Il vostro web hosting e un evento di ballo swing sono due cose completamente diverse. Ma c’è una regola fondamentale durante un evento che tutti devono seguire: “Un ballo alla volta”. In altre parole, concentrati su un ballo prima di passare a quello successivo. Questo spiega anche perché è una buona regola tenere separati l’email e l’hosting.

Ogni web host degno di questo nome vuole fornire ai suoi clienti un’infrastruttura server di prim’ordine e una sicurezza solida come una roccia. Come tale, fornire altri servizi (ma correlati) come l’email può diluire l’offerta principale. Anche se questo potrebbe non essere l’unico fattore, è comunque un fattore importante.

Detto questo, analizzeremo il motivo per cui dovreste tenere separati l’email e l’hosting. Spiegheremo perché Kinsta non offre l’hosting della posta elettronica e poi faremo un elenco di alcuni eccellenti provider di hosting di posta elettronica. Inoltre, vi accompagneremo in un tour delle impostazioni del server di posta elettronica.

Iniziamo!

Importanza dell’Email per Uso Personale e Aziendale

Quiz veloce: Qual è l’unico modo per essere certi che qualcuno riceva la vostra corrispondenza?

Una lettera potrebbe perdersi, le telefonate a volte vanno perse nell’etere e il destinatario potrebbe essere nascosto dietro il divano quando bussate alla sua porta.

La risposta è l’email.

Sì, c’è la possibilità che un’email cada nella cartella dello spam, ma è comunque arrivata al vostro destinatario, solo in una cartella diversa da quella della posta in arrivo. In ogni caso, non è una cosa che potete controllare.

Anche con l’avvento dei canali di messaggistica istantanea e dei social media, l’email è sempre un ottimo canale per raggiungere le persone. Nonostante le somiglianze tra le piattaforme istantanee, l’email è più diretta – è posta elettronica, dopo tutto. Ed è universale.

I dati lo confermano. Le cifre attuali suggeriscono che ci sono circa 4 miliardi di utenti che usano le email in tutto il mondo. Questo è circa lo stesso numero di WhatsApp, Facebook Messenger, Telegram e Snapchat messi insieme.

Statistic: Most popular global mobile messenger apps as of April 2021, based on number of monthly active users (in millions) | Statista
Le app di messaggistica mobile più popolari a livello globale a luglio 2021. (Fonte immagine: Statista).

Inoltre, il numero di account utente di posta elettronica sembra che continuerà ad aumentare in futuro. Dato che l’email ha un tasso di penetrazione del 90%, resterà in circolazione per molto tempo.

PSA: Tieni separate le email e l'hosting per trovare i migliori provider per entrambi 👀 Per saperne di più, leggi questo articolo ⬇️Click to Tweet

Perché Kinsta non Fornisce Hosting delle Email (Mentre Alcuni Host lo Fanno)

Da queste statistiche è facile capire perché un’azienda di hosting potrebbe scegliere di offrire l’email insieme ai suoi servizi principali.

Alla fine, la consegna e la deliverability delle email sono di competenza di un host. Per la verifica e il controllo di questi aspetti si utilizzano il dominio di invio e l’IP – ideale per un host web. Dopo tutto, chi è meglio di un esperto web per assicurarsi che le informazioni raggiungano i destinatari velocemente e con precisione?

Potrebbero esserci soluzioni migliori.

Il vostro web host non sarà un esperto in tutti gli aspetti dell’hosting della posta elettronica. Per questo motivo, Kinsta non offre hosting di posta elettronica. Di questo parliamo altrove sul sito di Kinsta, ma vi diciamo brevemente perché:

Tutte le nostre risorse sono impegnate a rendere Kinsta la migliore piattaforma di hosting WordPress gestito nel settore.

La citazione qui sopra dovrebbe dirvi tutto quello che c’è da sapere. Il nostro approccio è vincente e sappiamo che, mentre Kinsta fornisce un hosting stellare per i siti WordPress, una soluzione come Google Workspace fa lo stesso per l’hosting della posta elettronica.

Perché tentare di reinventare la ruota quando possiamo concentrarci su ciò in cui siamo bravi? Inoltre, questo dà ai nostri clienti migliori opzioni – una vittoria per tutti!

Perché Tenere Separate la Posta Elettronica e l’Hosting

Ci sono molte ragioni personali per cui tenere separati l’email e l’hosting, ci sono anche molte ragioni tecniche.

Per cominciare, l’utilizzo delle risorse è un grande punto a favore in quanto non consumerete la vostra larghezza di banda e le disposizioni di archiviazione. Inoltre, potete dedicare quelle risorse agli elementi relativi all’hosting del vostro sito invece che dirottarle in parte sui vostri account di posta elettronica.

Funziona anche al contrario. Il vostro hosting di posta elettronica ha le sue risorse dedicate che non saranno assorbite da un altro servizio. La sincronizzazione di questi account è semplice nella maggior parte dei casi.

Ha un effetto a catena sull’affidabilità di entrambe le piattaforme: Ogni servizio è responsabile di un lavoro e può incanalare tempo e dedizione per assicurarsi che entrambi rimangano solidi e affidabili. Tuttavia, potrebbe succedere che uno dei vostri host o provider di posta elettronica non sia così stellare come l’altro. Questo è comprensibile quando si hanno limiti di budget.

In questa situazione, potrebbe capitarvi di scegliere un provider combinato. Tuttavia, se l’email o l’hosting va giù, spesso si porta dietro anche l’altro. Questo potrebbe essere disastroso per qualsiasi azienda che si basa sulla comunicazione online – forse è la causa principale.

Parlando di affari, c’è un vantaggio di risparmio di tempo nel separare l’email e il web hosting. Se decidete che un servizio non fa per voi o che volete passare ad un servizio migliore, è semplice farlo senza influenzare l’altra metà del vostro business.

Se siete legati a doppio nodo con un provider combinato, è più difficile rompere quelle catene. Quindi, è meglio avere provider indipendenti per l’email e l’hosting.

6 Ottimi Provider di Hosting della Posta Elettronica

A questo punto, probabilmente state annuendo con la testa e siete pronti a tenere distinti e separati la vostra email e il vostro web hosting. Prima, però, avrete bisogno di un provider di posta elettronica adatto.

Le sei soluzioni che seguono vanno tutte benissimo con un host separato, anche se ne parleremo più in dettaglio nelle successive sezioni. L’utilizzo di uno qualsiasi di questi vi permette di tenere separate la posta elettronica e l’hosting.

1. Google Workspace

Il sito web di Google Workspace per mantenere separate la posta elettronica e l'hosting
Il sito web di Google Workspace.

Per prima cosa, c’è Google Workspace. Si tratta di un servizio familiare a milioni di utenti, non solo per l’offerta di email di qualità. Come suggerisce il nome, è un’intera suite di strumenti e applicazioni per aiutarvi a svolgere il vostro lavoro quotidiano (anche se qui ci stiamo concentrando sulla posta elettronica).

Tutte le app disponibili con un account Google Workspace.
Google Workspace apps.

Gmail riguarda (ovviamente) l’hosting della posta elettronica di Workspace. È un servizio di lunga data per Google e, fin dall’inizio, ha fissato il concetto di quello che dovrebbe essere l’email. Potete utilizzare le scorciatoie da tastiera per eseguire quasi tutte le operazioni, alleggerendo l’attività di una pesante casella di posta. Per muovervi nella vostra casella di posta avrete a disposizione scorciatoie di navigazione simili a quelle di Vim.

Non è un’esagerazione dire che Gmail ha ridefinito gran parte di ciò che è l’email per molti. Quasi tutti i provider ora usano una cartella Archivio per mettere via le vecchie email, e la maggior parte prevede tag colorati ispirati a Gmail ed etichette per contrassegnare email specifiche per la successiva consultazione. Il vecchio sistema di cartelle ora è quasi obsoleto, tutto grazie a Gmail.

Dato che Kinsta gira sulla Google Cloud Platform, avrete anche una migliore integrazione con le applicazioni di Workspace. È qualcosa di cui parleremo più avanti, ma se siete utenti di Kinsta, potete “applicare automaticamente” i record MX per il vostro dominio.

Nel complesso, Gmail ha quasi tutto a suo favore:

Anche il prezzo è eccellente. I livelli vanno da 6 a 12 dollari per utente, anche se 30 GB di archiviazione cloud per utente sono perfetti nella maggior parte dei casi.

Saremo sinceri dicendo che se non state già utilizzando Google Workspace, non è per caso. Ma vi suggeriamo di dare di nuovo un’occhiata se non siete già clienti. Potrebbe essere il miglior acquisto dell’anno per il vostro business.

2. Microsoft Outlook

Non potete dire di essere utenti internet della vecchia scuola se non avete mai usato Hotmail. Il classico client di posta elettronica gratuito è cambiato nel 2011 in Outlook, e con questo cambiamento è arrivato uno spostamento dell’attenzione verso le applicazioni aziendali.

Microsoft Outlook.
L’applicazione Microsoft Outlook.

Mentre Hotmail ha una reputazione non proprio impeccabile (uno dei motivi del cambio di nome), Microsoft ha lavorato duramente per trasformare questo servizio gratuito usa e getta in una piattaforma aziendale rispettata per l’hosting della posta elettronica. Viene gestito insieme al servizio cloud Microsoft 365 e, proprio come Google, permette di integrare l’intera suite di applicazioni con la posta elettronica.

I soliti sospetti come i calendari, i task manager e i profili utente sono tutti qui. Tutto rimane nel cloud e utilizza il vostro account OneDrive per la sincronizzazione tra i dispositivi.

Mentre Google non menziona troppo la sicurezza della sua piattaforma, Microsoft mette la sua sicurezza di livello enterprise in primo piano. Utilizza la crittografia dei dati sia sulla casella di posta che per gli elementi inviati.

Outlook disattiva anche i link che rileva come non sicuri, come malware o virus. Oltre a questo, avete il rilevamento del ransomware, che è vitale per un’azienda, e anche le opzioni di recupero di OneDrive.

Ecco un rapido riassunto di ciò che ci piace di Outlook:

Il prezzo dà un giro alla concorrenza. A livello base, Outlook è gratuito al 100%. L’intera suite Microsoft 365 è gratuita. Se volete passare al livello premium, c’è una serie competitiva di livelli tra cui scegliere. La maggior parte degli utenti probabilmente vorrà un piano da 5 o 12 dollari, a seconda che si voglia utilizzare la funzionalità di lavoro remoto.

Nel complesso, Outlook è uno strumento funzionale che (proprio come Google, Zoho e altri) vuole tenervi all’interno del suo ecosistema. Lo fa offrendo una serie di ottime app per gestire tutta la vostra attività. Tuttavia, il servizio di posta elettronica è in testa e probabilmente lo sarà per molti anni a venire.

3. Zoho Mail

Sulla scia delle sue soluzioni di hosting delle email, anche Zoho offre una vasta gamma di applicazioni per gestire il vostro business. Il suo servizio di posta acquisisce molti nuovi clienti ogni giorno.

L'app Zoho Mail per tenere separati l'email e l'hosting
L’app Zoho Mail.

Zoho include un numero impressionante di servizi per estendere l’intera funzionalità del pacchetto. Ad un livello base, il client di posta elettronica è un’app senza fronzoli (anche se ben eseguita) che assomiglia molto a Gmail e Outlook, ma non del tutto. Avrete l’integrazione standard di calendari, elenchi di attività, gestori di contatti e note che adornano la maggior parte degli altri client di posta elettronica.

Ma con Zoho Mail l’esperienza utente (UX) è in primo piano. Si evince dallo sforzo che il team concentra sulla sua dashboard e nella gestione generale dell’account. Ad esempio, potete impostare un dominio personalizzato per permettere agli utenti di accedere attraverso un sottodominio di posta. Questo aiuta tutti a sapere dove dirigersi per la posta elettronica.

Zoho Mail utilizza anche una funzionalità con restrizioni per specifici indirizzi IP. Questo significa che potete mantenere i vostri account di posta elettronica più sicuri, dato che può avere accesso solo una manciata di utenti in una particolare posizione. Ci sono anche altri ottimi strumenti di gestione degli utenti, come le impostazioni dei ruoli utente.

Con Zoho c’è da dire molto di più, ma ecco una rapida panoramica:

È sbalorditivo che il prezzo di Zoho Mail sia una sciocchezza anche rispetto a tutte le altre soluzioni. Il livello superiore costa circa 4-5 dollari al mese per utente, il che, dato il set di funzionalità del servizio, significa che sareste negligenti a non dargli almeno un’occhiata.

Zoho ha guadagnato molto terreno nel corso degli anni e continua a farlo. Data la qualità di Zoho Mail, possiamo capire il perché.

4. ProtonMail

Dall’India di Zoho, ci spostiamo verso la Svizzera di ProtonMail. Si tratta di un provider di posta elettronica open source che valorizza la privacy sopra ogni cosa ed è sviluppato da un team di ingegneri del CERN (è dove è nato il web).

Il sito web di ProtonMail.
Il sito web di ProtonMail.

La Svizzera ha alcune delle leggi sulla privacy più severe al mondo. Dunque, con i server e l’attività di ProtonMail nel paese, i vostri dati sono il più sicuri possibile. Con Proton utilizzerete la crittografia end-to-end per le vostre email e potete scegliere se applicarla al momento dell’invio.

L’interfaccia web è user friendly, anche se manca di alcune funzionalità. Potete connettere il servizio solo a pochi client di posta elettronica esterni, anche se accetta una connessione ProtonMail Bridge. È un po’ complicato da configurare, ma i benefici in termini di privacy superano di gran lunga gli aspetti negativi.

Hai bisogno di una soluzione di hosting che ti dia un vantaggio competitivo? Kinsta offre velocità incredibile, sicurezza all’avanguardia e scalabilità automatica. Scopri i nostri piani

Inoltre, i vostri dati sono così sicuri che nemmeno ProtonMail può recuperare il vostro account se perdete la password. Questo è spaventoso, certo. Ma vi dà anche la tranquillità di sapere che i dati sensibili sono solo per i vostri occhi e per i vostri clienti(a parte alcune eccezioni in cui sono coinvolte le forze dell’ordine).

Ecco cosa pensiamo che distingua ProtonMail:

Ci sono quattro diversi piani tariffari per ProtonMail. La buona notizia è che c’è anche un livello gratuito, anche se questo non si colloca allo stesso livello delle offerte di altri host di posta elettronica gratuiti.

Gli altri livelli hanno tutti un prezzo ragionevole; il piano Professional sarà il più interessante. Costa 6,25 dollari al mese per utente e vi permette di utilizzare un dominio personalizzato, offre una gestione flessibile dello storage e vi garantisce controlli amministrativi avanzati per il vostro team.

5. Hover

Se non conoscete Hover, ve ne illustriamo le caratteristiche. Hover si adatta alla nostra filosofia di “un ballo alla volta” perché l’azienda è tutta incentrata sui domini. È un registrar che offre un numero pazzesco di estensioni di dominio di primo livello (TLD):

Un elenco di domini di Hover.
Un elenco di domini di Hover.

Comunque l’email si adatta molto più comodamente ai domini che all’hosting. Ci sembra un abbinamento migliore, e aiuta il fatto che l’offerta riguarda solo due servizi principali.

La cosa migliore di Hover è che è senza fronzoli. Avete un client web accettabile per controllare le vostre email, ma potete anche collegare il servizio al vostro client desktop o mobile. Uno dei punti di forza è che non dovete cambiare il vostro workflow o le vostre abitudini di lavoro per utilizzare Hover, il che piacerà a molte aziende indaffarate.

Vi offriamo un breve elenco dei punti di forza di Hover:

Per quanto riguarda i prezzi, ci sono due livelli: casella di posta piccola e casella di posta grande. La casella di posta piccola ha 10 GB di spazio per 20 dollari al mese, la casella di posta grande costa 29 dollari per 1 TB. Potete anche utilizzare un add-on “solo inoltro” che reindirizza qualsiasi email destinata al vostro indirizzo di dominio direttamente alla vostra email attuale.

Hover sarà perfetto se volete mantenere il vostro dominio e la vostra email separati dal vostro hosting. Dopo tutto, i vostri indirizzi email incentrati sul dominio saranno inutilizzabili se il vostro dominio è fuori uso. Questo è vero indipendentemente dal fatto che abbiate un provider separato. Non interferisce con la vostra esperienza e per le semplici email aziendali andrà bene.

6. Mailgun

Mailgun è una soluzione che analizziamo nel nostro articolo sui server SMTP gratuiti. Abbiamo una buona conoscenza ed esperienza del servizio.

Screenshot del sito web di Mailgun che mostra come è possibile tenere separati l'email e l'hosting.
Il sito web di Mailgun.

È un servizio basato su un’Application Programming Interface (API). Potete connettervi utilizzando diversi linguaggi di programmazione, come Python, Node.js, Java e PHP.

Una tabella dei linguaggi che puoi usare con l'API di Mailgun.
Una tabella dei linguaggi che puoi usare con l’API di Mailgun.

Mailgun è affidabile per l’invio di email transazionali o di massa in quanto può scalare al meglio. Lavora per migliorare la deliverability e offre buoni strumenti per la gestione delle tariffe. Ci piace il modo in cui include un costruttore di template di email per aiutarvi a creare risposte preconfezionate e tornare al lavoro.

C’è anche un’ampia gamma di variabili da includere nelle email. Questo può darvi un vantaggio quando cercate di personalizzare le email.

Potremmo parlare di Mailgun tutto il giorno. Potete leggere tutto nel nostro articolo su come configurare Mailgun in WordPress. Vale la pena leggerlo per acquisire maggiore familiarità con la piattaforma.

Detto questo, si noti che Mailgun non ha più un livello gratuito. Al suo posto potete avere una generosa prova di tre mesi, con una tariffa a pagamento di circa 0,80 dollari per 1.000 email. Per quanto riguarda gli altri livelli, potete scegliere tra i livelli da 35, 80 o 90 dollari. Ad ogni livello incrementale viene fornito un numero maggiore di funzioni, mentre aumenta anche il numero di email incluse nel piano.

Se inviate molte email transazionali e legate al marketing, Mailgun è una soluzione eccellente per tenere separate le email dall’hosting.

Come Configurare il Server di Posta Elettronica (Introduzione ai Record MX)

Prima di lasciarvi, vi offriamo una rapida panoramica su come impostare il vostro server di posta elettronica.

Con WordPress avrete bisogno di un plugin SMTP adatto. Vi servirà (ovviamente) un provider di posta elettronica.

Se avete intenzione di optare per una soluzione come Google Workspace, la procedura sarà semplice (o sarete pronti a partire da subito). È più complesso se scegliete un servizio SMTP come Mailgun.

Oltre alla nostra guida sull’utilizzo di Mailgun, abbiamo anche una guida sull’utilizzo del server SMTP gratuito di Google per inviare email all’interno di WordPress. Potreste voler anche portare le email del vostro provider nel vostro client, come Apple Mail o Outlook. Abbiamo spiegato come farlo con il servizio di posta elettronica di Yahoo e il processo è simile a quello di altri provider.

Il passaggio successivo sarà quello di impostare i vostri record MX (mail exchanger). In poche parole, questi record sono il modo in cui farete inviare le vostre email dal vostro nome di dominio, quindi sono molto importanti. La procedura è spesso la stessa, indipendentemente dal vostro registrar di domini e dal vostro provider di hosting, quindi siete in buone mani indipendentemente dalla vostra scelta finale dei fornitori.

Ti stai chiedendo perché tenere separate le email e l'hosting? 📧 Ecco alcune ragioni... 👇Click to Tweet

Riepilogo

I provider di hosting offrono un’infrastruttura superba per il vostro sito web, ma a volte vanno oltre le loro possibilità. È semplice capire perché un host web possa offrire anche l’email ai clienti. Dopo tutto, quelle richieste HTTP devono andare da qualche parte e chi meglio del vostro host?

Noi di Kinsta pensiamo che dovreste tenere l’email e l’hosting separati. Un host dovrebbe concentrarsi su ciò in cui è bravo e dedicare le sue risorse per fornire il miglior servizio possibile.

Per la posta elettronica, potete scegliere tra una fantastica gamma di servizi di hosting di posta elettronica, come Google Workspace, Hover e Mailgun. Ognuno di essi è semplice da configurare e si connette con il vostro nome di dominio, sito web e client di posta elettronica.

Pensate di tenere l’email e l’hosting separati o vi va bene combinarli? Fateci sapere cosa ne pensate nella sezione dei commenti qui sotto!


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 29 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.