Iniziare e monetizzare un blog non è mai stato più facile di quanto lo sia oggi.

Non molto tempo fa, la creazione di un sito web vi sarebbe costata migliaia se non decine di migliaia di dollari di installazione e manutenzione. Monetizzare un sito web era altrettanto difficile. PayPal era nato da poco, Stripe non esisteva e l’email marketing non era flessibile neanche lontanamente come è invece adesso.

Oggi però potete avviare, mantenere e monetizzare un blog su WordPress con poche centinaia di dollari (la cifra può variare in base a ciò che dovete fare). Ma solo perché oggi è più facile guadagnare con il proprio blog, non significa che la maggior parte dei blogger lo faccia.

Secondo il report sullo stato dei blog di ConvertKit del 2017, l’anno scorso i blogger professionisti hanno registrato un guadagno medio di $138.064, mentre i blogger dilettanti (che costituivano l’86% degli intervistati) hanno realizzato solo $9.497.

È terribile, soprattutto se si considera che la maggior parte dei blogger avvia un blog per essere i capi di se stessi e abbandonare il noiosissimo lavoro da 8 ore su 5 giorni.

Perché hai aperto il tuo blog?

Perché hai aperto il tuo blog? (origine immagine: ConvertKit)

Quindi, come si passa dall’essere un blogger amatoriale a essere uno di quei professionisti che raggiungono ricavi a sei cifre ogni anno?

Bene, avete bisogno di un solido piano di marketing, e questo include contenuti, una nicchia redditizia e un’ottima strategia di monetizzazione.

Avete anche bisogno di fare un po’ di calcoli veloci.

Quando Dovreste Iniziare A Monetizzare Il Vostro Blog?

Non esiste un numero fisso per quanto riguarda il traffico o la lunghezza che deve avere una lista di email per fare soldi con il vostro blog, perché tutto dipende da ciò che vendete e da come lo vendete.

Tuttavia, chiarire subito due cose vi aiuterà molto:

  1. Ottenere traffico regolare: non avete bisogno di decine di migliaia di visitatori, ma avere almeno un migliaio di visitatori al mese significa che state facendo le cose nel modo giusto.
  2. Far crescere la propria lista di email: di nuovo, qui non dovete mirare a qualcosa di pazzesco. Vi mostreremo esempi di persone che avevano una piccola lista, ma che comunque sapevano come usarla a proprio vantaggio.

Queste due cose sono importanti, ma, soprattutto, monetizzare il blog in modo efficiente è tutta una questione di numeri.

Ad esempio, se avete bisogno di guadagnare $6.000 dal vostro blog:

  • Potete vendere un prodotto da $200 (ad esempio un corso) a 30 persone.
  • Oppure vendere un corso da $600 a 10 persone.
  • Ed anche chiedere $6.000 per una consulenza ad un cliente.

La monetizzazione è matematica, non magia.

Questo non significa che la chiave per la monetizzazione sia semplicemente aumentare i prezzi di ciò che vendete. Significa piuttosto che dovreste scegliere una strategia di monetizzazione che si allinei con la posizione in cui si trova il vostro blog o dove volete che sia in futuro.

In questo articolo vi mostreremo come monetizzare un blog e fare soldi online, sia se ricevete migliaia di visualizzazioni di pagina al mese, sia se siete appena agli inizi.

Mostreremo alcune solide strategie utilizzate da altri blogger per generare un reddito dai propri blog in diverse nicchie e vi spiegheremo come fare lo stesso con il vostro blog.

La monetizzazione è matematica, non magia. 🧙♂️ Ma devi scegliere una strategia che sia in linea con i tuoi obiettivi. Click to Tweet
  1. Diventate Blogger Freelance Nella Vostra Nicchia
  2. Vendete Ebook Al Vostro Pubblico
  3. Create e Vendete Corsi Online
  4. Iniziate un’attività Di Coaching o Consulenza
  5. Offrite un Piano Di Adesione a Pagamento
  6. Fare Soldi con la Pubblicità a Display (Annunci a Banner)
  7. Diventate Marketer Affiliati
  8. Generate Entrate Con Messaggi Sponsorizzati e Recensioni
  9. Vendete Prodotti Fisici Al Vostro Pubblico
  10. Vendete Prodotti Digitali Al Vostro Pubblico
  11. Avviate Un Virtual Summit nella Vostra Nicchia
  12. Accettate Donazioni sul Vostro Blog
  13. Avviate Un Podcast

1. Diventate Blogger Freelance Nella Vostra Nicchia

Uno dei modi più semplici per guadagnare dal vostro blog è diventare un writer freelance per i blog più importanti nella vostra nicchia.

Pensateci, probabilmente avete aperto il vostro blog perché avete esperienza/conoscenza in quell’area, quindi perché non usarle a vostro vantaggio?

Le aziende sono alla ricerca di persone che possono creare contenuti per spingere le loro attività di marketing, quindi chi potrebbe creare quel contenuto meglio di qualcuno che ha già conoscenze in quella nicchia.

Il blogger freelance Bamidele Onibalusi ha utilizzato il suo blog, Writers in Charge, per mostrare i suoi contenuti di marketing e aumentare il suo pubblico. Ora fa il blogger a tempo pieno per altre aziende.

Secondo i dati di Glassdoor, il il freelancer medio negli Stati Uniti guadagna circa $40mila all’anno. Tenete presente che questa cifra dipende dal vostro livello di esperienza e dalla nicchia in cui scrivete.

Ecco uno schema di quanto potete guadagnare in diverse nicchie in base ai dati forniti dalla Editorial Freelance Association:

Quanto fanno i writer freelance per nicchia

Quanto fanno i writer freelance per nicchia (origine immagine: Contena Community)

Potreste non essere in grado di fissare queste tariffe all’inizio, ma, man mano che esperienza e credibilità aumentano, potrete aumentare le vostre tariffe. Attenzione però a non chiedere troppo poco all’inizio.

Chiedere $10 per un articolo potrebbe sembrare un modo semplice per iniziare a fare clienti, ma in realtà può far perdere clienti di qualità perché le vostre conoscenze vengono messe in discussione, per non dire, poi, che un guadagno così scarso farebbe perdere motivazione.

Dato che siamo in tema di tariffe, è meglio prevedere compensi per progetto, piuttosto che stabilire una tariffa oraria, dal momento che può essere difficile determinare quanto tempo ci vorrà per completare un’attività, soprattutto quando si è all’inizio della propria attività da freelance.

L’addebito di una tariffa in base al progetto stesso vi consente di essere premiati per concludere il lavoro più rapidamente, e i vostri clienti sanno già quanto pagheranno fin dall’inizio.

Secondo WriteWorldwide, ecco quanto potete addebitare per progetto durante il vostro primo anno come writer freelance, indipendentemente dalla vostra nicchia o dalla precedente esperienza come writer.

Quanto chiedere per la scrittura

Quanto chiedere per la scrittura (origine immagine: Write Worldwide)

La cosa migliore dello scrivere da freelance è che non avete bisogno di molto traffico sul vostro blog per iniziare a guadagnare, tutto quello che interessa alle aziende è solo che voi possiate scrivere ottimi contenuti.

Jorden Roper, ad esempio, ha guadagnato 5.000 dollari nel suo quarto mese da writer freelance e Jennifer Gregory tira fuori sei cifre all’anno dalla sua attività di writer freelance.

Come blogger freelance, il vostro compito è quello di creare contenuti scritti che attraggano i visitatori del sito web di un’azienda, in modo che alcuni di questi visitatori possano per l’azienda convertirsi in clienti.

Secondo il report del 2019 del Content Marketing Institute, i marketer sono disposti a spendere di più per la creazione di contenuti e il 50% dei marketer intervistati prevede un aumento del budget del content marketing nel 2019.

Aumento di spesa per la creazione di contenuti B2B

Aumento di spesa per la creazione di contenuti B2B (origine immagine: CMI SlideShare)

Se ci sono aziende che fanno soldi nel vostro settore, e finché queste aziende creano contenuti, allora potete scommettere che hanno bisogno di writer.

Si noti che ho detto che l’azienda deve fare soldi. Uno dei peggiori errori che potete fare come blogger freelance è quello di scegliere un settore in cui le aziende non possono permettersi di pagarvi.

Ad esempio, scrivere di arte potrebbe essere un’idea per divertirvi e potreste avere un’ampia conoscenza, ma quanti blog possono pagarvi regolarmente per scrivere al riguardo?

Il percorso verso la redditività come blogger freelance passa attraverso il posizionamento nel mercato giusto.

Un modo rapido per verificare se ci sono soldi da fare nel vostro settore è quello di trovare almeno dieci writer che coprono la nicchia di mercato in cui volete scrivere. Potete farlo semplicemente facendo una ricerca su LinkedIn con le parole chiave relative alla vostra nicchia.

Ad esempio, se cerco persone con il titolo esatto di “freelance personal finance writer” su LinkedIn ottengo circa 42 risultati. Potete anche farlo senza virgolette per una ricerca più ampia che genererà un maggior numero di risultati.

Freelance personal finance writer search su LinkedIn

Freelance personal finance writer search su LinkedIn

È un modo semplice per verificare la validità del vostro settore.

Abbiamo già stabilito che non avete bisogno di molto traffico per guadagnare soldi come writer freelance, ma questo non significa che le persone troveranno senz’altro il vostro blog e vi assumeranno.

Dovete uscir fuori e promuovere il vostro servizio.

Quando avrete creato esempi di scrittura sul vostro blog e magari guest post su altri blog, potrete iniziare a contattare le aziende per le quali desiderate scrivere.

Potete anche utilizzare marketplace indipendenti come Upwork, SEOclerks e Fiverr. Ma, sebbene ci siano alcuni writer freelance che fanno un sacco di soldi, come Danny Marguiles che ha realizzato più di 100k dollari all’anno su Upwork, la maggior parte degli scrittori freelancer su queste piattaforme fa davvero pochi soldi.

Per evitare la corsa al ribasso che c’è nei marketplace dei freelance, dovrete cercare di farvi notare in prima persona.

Come Trovare Blog per cui Scrivere

Il modo migliore per trovare nel vostro settore aziende o blog per cui scrivere è semplicemente fare una ricerca su Google per parole chiave correlate e vedere cosa succede.

Perché chiaramente, i blog che compaiono nelle prime pagine di Google stanno investendo molto nel content marketing.

Ad esempio, se stessi cercando blog per cui scrivere nel settore del fitness, un semplice ricerca con termini come “Fitness blog” mi mostra questo:

Ricerca Google per fitness blog

Ricerca Google per fitness blog

Potete anche cercare termini correlati in modo più specifico al vostro settore. Ad esempio, nel caso del fitness, qualcosa come “Programmi di allenamento”:

Ricerca Google per programmi di workout

Ricerca Google per programmi di workout

Ora, tutto ciò che dovete fare è contattare i proprietari del blog e promuovere il vostro servizio di scrittura da freelance.

Sfruttate il Vostro Sito

Oltre a cercare nuovi occasioni di scrittura, dovreste anche approfittare del vostro sito, dopotutto sei uno writer.

Usate l’inbound marketing e la SEO per indirizzare persone verso il vostro sito, dove potrete offrire i vostri servizi di writing e blogging.

Writer freelance, Maddy Osman fa proprio questo sul suo sito, The Blogsmith.

Tariffe di scrittura della freelance Maddy Osman

Tariffe di scrittura della freelance Maddy Osman

2. Vendete Ebook Al Vostro Pubblico

Vendere di ebook è una delle soluzioni più popolari che i blogger scelgono per monetizzare i propri blog. È perfetto perché è relativamente facile da creare e di solito ha un prezzo che la maggior parte dei visitatori possono permettersi.

Ma gli ebook fanno ben più che permettere ai blogger di monetizzare rapidamente i loro blog. Come blogger, vendere un ebook può essere il modo più veloce per verificare che le persone siano interessate a quello che state facendo tanto da pagarlo.

Gli ebook sono anche una soluzione a basso rischio per i visitatori del vostro sito web perché consente loro di valutare il valore che acquisiscono prima di comprare prodotti più costosi.

Contrariamente alla credenza popolare, non avete bisogno di molto traffico sul vostro blog per fare soldi con i libri. Ad esempio, David Oudiette ha convertito la conoscenza che aveva acquisito costruendo landing page, in un ebook da 252 pagine a 39 dollari.

Non aveva molto traffico sul suo blog perché tutto quello che faceva all’epoca era la consulenza, ma David è stato in grado di generare oltre 13.000 dollari di entrate dal suo ebook.

L'ebook The landing page cookbook

L’ebook The landing page cookbook (origine immagine: your landing page sucks!)

Ecco cosa ha dovuto fare David per vendere tanti libri:

  • Ha chiesto agli iscritti del suo blog informazioni sulla loro landing page, ha dato loro consigli gratuiti e poi li ha indirizzati al suo libro.
  • Ha risposto alle domande e ha fornito dei feedback sulle landing page su Quora e Reddit, quindi ha pubblicato il suo libro come ulteriore fonte di informazioni.
  • David ha aggiunto il libro anche su Product Hunt.
  • Ancora più impressionante, David ha inviato email a freddo alle aziende e ha dato loro un feedback gratuito sulle loro landing page, quindi ha risposto ai loro riscontri e ha aggiunto un link al suo libro.

Quindi David non ha avuto molto traffico, ma ha fatto molto lavoro.

E c’è anche Taylor Pearson, che ha venduto oltre 5.000 libri in quattro settimane e nel 2015 ha realizzato oltre 60 mila dollari con quel libro. Taylor a quel tempo aveva appena 700 iscritti alle email.

Taylor attribuisce il successo del suo libro a poche cose:

  • Aver reso i fan del suo blog dei beta readers durante la fase di scrittura.
  • Aver creato un gruppo su Facebook per comunicare i progressi del suo libro ai lettori principali. (Leggere: Come creare una pagina Facebook)
  • Aver inviato il libro a tutti sul gruppo di Facebook in modo che potessero lasciare una recensione onesta su Amazon.
  • Aver informato tutti coloro che erano nella sua lista sui progressi del libro, cosa che li ha resi maggiormente coinvolti e per questo dei probabili acquirenti del prodotto in seguito.
  • Aver sincronizzato i messaggi nei social media durante e dopo il lancio.
  • Aver inviato un’email personalizzata riguardante il suo libro a ciascuno dei suoi contatti Gmail.
  • Aver dato delle copie in giveaway per promuovere il libro.

Il libro è diventato un bestseller nella sezione delle piccole imprese di Amazon, e il resto è storia.

L'ebook The End of Jobs

L’ebook The End of Jobs (origine immagine: Amazon)

La cosa eccezionale di entrambi questi esempi è che dimostrano che, con il giusto marketing e un buon libro, non avete bisogno di tanti iscritti e certamente non dovete essere writer esperti.

Nessuno di questi autori ha pubblicato e sperato. Invece, hanno fatto un sacco di lavoro per far decollare i loro libri.

Dove Vendere il Vostro Ebook

Potete scegliere di vendere il vostro ebook direttamente sul vostro blog o attraverso piattaforme come Gumroad o Podia.

Vendere il vostro ebook sul vostro sito può essere vantaggioso, in quanto otterrete il 100% dei profitti. Ad esempio, Harsh Agrawal di ShoutMeLoud ha un’intera sezione del suo sito esclusivamente dedicata ai suoi vari ebook.

Gli ebook di ShoutMeLoud

Gli ebook di ShoutMeLoud

Potete creare facilmente qualcosa di simile con il plugin WordPress Easy Digital Downloads.

Se scegliete di pubblicare il vostro ebook come Kindle di Amazon, potete mantenere solo il 70% dei profitti, ma con il vantaggio che più libri vendete più visibilità potete ottenere, e ciò porta a un numero ancora maggiore di vendite.

La vendita di ebook non è limitata ad una nicchia particolare. Ci sono ebook su blog, fotografia, fitness e qualsiasi cosa vi possa venire in mente.

Ad esempio, se avete un blog che insegna a fare giardinaggio, potete vendere un ebook che insegna al vostro pubblico in modo dettagliato come coltivare il proprio giardino o una pianta particolare.

Potete persino riutilizzare alcuni dei contenuti che avete già scritto sul vostro blog e aggiungere maggiori dettagli e contesti.

Come Realizzare il Libro

Se non avete il tempo o le capacità per scrivere un libro da solo, potete assumere i ghostwriter per farlo al posto vostro.

Potete trovare ghostwriter su LinkedIn, Scripted, Upwork e anche Fiverr. Tenete presente che, come qualsiasi cosa, ottenete quello per cui pagate. Ghostwriter con maggiore esperienza vi costeranno più dei principianti.

Potete anche creare la copertina del vostro libro con strumenti come Canva, Photoshop e Snappa oppure potete pagare un servizio come 99designs e lasciare che sia un professionista a crearlo per voi.

3. Create e Vendete Corsi Online

Un altro modo per monetizzare il vostro blog è vendere corsi online. Quello che che trattiene la maggior parte dei blogger dal creare il proprio corso è che pensano che sia necessario essere una sorta di esperto per insegnare in un corso.

Ma questo non è vero, tutto ciò che vi serve davvero per insegnare in un corso è sapere più delle persone a cui insegnate ed essere in grado di presentare le informazioni in un modo in cui le persone ne trarranno qualcosa di utile.

Ramit Sethi di IWT guadagna milioni dai corsi che crea non perché sia ​​un pianificatore finanziario certificato, ma perché aiuta le persone a eliminare problemi dalle proprie vite.

Corso di finanza

Corso di finanza (origine immagine: I Will Teach You To Be Rich)

Non è necessario essere uno chef certificato per creare un corso in cui si insegna alle persone come cucinare. Se riuscite a cucinare meglio della maggior parte delle persone e a creare il materiale del corso in modo da insegnare davvero alle persone a cucinare, non c’è nulla che vi possa trattiene dal creare il vostro corso.

Sempre più persone seguono corsi online, mai come ora. Il settore dell’e-learning dovrebbe crescere fino a circa 325 miliardi di dollari entro il 2025.

Inoltre, non è necessario essere un influencer come Ramit Sethi per ottenere un reddito decente dai propri corsi.

Ci sono persone come Joseph Michael, che ha fatto 40 mila come newbie che insegna ai writer come utilizzare il popolare software di scrittura Scrivener.

Corso Scrivener

Corso Scrivener (origine immagine: Scrivener Coach LLC)

Joseph non aveva migliaia di visitatori o una gigantesca mailing list. Ha venduto il suo corso raggiungendo influencer e promuovendo il suo corso nei webinars in cui ha parlato.

Come Trovare le Idee dei Corsi

Se avete già un pubblico, dovete semplicemente individuare un problema condiviso da molti che potete risolvere.

Modi per Identificare i Punti Dolenti che il Vostro pubblico Deve Risolvere:

  • Inviate un sondaggio: il modo più veloce per sapere quali problemi hanno le persone tra il vostro pubblico è chiederglielo. Potete farlo inviando un semplice sondaggio via email.

Ramit Sethi ha fatto proprio questo. Ecco una delle sue email inviate poco prima del nuovo anno:

Sondaggio email

Sondaggio email

  • Leggete i commenti del blog: la sezione dei commenti può essere un tesoro di idee se si presta loro attenzione. E se non avete tanti commenti sul vostro blog, potete leggere i commenti in altri blog del vostro stesso settore.
Commento in un blog

Commento in un blog (origine immagine: Nerd Fitness)

Se però non avete un pubblico, potete comunque trovare le idee per il vostro corso ragionando su un elenco delle cose che fate meglio della maggior parte delle persone.

Ecco alcune domande che possono aiutarvi a capirlo:

  • Per cosa si complimentano con voi i vostri amici?
  • Per quali consigli le persone si rivolgono a voi?
  • Quali sono le cose per cui chi è intorno a voi si lamenta, ma per cui voi non avete problemi?
  • Cosa avete imparato dal vostro lavoro passato?
  • Cosa potete fare meglio della maggior parte delle persone che conoscete?

Joseph sapeva come usare Scrivener, un software che la maggior parte delle persone considerava troppo complesso. Nel vostro caso, potrebbe trattarsi di suonare uno strumento o applicare una medicazione. Se potete farlo meglio della maggior parte delle persone, allora potete anche insegnarglielo.

L’Hosting dei Vostri Corsi

Potete scegliere di pubblicare i vostri corsi su WordPress, nel qual caso manterrete la maggior parte del profitto generato dal vostro corso, ma dovreste configurare tutto da soli o assumere uno sviluppatore per l’aiuto necessario.

Ci sono anche piattaforme di terze parti per l’hosting dei vostri corsi. Queste piattaforme richiedono un canone mensile o una percentuale sulle vendite e in cambio avete una piattaforma più professionale per il vostro corso.

Estensioni WordPress per i Vostri Corsi

Piattaforme di Terze Parti per l’Hosting dei Vostri Corsi

4. Iniziate un’attività Di Coaching o Consulenza

A volte le persone desiderano avere istruzioni più dettagliate e personalizzate di quelle che possono esserci in un libro o in un corso, e quindi si rivolgono a un coach individuale (o consulente, a seconda del tipo di servizi che offrite).

Fare coaching o consulenza è una strategia di monetizzazione cui si rivolge la maggior parte dei blogger che hanno avuto successo nella vendita di libri e di corsi e che vogliono creare un flusso di entrate aggiuntivo.

Ma non è solo per blogger affermati. La consulenza può anche essere la vostra strategia di monetizzazione sin dall’inizio.

Il coaching, come la maggior parte delle strategie di monetizzazione che abbiamo già trattato, si basa sulla capacità di utilizzare le proprie competenze ed esperienze per aiutare le persone a risolvere i propri problemi.

Ad esempio, Brennan Dunn aiuta le aziende a vendere di più con l’automatizzazione del marketing, e chiede circa 9.000 dollari per una consulenza, e Nagina Abdullah guadagna oltre 100mila dollari all’anno da clienti che vogliono perdere peso.

Ecco uno snapshot del guadagno di Nagina durante l’anno:

Consulting revenue

Consulting revenue (Image source: Growthlab)

Se state già guadagnando con libri e corsi, prendete in considerazione l’offerta di una consulenza individuale alle persone del vostro pubblico.

E se siete appena agli inizi, il basso volume della consulenza significa che potete iniziare a generare entrate senza avere molto traffico.

Con la consulenza non è solo una questione del volume di traffico che si genera, ma di ottenere il giusto tipo di traffico, cioè le persone che hanno bisogno dei vostri servizi e possono permettersi di pagarvi.

Ciò significa scrivere post mirati su argomenti che interessano il vostro tipo di clienti, significa parlare sul podcast seguito dal vostro pubblico e andare agli eventi in cui questo si ritrova, in modo da farvi conoscere.

5. Offrite un Piano Di Adesione a Pagamento

Le aziende con modelli di abbonamento stanno diventando sempre più popolari, tanto che alcuni hanno iniziato a chiamarla Subscription Economy.

A cominciare da Netflix, i provider di hosting web e i siti ad iscrizione fanno tutti parte della Subscription Economy.

Subscription Economy

Subscription Economy (origine immagine: Emma)

Un sito ad iscrizione è una sezione controllata del vostro business online in cui i membri sottoscrivono abbonamenti mensili o annuali per ricevere vantaggi esclusivi.

Le persone nella vostra community hanno un interesse in comune e i benefici per cui pagano possono essere articoli esclusivi, consigli, relazioni, webinar, incontri di persona o semplicemente stare con persone che la pensano allo stesso modo.

I siti ad iscrizione non solo vi permettono di raggiungere più persone, ma danno a tutti anche un senso di comunità e appartenenza.

Una cosa che mi piace dei siti ad iscrizione è che tutti fanno parte di un gruppo, che se ne rendano conto o meno.

Ciò significa che, se siete interessati a qualcosa, il mondo è così grande e Internet è così connesso che potete sempre trovare altre persone come voi.

Ad esempio, Ryan Levesque amava le orchidee e sapeva come farle crescere, così ha creato Orchids made easy, dove offre ai suoi iscritti contenuti esclusivi e fornisce loro una piattaforma dove possono incontrarsi e imparare dagli altri amanti di Orchid.

Gli iscritti di Ryan pagano $9,95 ogni mese e, dal momento che ha 1.800 membri, questo ha portato le sue entrate ad un fantastico reddito da 18 mila dollari al mese.

Club

Club (origine immagine: Orchids Made Easy)

Ancora meglio, a seconda di quanto chiedete per il vostro abbonamento, non vi serve molto traffico.

Will Hamilton di Fuzzy yellow balls insegna ai tennisti come migliorare il loro gioco e una volta aveva 600 membri che gli pagavano 25 dollari ogni mese. Sono più di 15.000 dollari al mese da sole 600 persone, e questo già nel 2010.

Potete creare un sito ad iscrizione per quasi tutto, purché le persone che avete scelto come target abbiano soldi e siano impegnate.

Ad esempio, i giocatori di tennis fanno ore di pratica per essere bravi, quindi sono impegnati e spendono denaro per le attrezzature da tennis, quindi hanno denaro da spendere.

Un altro ottimo esempio sono i golfisti. I golfisti sono disposti a impegnarsi per migliorare la loro abilità e anche a spendere soldi per le attrezzature.

Il che probabilmente è il motivo per cui Sean Ogle of Breaking Eighty ha ottenuto che 150 membri si iscrivessero al suo blog sul golf nei primi 8 mesi di vita. Gli iscritti a Breaking Eighty pagano da $250 a $500 all’anno.

Se avete un pubblico dedicato e che già spende soldi per migliorarsi, allora la creazione di un sito ad iscrizione potrebbe essere la cosa più redditizia che potete fare. Potete iniziare a fare migliaia di dollari facilmente con solo poche centinaia di membri.

Quando si tratta di creare e gestire il proprio sito ad iscrizione, è possibile utilizzare plugin di WordPress o piattaforme di terze parti.

Gestire Siti ad Iscrizione su WordPress

Gestire Siti ad Iscrizione con Strumenti di Terze Parti

Nella blogosfera c’è odio nei confronti degli annunci a video. Moltissimi dicono che è un cattiva strategia di monetizzazione perché non ci si può guagagnare granché.

Nella maggior parte dei casi, potrebbero ragione, ma c’è un motivo per cui gli annunci a display sono ancora popolari nonostante tutti i commenti negativi che ricevono.

Il motivo è che funzionano e sono il modo più veloce, anche se non il più redditizio, per iniziare a guadagnare con un sito web.

Infatti, alcuni blogger iniziano con annunci a display fina a quando non riescono a trovare strategie di monetizzazione più redditizie. A molti, quei primi pochi euro danno una motivazione sufficiente per portare avanti il blog.

Ad esempio, Alborz Fallah di Car Advice ha iniziato a guadagnare dal suo sito web quando un amico lo ha convinto a mettere sul suo blog gli annunci a display di Google Adsense. Gli annunci hanno permesso ad Alborz di non far nulla sul suo blog e guadagnare $200 al giorno, mantenendo il suo lavoro a tempo pieno.

Lettura consigliata: 22 migliori alternative AdSense da prendere in considerazione per il tuo sito web nel 2019.

Poi Alborz ha iniziato a lavorare direttamente con le case automobilistiche, che hanno pagato fino a $30.000 per accordi di sponsorizzazione. Tutto questo non sarebbe stato possibile se quell’amico non lo avesse convinto a monetizzare il suo blog con Adsense.

Alborz non è l’unico ad aver avuto successo con gli annunci a display, così come l’imprenditore Jon Dykstra di Fat Stacks.

Ecco un’istantanea di 30 giorni di entrate Adsense di Jon.

Reddito da annunci pubblicitari

Reddito da annunci pubblicitari (origine immagine: Authority Hacker)

Non male per una povera strategia di monetizzazione, giusto?

Jon dice che il segreto del successo di Adsense è il posizionamento ottimale degli annunci, generando molto traffico sui numerosi siti che possiede e selezionando nicchie in cui gli annunci a display funzionano.

Un ottimo plugin gratuito per WordPress che potete utilizzare per ottimizzare il posizionamento degli annunci è Ad Inserter. Con questo strumento, potete facilmente eseguire A/B test sui vostri annunci per vedere quali sono quelli dalle prestazioni migliori, ed anche personalizzare il modo e la posizione in cui vengono visualizzati sul vostro sito web.

Ad esempio, se desiderate pubblicare un annuncio nel vostro articolo, ma solo dopo i primi due paragrafi del contenuto, potete farlo facilmente.

Con gli annunci non avete bisogno di un vostro prodotto da vendere, ma avete bisogno di traffico, e più ne riuscite a generare, meglio è.

Potrebbe volerci un po’ di tempo prima che gli annunci inizino a funzionare bene per voi. Dovrete far crescere il blog e migliorare il vostro content marketing, ma alla fine ci arriverete.

Gli annunci non devono nemmeno essere permanenti, ma possono costituire solo un modo temporaneo di fare soldi con il vostro blog, fino a quando non trovate un modo migliore per monetizzare.

Ma viviamo nell’era degli ad-blocker e questi hanno effetti negativi sulle vostre entrate.

7. Diventate Marketer Affiliati

Non si puà scrivere un articolo su come guadagnare con un blog senza parlare del marketing di affiliazione. Questo costituisce uno dei modi più comuni in cui i blogger fanno soldi online.

In effetti, il marketing di affiliazione alimenta gran parte del Web, circa il 15% delle entrate del settore dei media digitali proviene dal marketing di affiliazione e negli Stati Uniti il ​​marketing di affiliazione genera tanti ordini e-commerce quanto le email.

Con il marketing di affiliazione, promuovete i prodotti di altre aziende in cambio di una commissione per ogni vendita che contribuite a concludere.

I marketer affiliati lavorano come la maggior parte dei venditori. Aiutano a promuovere e vendere il prodotto di un’azienda e ottengono una commissione quando qualcuno compra.

Ecco una descrizione visiva di come funziona:

Come funziona il marketing di affiliazione

Come funziona il marketing di affiliazione (origine immagine: HubSpot)

È davvero così semplice, diciamo che ad esempio la vostra commissione sia di 5 dollari per ogni vendita, e se fate in modo che 200 persone acquistino quel prodotto, guadagnate $1.000.

Ciò che attira le persone al marketing di affiliazione è che potete semplicemente avere un ottimo prodotto da vendere al vostro pubblico.

Con il Marketing di Affiliazione Avete Bisogno Solo di Tre Cose

  1. Una nicchia di mercato (sembra scontato, vero? 😉).
  2. Un prodotto affiliato.
  3. E un pubblico cui promuovere il prodotto.

Costruite il vostro pubblico scrivendo su argomenti relativi alla vostra nicchia e, una volta che avete un pubblico, potete trovare prodotti da reti di affiliazione come:

Abbiamo anche un programma di affiliazione anche qui da Kinsta. Il programma di affiliazione di Kinsta si presenta con il 10% di commissioni periodiche a vita, e molti blogger stanno già guadagnando un alto reddito passivo grazie al nostro programma.

Affiliate pie

Potete anche dare un’occhiata ai prodotti di affiliazione promossi su altri blog del vostro settore, e contattare personalmente quelle aziende.

Una cosa da tenere a mente quando monetizzate il vostro blog con il marketing di affiliazione è che dovreste concentrarvi sul fornire valore ai vostri lettori e non solo lanciare prodotti per concludere una vendita.

Caso in esame, i migliori marketer affiliati non si riconoscono nemmeno come marketer affiliati.

Prendiamo, ad esempio, Ryan Robinson, che guadagna ogni mese, attraverso il suo blog, decine di migliaia di dollari in reddito da affiliazione.

Ricavi da affiliazione

Ricavi da affiliazione (origine immagine: Ryan Robinson)

Ryan crea molti contenuti di valore per i suoi lettori e, promuovere prodotti che gli piacciono e che usa, viene percepito come qualcosa di naturale.

Dal momento che sempre più aziende ora hanno programmi di affiliazione, potete iniziare a promuovere prodotti indipendentemente dalla nicchia in cui vi trovate.

8. Generate Entrate Con Messaggi Sponsorizzati e Recensioni

Guadagnare con post e recensioni sponsorizzate è uno dei modi meno comuni di monetizzare un blog, probabilmente perché è necessario disporre di molto traffico e credibilità per riuscire a farlo.

Con post e recensioni sponsorizzate, un blogger farà pagare ad un’azienda una commissione per scrivere del proprio prodotto sul blog e dare la propria opinione. Il prodotto viene esposto al pubblico del blogger e il marchio ottiene visibilità e nuovi clienti.

Quando pensate al marketing degli influencer, la vostra mente tira fuori le immagini degli influencer che conoscete su Instagram e Youtube.

Ma scrivere post sponsorizzati sul vostro blog è influencer marketing e sta esplodendo proprio ora. Oltre il 63% delle aziende che già utilizzano l’influencer marketing, prevede di aumentare la propria spesa quest’anno.

Il marketing dell’influencer ha già registrato un’enorme crescita e nel 2019 si prevede una dimensione del mercato di circa 6,5 miliardi di dollari.

Influencer marketing growth

Influencer marketing growth (Image source: Influencer Marketing Hub)

Quando promuovete un prodotto sul vostro blog, ricordatevi di dare un feedback onesto al riguardo perché non vale la pena perdere la fiducia dei vostri lettori per pochi dollari.

Ad esempio, Matthew Woodward, che chiede quasi 1.000 dollari per una recensione sponsorizzata, dice chiaramente sulla sua pagina sulla pubblicità che una recensione a pagamento non è necessariamente una buona recensione.

Il fatto di essere trasparente con il suo pubblico gli permette di mantenere la fiducia che ha costruito, fiducia che è molto più preziosa di $1.000.

Michelle Gardner di Making sense of cents, che chiede circa 5.000 dollari per un post sponsorizzato e guadagna da 10 a 20.000 dollari al mese dai post sponsorizzati, scrive principalmente su prodotti e servizi che usa lei stessa. In questo modo può garantire alle persone del suo pubblico che anche loro li ameranno.

Ecco un commento su un prodotto che ha recensito sul suo blog che spiega cosa intendo dire:

Coinvolgimento in recensioni di alta qualità High-quality

Coinvolgimento in recensioni di alta qualità High-quality (origine immagine: Making Sense of Cents)

Come ho già detto, l’unico aspetto negativo dei post sponsorizzati è che è necessario avere una solida presenza online prima che le aziende possano pagarvi qualcosa di sostanzioso.

Le aziende hanno bisogno di sapere che pagare un post sponsorizzato porterà a vendite sicure, per considerare valido un investimento. Quindi i post sponsorizzati potrebbero non essere il miglior sistema di monetizzazione per i principianti, ma sono ottimi per i blogger più affermati.

Se il vostro blog sta già generando traffico, potete iniziare a contattare le aziende del vostro settore di cui utilizzate già prodotti o servizi, e offrirvi di scrivere un post o una recensione sponsorizzati.

Ad esempio, se scrivete di tecnologia, potete fare recensioni sponsorizzate per le aziende che realizzano campanelli, computer portatili, macchine fotografiche, ecc.

Alexis Schroeder di Fit Financials scrive di fitness e finanza personale, quindi, quando ha iniziato a generare traffico sufficiente, ha contattato le aziende nel campo della finanza personale e del fitness.

Alexis chiede da 750 a 1.500 dollari per post e solo da questi fa una media di 3.000 dollari al mese.

9. Vendete Prodotti Fisici Al Vostro Pubblico

Un altro modo per monetizzare il vostro blog è vendere prodotti direttamente al vostro pubblico. Alcuni blogger si spostano addirittura dalla vendita di pochi articoli al lancio, accanto al blog, di siti web di ecommerce a tutti gli effetti.

Il famoso negozio di e-commerce Beardbrand, ad esempio, è partito come un blog in cui il fondatore, Eric Bandholz, scriveva sulla toelettatura della barba, prima di iniziare a vendere i prodotti per la cura della barba per cui Beardbrand è noto oggi.

Eric ha trasformato il blog sulla sua barba in un business che è stato pubblicato su New York Times, Inc, Shark Tank e che ora fa più di 100 mila dollari al mese.

Beardbrand

Beardbrand (origine immagine: Beardbrand)

Eric non è l’unico ad aver scoperto che vendere prodotti al proprio pubblico è un modo eccellente di monetizzare il proprio blog.

Matthew Inman of The Oatmeal fa circa 375.000 dollari all’anno vendendo prodotti legati ai fumetti che disegna sul suo blog.

Sia Eric che Matthew possono monetizzare i loro blog in questo modo perché hanno costruito una community dedicata che voleva seriamente ciò che offrivano.

Se avete già creato un vostro pubblico, uno dei modi più profittevoli per monetizzare è vendere prodotti direttamente a queste persone.

Si fidano già di voi e, dal momento che li conoscete, probabilmente ne sapete di più rispetto alla maggior parte dei produttori e dei rivenditori.

Shari Lott ha avviato Spearmint Baby come blog per le madri e, mentre faceva crescere la sua presenza online, ha cominciato a imparare di più su ciò che voleva il suo pubblico di madri.

Shari ha lanciato Spearmint LOVE, un negozio di ecommerce che vendeva vestiti per bambini, e in meno di cinque anni è diventato un business che ha fatturato 1,5 milioni di dollari nel 2016.

Sito ecommerce di abbigliamento per bambini

Sito ecommerce di abbigliamento per bambini (origine immagine: Spearmint LOVE)

Se avete già un pubblico, cominciate a prestare attenzione ai suoi problemi e cercate di vendere qualcosa che aiuti a risolverli.

10. Vendete Prodotti Digitali Al Vostro Pubblico

A volte il modo migliore per risolvere i problemi del pubblico non è vendere un prodotto fisico, ma software e prodotti digitali.

Clay Collins ha avuto l’idea di Leadpages dal suo blog, in cui scriveva sull’ottimizzazione delle landing page. Quando Clay ha iniziato a distribuire gratuitamente i template di landing page, scoprì che la gente ne voleva di più.

Volevano personalizzarli, integrarli con i loro strumenti ed anche effettuare test separati, e così ha creato Leadpages. Un’azienda che ora ha 38 milioni di dollari di finanziamenti e genera 25 milioni di dollari all’anno.

Se avete altre competenze, oltre al blogging e alla creazione di ebook, non li sprecate. Se sapete programmare, potete creare software o plugin di WordPress e poi venderli al vostro pubblico già esistente.

Anche se non sapete programmare, potete sempre assumere uno sviluppatore. Omar Zenhom di Webinar Ninja ha costruito la prima versione del suo prodotto con gli sviluppatori che ha assunto da Freelancer.

Potete persino vendere prodotti digitali come template, temi e persino registrazioni audio al vostro pubblico, se questo li può aiutare a risolvere un problema.

Ad esempio, Relaxing White Noise vende brani audio che aiutano i loro ascoltatori a rilassarsi e ad addormentarsi, e The Luxe Lens vende template Lightroom e Photoshop ai fotografi. Sito web di macchine fotografiche Shotkit vende Lightroom per guadagnare una commissione.

The Luxe Lens

The Luxe Lens

Potete persino vendere stampabili come Jennifer di lifeismessyandbrilliant che vende pianificatori digitali e adesivi sul suo blog.

11. Avviate Un Virtual Summit nella Vostra Nicchia

Se seguite le tendenze di Internet, probabilmente avete già sentito parlare di summit virtuali o forse vi avete avete partecipato.

I virtual summit, o conferenze web, sono diversi dai webinar.

La distinzione principale è che i virtual summit sono molto più interattivi e coinvolgenti. Sono essenzialmente conferenze a cui potete partecipare online con un ospite, sessioni di domande e risposte e più relatori che trattano un argomento specifico.

Ora, sebbene gli stessi summit virtuali sono di solito a partecipazione libera, è possibile accedervi solo per un periodo di tempo limitato. L’organizzatore ricava la maggior parte delle entrate dalla vendita di un “pass illimitato” che consente ai partecipanti di consultare il materiale della conferenza ogni volta che lo desiderano.

Tom Morkers, che gestisce il summit $100k Launch School, ha ricavato più di 20.000 dollari dalla vendita di tutti i pass di accesso dopo un summit.

Summit $100k Launch School

Summit $100k Launch School

Chi ospita virtual summit guadagna anche dalla vendita di prodotti correlati, come piani di adesione e corsi sull’argomento.

Ciò che rende i virtual summit un’ottima strategia di monetizzazione anche per i neofiti è che non è necessario essere un noto blogger per ospitarne uno. Principalmente perché stai attirando credibilità intervistando altri influencer nel vostro spazio.

Ad esempio, Jon Schumacher aveva solo circa 2.000 iscritti alla sua email quando ha lanciato il suo Webinar Mastery Summit.

Il summit non solo ha portato a quasi 26.000 dollari di vendite dopo soli 10 giorni, ma ha anche aggiunto altri 2.854 iscritti alla sua mailing list.

Esistono virtual summit per quasi tutte i settori che si possono immaginare. Ad esempio, nel campo della pubblicazione, c’è il Best Seller Summit, che insegna come scrivere e pubblicare un best seller.

E il Membership Site Summit insegna agli imprenditori come lanciare e far crescere un sito di affiliazione di successo.

Se avete già creato un pubblico, anche se non è grande, potete creare un summit virtuale collaborando con influencer del vostro settore.

Il modo migliore che conosco per trovare influencer con cui mettersi in contatto in qualsiasi nicchia di mercato, è utilizzare uno strumento come Buzzsumo.

Tutto quello che dovreste fare, sarebbe andare alla home page di Buzzsumo e digitare la parola chiave della vostra nicchia.

Ad esempio, se volessi tenere un summit virtuale sulla pubblicazione di libri, inserirò “book publishing” nella casella di ricerca.

Inserire una chiave di ricerca in Buzzsumo

Inserire una chiave di ricerca in Buzzsumo

Quindi fate clic sulla scheda Influencer:

Influencer di Buzzsumo

Influencer di Buzzsumo

Potete quindi filtrare in base al conteggio dei follower, al tasso di risposta e ai criteri che vi interessano di più.

Quando avete trovato gli influencer della vostra nicchia, potreste essere tentati di contattarli immediatamente e chiedere loro di parlare al vostro summit, ma questo funziona raramente.

Invece, dovreste creare con loro una relazione lentamente prima di fare qualsiasi tipo di domanda. Iniziate seguendoli su Twitter, quindi leggete, commentate e scrivete dei guest post sui loro blog. In altre parole, dovreste offrire un valore prima di fare una domanda.

12. Accettate Donazioni sul Vostro Blog

Potete monetizzare il vostro blog anche permettendo al vostro pubblico di fare delle donazioni. Questo funziona molto bene se siete un ente no profit.

Potete accettare donazioni con plugin WordPress come Give, Charitable e PayPal Donations.

Ecco come il plugin di donazioni Charitable appare sulla pagina della campagna Uganda Water Project:

Uganda Water Project

Uganda Water Project

Ora, sebbene accettare donazioni sia la norma per le organizzazioni non profit, queste possono essere utilizzate anche per monetizzare i blog che non sono senza scopo di lucro.

Potresti essere un po’ scettici sul modo in cui le donazioni possano funzionare per un blog, così lo sono stato anche io fino a quando ho iniziato a leggere di blogger come Scott Alexander di Slate Star Codex, che guadagna 2.493 dollari ogni mese da soli 410 fan su Patreon. Tenete presente che Scott è blogger solo part-time, ed ha un lavoro quotidiano.

patreon

Scott Alexander is creating blog posts (origine immagine: Patreon)

Ci sono anche blogger come Tim Urban di Wait But Why, che guadagna oltre 12 mila dollari al mese solo su Patreon.

Questo non significa però che qualsiasi blog possa fare soldi con le donazioni.

Per la maggior parte dei blogger che ho citato, c’è voluto un bel po’ di tempo per cominciare ad avere dalle donazioni entrate sostanziali.

Questo perché avete bisogno di avere un pubblico davvero dedicato per far funzionare le donazioni sul vostro blog, e per questo è necessario che diate prima un sacco di preziosi contenuti gratuitamente.

Ad esempio, Tim Urban passa tra le 40 e le 80 ore a scrivere e a fare ricerche per creare uno dei suoi post, alcuni dei quali sono più lunghi degli ebook venduti da altri.

È un sacco di lavoro per qualcosa che dà via gratuitamente.

Il suo pubblico lo comprende e ama tanto il lavoro di Tim da sostenerlo con le donazioni. Tim non sarebbe stato in grado di ottenere donazioni se avesse sfornato ogni settimana solo liste di 100 parole.

Come accettare le donazioni sul vostro blog:

Finora ho portato esempi di persone che accettavano donazioni con la piattaforma Patreon o utilizzando plugin di donazioni per WordPress.

Ma voi quale dovresti usare? Dipende da cosa è più importante per voi.

Accettare donazioni su Patreon può essere più costoso perché c’è una commissione del 5% sulle entrate e dovete anche pagare un altro 5% in commissioni di transazione.

In cambio, avete una piattaforma che gestisce tutti gli ricarichi e i pagamenti rifiutati. Inoltre è facile accettare donazioni e gestire i donatori con il minimo sforzo. Patreon ha anche un plugin per WordPress che ci aiuta a fare soldi con i contenuti del vostro blog.

Se scegliete di utilizzare i plugin di WordPress, d’altra parte, pagherete meno canoni ma dovrete configurare quasi tutto da soli. Dovrete anche occuparvi degli errori di transazione e creare un modo per gestire i donatori da soli.

Quindi, in sostanza, se volete iniziare il più rapidamente possibile, e non vi importa di pagare di più per una piattaforma già pronta, Patreon è una grande opzione. Se non vi preoccupa dover organizzare da soli le donazioni e gestire personalmente i donatori, i plugin di WordPress sono perfetti.

13. Avviate Un Podcast

Il podcasting sta esplodendo proprio adesso. Secondo Paid Insights, ad aprile 2019, ci sono oltre 700.000 podcast attivi e oltre 29 milioni di episodi.

Più gente sta iniziando ad ascoltare i podcast in tutto il mondo. Ecco la percentuale della popolazione che ora ascolta i podcast su tutto il pianeta:

The State of Podcasting

The State of Podcasting (origine immagine: Statista)

Se avete già un blog, un podcast può costituire un modo davvero intelligente per ottenere maggior traffico.

I podcast sono grandiosi soprattutto quando siete un nuovo arrivato, perché la maggior parte dei blog della vostra nicchia ha più contenuti scritti di voi.

Ma quanti di loro hanno un podcast?

I podcast sono ciò che ha permesso a John Lee Dumas di Entrepreneur on Fire di passare da 69.879 dollari di entrate nel 2012 a 1.545.090 dollari nel 2018.

Il podcast Entrepreneur on Fire

Il podcast Entrepreneur on Fire (Fire Nation)

I podcast stanno andando così bene che anche i blogger più famosi come Noah Kagan e Darren Rowse ora hanno un podcast affianco al loro normale contenuto del blog.

I podcast non vi aiutano solo a mettere in vista il vostro nome e a generare più traffico per il vostro blog. Può anche essere un’altra fonte di entrate.

Con un pubblico abbastanza ampio, potete iniziare a vendere spazi di sponsorizzazione sul vostro podcast alle aziende che vogliono raggiungere il vostro pubblico.

Andrew Warner di Mixergy genera entrate aggiuntive offrendo alle aziende la possibilità di raggiungere il suo pubblico di imprenditori attraverso il suo podcast.

Ecco due dei suoi sponsor per un’intervista che ha fatto con il fondatore di Codementor:

Sponsor podcast

Sponsor podcast (origine immagine: Mixergy)

Dove Ospitare il Vostro Podcast?

Per iniziare a fare Podcasting, avrete bisogno di un posto dove ospitare i vostri file audio, proprio come viene ospitato il vostro sito web.

Un host multimediale è un’azienda che consente di archiviare i file audio in modo che possano essere trasmessi in streaming e scaricati dagli ascoltatori.

Ecco alcuni host multimediali per podcast:

  • Libsyn
  • Blubrry
  • Buzzsprout
  • e Transistor

Esistono anche plugin di WordPress che possono aiutarvi a gestire e persino ospitare i vostri podcast, come Seriously Simple Podcasting, Smart Podcast Player e Simple Podcast Press.

Che Cosa è Necessario per Avviare un Podcast

La maggior parte delle persone sopravvaluta ciò di cui ha bisogno per avviare un podcast, e quindi non iniziarà mai. Ma, se avete già un computer, avrete bisogno di poche altre cose per iniziare, come ad esempio:

  • Un microfono: potete acquistarne uno per soli $10 su Amazon.
  • Una cuffia: probabilmente ce l’avete già.
  • Software di editing audio: ci sono opzioni gratuite come GarageBand (Mac) o Audacity (Windows).
  • Hosting di podcast: potete trovare piani a soli $12 al mese.
  • Un account Skype o Zoom: se pensate di inserire interviste nel vostro show.

È così, ora potete iniziare a creare episodi da far ascoltare al mondo intero.

Riepilogo

Sebbene sia più facile che mai avviare un blog, la maggior parte dei blogger, come mostra lo studio ConvertKit, ha difficoltà a monetizzarlo. Il blogging da solo non genera entrate, a meno che non sia possibile trovare una strategia di monetizzazione che vada bene per il vostro blog.

E come la maggior parte degli esempi ha dimostrato, non è necessario tanto traffico o lead per iniziare a generare reddito dal vostro blog. E sebbene la vostra nicchia di mercato sia importante, non è il fattore principale che determinerà il vostro successo.

Abbiamo visto persone fare soldi con tennis, barbe, golf, vestiti per bambini, automobili e persino orchidee.

Quello che vi serve è una buona comprensione dei numeri necessari per aver successo con la vostra strategia di monetizzazione e la determinazione a lavorare sodo per promuovere ciò che avete da offrire.

Leggere questo articolo è il primo passo, ci auguriamo che adesso abbiate le strategie e gli strumenti per iniziare a fare soldi con il vostro blog.

Avete altri buoni suggerimenti per guadagnare da un blog? Se è così, condivideteli qui sotto.

21
Condivisioni