WordPress ha sicuramente fatto molta strada dalla sua prima uscita nel 2003 – e così anche le statistiche di WordPress che aiutano a comprendere questo potente strumento software.

Il sistema di gestione dei contenuti più popolare e diffuso al mondo ora alimenta il 35.2% di tutti i siti web su Internet, ma pochi al di fuori della comunità degli utenti più affezionati a WordPress ne conoscono la storia.

Statistiche su WordPress: trend storico

Statistiche su WordPress: trend storico

Quindi ecco qui – la storia di WordPress:

All’origine, WordPress è stato creato e sviluppato da Matt Mullenweg e Mike Little, che sono stati spinti all’azione quando lo sviluppo del preesistente software per blog b2/cafelog fu interrotto dai suoi sviluppatori.

Era chiaro sia a Mullenweg che a Little che c’era bisogno di un sistema di pubblicazione personale più elegante. Anche se WordPress era inizialmente basato su b2/cafelog, sia Mullenweg che Little – e molti altri collaboratori open source! – da allora ha apportato significativi sviluppi a WordPress, distinguendolo e rendendolo unico rispetto a b2/cafelog.

WordPress è sviluppato su PHP e MySQL e rilasciato sotto licenza GPLv2, il che significa che è libero per l’uso e la modifica da parte di chiunque. Si stima che lo sforzo collaborativo complessivo per lo sviluppo di WordPress abbia richiesto 151 anni di lavoro, con un costo stimato di oltre 8 milioni di dollari.

Statistiche su WordPress

WordPress.com Contro WordPress.org: qual è la Differenza?

Il termine “WordPress” è spesso usato in modo intercambiabile quando si fa riferimento a due varianti del software. Detto questo, ci sono differenze significative tra WordPress.com e WordPress.org che dovreste conoscere prima di scegliere la piattaforma giusta per il vostro progetto.

WordPress.org è il sistema di gestione dei contenuti open source a cui faremo riferimento in questo articolo, mentre WordPress.com è un’altra popolare piattaforma di blogging le cui funzionalità di base sono accessibili gratuitamente.

Sebbene WordPress.com utilizzi il software core di WordPress.org, questa è l’unica somiglianza.

WordPress.com è completamente a scopo di lucro, mentre WordPress.org non lo è. Con i piani di WordPress.com, gli utenti possono scegliere di far gestire a WordPress gli aspetti tecnici relativi all’esecuzione di un sito web, compresa l’installazione di temi e plugin e l’instradamento di un nome di dominio verso il vostro blog.

Tuttavia, WordPress.com non è così personalizzabile e flessibile come WordPress.org, dove dovete prendervi cura di tutto da soli (incluso trovare un host web e installare il software di WordPress). Ma questa libertà arriva ad un prezzo, dal momento che questo significa che dovete anche occuparvi degli aspetti meno divertenti dell’avere un sito web, come la risoluzione dei problemi di manutenzione del sito, nel caso in cui il vostro sito web vada improvvisamente offline.

Con una conoscenza di base delle differenze tra queste due piattaforme WordPress, diamo un’occhiata ad alcune delle più interessanti statistiche su WordPress che permettano di capire di più sull’utilizzo di WordPress come sistema di gestione dei contenuti (CMS).

Quanto è grande WordPress rispetto ad altre piattaforme? 📊 Quanti utenti di WordPress ci sono in tutto il mondo? Dai un'occhiata a queste incredibili Statistiche su WordPress (Edizione 2019) Click to Tweet

Statistiche sull’Utilizzo di WordPress

Le seguenti statistiche su WordPress si focalizzano sulla quota di mercato di WordPress e altri dati relativi all’utilizzo.

WordPress ora alimenta il 35.2% dei siti web, con una quota del 35.2% del mercato CMS.

Oltre ad essere il CMS più utilizzato, WordPress è anche quello in più rapida crescita. Dei primi 10 milioni di siti online, più di 500 siti creati ogni giorno hanno la potenza di WordPress (rispetto a 60-80 al giorno basati su piattaforme gestite come Shopify o Squarespace).

In più, WordPress alimenta il 14,7% dei migliori siti web del mondo.

I principali siti al mondo che utilizzano WordPress

I principali siti al mondo che utilizzano WordPress

Questi siti web includono The New York Times, Spotify, TechCrunch, il sito web della Casa Bianca, BBC America e persino la Newsroom di Facebook! Il fatto che WordPress funzioni bene per tutte queste diverse entità è una testimonianza di quanto sia flessibile. WordPress può agire efficacemente come back-end per molti tipi di siti web, tra cui blog personali, siti di notizie, portfolio e siti di ecommerce.

Ci sono circa 17 post pubblicati su WordPress al secondo, e se avete mai dubitato della popolarità di WordPress, sappiate che ci sono mensilmente 37 milioni di ricerche globali con il termine “WordPress”. Inoltre, i dati in tempo reale sull’attività di WordPress mostrano che ogni mese ci sono oltre 409 milioni di persone che visualizzano oltre 20 miliardi di pagine di WordPress, con oltre 70 milioni di nuovi post e 77 milioni di nuovi commenti.

Statistiche su WordPress

Statistiche sulle Versioni di WordPress (con un Focus su Gutenberg)

Le seguenti statistiche su WordPress si concentrano su come WordPress sta cambiando nel tempo.

Alla pubblicazione di questo articolo, WordPress è alla versione 5.2 e oltre il 20% degli utenti è aggiornato alla versione corrente di WordPress. È stato scaricato oltre 16 milioni di volte.

Conteggio download WordPress 5.2

Conteggio download WordPress 5.2 (origine immagine: WordPress.org download counter)

Tuttavia, circa un quarto degli utenti è ancora sulla versione 4.9.

Statistiche sulle versioni e sull'utilizzo di WordPress

Statistiche sulle versioni e sull’utilizzo di WordPress

Il motivo del mancato aggiornamento per molti utenti potrebbe avere a che fare con Gutenberg, il nuovo editor a blocchi che è stato introdotto con WordPress 5.0.

Gutenberg ha apportato la più grande modifica all’editor visuale di WordPress dal primo rilascio del Content Management System.

Gutenberg

Gutenberg

Da quando Gutenberg è stato rilasciato, ci sono stati:

  • Oltre 19 milioni di installazioni attive di Gutenberg.
  • 24 milioni di post scritti con Gutenberg (si noti che queste statistiche sono segnalate specificamente da Jetpack su post creati con Gutenberg, il che significa che probabilmente non rappresentano il numero complessivo), con oltre 157.000 post scritti con Gutenberg ogni giorno.

Il più utilizzato blocco di Gutenberg è il blocco paragrafo, che viene utilizzato il 60% delle volte in cui le persone utilizzano Gutenberg. WooCommerce Blocks è un plugin sviluppato esclusivamente per siti basati su Gutenberg e utilizzato in oltre 170.000 siti (ad aprile 2019; Gutenberg è stato rilasciato nel dicembre del 2018).

Gutenberg a parte, i principali aggiornamenti di WordPress vengono rilasciati ogni 152 giorni, e ogni uscita prende il nome da un musicista jazz. Questo perché, secondo la roadmap ufficiale di WordPress, “gli sviluppatori del core di WordPress condividono l’amore per la musica jazz”.

WordPress è disponibile in 72 lingue e queste sono in aumento, e il 71% dei siti WordPress ha impostato l’inglese come lingua principale.

Statistiche su WordPress di Automattic

Le seguenti statistiche su WordPress sono associate ad Automattic, spesso indicata come la società che sta dietro a WordPress, ma questa affermazione semplifica eccessivamente le cose. Per essere onesti, WordPress è continuamente migliorato grazie al lavoro di molti contributor open source che non ricevono necessariamente compensi per il tempo che dedicano a questo progetto.

A parte i contributi al CMS di WordPress, Automattic è anche impegnata in una serie di progetti che hanno un impatto sull’ecosistema di WordPress, tra cui Jetpack, WooCommerce, Simplenote, Akismet e Gravatar.

A partire da maggio 2014, Automattic era valutata 1,16 miliardi di dollari. Attualmente impiega 873 persone che lavorano in remoto da tutto il mondo. La cultura del lavoro a distanza è così forte in questa azienda che la gente ha smesso di presentarsi al suo ufficio di San Francisco e Automattic l’ha chiuso.

Per quanto riguarda il lavoro a distanza, uno dei nuovi progetti di Automattic è Happy Schedule, il primo di una linea di strumenti chiamata “Happy Tools”, creata per aiutare i team remoti.

Happy Schedule, il tool di Automattic per pianificare il supporto clienti 24/7

Happy Schedule, il tool di Automattic per pianificare il supporto clienti 24/7

Statistiche sui Plugin di WordPress

Queste statistiche su WordPress si concentrano sui plugin. I plugin estendono le funzionalità di base del CMS di WordPress per permettere agli utenti di personalizzarlo per le loro specifiche esigenze. Esistono molti plugin gratuiti e a pagamento disponibili sul mercato, che vi consentono di apportare modifiche a WordPress adatte ai vostri budget.

Al momento della pubblicazione, ci sono oltre 55.000 plugin nella directory dei plugin di WordPress, con tante nuove soluzioni aggiunte ogni giorno. Considerando tutto quello che c’è nella directory dei plugin di WordPress, fino ad oggi questi plugin hanno ricevuto complessivamente oltre 1 miliardo di download!

Repository di WordPress

Repository di WordPress

Nei dati raccolti dal 15 aprile 2016 al 16 aprile 2019, sono stati pubblicati 18.262 plugin. Di questi plugin:

  • Il 3% non è mai stato aggiornato
  • Solo 30 plugin pubblicati negli ultimi tre anni hanno superato le 100.000 installazioni. Il plugin installato più volte è il Classic Editor, con oltre 4 milioni di installazioni attive (questo numero è sicuramente correlato alla lenta adozione di Gutenberg). Segue da vicino Elementor Page Builder, con oltre 2 milioni di installazioni attive.
  • Circa il 57% dei plugin non è mai stato valutato (non hanno recensioni).
  • Il 76% dei plugin ha un link ad una homepage.
  • Il 47% dei plugin ha un pulsante di donazione.

Tra i migliori e più popolari plugin di WordPress di tutti i tempi ci sono:

  • Yoast SEO: un must per coloro che utilizzano il proprio sito WordPress come blog, in quanto aiuta a migliorare il punteggio SEO complessivo per i vostri contenuti. Yoast SEO conta al momento oltre 176 milioni di download.
  • Akismet: un plugin creato da Automattic per bloccare i commenti spam. Akismet vanta al momento oltre 133 milioni di download, probabilmente perché cattura circa 5 milioni di commenti spam all’ora!
  • Jetpack: altro prodotto Automattic, Jetpack vi aiuta con il marketing, il design e la sicurezza. Jetpack ha quasi 120 milioni di download.
  • Wordfence Security: con oltre 121 milioni di download, questo plugin vi aiuta a proteggere il vostro sito aggiungendo un firewall. Wordfence è anche un’ottima azienda da seguire per essere aggiornati sulle ultime minacce alla sicurezza di WordPress.
  • Contact Form 7: questo plugin vi consente di creare semplici moduli di contatto per il vostro sito. Si integra con Akismet per prevenire lo spam e conta oltre 112 milioni di download.

A parte le soluzioni gratuite, Visual Composer e Slider Revolution sono tra i plugin a pagamento più venduti. Questo potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che vengono pre-impacchettati con molti temi disponibili su Envato Market.

Parlando di Envato Market, CodeCanyon è la divisione plugin di questa azienda. Su CodeCanyon, ci sono più di 6.000 plugin premium in vendita. L’80% delle ricerche su CodeCanyon è incentrato sulle funzionalità, il che significa che gli utenti cercano specificamente plugin che abilitano cursori, calendari, moduli e così via.

Statistiche su WooCommerce

Un altro popolare plugin per WordPress è WooCommerce, che aggiunge funzionalità di ecommerce al vostro sito WordPress. Alimenta oltre 70 milioni di negozi di ecommerce su WordPress e il 22% del primo milione di siti che utilizzano tecnologie di eCommerce.

Banner di WooCommerce

Banner di WooCommerce

Come WordPress, anche WooCommerce è gratuito, ma dovrete pagare se desiderate utilizzare una delle oltre 300 estensioni WooCommerce che forniscono funzionalità aggiuntive, come i campioni di varianti di prodotto e la possibilità di vendere abbonamenti.

Nuovo sfidante nel mercato dell’ecommerce di WordPress, BigCommerce ha di recente lanciato una semplice soluzione di ecommerce per WordPress (assicuratevi di leggere: Introduzione alla costruzione di siti web con Gatsby e WordPress). Al momento di questa pubblicazione, il plugin WordPress di BigCommerce ha oltre 600 installazioni attive e cresce ogni giorno.

Il plugin BigCommerce

Il plugin BigCommerce

Statistiche sui Temi di WordPress

Queste statistiche di WordPress si focalizzano su temi di WordPress o su una collezione di template e fogli di stile che definiscono l’aspetto e la visualizzazione di un sito WordPress.

Come i plugin, ci sono sia temi gratuiti che a pagamento. La maggior parte dei temi WordPress è alimentata da editor “what you see is what you get” (WYSIWYG), che aiutano l’utente a vedere le modifiche in tempo reale mentre procedono nella configurazione. Questa funzionalità è stata introdotta in WordPress e creata da Shane Melaugh e Paul McCarthy.

Se avete appena iniziato o avete esigenze semplici, potete scaricare molti temi WordPress gratuitamente nella directory dei temi di WordPress, che rilascia temi gratuiti predefiniti ogni anno, con un semplice titolo che rappresenta l’anno di pubblicazione (ad esempio “Twenty Twenty“). I primi temi WordPress predefiniti erano noti semplicemente come “WordPress Classic” e “Default” (o Kubrick).

Se avete un budget dedicato ai temi premium (a pagamento), tra i siti web più popolari per la ricerca delle opzioni ricordiamo Envato Market (precedentemente noto come ThemeForest).

Parlando di Envato Market, ci sono decine di designer in questo marketplace che hanno venduto temi per più di 1 milione di dollari. In effetti, su Envato Market viene venduto un articolo ogni 5 secondi. Inoltre, ci sono oltre 11.000 temi su Envato Market, con il 70% delle ricerche incentrate su temi di nicchia.

I principali temi venduti su Envato Market includono:

  • Avada: un tema reattivo e multi-purpose con oltre 500.000 vendite.
  • X: un tema super veloce con oltre 200.000 download.
  • Enfold: un altro tema multi-purpose con 181.000 download.

Il 93% delle vendite su Envato Market riguarda temi reattivi e il costo medio di un tema (indipendentemente dal marketplace) è $59.

Costo medio di un tema WordPress

Costo medio di un tema WordPress

Se vi stufate facilmente quando pensate al vostro tema WordPress, o se siete sviluppatori di siti web che hanno bisogno di accedere a diverse opzioni di temi, in media l’abbonamento ad un tema (per aziende come TeslaThemes o Themes Kingdom) ha un costo annuale di 145 dollari.

Quando si vanno a considerare tutti i temi di WordPress, Divi (6%), Avada (4%) e Genesis Framework (7%) sono i temi più popolari di tutti i tempi.

Se scegliete di creare un design completamente personalizzato per un sito WordPress, la spesa preventivabile va da 500 a oltre 52.800 dollari.

Statistiche sulla Sicurezza di WordPress

Queste statistiche riguardano la sicurezza generale di WordPress.

WordPress è generalmente considerato sicuro, ma non è privo della sua quota di violazioni dei dati. Dato che è il CMS più grande e più popolare, è anche il più incline all’hacking (leggi: WordPress Hacked: Cosa fare quando il tuo sito è in difficoltàla prevenzione delle frodi nel commercio elettronico).

Sucuri, un plugin per la sicurezza, segnala che il 90% delle sue richieste di pulizia nel 2018 provenivano da WordPress.

Piattaforme infette nel 2018

Piattaforme infette nel 2018

Le più comuni infezioni da malware in WordPress sono backdoor, download drive-by, pharma hacks, redirect malevoli e password rubate.

Secondo diverse fonti:

La più grande violazione dati che ha colpito WordPress è avvenuta nel 2011, quando 18 milioni di utenti sono stati compromessi a causa di un attacco.

Un’altra delle più grandi violazioni dati che ha colpito WordPress è stata la Panama Papers Leak del 2016, che ha interessato 2,6 TB di dati, 11,5 milioni di documenti e 4,8 milioni di email. La causa? Un sito web che non aveva l’ultima versione del plugin Slider Revolution!

Il plugin iThemes Security ha subito la violazione della sicurezza più ironica avvenuta fino ad oggi.

Per prevenire violazioni dei dati come quelle descritte sopra, in questo elenco di statistiche di WordPress, è importante che gli utenti mantengano costantemente aggiornati il core, i plugin e i temi di WordPress.

Statistiche della Community di WordPress

La community di WordPress è eterogenea, composta da persone che rappresentano età, razze, background e competenze diverse, accomunate dal reciproco amore per il software. La community di WordPress è generalmente conosciuta come utile e amichevole, con molte persone che contribuiscono agli aggiornamenti software e vengono coinvolti nell’organizzazione di eventi gratuiti per aiutare le persone a imparare ad utilizzare meglio WordPress.

I WordCamp sono eventi no-profit organizzati da volontari in tutto il mondo. Gli eventi WordCamp possono rappresentare città, regioni o addirittura paesi. Nuove località si aggiungono regolarmente quando i membri della community si fanno avanti per assumersi la responsabilità dell’organizzazione degli eventi, in base alle crescenti richieste in aree che non dispongono ancora di un WordCamp stabile.

Il primo WordCamp è stato organizzato nel 2006 da Matt Mullenweg a San Francisco. A partire dalla pubblicazione di questo articolo, ci sono stati 990 WordCamp in 73 città, in 65 paesi e 6 continenti.

WordCamp nel mondo

WordCamp nel mondo

Gli eventi dei WordCamp vogliono essere accessibili al maggior numero possibile di partecipanti, e la vendita dei biglietti parte da 40 dollari per 2 giorni. Il prezzo dei biglietti copre i costi logistici, come l’utilizzo di un determinato luogo – i relatori non sono pagati. Gli sponsor globali e locali aiutano a sovvenzionare il costo dei biglietti per mantenere la partecipazione a prezzi accessibili.

Se vi manca un evento WordCamp cui speravate di partecipare, ricordate che potete guardare i video dei talk su WordPress.tv.

WordPress.tv

WordPress.tv

I WordCamp sono nati dai meetup WordPress, che sono riunioni a tema su WordPress più piccole e intime. Esiste un account ufficiale per i meetup di WordPress su Meetup.com, cui sono associati oltre 740 gruppi di meetup e più di 370.900 membri.

A parte i WordCamp, tra gli eventi WordPress più popolari ricordiamo:

Statistiche sui Guadagni con WordPress

Ci sono diversi modi per guadagnare soldi con WordPress, e possono essere molto redditizi. Un quarto degli utenti di WordPress vive a tempo pieno con il CMS.

Alcuni modi per guadagnare su WordPress sono:

  • Essere sviluppatori/designer WordPress, creatori/sviluppatori di temi/plugin, aziende di hosting, professionisti SEO (o agenzie) e avviare un servizio di manutenzione di WordPress.
  • La metà dei creatori di temi per WordPress su Envato Market hanno guadagnato almeno $1000 al mese e il 5% guadagna oltre $10.000 al mese. Meno del 4% di tutti i temi presenti su Envato Market ha guadagnato meno di $1000.
  • Gli sviluppatori di WordPress si fanno pagare da $20 a $100 l’ora (il limite inferiore dello spettro comprende persone provenienti da paesi con un costo della vita più basso).

Riepilogo

Nato nel 2003, WordPress ha ora più di 15 anni. Molto è cambiato dalla sua nascita, ma le funzionalità principali della piattaforma – per consentire agli utenti di avviare i propri blog – saranno sempre una caratteristica del software. WordPress si è anche evoluto nel tempo ed è ora utilizzato da ogni tipo di impresa, dalle classiche aziende alle aziende Fortune 500.

C’erano delle statistiche specifiche su WordPress che speravate di leggere in questo articolo, ma che non abbiamo trattato? Twittate le vostre considerazioni su @Kinsta_IT e condivideremo con voi le nostre statistiche preferite!


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24x7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani