogo

E questo conclude la nostra guida sui quattro diversi metodi per aggiungere Google Analytics a WordPress.

Se siete solo utenti occasionale di WordPress, vi consigliamo di utilizzare uno dei due plugin. Ma, ancora una volta, se preferite non utilizzare un plugin, è abbastanza semplice aggiungere il codice di monitoraggio di Google Analytics direttamente ai file del tema. Assicuratevi solo di utilizzare un child theme in modo che il codice di monitoraggio non venga sovrascritto dagli aggiornamenti del tema. E per quelli che scelgono le alte prestazioni, è anche possibile sincronizzare Google Analytics localmente.

Suggerimento aggiuntivo: se avete un negozio WooCommerce, vi consigliamo di consultare questa guida per ulteriori consigli: WooCommerce & Google Analytics Pro Setup.

Avete qualche idea o volete suggerire metodi diversi per aggiungere Google Analytics a WordPress? In questo caso, ci piacerebbe leggerli qui sotto.