Se lavorate con WordPress da un po’, è possibile che abbiate più di qualche sito all’attivo. Se i vostri siti hanno alcune cose in comune, potreste chiedervi: esiste un modo più efficiente per seguirli, invece che gestirli come installazioni individuali?

WordPress Multisite potrebbe essere quello che state cercando. Vi permette di creare un network sulla vostra installazione di WordPress, il che significa che potete eseguire tutti i siti che desiderate dentro la stessa rete, su un’unica istanza di WordPress. Pensate a questo: WordPress.com è un ottimo esempio di installazione multisito di WordPress che accoglie milioni di siti.

In questo articolo, vi guiderò attraverso tutto ciò che dovete sapere per installare WordPress Multisite e trarne il massimo beneficio.

Ecco di cosa parleremo:

WordPress Multisite è un argomento vasto e che tocca molti aspetti. Ma non è difficile da seguire e una volta letto e compreso questo articolo, saprete tutto ciò di cui avete bisogno per gestire una rete multisito in WordPress.
Quindi iniziamo identificando esattamente cosa è WordPress Multisite.

Cos’è WordPress Multisite?

WordPress Multisite è un modo per aggiungere più siti all’installazione di WordPress. È una funzione che potete aggiungere al vostro sito WordPress già esistente o nuovo di zecca. Per attivare WordPress Multisite, aggiungete alcune righe di codice a un paio di file nella vostra installazione di WordPress (che vi mostrerò a breve). Quindi create dei siti nella vostra rete. Il sito esistente rimane lì, con il suo URL invariato, mentre i nuovi siti vengono aggiunti in alto.

Installazione di WordPress vs WordPress Multisite (Differenze Chiave):

  • Il numero di siti individuali.
  • I ruoli utente: l’attivazione del Multisite aggiunge il ruolo di amministratore di rete.
  • Accesso a temi e plugin: solo l’amministratore di rete può installarli.
  • Le schermate di amministrazione – il Multisite aggiunge alcune schermate per la gestione del network.
  • La modalità di archiviazione dei contenuti multimediali: il Multisite aggiunge cartelle extra per i caricamenti su ciascun sito.
  • La modalità di archiviazione dei dati: il Multisite crea delle tabelle di database aggiuntive per ciascun sito ma archivia alcuni dati (ad esempio gli utenti) per l’intero network.

Diamo un’occhiata più da vicino a ogni punto.

Ruoli Utente in WordPress Multisite: da Utente Amministratore ad Amministratore di Rete

Quando installate WordPress Multisite, diventate l’amministratore di rete con privilegi di amministrazione per qualsiasi sito che create sul vostro network. Potete anche consentire ad altre persone di creare i loro siti all’interno della rete e renderli amministratori per quel sito.

Gli amministratori del sito hanno livelli di accesso inferiori rispetto a quelli di un amministratore di rete. Come amministratore di rete, potete installare temi e plugin, mentre un amministratore del sito può attivarli per il suo sito (o siti), ma non può installarne di nuovi. Questo vi aiuta a mantenere sicuro il vostro network, perché evitate che gli amministratori di un sito individuale aggiungano codice che potrebbe compromettere l’intera rete.

Gli amministratori del sito possono aggiungere nuovi utenti, ma quegli utenti avranno accesso solo ai singoli siti a cui vengono aggiunti e non a tutti quelli sulla rete. Gli utenti vengono memorizzati una volta per l’intera rete, quindi potete consentire agli utenti esistenti di accedere a più siti senza aggiungere un altro account. Piú avanti nel corso di questo articolo vi mostrerò come WordPress Multisite archivia i dati utente e altri dati.

WordPress Multisite e Nomi di Dominio

Un’altra differenza chiave tra un’installazione standard di WordPress e una rete di siti multipli è il nome di dominio. La vostra rete ha lo stesso URL del sito in cui è stata configurata. Quindi, se il vostro sito è su ilmiosito.com, anche la rete si trova a quell’indirizzo.

Quando si attiva il Multisite, bisogna specificare se verranno utilizzati dei sottodomini (site1.mysite.com) o delle sottodirectory (mysite.com/site1). Puoi anche mappare altri domini sul vostro network in modo che i singoli siti si comportino come se fossero nel proprio dominio: per quanto riguarda gli utenti, avranno l’impressione di utilizzare la propria installazione autonoma di WordPress.

Il più grande esempio al mondo di un network WordPress Multisite è WordPress.com. Ospita milioni di siti di varie dimensioni, dai blogger di mamme alle grandi aziende, e lo fa gestendo i dati in modi complessi e personalizzati di cui non dobbiamo preoccuparci ora. Ci sono altre organizzazioni che utilizzano WordPress Multisite: vi mostrerò alcuni esempi in questo articolo così che possiate identificarvi.

La pagina di registrazione a WordPress.com

La pagina di registrazione a WordPress.com

Potreste pensare che tutto questo non fa che aggiungere un ulteriore livello di complessità, e che sarebbe più semplice eseguire più installazioni di WordPress. Ma il Multisite ha molti vantaggi, quindi vediamoli in modo più dettagliato.

Vantaggi di WordPress Multisite

Ho una confessione da fare: sono di parte. Sono un grande fan di WordPress Multisite e lo uso da anni per creare siti personali e dei miei clienti.

Ma c’è una ragione per questa preferenza, ed è che WordPress Multisite è un ottimo strumento. Se state gestendo più siti WordPress, vi farà risparmiare tempo e vi renderà più efficienti.

Il Multisite potrebbe fare al caso vostro se:

  • Installate gli stessi plugin su tutti i siti che lanciate (e.g. performance, sicurezza, SEO).
  • Usate un framework come parent theme su molteplici siti.
  • Avete sviluppato più siti per i diversi rami di una stessa organizzazione, mantenendo gli elementi in comune come il marchio o la struttura.
  • Avete trascorso più tempo del dovuto aggiornando molteplici siti quando avreste preferito trascorrere il tempo a svilupparli o a gestirli.

Codice Più Efficiente

L’esecuzione di più siti su uno stesso network significa meno codice. Non importa quanti siti vi siano attivati sopra: esisterà solo un set di file WordPress di base e solo una copia di ciascun tema e plugin.

Ciò significa che il vostro network sta occupando meno spazio del server che quando eseguite un’installazione WordPress separata per ogni sito. Più siti aggiungete, più spazio si occupa. Potete risparmiare tempo e soldi sull’hosting mantenendo il codice aggiornato.

Sviluppo Più Efficiente

Se state sviluppando siti con temi personalizzati, potreste avere un tema base che usate come punto di partenza. Questo potrebbe essere un framework, un semplice tema parent o un tema starter.

Lavorando in Multisite, è possibile installare quel tema una volta, utilizzarlo come WordPress-tema principale per i temi attivati ​​sui singoli siti della rete e risparmiare tempo.

Quando ho iniziato a lavorare con i clienti, ho sviluppato un tema framework per tutti i miei siti. Lo installavo in ogni nuova installazione di WordPress per ogni cliente e poi creavo un tema child da attivare per il singolo sito. Ora ho solo quel tema framework nella mia rete multisito e ogni sito ha il suo child theme.

Ciò è particolarmente utile se i vostri siti avranno elementi di design in comune. Se state creando siti per più divisioni di un’azienda, ad esempio, potete creare un tema principale con tutti gli elementi di progettazione e layout comuni, quindi sviluppare un tema figlio per ciascun sito e attivare per ciascuno il sito pertinente.

Questo non solo permette di salvare (e aggiornare) più istanze del tema principale, ma anche potete mostrare contenuti degli altri siti del network attraverso i siti della vostra azienda. Potete cioè creare qualcosa di più di una semplice raccolta di singoli siti.

Gestione Più Efficiente

Mantenere aggiornata la rete di un WordPress Multisite sarà molto più efficiente che fare lo stesso per più installazioni di WordPress.
Dovete solo aggiornare tutti i temi e i plugin del vostro network una volta sola, indipendentemente da quanti siti vi siano attivi.

Quando eseguite un tema o un plugin su più siti sarà particolarmente importante effettuare test rigorosi, poiché dovrete replicarli su tutti i siti rilevanti. Potete usare l’ambiente di staging di Kinsta per testare gli aggiornamenti sullo staging, e poi mandarli live quando siete soddisfatti del risultato.

WordPress Multisite: Casi d’Uso Più Comuni

Esistono molti modi diversi per utilizzare un sito WordPress. Vediamo alcuni esempi.

Siti Personali

Se gestite più di un sito personale, potete risparmi tempo emigrando a un’installazione Multisite. È una cosa che faccio spesso. Tengo tutti i miei siti su una singola rete multisito, per tre motivi:

  • Hanno un codice in comune (il tema principale e un certo numero di plugin)
  • Risparmio tempo e spazio sul server quando li aggiorno.
  • Voglio poter mostrare i dati di un sito del mio network su un altro sito della stessa rete.

Per mappare i singoli nomi di dominio su ciascun sito, uso il domain mapping, così per quanto riguarda gli utenti, questi sono siti separati.

Ospitare i Siti di Clienti

Quando ho iniziato a costruire siti per i clienti, avevo una checklist di plugin WordPressche installavo su ognuno. Usavo anche lo stesso parent theme per ciascuno di essi.

Quando ho scoperto WordPress Multisite, mi sono reso conto che avrei potuto essere più efficiente migrando tutti questi siti sulla stessa rete, mantenendo lì il codice aggiornato. Significa anche che ho solo una installazione di WordPress per mantenere al sicuro e per il backup. Tutto ciò mi permette di risparmiare tempo e fatica.

Potete usare il domain mapping per mappare il dominio del cliente sul suo sito, e questo si applicherà anche alle schermate di amministrazione e al sito pubblico. In questo modo, i vostri clienti non devono preoccuparsi del fatto che state utilizzando un Multisite per ospitare il loro sito (anche se i
Se gestite siti per diverse divisioni di un’azienda, usare WordPress Multisite può essere molto efficiente.

Avete solo una installazione di WordPress da aggiornare, potrete condividere dati e utenti tra i diversi siti, e utilizzare lo stesso tema principale e gli stessi plugin in tutto il network. Ciò vi farà risparmiare tempo durante lo sviluppo del sito e nella sua gestione in un secondo momento.

BBC America è un esempio di business che utilizza un network Multisite per un numero crescente di siti: ogni show ha il proprio sito nel network.

Il sito Web della BBC America

Il sito Web della BBC America

Intranet

Se usare il Multisite per un sito pubblico non fa per voi, potreste scoprire che l’utilizzo di WordPress Multisite per una rete Intranet aziendale funziona meglio che avere un grande sito WordPress o molteplici siti più piccoli.

L’uso del Multisite per una intranet aziendale significa che potete:

  • Aggiungere siti individuali per ciascuna divisione e dare ai dipendenti l’accesso solo a quelli appropriati.
  • Aggiungere ogni dipendente come utente una sola volta e dar loro l’accesso ai siti di cui hanno bisogno.
  • Condividere i contenuti tra i siti, ad esempio visualizzando gli aggiornamenti del sito centrale nella homepage dei singoli siti.

La sola gestione dell’utente renderà questa opzione molto più efficace di qualsiasi altro approccio.

Network di Community

I gruppi di community e le organizzazioni hanno bisogno di una presenza online ma possono trovarla costosa. L’uso di un network multisito per ospitare siti di più gruppi farà risparmiare denaro e migliorerà l’opportunità per tali gruppi di collegarsi in rete.

Potete installare plugin che permettono agli utenti del sito di seguire i blog degli altri e di comunicare tra loro nelle schermate di amministrazione, condividendo anche i contenuti tra i siti.

E con una sola installazione di WordPress per la quale acquistare l’hosting, potreste risparmiare un sacco di soldi.

WordPress Multisite è utilizzato da enti di beneficenza, non profit ed enti educativi: un esempio è l’Università della British Columbia, che utilizza il Multisite per ospitare una rete di blog per docenti e studenti.

Blog della UBC

Blog della UBC

Monetizzazione

Gestire una rete multisito è un ottimo modo per monetizzare con WordPress. WordPress.com è un esempio di business che ha creato soldi profitti offrendo alle persone dei siti in uno stesso network, ma ce ne sono altri come edublog, che ospita siti e blog educativi.

edublogs

edublogs

Potete utilizzare il vostro sito di base (quello su cui avete attivato il Multisite) per eseguire una pagina tramite cui le persone possono creare il proprio sito sulla vostra rete, decidendo se rendere il servizio gratuito o a pagamento. Quindi potete offrire piani ai proprietari di blog, che vanno da gratuiti a premium, con livelli intermedi.

Tramite il ruolo dell’amministratore di rete potete fornire supporto ai proprietari dei blog e comunicare con loro tramite notifiche e aggiornamenti, e creare una comunità di utenti.

Questi sono alcuni dei modi in cui potete usare il Multisite. Ora diamo un’occhiata a come attivarlo sul vostro sito WordPress.

Come Impostare e Attivare WordPress Multisite

Quando configurate WordPress Multisite, avete due opzioni: potete attivarlo su un sito nuovo o potete aggiungerlo a un sito esistente. Entrambi sono ugualmente validi, ma ci saranno alcune differenze.

Cominciamo con la prima opzione: come attivare il WordPress Multisite su un sito nuovo di zecca.

Attivare WordPress Multisite con l’Auto-Installer di Kinsta

Se installate WordPress usando un sistema di auto-installer fornito dalla vostra società di hosting, potreste avere la possibilità di attivare contemporaneamente il Multisite.

Quando installate WordPress in MyKinsta, avete la possibilità di attivare allo stesso tempo il Multisite. Fate clic sulla casella dobbiamo attivare il WordPress Multisite? e il Multisite verrà attivato sul vostro nuovo sito. Avete anche la possibilità di scegliere tra sottodomini e sottodirectory, cosa su cui torneremo a breve.

Attivazione del Multisite durante l'installazione di WordPress in MyKinsta

Attivazione del Multisite durante l’installazione di WordPress in MyKinsta

Attivazione Manuale del Multisite

Per l’attivazione manuale, dovete accedere ai file nell’installazione di WordPress. Usate un SFTP e un editor di codice per accedere ai vostri file. I due file che modificherete sono .htaccess e wp-config.php: entrambi si trovano nella cartella di base dell’installazione di WordPress. Fate un backup di entrambi prima di iniziare. (È sempre una buona idea eseguire anche un backup dell’intero .)

Per iniziare, aprite il file wp-config.php nel vostro editor di codice. In quel file, troverete questa riga:

/* That's all, stop editing! Happy blogging. */

Immediatamente sopra, aggiungete questa riga di codice:

define( 'WP_ALLOW_MULTISITE', true );

Ora salvate il vostro file.

Tornate all’admin del sito nel vostro browser e andate sulla schermata Network Setup che sarà stata creata (tramite Tools > Network Setup).

Vedrete una schermata che vi chiede come volete configurare la vostra rete, se usando sottodomini o sottodirectory.

Se vi viene data l’opzione, selezionate quella che volete usare (nella sezione sotto scoprirete la differenza). Immettete nei dovuti campi il titolo e l’indirizzo email dell’amministratore per la vostra rete e fate clic sul pulsante Install .

Verrete indirizzati alla schermata Network Setup. Questa schermata conterrà del codice che dovrete copiare e incollare in due file: il file wp-config.php e il file .htaccess.

La schermata Configurazione della rete

La schermata Configurazione della rete

Aprite i due file e incollate il codice da questa schermata, assicurandovi di sovrascrivere tutto ciò che vi dice di sovrascrivere.

Nota: il vostro codice sarà diverso dal codice nello screenshot sopra, perché i nostri siti sono diversi.

Salvate e chiudete quei due file e tornate all’amministratore del sito. Fate clic sul link nella schermata Network Setup per accedere alla vostra rete. Usate le credenziali di accesso che avete sempre usato.

Ora scoprirete che le schermate dell’amministratore sono leggermente cambiate. Avrete un nuovo elemento nella barra degli strumenti in alto chiamato My Sites e un altro chiamato Network Admin.

Passate il mouse sopra il link My Sites e vedrete un nuovo menu che vi porta alle schermate di amministrazione della rete. Fate clic sul link della Dashboard per accedere alla dashboard di rete.

La dashboard del network

La dashboard del network

Questa dashboard è molto simile alla dashboard di un sito WordPress standard. Non ci saranno articoli del blog, Quick Edit o qualsiasi altra cosa relativa ai contenuti, semplicemente perché la rete non ha contenuti. I contenuti si trovano tutti nei singoli siti.

Anche il menu di amministrazione a sinistra è diverso. Avrete un nuovo elemento chiamato Sites, che vi dà accesso alla creazione e alla gestione del sito. Anche alcuni degli altri menu sono leggermente diversi. Prendetevi del tempo per esplorarli e prenderci confidenza. Più tardi vedremo come utilizzare queste schermate per gestire la vostra rete.

Attivazione di WordPress Multisite su un’Installazione WordPress Esistente

Per attivare il Multisite su un sito WordPress esistente, seguite gli stessi passaggi di cui sopra. C’è solo una differenza: non sarete in grado di utilizzare le sottodirectory se il sito ha più di un mese di vita.

Questo perché più contenuti avete già aggiunto al sito, maggiore è il rischio di un conflitto tra gli URL per gli articoli e le pagine esistenti e i nuovi siti del network.
Immaginate di aver creato un sito per un’azienda chiamata McCollin Paints, che ha una suddivisione chiamata McCollin Varnishes. Potreste aver già creato la pagina mccollin-paints.com/mccollin-varnishes. Quindi create un sito nel vostro nuovo network per vernici McCollin Varnishe. Se avete utilizzato le sottodirectory, quel sito potrebbe trovarsi esattamente nello stesso URL. WordPress non può sapere quali contenuti visualizzare. (Chiedo scusa se esiste un business chiamato McCollin Paints, là fuori!)

WordPress Multisite: Sottodomini vs Sottodirectory

Ho già menzionato sottodomini e sottodirectory. Se state attivando il Multisite su una nuova installazione di WordPress, avete la possibilità di scegliere quale utilizzare. Ecco la differenza:

  • Usare i sottodomini significa che ogni sito avrà un URL come https://site1.yournetwork.com. È la soluzione preferibile se desiderate permettere ad altre persone di creare siti sulla vostra rete.
  • Se scegliete le sottodirectory, ogni sito avrà un URL simile a https://yournetwork.com/site1. Se il vostro sito ha più di un mese di vita, non disporrete di questa opzione: dovrete utilizzare i sottodomini.

Ovviamente potreste voler usare il domain mapping per mappare un nome di dominio autonomo su ogni sito del vostra network, come faccio anche io sulle mie reti. Se questo è il vostro caso, non importa se usate sottodomini o sottodirectory perché tanto non verranno mai visualizzati.

Come Gestire i Siti in un Network WordPress Multisite

Ora che avete configurato la vostra rete, il passo successivo è iniziare ad aggiungere alcuni siti. Esistono due modi per farlo: tramite le schermate di amministrazione o tramite il frontend del sito principale. Cominciamo dalla prima opzione: tramite l’amministrazione.

WordPress Multisite

: Aggiungere un Sito tramite l’Admin di WordPress

Dalla dashboard di amministrazione della rete, fate clic sul link Sites nel menu a sinistra. Verrà visualizzato l’elenco dei siti nel vostro network, supponendo che ne abbiate aggiunto alcuni. Quando iniziate, sarà vuoto.

Per creare un nuovo sito, fate clic sul pulsante Add New per passare alla schermata Add New Site:

Aggiungere un nuovo sito

Aggiungere un nuovo sito

Compilate i dettagli del nuovo sito e fate clic sul pulsante Add Site.Quando tornate sulla schermata Sites, verrà visualizzato il vostro nuovo sito. Passando il mouse sul suo nome avrete alcuni link a disposizione:

  • Modifica – per modificare le impostazioni del sito (non il contenuto).
  • Dashboard – per visitare la dashboard del sito, da cui è possibile aggiungere nuovi post e pagine e configurare il sito.
  • Disattiva – per disattivare il sito in modo che nessuno possa visitarlo.
  • Archivio – rende il sito inaccessibile ai visitatori e agli amministratori del sito, ma senza cancellarlo.
  • Spam – contrassegna il sito come spam, in modo che l’utente che lo ha creato non possa più farlo.
  • Elimina – elimina il sito e tutti i suoi dati.
  • Visita – visita il frontend del sito.

Fra queste, l’opzione più utile Modifica. Fate clic lì per vedere le schermate di modifica del sito.
Ecco un esempio di un sito esistente sulla mia rete:

La schermata Modifica Sito in WordPress Multisite

La schermata Modifica Sito in WordPress Multisite

Qui potete modificare le impostazioni principali del sito, come il nome di dominio e il titolo. Potete anche accedere alla schermata Themes dove potete specificare quali temi saranno abilitati per questo sito.

Se state ospitando i vostri siti o quelli dei clienti, vi consiglio di abilitare un tema per ciascun sito. Per una rete su cui state permettendo alle persone di creare i propri siti, è meglio abilitare più temi sul network. Potete farlo dalla schermata principale Themes nell’amministrazione del network.
Più avanti vedremo più da vicino in che modo gestire temi e plugin nel vostro network, perché è un procedimento diverso da un sito WordPress standard.

WordPress Multisite: Creazione di un Sito da Frontend

Se consentite agli utenti di creare il loro sito, lo faranno dalla schermata /wp-signup.php del sito principale.
Da questa schermata è possibile accedere con un account utente esistente e creare un sito, oppure creare contemporaneamente un sito e un account utente.

La schermata wp-signup

La schermata wp-signup

Se desiderate solo creare siti in autonomia tramite le schermate di amministrazione, potete disabilitare le registrazioni. Andate su Network Admin > Network Settings e selezionate il radio button Registration is disabled .

Se create un sito dalle schermate di amministrazione, avrete i privilegi di amministratore del sito e lo troverete nel menu a discesa My Sites. Se qualcun altro crea il sito, non avrete i privilegi di amministratore del sito e non lo troverete nell’elenco (anche se potete sempre aggiungerli come amministratore di qualsiasi sito tramite le schermate Sites).

WordPress Multisite e il Domain Mapping

La mappatura dei domini è una delle mie funzionalità preferite di WordPress Multisite. Vi permette di mappare un dominio su un sito del vostro network e di farlo funzionare come se fosse ospitato su quel dominio.

Nota: fino a WordPress versione 4.5, era necessario un plugin per farlo. Ora non più.

Per mappare un dominio su un sito, per prima cosa dovete assicurarvi che punti al vostro network. In MyKinsta, aggiungete il dominio e fate in modo che punti al vostro sito.

Una volta che il dominio punta alla vostra rete, dovrete aggiungere il nome del dominio nelle impostazioni del sito. Nelle schermate dell’amministratore di rete, andate su Sites e fate clic su Edit sotto il sito che desiderate mappare. Nella schermata di modifica del sito, aggiungete il nome del dominio.

La schermata Modifica sito del Multisite

La schermata Modifica sito del Multisite

Fate clic sul pulsante Save Changes e quel sito ora utilizzerà il nuovo dominio anziché il sottodominio o la sottodirectory del network.

Clonazione di Siti in un Network WordPress Multisite

Quando si vuole creare un nuovo sito nella rete, a volte clonare un sito esistente può accelerare il processo. Per farlo, potete installare e attivare nel network un plugin come MultiSite Clone Duplicator o NS Cloner – Site Copier.

Questo vedrete apparire un link Clone o Duplicate quando passerete il mouse sopra il nome del sito nella schermata delle impostazioni del sito. Fate clic su quel link per creare un clone del sito.

Disattivazione o Eliminazione di Siti in un Network WordPress Multisite

A volte potreste avere necessità di mettere offline un sito del network. Magari un sito personale che non state più utilizzando, o uno che appartiene a un cliente che ha annullato il suo piano di hosting.

Ci sono diverse opzioni per rimuovere un sito dalla vostra rete, a cui si accede dalla schermata Sites e facendo clic sul link pertinente sotto il nome del sito:

  • Deactivate: questa opzione disattiva il sito in modo che nessuno possa visitarlo, non senza eliminare file o dati. Il pannello amministrazione del sito rimane accessibile.
  • Archive: questa opzione rende il sito inaccessibile ai visitatori e a chi amministra il sito, ma senza eliminarlo.
  • Spam: questo segnala il sito come spam, eliminandolo e facendo in modo che l’utente che lo ha creato non possa riaprirne un altro.
  • Delete: con questo opzione potete eliminare il sito e tutti i suoi dati.

Lavorare con gli Utenti in WordPress Multisite

Lavorare con gli utenti in ambiente Multisite non è tanto diverso da quando lo si fa in un’installazione standard di WordPress, ma ci sono alcune differenze.

Gli utenti possono essere creati e gestiti dagli amministratori del sito e dall’amministratore di rete. La differenza è che chi amministra un sito può rimuovere solo i privilegi dell’utente per il proprio sito: non può rimuovere l’utente dalla rete.

Aggiungere Utenti Come Amministratore del Network (AKA Super Admin)

Per aggiungere un utente come amministratore di rete, andate su Users > Add New nelle schermate di amministrazione della rete.

Schermata Aggiungi nuovo utente

Schermata Aggiungi nuovo utente

Qui inserite il nome utente e l’indirizzo email. L’utente riceverà un’email che invita a impostare una password e ad effettuare l’accesso.

Dopo aver aggiunto un utente, potete modificarlo tramite la schermata Users nello stesso modo in cui fareste con un’installazione standard di WordPress. Esiste poi un ruolo speciale chiamato “Super Admin” che potete concedere all’utente.

Privilegi di super admin per il Multisite

Privilegi di super admin per il Multisite

L’Aggiunta di Utenti Quando Si Ha il Ruolo di Amministratore

Gli amministratori possono anche aggiungere utenti al loro sito. Può trattarsi di un utente già esistente nel network o uno completamente nuovo. Per farlo, andate su Users > Add New dalle schermate di amministrazione del sito.

Aggiungere un utente da amministratore del sito

Aggiungere un utente da amministratore del sito

Se volete aggiungere utenti esistenti, basterà inserire l’indirizzo email o il nome utente, e il ruolo che avranno su quel determinato sito.

Per nuovi utenti, invece, avrete bisogno di un nome utente (che deve essere univoco) e di un indirizzo email. Se saltate il passaggio dell’email di conferma, dovrete assegnare loro una password tramite la schermata di amministrazione: è più facile lasciare che sia WordPress a prendersi cura di questa parte.

Impostare e Gestire i Ruoli Utente (Amministratore Sito vs Amministratore del Network)

Sia gli amministratori del sito che gli amministratori del network (cioè i Super Admin) possono aggiungere utenti e modificare i loro privilegi e le loro informazioni, ma i secondi dispongono di più permessi.

Come amministratore del network, potete lavorare con gli utenti accedendo alla schermata Users . Qui potete vedere per quali siti ogni utente ha dei privilegi e accedere alla sua schermata di modifica.

Per modificare i privilegi di un utente per un sito, o per rimuovere/aggiungere privilegi a un sito, è necessario accedere alla schermata di modifica del sito. Andata su Sites, fate clic su Edit per quel sito e selezionate la scheda Users scheda.

Da qui, potete modificare i ruoli utente sul sito, rimuovere gli utenti e aggiungerne di nuovi.

Come amministratore del sito, potete anche modificare i dettagli per ciascun utente sul vostro sito o rimuoverli. Andate alla schermata Users e fate clic sull’utente per accedere alla loro schermata di modifica. Da qui potete cambiare i loro dettagli e cambiarne il ruolo come fareste per un’installazione standard di WordPress.

Rimozione degli Utenti (Amministratore Sito vs Amministratore del Network

Gli amministratori del network possono rimuovere gli utenti da singoli siti o dall’intera rete. Gli amministratori del sito, invece, possono solo rimuovere gli utenti dal loro sito.

Come amministratore di rete, andate alla schermata Users, selezionate la casella accanto ai record di quell’utente e quindi selezionate l’elenco a discesa Bulk Actions che si trova sopra la lista degli utenti.

Da qui è possibile eliminare l’utente e/o contrassegnarlo come spam. Se li contrassegnate come spam, non potranno più registrarsi al vostro network.

Come amministratore del sito, potete rimuovere un utente dal vostro sito tramite la schermata Users. Selezionate la casella accanto al nome utente e fate clic sull’opzione Remove nell’elenco a discesa Bulk Actions .

Utenti e Sicurezza

Considerato che le persone possono creare account sul vostro network e poi creare il loro sito, è normale che vi preoccupiate della sicurezza.

La buona notizia è che potete configurare le impostazioni del network impostando il livello di accesso necessario e migliorare la sicurezza bloccando i domini email.

Nelle schermate dell’amministratore di rete, andate su Settings > Network Settings. Qui troverete dei campi nella sezione Registration settings che potete usare per migliorare la sicurezza e restringere l’accesso.

Impostazioni di registrazione

Impostazioni di registrazione

  • Allow new registrations: da qui specificate se i nuovi utenti possono registrarsi e se i siti possono essere creati da persone che si registrano per la prima volta o solo da utenti che hanno già effettuato l’accesso. Oppure potete chiudere le registrazione al sito in modo che solo voi come Super Admin possiate farlo.
  • Registration: vi suggerisco di mantenere attiva questa notifica in modo da sapere quando qualcuno registra un nuovo sito o un account. Così potete tenere traccia di ciò che sta accadendo e avete la possibilità di entrare in contatto con nuovi clienti.
  • Add New Users: deselezionando questa casella, potete impedire agli amministratori del sito di aggiungere nuovi utenti alla rete. Così potranno aggiungere al loro sito solo utenti già esistenti nel network.
  • Banned Names: qui potete aggiungere parole che non volete includere nei nomi utente.
  • Limited Email Registrations: potete elencare i domini email che possono essere utilizzati per i nuovi account utente. Utile per reti intranet, aziendali o educative.
  • Banned Email Domains: potete vietare determinati domini di posta elettronica se vi preoccupano lo spam o gli account sospetti.

Lavorare con Plugin e Temi in WordPress Multisite

Uno dei grandi vantaggi del Multisite è che i plugin e i temi vengono archiviati una sola volta. Ciò significa usare meno spazio di archiviazione e risparmiare tempo negli aggiornamenti. Vediamo meglio come gestire plugin e temi in ambiente Multisite.

Come Vengono Archiviati Plugin e Temi

Temi e plugin vengono archiviati nella directory wp-content della vostra installazione di WordPress nello stesso modo in cui avviene in un sito standard. Questo significa che ogni plugin e tema viene archiviato una sola volta, indipendentemente da quante volte viene utilizzato.

Installazione e Attivazione di Plugin

Solo l’amministratore del network può installare un tema; gli amministratori del sito non hanno i permessi per farlo. A seconda della modalità di configurazione del network, è possibile impedire agli amministratori del sito anche l’attivazione dei plugin: basta selezionarlo dalla schermata Network Settings.

Per installare un plugin, andate su Plugins > Add New nel pannello di amministrazione di rete e installatelo come di consueto.

Potete poi scegliere di attivarlo a livello di network. Se non lo fate, il plugin sarà disponibile per l’attivazione solo per i singoli amministratori del sito.

I plugin attivati ​​a livello di network verranno eseguiti su tutti i siti e saranno visibili nelle loro schermate Plugin. Gli amministratori del sito non saranno in grado di disattivarli; potranno attivare però qualsiasi altro plugin installato.

Installazione e Abilitazione di Temi

È possibile installare un tema solo tramite le schermate dell’amministratore di rete. Per farlo, andate alla schermata Themes nell’amministratore di rete e installatelo come fareste per un sito normale.

Quando si tratta di abilitare i temi, WordPress Multisite funziona in modo diverso. È possibile abilitare un tema per l’intera rete o per singoli siti.

Nota: WordPress Multisite include la possibilità di abilitare un tema per un sito, ma non di attivarlo. Questo perché potete attivare solo un tema per ogni sito, tramite le impostazioni del sito e non le impostazioni del network.

Per abilitare un tema nel network, andate alla schermata Themes nell’amministratore di rete, trovate il tema e fate clic sul link Network Enable .

Per abilitare un tema per un singolo sito, andate alla schermata Sites e fate clic sul link Edit per il sito pertinente. Fate clic sulla scheda Themes e fate clic sul link Enable sotto al nome del tema.

Il tema sarà così visibile per l’amministratore del sito, che potrà scegliere se attivarlo. Eventuali temi non abilitati per il network o per il singolo sito non saranno visibili all’amministratore del sito.

Ciò significa che esiste una differenza fondamentale tra il modo in cui i temi e i plugin vengono attivati ​​in Multisite:

  • Un plugin attivato a livello di network verrà eseguito su tutti i siti della rete e gli amministratori del sito non saranno in grado di disattivarlo. Un tema attivato a livello di network potrà essere attivato dagli amministratori del sito, se lo desiderano.
  • Un plugin non attivato a livello di network sarà disponibile per l’attivazione da parte degli amministratori del sito, se lo desiderano. Un tema che non è abilitato via il network sarà disponibile per un sito solo se è stato abilitato per quel sito. I temi che non sono stati abilitati a livello di network, o che sono abilitati solo su un sito, saranno invisibili all’amministratore di quel sito.

Lettura consigliata: Come eliminare un tema WordPress.

Come WordPress Multisite Archivia i Media

Un network WordPress Multisite archivia i media diversamente da un sito standard.
Quando caricate degli allegati su pagine e post in singoli siti, l’interfaccia funziona come per un sito normale, quindi un amministratore o un editor del sito non notano alcuna differenza. La differenza sta nel modo in cui i file vengono memorizzati.

Quando attivate Multisite sull’installazione di WordPress, viene creata una nuova cartella nella directory wp-content/uploads, chiamata “sites”. Questo conterrà tutti i media caricati sui siti del network.

Ogni volta che voi o un utente create un nuovo sito nel network, WordPress crea una nuova cartella dentro “sites” il cui nome sarà uguale all’ID di quel sito.

Il sito base avrà un ID 01, per cui il primo nuovo sito creato sotto quel network avrà ID 02. Questo significa che WordPress creerà una nuova cartella in questo percorso: wp-content/uploads/sites/02

Tutti i caricamenti per quel sito verranno memorizzati in quella cartella, seguendo la stessa struttura basata su anno e mese così come usata nel sito standard.

I caricamenti al sito base verranno archiviati nella cartella wp-uploads esattamente come succede per un sito standard: il Multisite non crea una cartella extra per loro.

In Che Modo il Multisite Archivia i Dati

Il WordPress Multisite memorizza anche i dati in modo un po’ diverso.
Quando attivate il Multisite, vengono create sette nuove tabelle nel database. Queste memorizzano i dati relativi al network.

Sono le seguenti:

  • wp_blogs
  • wp_blog_versions
  • wp_registration_log
  • wp_signups
  • wp_site
  • wp_sitemeta
  • wp_sitecategories (opzionale)

Le altre tabelle che memorizzano i dati per l’intero network sono wp_users e wp_usermeta perché gli utenti sono memorizzati sul network, e non sui siti individuali.

Queste tabelle non verranno create poiché esistono già nel database di un sito standard.

Quando create un nuovo sito nel vostro network, WordPress crea 11 nuove tabelle per quel sito. A queste tabelle viene assegnato un prefisso che corrisponde all’ID del sito.

Così, per il sito 02, verranno create le seguenti tabelle:

  • wp_2_posts
  • wp_2_postmeta
  • wp_2_comments
  • wp_2_commentmeta
  • wp_2_users
  • wp_2_usermeta
  • wp_2_links
  • wp_2_term_relationships
  • wp_2_term_taxonomy
  • wp_2_terms
  • wp_2_options

Se attivate un plugin che crea sul vostro sito delle tabelle extra del database, questo userà lo stesso prefisso, generando tabelle per ogni sito su cui è attivato.

Man mano che il vostro network cresce e aggiungete nuovi siti, verranno create nuove tabelle del database. Questo permette a WordPress di mantenere separati i dati per ciascuno sito, così non ci sarà possibilità per gli amministratori del sito di accedere ai dati da un altro sito.

Il Multisite è una caratteristica *oscura* di WordPress che offre opportunità inaspettate quando si costruisce un nuovo sito. Tutto quello che c’è da sapere nella nostra nuova guida! 🏗🎯 Click to Tweet

Riepilogo

WordPress Multisite è uno strumento incredibilmente potente. Se state creando più di un sito per voi, una community o per dei clienti, il Multisite può farvi risparmiare molto spazio nel disco e rendervi molto più efficienti.

Ci sono tanti modi di usare WordPress Multisite: potete usarlo per i vostri siti personali, per ospitare siti di clienti o della vostra community, per siti d’affari o per lanciare un sistema di blog simile a WordPress.com dove le persone possono creare i loro blog.

Prendervi del tempo per capire al meglio Multisite potrebbe darvi nel lungo termine dei benefici significativi.

12
Condivisioni