Adoro WordPress, ma devo ammettere che ci sono state delle volte in cui avrei sperato di trovare un pulsante “Resetta WordPress” per buttarlo fuori dalla finestra.

Lo so, la maggior parte delle volte è una piattaforma solida e affidabile. Sicuramente lo è più di un sacco di concorrenti (altrimenti non lo utilizzerebbe oltre un terzo di Internet).

Ma ci sono momenti in cui le cose vanno storte. Ci sono anche delle volte in cui non è WordPress il problema, ma forse siete voi ad aver sbagliato. Avete passato del tempo a creare un sito web WordPress ma ora vi rendete conto che non è quello che vi serviva. Volete rivederlo, ridisegnarlo o ricominciare tutto da capo.

In situazioni come queste, potreste sentirvi come me ed essere tentati di cercare un pulsante rosso “Reset” nella speranza che la reimpostazione di WordPress risolva tutti i vostri problemi.

A volte può essere. Ma a volte non è necessario intraprendere azioni così drastiche.

In questo post, descriverò tutte le situazioni in cui potreste voler buttare dalla finestra la vostra installazione di WordPress e ricominciare tutto daccapo. Vi aiuterò a capire se è quello che dovete fare davvero e, in caso contrario, quale potrebbe essere la linea d’azione più appropriata.

E se davvero avete bisogno di resettare WordPress, vi mostrerò come fare. Non rimarrete delusi!

Resettare WordPress se si Vuole Eliminare il Sito e Spostarsi su un Altro Dominio

Non è raro che un nome di dominio perda la sua brillantezza nel tempo, e potreste realizzare che il nome di dominio che pensavate fosse perfetto per il vostro sito quando lo avete lanciato per la prima volta non è poi così buono.

Forse avete lanciato il vostro sito per hobby e avete scelto rapidamente il nome di dominio. Ora siete passati alla gestione di un sito professionale e volete che il vostro nome di dominio lo rispecchi. Oppure avete dato al vostro sito un nome di dominio molto specifico, che non si applica più a tutto ciò che ci mettete dentro. Come appassionati pescatori di trote, forse avete registrato troutfishingguide.com. Ora vi siete dedicati alla pesca di altri pesci d’acqua dolce e preferite usare fishingguide.com.

Potreste pensare di buttar via il vostro sito e ricominciare da capo, ma non è così. Potete semplicemente registrare il nuovo dominio e farlo puntare al vostro sito.

Se volete aggiungere un nuovo dominio ma anche mantenere il vostro vecchio dominio (che è una buona idea nel caso in cui la gente continui ad utilizzarlo, anche per scopi SEO), allora potete registrare un nuovo dominio e indirizzarlo al vostro sito. In questo modo potete anche aggiungere i redirect 301 dal vostro vecchio dominio ai vostri nuovi domini.

Kinsta non offre la registrazione del dominio – noi siamo specializzati nell’hosting – quindi dovrete registrare un dominio altrove e indirizzarlo ai nostri server utilizzando l’opzione Kinsta DNS nel vostro cruscotto.

Una volta fatto, assicuratevi che punti al vostro sito utilizzando gli strumenti nella sezione Kinsta DNS del cruscotto. Potrebbe quindi essere necessario attendere un paio d’ore prima che il DNS si risolva. Kinsta non ha alcun controllo su questo aspetto: è normale dover aspettare che le vostre impostazioni DNS si propaghino su Internet. Potete controllare l’avanzamento delle vostre modifiche DNS su whatsmydns.net.

Kinsta DNS

Kinsta DNS

Quindi, tornate nel vostro sito WordPress e fate clic su Impostazioni > Generali. Ci sono due campi che regolano l’indirizzo del vostro sito web. Modificate il campo Indirizzo WordPress e il campo Indirizzo sito in modo che contengano il nuovo indirizzo del vostro sito (da vecchiodominio.com a nuovodominio.com, ad esempio). Fate clic sul pulsante Salva le modifiche per salvare le modifiche.

Importante: non fatelo finché il DNS non si è propagato, altrimenti non potrete accedere al vostro pannello di amministrazione di WordPress dopo aver seguito il passaggio successivo.

Schermata Impostazioni Generali di WordPress

Schermata Impostazioni Generali di WordPress

È quindi necessario sostituire tutte le istanze del vecchio nome di dominio nel database con il nuovo nome di dominio. Nel cruscotto di Kinsta, andate al vostro sito nella schermata Siti, quindi selezionate Strumenti > Cerca e sostituisci. Qui potete eseguire una ricerca e sostituzione, sostituendo il vecchio nome di dominio con quello nuovo.

Numero di sostituzioni

Numero di sostituzioni

Dovrete quindi aggiungere i redirect 301 dal vostro vecchio sito, se volete mantenere i vostri backlink e il traffico SEO. Approfondiamo questo aspetto nel nostro post su come modificare il nome di dominio (mantenendo i vantaggi SEO).

Ma cosa succede se avete bisogno di qualcosa di un po’ più drastico?

Resettare WordPress ed Eliminare Tutti i Contenuti

A volte reimpostare il sito significa rimuovere tutti i contenuti che avete avete pubblicato.

Forse, dopo esser passati dalla pesca alla trota alla pesca in acque dolci in generale, avete deciso che i post le pagine del vostro blog e non sono abbastanza ampi da soddisfare le esigenze dei vostri lettori e volete ricominciare tutto da capo.

Ancora una volta, non è necessario reimpostare completamente WordPress. Invece, potete eliminare tutti izcontenuti. Per fare ciò, inizia con i vostri post. Fate clic su Articoli nel menu di amministrazione per visualizzare la schermata dei post.

La schermata Articoli

La schermata Articoli

Se non riuscite a vedere in questa schermata tutti i post pubblicati, c’è un modo per risolvere. Fate clic sulla scheda Opzioni schermo nella parte superiore. Nel box che appare, modificate il campo Numero di elementi per pagina, inserendo un numero elevato (maggiore del numero di post pubblicati). Fate clic sul pulsante Applica.

Ora vedrete l’elenco di tutti i vostri post. Selezionate la casella accanto alla colonna Titolo sopra i titoli dei post. In questo modo selezionerete tutti i vostri post. Quindi fate clic sulla casella a discesa che c’è sopra – che dice Azioni di gruppo – e fate clic su Sposta nel cestino. Quindi fate clic sul pulsante Applica. I vostri post spariranno tutti.

Se volete tenerli nel cestino nel caso in cui doveste aver bisogno di ripristinarli in un secondo momento, potete sempre farlo. Ma questo post riguarda il reset di WordPress, quindi penso che vogliate sapere come eliminarli completamente (purché ne siate sicuri!).

Fate clic sul link Cestino sopra l’elenco dei post. Selezionate nuovamente la casella Titolo accanto al nome della colonna, quindi seleziona Elimina definitivamente. Chiedetevi un’ultima volta se volete davvero liberarvi di tutti i vostri messaggi per sempre e poi, se la risposta è sì, fate clic sul pulsante Applica.

Il vostro sito ora non avrà più post. Potete ripetere l’operazione per le pagine e per altri tipi di contenuti (inclusi i media, se volete), fino a quando non avrete un sito completamente vuoto.
Fatto! Ora potete iniziare a creare nuovi contenuti da capo.

Utilizzando un Plugin di WordPress

Un altro modo semplice e veloce per eliminare tutti i nostri contenuti è utilizzare il plugin gratuito WP Reset. Questo plugin reimposta il database del vostro sito ai valori di installazione predefiniti, senza modificare alcun file. Elimina tutte le personalizzazioni e i contenuti.

Il plugin WP Reset

Il plugin WP Reset

Non importa quanto sia buono il plugin, è sempre importante fare un backup prima di usarlo.

Utilizzando WP-CLI

Potete anche utilizzare WP-CLI, uno strumento da riga di comando per sviluppatori di WordPress. Il seguente comando tronca le tabelle di post, commenti e termini per svuotare un sito del suo contenuto. Non ha effetti sulla configurazione del sito (opzioni) o sugli utenti:

wp site empty

Si veda la documentazione e i parametri aggiuntivi. Grazie a Luke, uno dei nostri lettori, per avercelo segnalato!

Resettare WordPress per Riprogettare il Proprio Sito

Se tutto ciò che volete è riprogettare il vostro sito, non è necessario cancellare nulla. Invece, dovrete creare o installare un nuovo tema per il vostro nuovo design e questo cambierà il modo in cui viene visualizzato il contenuto attuale. Ecco come eliminare il vostro tema WordPress nel modo corretto.

Anche se volete aggiornare i vostrri contenuti, potreste trovare più semplice aggiungere un nuovo tema a un sito esistente piuttosto che configurare un sito completamente nuovo.

Mentre state testando, personalizzando e/o sviluppando il vostro nuovo tema, dovrete essere in grado di testarlo con i vostri contenuti evitando che le persone visitino il vostro sito sapendo cosa state facendo. Invece, dovrete fare in modo che vedano il vecchio sito finché la nuova versione non sarà pronta.

Avete due opzioni per farlo:

  1. Creare un duplicato del vostro sito utilizzando un ambiente di staging e testalo con il nuovo tema. Una volta pronti, potrete caricare il nuovo tema sul vostro sito live.
  2. Installare un plugin come Theme Switcha, che vi consente di tenere il tema esistente visibile ai visitatori del sito mentre voi avete accesso a un tema alternativo per i test.
Ambiente di staging di WordPress

Ambiente di staging di WordPress

Consiglierei di utilizzare un sito di staging, in quanto questo consente anche di modificare il contenuto e altre impostazioni, non limitandosi solo al tema. Una volta che siete soddisfatti del vostro nuovo tema, dovete semplicemente caricarlo sul vostro sito e apportare le modifiche al contenuto e alle impostazioni, e siete a posto. Oppure, se non avete apportato alcuna modifica al sito di produzione, potreste anche passare lo staging in produzione.

Ciò significa che avete un sito funzionante durante lo sviluppo del nuovo design e non avrete bisogno di cancellare l’installazione o il database di WordPress.

Resettare WordPress nel Caso in Cui il Sito sia Bloccato o Hackerato

Così il vostro sito ha smesso di funzionare. Forse è stato violato e non assomiglia più al sito che pensavate di avere. O forse qualcosa è andato storto dopo aver aggiornato temi, plugin o lo stesso WordPress.

È ora di buttare il sito fuori dalla finestra e ricominciare? Beh no.

Invece, ora è il momento di ripristinare il vostro sito da un backup eseguito prima che fosse compromesso.

Troverete un backup del vostro sito nella cruscotto di Kinsta. Selezionate il vostro sito dalla schermata Siti, quindi selezionate Backup. Trovate un backup in una data anteriore al momento in cui avete riscontrato problemi e fate clic su Ripristina in > Produzione.

Ripristinare WordPress da un backup in MyKinsta

Ripristinare WordPress da un backup in MyKinsta

In alternativa, se volete fare prima una prova di ripristino (potreste non sapere quale backup sia pulito), selezionate Ripristina in > Staging. Potrete, quindi, passare all’ambiente di staging facendo clic sul pulsante Cambia ambiente nella parte superiore del cruscotto e selezionando Staging. I backup vengono archiviati per 14 giorni, quindi assicuratevi di ripristinare il backup entro due settimane dall’insorgere dei problemi.

Se il problema si verifica dopo un aggiornamento e non si dispone di un backup, è sempre possibile eseguire il rollback a una versione precedente di un plugin o un tema e sostituire quello esistente con una versione funzionante. Seguite questi passi:

  • Andate alla schermata Temi o Plugin nel vostro pannello di amministrazione di WordPress e cercate il tema o il plugin che avete aggiornato.
  • Fate clic sul link Visualizza dettagli sotto la descrizione del plugin o del tema. Questo aprirà un popup con i dettagli del plugin/tema.
  • Sul lato destro del popup, cliccate sul link che dice Pagina del Plugin/Tema di WordPress.org. Questo vi porterà alla pagina del plugin o del tema sul sito di WordPress.org.
  • Nella barra laterale destra, fate clic sul collegamento Visualizzazione avanzata. Quindi scorrete fino alla fine di questa pagina, dove troverete una casella a discesa con il numero dell’ultima versione del tema o del plugin. Fate clic su questo numero e selezionate la seconda versione più recente. Quindi fate clic sul pulsante Scarica.
  • In questo modo scaricherete un file zip sul vostro computer. Salvatelo da qualche parte dove potete trovarlo e tornate al vostro sito.
  • Tornate alla schermata dei temi o dei plugin del vostro sito ed eliminate il tema o il plugin che desiderate sostituire.
  • Fate clic sul pulsante Aggiungi nuovo nella parte superiore dello schermo. Fate clic sul pulsante Carica plugin o Carica tema, quindi selezionare il file zip appena scaricato. Caricatelo, confermate che volete sostituire la versione del plugin o del tema già presente sul vostro sito e attivatelo.

Accidenti! Ora avete installato la versione precedente del tema o del plugin. Vedrete un avviso nella schermata dei Plugin o dei Temi che vi dice che questo deve essere aggiornato. Ignoratelo fino a quando non sarà disponibile un altro aggiornamento che risolve il vostro problema.

Leggete anche il nostro tutorial su come installare un plugin per WordPress per un’analisi più dettagliata.

Come Resettare Completamente WordPress

La tecnica che sto per mostrarvi prevede l’eliminazione del vostro sito WordPress e la creazione di uno nuovo. È una cosa che non dovreste prendere alla leggera. Il vostro vecchio sito non esisterà più e ne avrete uno nuovo, vuoto, che dovrete configurare e in cui dovrete aggiungere contenuti.

Se desiderate eseguire la migrazione dei vostri vecchi contenuti, potete utilizzare lo strumento di importazione/esportazione per esportare i contenuti dal vecchio sito e importarli in quello nuovo. In questo modo potreste risparmiare molto tempo.

Per esportare i contenuti dal vostro vecchio sito, dovrete utilizzare lo strumento di esportazione.

  1. Nel vostro vecchio sito, andate su Strumenti > Esporta.
  2. Alla voce Seleziona quali contenuti esportare, scegliete Tutti i contenuti.
  3. Fate clic sul pulsante Scarica il file di esportazione.

WordPress creerà un file di esportazione e lo scaricherà sul vostro computer.

Se desiderate esportare e importare tutte le impostazioni dei widget, potete utilizzare il plugin Widget Importer & Exporter. Utilizzate il plugin per esportare tutte le impostazioni di questo sito, memorizzate il file sul vostro computer insieme al file di esportazione dei vostri post e salvatelo per dopo (assicuratevi di leggere la nostra guida di approfondimento sui widget WordPress).

Se non volete esportare nessuno dei vostri contenuti, vi basta ignorare questi passaggi e continuare a leggere.

Potete eliminare il vostro vecchio sito e crearne uno nuovo nel cruscotto di Kinsta.

Selezionate Siti nel menu principale e cercate il sito che desiderate eliminare. Fate clic sulla scheda Info.
Scorrete fino al grande pulsante rosso che dice Cancella sito.

Chiedetevi se volete davvero cancellare il vostro sito. Se non avete provato nessuno dei metodi sopra riportati per risolvere eventuali problemi sul vostro sito senza eliminarlo, per sicurezza vi consiglio di leggere le sezioni precedenti.

Siete sicuri di voler cancellare il vostro sito? OK, quindi fare clic su quel pulsante.

Il sistema vi chiederà di confermare di aver capito cosa state facendo e vi dirà di digitare un testo in un campo. Digitatelo e fate clic sul pulsante Cancella sito.

Eliminare un sito su Kinsta

Eliminare un sito su Kinsta

Il vostro sito è andato. È ora di installarne uno nuovo e (facoltativamente) inserirvi dentro il vostro contenuto.

Nel cruscotto di Kinsta, andate alla schermata Siti e fate clic sul pulsante Aggiungi sito in alto a destra.

Quindi, aggiungete i dati del vostro sito nel popup e fate clic sul pulsante Aggiungi sito.

Aggiungere un sito su Kinsta

Aggiungere un sito su Kinsta

Ora avete il vostro nuovo sito pronto per partire. Andate alle schermate di amministrazione di WordPress per iniziare con la configurazione. Installate tutti i temi e i plugin presenti nel vostro vecchio sito e configurateli. Potrete, quindi, importare i vostri contenuti dal vecchio sito: non è necessario aggiungerli manualmente.

Per importare i vostri contenuti, procedete in questo modo:

    1. Nel menu di amministrazione di WordPress, andate su Strumenti > Importa.
    2. Alla voce WordPress, fate clic su Installa ora, quindi Esegui importazione.
    3. WordPress vi chiederà di trovare il file di che avete scaricato dopo l’esportazione dal vostro vecchio sito
    4. WordPress. Questo è il file che avete salvato quando avete esportato i contenuti dal vostro vecchio sito.
    5. Trovate il file e fate clic sul pulsante Carica file e importa.
    6. WordPress vi chiederà a quale account utente volete associare i nuovi contenuti: sarà normalmente il vostro account. Vi chiederà inoltre di specificare se desiderate importare i media. Fatelo.

Aspettate che WordPress importi i ​​nuovi contenuti, quindi andate alla sezione Articoli del vostro sito. Lo troverete pieno di contenuti.

Se avete anche esportato le impostazioni dei widget, dovrete installare il plugin Widget Importer & Exporter nel vostro nuovo sito e utilizzarlo per importare le impostazioni dei widget.

Ora, prendetevi un po’ di tempo per la personalizzazione e per configurare i vostri plugin e avrete una nuova versione del vostro sito web. Ovviamente, se il motivo per cui desiderate ripristinare WordPress è stato quello di modificare i contenuti o la progettazione, non sarà necessario far funzionare le cose nello stesso modo del vecchio sito, ma potrete ricominciare da capo.

Potreste anche dare un’occhiata il nostro tutorial su come reinstallare WordPress.

Come Ripristinare WordPress Multisite

Se gestite un network WordPress Multisite, oppure il vostro sito è ospitato su un network Multisite, potreste dover ripristinare il vostro sito in modo diverso. Qui esistono due scenari qui:

  • Siete gli amministratori del network e desiderate ripristinare l’intera rete.
  • Siete l’amministratore di un sito e volete ripristinare il vostro sito sul network.

Diamo un’occhiata alla prima situazione.

Ripristinare un Network Multisite

Il ripristino di un’intera rete Multisite non è molto diverso dal ripristino di un sito WordPress indipendente: dopo tutto, è un’installazione di WordPress che si vuole ripristinare.
Ecco alcune delle soluzioni dispopnibili.

Stanco di avere problemi e tempi di inattività con il tuo sito WordPress? Scegli il migliore e più veloce supporto all’hosting con Kinsta! Dai un’occhiata ai nostri piani di hosting!

Riportare il vostro Network a Installazione WordPress Indipendente

Se avete deciso di riportare il vostro network a sito indipendente, dovrete rimuovere tutti i siti della rete (tranne il sito di base) e quindi disattivare il Multisite. Seguite questi passaggi:

Iniziate facendo un backup del vostro network. I piani di hosting di Kinsta prevedono backup gratuiti, ma, se non avete accesso a questa funzionalità, utilizzate un plugin di backup compatibile con Multisite.

Se volete ricreare uno dei siti del vostro rete altrove, come siti indipendenti o in un altro network, prima migrate questi siti fuori dal vostro network. Provate le nuove versioni dei siti e assicuratevi che funzionino correttamente prima di procedere.

Nelle schermate di amministrazione del Network, andate su Siti. Per ogni sito della rete, fate clic sul link Elimina per eliminarlo. In questo modo eliminerete il sito dal database e anche i file associati.

Cancellare un sito dal network

Cancellare un sito dal network

Fate un backup del vostro file wp-config.php. Quindi aprite il file. Trovate la riga che segue:

define( 'WP_ALLOW_MULTISITE', true );

Modificate questa riga in modo che appaia come segue:

define( 'WP_ALLOW_MULTISITE', false );

Dovreste anche cancellare tutto il resto del codice relativo al Multisite, in modo da ripulire il file wp-config.

Andate di nuovo al vostro sito e effettuate il login. Ora dovreste scoprire di avere un’installazione indipendente di WordPress.

Rimuovere Tutti i Sottositi del Network

Potreste non voler rimuovere del tutto il sito, ma solo eliminare i siti che avete aggiunto.

Per farlo, fate prima un backup del network. Quindi esportate o migrate questi siti se desiderate mantenerli.

Quindi, andate su Network Admin > Sites. Per ciascuno dei siti nel network, fate clic sul link Elimina per eliminarlo.

Ora avrete un network Multisite (quasi) vuoto, con solo il sito di base, pronto, se volete, per aggiungere nuovi siti.

Ripristinare l’Intera Installazione Incluso Multisite

Se desiderate ripristinare l’intera installazione di WordPress ed eliminare non solo il network e i sotto-siti, ma anche il sito di base, seguite le istruzioni più sopra per ripristinare un sito WordPress standard.

Prima, non dimenticate di migrare ognuno dei siti del network che volete spostare su location alternative.

Ripristinare Singoli Siti di un Network Multisite

Se gestite un singolo sito all’interno di una rete multisite, potreste decidere di resettarlo in modo da poterlo riutilizzare o ricominciare da zero.
Il modo in cui farlo dipenderà dal fatto che abbiate solo i privilegi di amministratore del sito o di amministratore della rete.

Rimuovere un Sito dal Network

Se non siete l’amministratore del network e desiderate eliminare completamente il sito, dovrete chiedere all’amministratore della rete di farlo per voi, perché non potete eliminare un sito. Potete però eliminare tutto il contenuto – vi mostrerò come fare a breve.

Prima di iniziare, eseguite un backup del network e/o del sito. Potreste decidere di esportare il contenuto del sito (o clonare il sito all’interno del network) se prevedete di migrarlo altrove.
Nelle schermate dell’Amministrazione del Network, andate su Siti. Passate il mouse sul nome del sito e fate clic su Elimina. Questo rimuoverà il sito.

Potrete quindi creare un nuovo sito vuoto per sostituirlo, se lo desiderate. Per farlo, fate clic su Aggiungi nuovo nella schermata Siti e seguite le istruzioni per la creazione di un nuovo sito. Quindi andate alla schermata di modifica del sito facendo clic sul link Modifica, sotto il suo nome nella schermata Siti. Fate clic sulla scheda Utenti e utilizzate i campi della sezione Aggiungi Utente Esistente per aggiungere l’utente con il ruolo di Amministratore del sito.

Aggiungere un nuovo utente come Amministratore di Sito

Aggiungere un nuovo utente come Amministratore di Sito

Reimpostare il Dominio per un Sito

Se volete modificare il nome di dominio per un sito del network, potete farlo via Amministratore di rete > Siti. Solo l’amministratore di rete può farlo.

Selezionate il sito che desiderate modificare e fate clic sul link Modifica, sotto il nome.

Modificare il nome del sito

Modificare il nome del sito

Nel campo Indirizzo sito, digitate il nuovo indirizzo e fate clic sul pulsante Salva modifiche.

Assicuratevi che il nuovo dominio faccia riferimento al vostro sito prima di apportare questa modifica. Le modifiche al DNS possono richiedere fino a due giorni per avere effetto dopo averle configurate con il vostro domain registrar.

Ripristinare un Sito come Amministratore del Sito

Se non volete eliminare del tutto il sito, ma solo tutto il contenuto, oppure cambiare il design, potete seguire alcuni dei passaggi elencati sopra per i siti WordPress standard.

Le opzioni disponibili sono:

  • Eliminare tutto il contenuto dalle schermate Pagine e Articoli.
  • Eliminare i widget dalla schermata Widget o dal Customizer.
  • Attivare un nuovo tema per ripristinare il design del sito. Potete attivare solo un tema che è già stato installato sul network: se non siete l’amministratore di rete non potete installarne di nuovi.

Nessuna di queste opzioni ripristina completamente il sito, ma se non volete eliminare tutto e ricominciare da capo, e volete solo rivedere il design o il contenuto, questa potrebbe essere l’opzione giusta per voi.

A volte volete solo ricominciare daccapo. Date un'occhiata a questi 5 metodi per ripristinare WordPress. 🔨 Click to Tweet

Riepilogo

In questo post, vi ho descritto i vari metodi che potete seguire per ripristinare WordPress e ripulire il vostro sito.

In base motivo per cui desiderate ripristinare il sito, potrebbe essere sufficiente un’operazione minore, come eliminare i post e le pagine per rimuovere completamente l’installazione di WordPress e sostituirla con una nuova.

Prima di resettare WordPress, siate sicuri del perché lo state facendo, in modo da poter scegliere il metodo giusto e non crearvi del lavoro extra, oppure per non correre il rischio di eliminare dati che avresti voluto conservare.


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24×7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani