Gli errori sono uno degli aspetti più frustranti della gestione di un sito WordPress. Alcuni problemi come l’errore HTTP 407 possono rendere inaccessibili i vostri contenuti, causando un calo delle vendite o delle conversioni.

Fortunatamente, ci sono alcuni semplici passi da compiere per risolvere questo problema, oltre a strumenti che vi aiutano a eseguire il debug del vostro sito. Identificando la causa principale del problema, potrete implementare la giusta soluzione e, si spera, evitare che si ripeta in futuro.

In questo articolo vedremo da vicino l’errore HTTP 407 e le sue cause. Poi vi mostreremo come risolverlo sia sul lato client che sul lato server. Iniziamo!

Cosa Significa “407 Proxy Authentication Required”?

L’errore “407 Proxy Authentication Required” (in italiano Autenticazione proxy richiesta) si verifica quando il server non è in grado di completare una richiesta. Ciò accade a causa della mancanza di credenziali di autenticazione quando si utilizza un server proxy tra il client e il server. In sostanza, il proxy non è in grado di autenticare il cliente.

Poiché le parti coinvolte sono molteplici, può essere difficile identificare la causa esatta del problema. Potrebbe anche essere causato dal proxy stesso, il che significa che non c’è una soluzione che potete applicare voi.

Tuttavia, ci sono alcune cose che potete fare per cercare di risolvere la comunicazione con il proxy.

Tenete presente che questo problema potrebbe anche essere legato all’errore generico 400 Bad Request.

Contenuti inaccessibili possono comportare un calo delle vendite o delle conversioni... ma per fortuna con alcuni semplici passaggi puoi risolvere in fretta questo errore irritante 💪 Clicca per twittare

Cosa Causa l’Errore HTTP 407?

Gli errori HTTP si verificano quando un client chiede di connettersi a un server e non ci riesce. Ogni volta che un browser web tenta di accedere a un server online attraverso il protocollo HTTP, si verifica una conversazione tra il client e il server. I codici HTTP sono utilizzati per gestire questa conversazione, inviando messaggi di successo e fallimento.

L’errore HTTP 407 è simile all’errore 401, che si verifica a causa di un accesso non autorizzato. L’unica differenza è che l’errore 407 fallisce l’autenticazione con un proxy anziché con una connessione diretta al server.

L’autenticazione del cliente fa parte del processo di creazione di una connessione sicura. Un componente di questa comunicazione è lo scambio di un certificato digitale. Questo certificato può essere legato all’ID digitale di una persona, di un’azienda, di un programma o di un singolo computer. I server possono approvare o rifiutare le richieste in base ai dati contenuti nel certificato digitale e concedere o negare l’accesso alla connessione.

In molti casi, un semplice ritardo nella connessione, un errore di battitura o una contraddizione nel codice possono far sì che un ID digitale venga frainteso e rifiutato. In alternativa, potreste non avere accesso al server.

Come Risolvere l’Errore “407 Proxy Authentication Required”

Poiché sono coinvolte tre parti diverse, potrebbe essere necessario provare alcune soluzioni diverse per risolvere l’errore HTTP 407. Potreste avere accesso al client e al server, ma il proxy è probabilmente fuori dal vostro controllo.

Speriamo che stiate utilizzando un software di Application Performance Monitoring (APM) che abbia individuato l’errore prima che diventasse un problema più grave. Esistono diversi potenti strumenti APM che possono aiutarvi a identificare e risolvere gli errori sul vostro sito, tra cui il nostro strumento Kinsta APM. Potete accedervi dalla bacheca di MyKinsta.

Ora vediamo come identificare la causa dell’errore HTTP 407 e come risolvere il problema. Come sempre, è bene eseguire un backup prima di apportare modifiche al sito.

Risolvere un Problema Lato Client

La verifica di eventuali problemi sul lato client è probabilmente il punto di partenza più semplice e veloce. Per escludere qualsiasi stranezza, potete provare a connettervi da un altro browser o dispositivo. Per esempio, se ottenete un errore 407 sul computer ma non sul telefono, potrebbe esserci un problema con l’ID digitale o il programma di sicurezza del dispositivo.

Se di recente avete apportato delle modifiche al vostro sito, potreste annullare le modifiche e testare nuovamente la connessione. Altrimenti, se avete ragione di credere che possa trattarsi di un problema sul lato client, potete provare a seguire i seguenti passaggi.

Passo 1: Controllare l’URL

Per prima cosa, dovete assicurarvi di aver inserito l’URL corretto. Può sembrare una sciocchezza, ma un piccolo errore di battitura può causare l’errore HTTP 407. Per questo motivo, dovete ricontrollare l’URL, cancellare la cache e provare a visitare il sito web.

Meglio ancora, provate a usare un motore di ricerca per trovare la pagina che state cercando, piuttosto che digitare direttamente l’URL. Se ricevete ancora un errore di autenticazione, è probabile che ci sia un problema nella parte posteriore del sito.

Passo 2: Disattivare i Plugin

Se di recente avete apportato delle modifiche che sembrano coincidere con l’errore, questa è una buona pista da seguire. Se l’errore si verifica sul vostro sito web, potreste dare un’occhiata ai plugin, ai temi o alle estensioni che avete aggiunto o aggiornato di recente.

Se siete ancora in grado di accedere alla vostra bacheca, andate alla pagina dei Plugin e disattivate tutti i vostri plugin:

Schermata dell’editor WordPress con l’opzione per disattivare tutti i plugin in una volta sola
Disattivare i plugin in blocco in WordPress

Quindi, provate a connettervi nuovamente al sito per vedere se l’errore persiste. In caso contrario, potreste aver trovato la fonte del problema.

A questo punto, riattivate i vostri plugin uno alla volta e continuate ad aggiornare la pagina. Se l’errore HTTP 407 si verifica solo quando un determinato plugin è attivo, potrebbe esserci un problema di codifica che impedisce l’accesso al server proxy.

Se non riuscite ad accedere alla bacheca di WordPress, dovrete collegarvi al vostro sito tramite un client FTP (File Transfer Protocol) come FileZilla. Dopo aver inserito le vostre credenziali e aver effettuato la connessione al sito, andate in public_html > wp-content e individuate la cartella plugins.

Quindi, fate clic con il tasto destro del mouse sulla cartella e selezionate Rename:

Schermata di FileZilla con il menu opzioni aperto e l’opzione Rename selezionata
Rinominare la cartella plugins in FileZilla

Rinominando questa cartella, disattiverete automaticamente tutti i plugin del vostro sito. Ora controllate se l’errore è scomparso. Se così fosse, potete rinominare la cartella in plugins e accedere alla bacheca di WordPress per riattivare i plugin uno per uno fino a trovare il colpevole.

Potreste verificare se è disponibile un aggiornamento per il plugin difettoso, in quanto potrebbe risolvere il problema. In caso contrario, contattate il team di sviluppo per sapere se è a conoscenza del problema e se sta lavorando a una soluzione.

Fase 3: Esaminare e Ripristinare le Modifiche Recenti

Se non riuscite a trovare alcun problema lato client che possa essere la causa del problema, l’ultima cosa che potete fare prima di andare avanti è eseguire un ripristino. Se riuscite a riportare il sito a un’istanza precedente a quella in cui si è verificato l’errore, potrete determinare se il problema è stato causato da una modifica recente o da una fonte esterna.

Se possibile, eseguite un backup prima di eseguire il ripristino in modo da poter tornare alla versione corrente se l’errore persiste. In caso contrario, potreste tornare indietro e riscontrare ancora il problema, dovendo quindi rifare il lavoro per riportare il sito allo stato precedente.

Se l’errore non si verifica più dopo aver ripristinato un backup, ciò potrebbe indicare che il problema è dovuto a una modifica recente del sito. Se vi vengono in mente dei probabili colpevoli, potete provare a testarli prima. Altrimenti, dovrete rifare tutti gli aggiornamenti in modo incrementale e verificare se l’errore si ripresenta in seguito a una modifica specifica.

Risolvere un Problema Lato Server

Se nessuno dei passaggi precedenti ha risolto l’errore HTTP 407, potreste avere a che fare con un problema a livello di server. Se sul vostro server sono presenti altri siti, potete verificare se anche loro riscontrano lo stesso errore. Questo vi aiuterà a confermare se l’errore è presente solo su un determinato sito o se ha origine sul server.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi

Vediamo alcuni passaggi che vi aiutano a risolvere l’errore 407 lato server.

Passo 1: Esaminare i Log degli Errori

I log degli errori registrano l’attività del vostro sito web e del server, compresi gli errori che si verificano. Questi registri possono mostrarvi quali richieste di connessione hanno successo e quali falliscono.

Per accedere ai log degli errori, aprite la cartella principale del vostro sito dal FTP. Quindi, selezionate la cartella logs. Qui vedrete due opzioni: nginx e php. Queste cartelle contengono i log degli errori che potete visualizzare:

Il file con il registro degli errori nell’interfaccia di FileZilla
Individuare il file di log degli errori del sito in FileZilla

Nginx gestisce il servizio, il proxying e il caching. Se il vostro host usa un server diverso, il nome di questo file sarà diverso. Nel frattempo, PHP è il linguaggio di scripting su cui gira WordPress. Se cercate in uno dei due log l’errore 407, potreste capire perché si verifica e quando è iniziato.

Passo 2: Controllare i File di Configurazione del Server

Una causa comune di un errore di autenticazione proxy è un reindirizzamento inaspettato. Questo può sembrare sospetto a un server proxy, inducendolo a negare l’accesso. Pertanto, dovrete controllare i file di configurazione del vostro server web per verificare se ci sono istruzioni di reindirizzamento non intenzionali.

Potete farlo controllando il file .htaccess. Utilizzando un client FTP, accedete alla cartella principale del vostro sito web e fate clic sulla cartella app. Selezionate quindi public e dovreste vedere il file .htaccess:

Schermata di FileZilla dove è stato localizzato il file .htaccess dentro la cartella public
Individuare il file .htaccess in FileZilla

Aprite questo file e cercate tutte le linee di codice che includono il termine “redirect” o che riscrivono gli URL. Se qualcuna di queste righe sembra sospetta o non necessaria, valutate la possibilità di rimuoverla (prima potreste fare una copia del file). Poi, controllate se l’errore 407 è ancora presente quando provate a visitare il vostro sito.

Poiché questo codice è probabilmente presente nel file .htaccess per un motivo preciso, la sua rimozione potrebbe causare l’interruzione del funzionamento di alcuni aspetti del vostro sito. Tuttavia, se questo codice è la causa dell’errore HTTP 407, dovrete risolverlo. Vi consigliamo di contattare il vostro provider di hosting per ricevere assistenza.

Passo 3: Eseguire il Debug di App o Script

Un’ultima cosa che potete fare è eseguire il debug del vostro sito. Se avete aggiunto di recente del codice personalizzato o nuovi plugin, è possibile che un semplice bug possa causare problemi di autenticazione. Il Query Monitor gratuito può aiutarvi a controllare il codice alla ricerca di qualcosa di sospetto.

Prima di iniziare, vi consigliamo di clonare il vostro sito in un ambiente di staging. Potete farlo facilmente utilizzando DevKinsta. In seguito, potrete cercare di isolare con sicurezza gli eventi che generano l’errore 407.

Se avete bisogno di un po’ di aiuto, potete attivare il debug di WordPress per capire meglio cosa sta succedendo. Potete anche attivare il log di debug di WordPress per tenere traccia dei bug e rivederli in seguito.

Scopri come risolvere l'errore HTTP 407 (ed evitare che si ripeta) con l'aiuto di questa guida ✅ Clicca per twittare

Riepilogo

L’errore HTTP 407 si verifica di solito quando il server non è in grado di completare una richiesta perché il cliente non dispone delle credenziali di autenticazione adeguate per un server proxy. Poiché questo errore può impedire agli utenti di accedere al vostro sito, è bene risolverlo subito.

Se il problema si verifica sul lato client, potete provare a disattivare i vostri plugin e a ripristinare le modifiche recenti per risolvere il problema. Se il problema si verifica sul lato server, dovrete controllare i file di configurazione del server, esaminare i log dell’applicazione ed eseguire il debug delle applicazioni o degli script.

In ogni caso, le semplici soluzioni indicate sopra dovrebbero eliminare l’errore HTTP 407 e potrete andare avanti.


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 35 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.