La gente si forma la prima impressione di voi – e potenzialmente della vostra attività – in meno di un secondo. Spaventoso. Per fortuna gli articoli online hanno un po’ più di margine di manovra. La maggior parte delle pagine web ha poco meno di un minuto per far valere le proprie ragioni e far sì che i visitatori rimangano o rimbalzino.

Ma comunque non c’è molto tempo. Se avete meno di sessanta secondi per convincere un nuovo utente che valete i suoi clic e le sue condivisioni, è meglio farla breve e dolce, giusto? In realtà, no. A quanto pare, più corto non è sempre meglio. Se volete distinguervi in un mare di contenuti e mantenere gli utenti sulla vostra pagina, gli articoli di lungo formato sono la strada da percorrere. 👍

Questi articoli più ampi e approfonditi sono spesso più interessanti, coinvolgenti e condivisibili rispetto a un post standard di 500 parole. Inoltre, sono facili da tradurre in materiale sempreverde. I contenuti di lungo formato hanno aiutato un marketer a ottenere quasi un quarto di milione di visite in un solo anno per quattro siti web con un pubblico molto diverso. È grandioso per la SEO.

Ma i contenuti di lungo formato non sono solo roba da marketer. Se avete un sito web, avete il potenziale per fare cassa con un articolo ben posizionato. E, se utilizzate WordPress, è semplicissimo creare dei pezzi da applauso. In questa guida parleremo degli articoli di lungo formato, del motivo per cui dovreste scriverli e degli strumenti che potete utilizzare per sfruttare al meglio la prima impressione del vostro sito web.

I contenuti di lungo formato sono alla portata di tutti? No, molti trarranno vantaggio dal dare una possibilità agli articoli di lungo formato. Piuttosto, vi raccomandiamo vivamente di testare gli articoli di lungo formato sul vostro sito e vedere cosa succede.

Immersione negli Articoli di Lungo Formato

Al suo livello più elementare, il termine “long-form” (lungo formato), per quanto riguarda il contenuto, si riferisce ad articoli scritti e post del blog più lunghi del tipico post ordinario. Se al giorno d’oggi la lunghezza standard di un post sembra aggirarsi intorno alle 1.100 parole, una lettura lunga è spesso di almeno 2.000 parole e si estende ben oltre le 2.500 parole. Tuttavia, la lunghezza del contenuto non è sempre il fattore più importante.

La scrittura di lungo formato è diventata una tendenza soprattutto grazie a siti come Medium.com, la piattaforma di blogging avviata dai co-fondatori di Twitter Biz Stone ed Evan Williams. E, anche se quel sito non ha inventato i contenuti long-form, ha messo sulla mappa gli articoli di lungo formato in relazione allo spazio digitale e al modo in cui questo si traduce in un maggiore impegno.

Se a questo punto vi grattate ancora la testa, non preoccupatevi. Considerare il lavoro di scrittura di articoli di lungo formato è sconcertante. Dopotutto, in passato molti siti web sono stati caratterizzati da lunghi contenuti. Le diatribe sul lungo formato non sono estranee a Internet e l’idea che i migliori articoli siano di circa 500 parole è nata da qualche parte, giusto?

Sì, da tempo si preferiscono contenuti più brevi per un motivo. La considerazione che viene fatta è che i tempi di attenzione sono così brevi e che i potenziali clienti sono così occupati che non hanno il tempo di sorbirsi pagine dopo pagine di testo. Preferiscono farsi una breve idea di quello che sta succedendo e poi andare avanti. Una sana logica, sì, ma la stessa formula che ha assunto la scrittura dei contenuti è proprio ciò contro cui si oppone la forma lunga.

Il contenuto di lungo formato nasce dallo lo sforzo concentrato per riportare la creatività nel marketing dei contenuti. Si tratta di raccontare storie e di coinvolgere i lettori. Questo genere di cose è difficile da definire. Prendiamo il collaboratore di Forbes Joshua Steimle, per esempio, che ha letto un lungo caso di studio su un’agenzia di design, il sito web di Teehan+Lax, che lo ha impegnato a fondo – anche se di solito non legge i casi di studio. Che cos’è stato di questo lungo caso di studio che l’ha interessato tanto? Ha raccontato una storia, sì, ma Steimle dice che c’era dell’altro. La risposta? Lo studio è stato scritto per persone reali e soprattutto era qualcosa che il team di Teehan+Lax voleva scrivere e leggere.

Per quanto possa sembrare poco scientifico, l’approccio umano è ciò che qui è così efficace. Come scrive Steimle:

…se create contenuti che vi piacciono, probabilmente piaceranno anche ad altri.

Vantaggi degli Articoli di Lungo Formato

È importante comprendere che gli articoli di longo formato possono essere molto più che semplici muri di parole. Quindi descriveremo alcuni dei benefici che ne seguono.

In media, il post di un blog nel 2017 è stato di poco più di 1.100 parole. E quel numero probabilmente continuerà a salire. Rispetto al 2014, sono sei volte più numerosi i blog che l’anno scorso hanno pubblicato post che hanno superato le 2.000 parole.

Conteggio delle parole nei post

Conteggio delle parole nei post (origine immagine: CoSchedule)

Ciò significa che l’articolo medio è ormai considerato di lungo formato? Dipende a chi lo chiedete. Anche se molti direbbero che qualsiasi valore che vada oltre le 1.200 parole è nel territorio del lungo formato, questo non lo rende comunque di lungo formato. Perché la lunghezza del contenuto è solo la metà del quadro. L’altra metà è – avete indovinato – nel suo formato.

Visivamente Attraente

Gran parte della negatività che circonda i contenuti di lungo formato sottolinea la parte “OMG sono un sacco di parole”. Ma i contenuti di lungo formato non sono solo lunghi. Sono anche ricchi di stimoli visuali, sottotitoli e facili spunti di navigazione che lo mantengano informativo ma digeribile. Altre cose che potrebbero spezzare il contenuto sono le caselle di Tweet (come si vede qui sotto) o anche un indice.

Questi piccoli tocchi fanno una grande differenza nell’accettazione di un pezzo di lungo formato. L’aggiunta della stimolazione visiva ha un impatto particolarmente importante. Mescolando i contenuti visuali in articoli di alta qualità e ben ponderati, i muri di testo si trasformano in fantastici percorsi a ostacoli che avvincono la mente.

L’aggiunta di immagini aumenta notevolmente la portata dei vostri contenuti. Potete ottenere fino al 94% in più di condivisioni aggiungendo una sola immagine ai vostri articoli.

Le immagini aumentano le condivisioni

Le immagini aumentano le condivisioni (origine immagine: Backlinko)

Ma più ne aggiungete, meglio è. Canva e BuzzSumo hanno esaminato i dati di oltre 100 milioni di articoli. Quelli che registravano le prestazioni migliori avevano tutti una cosa in comune: immagini ovunque.

Hanno scoperto che aggiungendo un’immagine ogni 75-100 parole si ottiene il maggior numero di condivisioni. Collocare immagini ogni 125-150 parole porta molto indietro.

Parole per immagine

Parole per immagine (origine immagine: Canva)

Il che significa che non è sufficiente che un grande articolo di lungo formato abbia semplicemente 1.200 o più parole. Ha anche bisogno di dieci o dodici immagini per interrompere il testo e impedire che diventi un muro di parole. Questo è ciò che gli dà forma e lo distingue da un set dell’Encyclopædia Britannica dei primi anni Novanta.

Quindi, se siete impegnati nella creazione di articoli di lungo formato, assicuratevi di non fermarvi al conteggio delle parole. Aggiungete alcune immagini per mantenere le cose leggibili e condivisibili.

A volte, il contenuto degli articoli di lungo formato non è nemmeno incluso nel feed principale del blog. Piuttosto, è collegato al blog e risiede su una sua pagina statica. Un ottimo esempio di questo è la sezione Impara di Kinsta. I contenuti di lungo formato sono spesso progettati per resistere alla prova del tempo.

I contenuti di lungo formato sono spesso progettati per resistere alla prova del tempo. ⏳Click to Tweet

Qualità Superiore

Il formato lungo consente di creare contenuti migliori. Quante volte vi siete imbattuti in un post che promette di essere una “guida completa” solo per scoprire che si limita a sfiorare un argomento? Sì, è piuttosto frustrante. È inevitabile anche quando ci si attiene ai tradizionali post dei blog. I contenuti di lungo formato consentono di approfondire un argomento, includere ricerche e feedback da interviste. Vi dà l’opportunità di essere scrupolosi e questo, da solo, può portare a contenuti di qualità superiore.

Gli Articoli di Lungo Formato Hanno un Enorme Impatto SEO

Ora, con il “cosa” fuori già risolto, parliamo del “perché”. Perché dovreste scrivere articoli di lungo formato? Beh, vi piace il traffico gratuito dai motori di ricerca?

Quella domanda era un po’ retorica, ovviamente. A chi non piace il traffico gratuito? Quindi, in parole povere: se volete che il vostro traffico organico cresca, aumentate le parole. A Google piacciono i contenuti di lungo formato.

Secondo una ricerca di HubSpot, più lunghi sono i vostri articoli, più backlink ci saranno per il vostro sito web.

Conteggio delle parole rispetto ai domini di collegamento

Conteggio delle parole rispetto ai domini di collegamento (origine immagine: Hubspot)

Questo crea un effetto valanga sulle vostre classifiche. Più link guadagna il vostro contenuto (soprattutto se provengono da siti web con una notevole autorità di dominio), più la vostra SEO off-site diventa forte.

SEO off-site

SEO off-site (origine immagine: Moz)

Questo è uno dei tanti motivi per cui i contenuti più lunghi tendono ad avere slot organici più alti nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca. In uno studio condotto da CoSchedule, sono stati trovati gli stessi risultati; i contenuti di lungo formato sono in media più in alto rispetto alle pagine brevi.

Conteggio delle parole rispetto alla posizione di Google

Conteggio delle parole rispetto alla posizione di Google (Backlinko)

CanIRank, un’agenzia specializzata in SEO, ha voluto capire meglio questo apparente effetto valanga. Così, hanno studiato la correlazione tra la lunghezza del contenuto e il ranking organico. I loro risultati iniziali si sono dimostrati sorprendentemente simili ad altre ricerche.

Lunghezza del contenuto vs ranking

Lunghezza del contenuto vs ranking (origine immagine: Can I Rank?)

Il team ha scavato più a fondo nei dati per trovare possibili spiegazioni per l’apparente relazione tra la lunghezza dei contenuti e il posizionamento nei motori di ricerca. Hanno ipotizzato che potrebbero esserne la causa i seguenti fattori:

Tuttavia, anche verificando questi fattori, non sono stati in grado di spiegare il legame apparente tra la lunghezza del contenuto e il ranking. Questo ha portato CanIRank a concludere che “… è, quindi, plausibile (anche se non provato) che Google ricompensi contenuti più lunghi direttamente nel loro algoritmo, anche se l’effetto è piuttosto basso”.

Ma anche se la “causa” alla base del rapporto non è chiara, l'”effetto” lo è. La sola aggiunta di 1000 parole alla vostra strategia dei contenuti può aiutarvi a fare un passo in avanti. La HOTH ha implementato questa strategia con un nuovo cliente e ha ottenuto una crescita vertiginosa del traffico organico.

Impatto della lunghezza del contenuto sul traffico

Impatto della lunghezza del contenuto sul traffico (origine immagine: The HOTH)

Il che ci riporta alla questione originaria di questa sezione: vi piace il traffico organico gratuito? Se è così, allora aumentate la lunghezza del contenuto e portate sù il conteggio delle parole. La vostra SEO vi ringrazierà e, man mano che sempre più utenti troveranno la strada verso il vostro sito web, anche il vostro bilancio mostrerà la stessa gratitudine.

Ora, abbiamo trattato il “cosa” c’è dietro gli articoli di lungo formato e il “perché”. Questo ci porta al nocciolo della questione: il “come”.

7 Strumenti e Plugin per WordPress

Ottimizzare i contenuti è fondamentale per ottenere il massimo. Neil Patel ha usato proprio questa strategia ed ha avuto un enorme successo. Nel 2017, ha raddoppiato il suo già mostruoso traffico e le sue classifiche con l’aiuto del software di ottimizzazione dei contenuti di MarketMuse.

Ottimizzazione dei contenuti

Ottimizzazione dei contenuti (origine immagine: Diffchecker)

Cambiando piccole cose come i sottotitoli, raddoppiando il numero di parole scritte e aggiornando i suoi contenuti, il suo sito web si è classificato per quasi 100.000 parole chiave e ha raddoppiato il traffico mensile in un solo anno.

E, sebbene l’impegno fosse comunque notevole per le dimensioni del suo sito, i cambiamenti stessi sono facili da replicare. Se decidete di andare avanti aggiungendo contenuti di lungo formato al vostro sito, dovete assolutamente avere gli strumenti giusti per il lavoro. Ecco un elenco di strumenti e plugin di terze parti che possono far diventare da premio Pulitzer i vostri contenuti incolori. O comunque andarci vicino).

1. Usate Evernote per Mantenere le Vostre Idee in un Unico Posto

Pensate a Evernote come a un blocco note che non dovete mai ricaricare. Con Evernote è possibile salvare registrazioni audio, note scritte a mano, elenchi di attività, schermate e persino intere pagine web.

Evernote

Evernote

Evernote sincronizza tutte le vostre informazioni sui vostri diversi dispositivi, il che rende questa piattaforma uno strumento eccezionale per il vostro arsenale per il lungo formato (e un serio incremento della produttività). Trovate un’idea per un articolo su un altro sito web? Salvatelo sul vostro notebook digitale in Evernote. Vi siete imbattuti in un’ottima email che potete usare come esempio di tecnica di marketing? Etichettala per dopo.

Evernote organizzato

Evernote organizzato

Se lavorate da soli, il piano di base è gratuito e consente di caricare fino a 60 MB di nuove note al mese. Ha anche molte altre funzionalità:

Avete un team? Evernote offre una maggiore flessibilità e altre opzioni con il suo pacchetto business. CoSchedule, una delle aziende di cui parleremo più avanti, utilizza Evernote per mantenere il team organizzato e sulla stessa pagina in caso di disastro. Ecco cosa dice Eric Piela, responsabile delle relazioni pubbliche di CoSchedule:

Ogni processo è documentato. Se un sistema si guasta, possiamo recuperare le informazioni rapidamente. È tutto disponibile nel taccuino.

Quindi, se state cercando di mantenere il vostro team o le vostre idee di articoli in un unico posto, Evernote è un must per trovare e salvare i risultati di lungo formato delle vostre ricerche. Inoltre, integrare Evernote con WordPress è un gioco da ragazzi. Ma non credeteci sulla parola. Andiamo ora a fare un giro veloce con Evernote.

Per iniziare, andate su Evernote e registrate un account con la vostra email o con il vostro account Google.

Iscriversi a Evernote

Iscriversi a Evernote

Se utilizzate un account Google, è possibile arrivare su questa schermata. In caso affermativo, cliccate sul pulsante verde “Create Account” per procedere.

Creare un account su Evernote

Creare un account su Evernote

Questo vi porterà alla parte successiva della configurazione del vostro account. Dato che stiamo usando Evernote per salvare le ricerche per i nostri articoli, scegliete l’opzione a destra “To organize content”.

Organizzare i contenuti con Evernote

Organizzare i contenuti con Evernote

Di seguito, selezionate “Get Web Clipper”.

Web Clipper di Evernote

Web Clipper di Evernote

Se desiderate lavorare con l’applicazione desktop, potete anche selezionare l’opzione a sinistra per scaricarla e installarla. Entrambe le opzioni si apriranno in una nuova scheda. Torneremo su questa scheda tra un secondo, quindi lasciatela aperta per ora.

Dal momento che stiamo usando Chrome, questa per noi è l’opzione predefinita nella schermata successiva. Evernote è disponibile anche come estensione per Internet Explorer 7+, Opera, Microsoft Edge e Firefox.

Google Chrome Evernote web clipper

Google Chrome Evernote web clipper

Andate avanti e concludete l’installazione sul vostro browser preferito. Una volta terminato, tornate alla schermata di benvenuto iniziale e utilizzate il pulsante “x” nell’angolo in alto per chiuderla. Ecco come sarà il vostro cruscotto predefinito. Al momento è un po’ banale, ma lo cambieremo nella prossima fase. Fate clic o riducete al minimo la scheda “Getting Started”.

Avvio di Evernote

Avvio di Evernote

Ora, facciamo qualche ricerca e salviamo una pagina web. Ad esempio, diciamo che stiamo scrivendo un seguito per la nostra recente guida all’usabilità dei siti web. Quindi passiamo a Google, inserisco i miei termini chiave (“user experience tips”) e troviamo una pagina che ci piace.

Ci accontentiamo di “7 Consigli per Migliorare la Vostra Pratica di Progettazione della UX. Quando trovate qualcosa che volete salvare, fate clic sull’icona Evernote in alto a destra.

Icona Evernote in Chrome

Icona Evernote in Chrome

In questo modo si attiva un menu a tendina che consente di salvare la pagina in diversi modi:

Per ora, supponendo che vogliamo fare riferimento a questa pagina con esattezza, selezionate la terza opzione: “Pagina intera”. Mentre Evernote crea e sincronizza la vostra clip, vedrete un indicatore nell’angolo in alto a destra.

Pagina intera di Evernote

Pagina intera di Evernote

Una volta fatto, tornate al vostro cruscotto Evernote e selezionate la seconda icona dal basso per accedere ai vostri notebook. Dovreste vedere la vostra pagina che vi aspetta, completamente ritagliata.

Clip di Evernote

Clip di Evernote

Ed ecco fatto. Pioggia o sole, ora è possibile fare riferimento a questa pagina web con tutte le sue caratteristiche di navigazione e di design – non importa cosa succede alla fonte originale. Altri strumenti alternativi cui potreste dare un’occhiata sono Google Keep, Trello e Asana.

Ma cosa c’è di meglio di un taccuino che non si può mai perdere? Uno che si corregge da solo mentre si lavora. Per questo, passiamo al nostro prossimo strumento.

2. Lasciate che Grammarly Renda i Vostri Scritti più Fluidi e Intelligenti

Se avete mai provato a scrivere un pezzo (in inglese – ndt) e poi avete scoperto che il vostro elaboratore di testi così utile ha deciso di cambiare “taught” in “taut”, vi piacerà Grammarly.

Grammarly

Grammarly

In parte editor personale, in parte assistente alla scrittura e in parte coach motivazionale, Grammarly è un’estensione del browser plug-and-play che si integra perfettamente con la maggior parte delle caselle di testo. Il che significa che, a differenza di Jetpack, non è necessario installare o abilitare Grammarly come plugin per correggere i vostri messaggi direttamente mentre scrivete.

Ciò che distingue Grammarly dagli altri word processor è la sua intelligenza contestuale. Se parole dallo stesso suono come “taut” e “taught” vi danno problemi, Grammarly può analizzare il testo e darvi consigli intelligenti e pertinenti per parole che possono generare confusione o errori di stile.

Non lasciate la qualità della vostra scrittura al caso o a word processor inefficaci. Soprattutto con gli articoli di lungo formato, è inevitabile che vi manchi qualcosa, non importa quanto siate bravi come writer. O per chi scrive a tarda notte. 😉 Aggiungete Grammarly al vostro browser per correggere e ripulire il vostro testo mentre lavorate. È gratuito, veloce e facile da configurare.

E quando avete finito di cercare e correggere il vostro pezzo, usate questo terzo strumento per dare il tocco finale, controllando il vostro livello di leggibilità e ottimizzando le vostre parole chiave.

Per scoprire altri strumenti e per avere altri consigli, potete dare un’occhiata all’altro nostro post: I Migliori Strumenti di Controllo Grammaticale per la Scrittura.

3. Ottimizzate i Vostri Contenuti con Yoast SEO

Cercare di esplorare i pro e i contro della SEO può dare la sensazione di provare a fare tutti i giri a Disney World prima di pranzo. Mentre si è bendati e si tira un carro pieno di lemuri cleptomani.

Vale a dire che anche se siete esperti di SEO o un lemure professionista, non fa mai male avere un piccolo aiuto. Qui entra in gioco il plugin Yoast SEO.

Il plugin WordPress Yoast SEO

Il plugin WordPress Yoast SEO

Non contate solo sul vostro conteggio delle parole per attirare il traffico organico. Utilizzate questo plugin per analizzare e segnalare la densità delle parole chiave, le metadescrizioni, la voce passiva, i link nofollow e molto altro ancora.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi
Analisi di Yoast

Analisi di Yoast

C’è un motivo per cui questo plugin entra spesso nelle “top ten” dei migliori plugin di WordPress. Qui potete consultare la nostra guida passo passo per installare e sfruttare al meglio Yoast SEO.

Quindi, se non lo state già utilizzando per la SEO generale, aggiungetelo al vostro sito web per farvi aiutare nell’analisi e ottimizzazione dei vostri contenuti. Date un’occhiata ad alcuni di questi altri plugin SEO di WordPress.

Ma non limitatevi ad ottimizzare il vostro testo. Dimenticare le immagini può avere effetti disastrosi sugli utenti e sulle classifiche.

4. Rendete le Vostre Immagini Eleganti con l’Ottimizzazione delle Immagini

Secondo HTTP Archive, a luglio 2018, le immagini rappresentano in media il 43% del peso complessivo di una pagina web. Con gli articoli di lungo formato, è più che probabile che la percentuale sia anche più alta!

Quindi, se state impacchettando i vostri articoli con un sacco di belle cose visivamente stimolanti, assicuratevi che le vostre immagini non rallentino la vostra pagina e non facciano più male che bene. Le immagini che non sono ottimizzate correttamente possono richiedere richiedano molto tempo per essere caricate nelle vostre pagine. E questo non va mai bene per il traffico del sito.

Le pagine che per caricare impiegano sette secondi possono facilmente far perdere il 30% dei visitatori. Accidenti!

Frequenza di rimbalzo per velocità di pagina

Frequenza di rimbalzo per velocità di pagina (Section.io)

Un tempo di caricamento lungo genera una misera prima impressione nei nuovi visitatori. Per fortuna, qui entra in gioco un plugin per la compressione delle immagini. Potete comprimere facilmente le vostre immagini senza sacrificare la loro qualità, il che farà sì che le vostre pagine carichino più velocemente.

Ecco alcuni plugin WordPress per la compressione delle immagini che consigliamo:

Dopo aver configurato il plugin, questo ottimizza automaticamente tutto ciò che caricate. Importante: tutti i plugin sopra citati ottimizzano le immagini fuori dal sito, quindi non influenzeranno le prestazioni del vostro sito WordPress durante la compressione.

E, per tutto quello che avreste voluto sapere sull’ottimizzazione delle immagini, ma che avevate troppa paura di chiedere, date un’occhiata alla nostra guida approfondita all’ottimizzazione delle immagini.

Le immagini sono a posto? Ora tutto ciò di cui avete bisogno è un “quando” e un “dove” per far partire i vostri articoli di lungo formato. Per il “quando”, considerate la possibilità di provare il seguente strumento.

5. Costruite un Calendario Editoriale con CoSchedule

Il 69% delle aziende che fanno marketing di contenuti si affidano a un calendario editoriale per tenerli organizzati. 📔 Sia che pubblichiate in autonomia, sia che abbiate un piccolo team, un calendario editoriale vi aiuta a capire quando, come e dove pubblicherete i vostri contenuti.

Asana e  Trello sono entrambi strumenti popolari. Ecco una rapida sbirciatina al calendario Trello.

Calendario editoriale Trello

Calendario editoriale Trello (origine: Trello)

Ed ecco un’occhiata simile a un calendario di Asana.

Calendario editoriale Asana

Calendario editoriale Asana (origine: Asana)

Entrambe queste piattaforme sono robuste e offrono piani gratuiti per soddisfare la maggior parte delle esigenze delle piccole imprese. Tuttavia, nessuno dei due può reggere il confronto con CoSchedule per un semplice motivo: CoSchedule ha un plugin ufficiale nativo che si collega direttamente a WordPress.

Ecco come appare nella bacheca di WordPress.

Calendario editoriale CoSchedule WordPress

Calendario editoriale CoSchedule in WordPress

Pulito, vero? Inoltre, il plugin di CoSchedule è dotato di funzionalità aggiuntive come il suo analizzatore di titoli di prima classe, che vi aiuta a rendere i vostri articoli il più coinvolgenti possibile.

6. Indice dei Contenuti

Quando pubblicate contenuti lunghi, potete aiutare i vostri lettori fornendo loro un comodo indice dei contenuti. Potete farlo con il plugin Easy Table of Contents. È una soluzione semplice, che si adatta alla formattazione in stile Wikipedia, anche se può essere personalizzata con CSS custom.

Indice dei contenuti

Indice dei contenuti

Oppure potete creare un indice manualmente, utilizzando i tag anchor.

7. Tempo di Lettura dell’Articolo

Una tendenza comune per i siti che ospitano lunghe letture in questi giorni è quella di mostrare il tempo che si impiega in media a leggere un post. Aggiungetelo al vostro sito utilizzando il plugin Reading Time WP. Potete visualizzare il tempo in vari modi e rendere il vostro sito più simile a Medium. Win-win!

Infine, diamo un’occhiata ad alcuni fantastici temi che rendono i contenuti di lungo formato un gioco da ragazzi.

2 Temi WordPress Adatti ad Articoli di Lungo Formato

Se desiderate creare su WordPress articoli di lungo formato che si distinguono, è necessario trovare un ottimo tema. Ecco due opzioni per far sì che i vostri contenuti catturino l’attenzione del vostro pubblico. Potete, naturalmente, creare articoli di lungo formato con qualsiasi tema, ma questi sono quelli che sono stati progettati interamente per i contenuti di lungo formato.

1. Fate Risplendere i Vostri Scritti con Typology

Tipology è un tema pronto per i writer che mette i vostri contenuti su un piedistallo e fa sì che le vostre parole risaltino sulla pagina. Se l’idea di cercare immagini in primo piano vi fa sudare, questo tema è perfetto per voi. È caratterizzato da bellissimi layout con o senza immagini di copertina.

Typology per WordPress

Typology per WordPress

Se inserite un’immagine di copertina, le vostre parole saranno comunque al centro della scena. Questo tema utilizza effetti di scroll-over per mantenere il vostro contenuto al centro dell’attenzione dell’utente. Typology è l’ideale per le aziende che vogliono aggiungere articoli di lungo formato alla loro strategia di contenuto, pur godendo dei vantaggi dell’integrazione di WooCommerce. E, è completamente mobile.

Typology ha raggiunto una valutazione media di 4,96 stelle su 5, e il prezzo di 49 dollari non è nemmeno troppo pesante per il vostro portafoglio.

2. Semplice e Pulito con Typable

Typable, di Array, è il sogno di un minimalista costruito in un unico comodo tema incentrato sui contenuti. È pulito, frizzante, e vi offre composizioni di spazi bianchi stellari.

Oltre al design splendidamente semplice, questo tema è facile da personalizzare e ottimo per mostrare i contenuti più lunghi.

Typable per WordPress

Typable per WordPress

Ha un menu di navigazione a tendina ultra elegante. Con il suo caricamento dei post con AJAX, liscio come la seta, questo tema è pronto per la SEO. Se acquistate il prodotto Typable come prodotto a sé stante, vi costerà 49 dollari.

Riepilogo

Il sole non è tramontato sugli articoli brevi. Occupano ancora il loro posto. Ma il vecchio divieto di contenuti di lungo formato è stato completamente revocato. La nuova regola è questa: Se avete qualcosa da dire, ditelo con tutte le parole necessarie. In sostanza, non lasciate che siano linee guida arbitrarie ad indicare la direzione dei vostri contenuti. Lasciate invece che i vostri contenuti siano la vostra guida.

Non lasciare che siano linee guida arbitrarie ad indicare la direzione dei vostri contenuti. ✍️ Lasciate invece che il contenuto sia la vostra guida.Click to Tweet

Rendetelo più facile per voi stessi e più piacevole per i vostri utenti utilizzando articoli di lungo formato. Gli articoli lunghi sono molto più di un imponente muro di parole. Se vengono sentiti come un articolo standard del blog, questo è quello che sono. I sottotitoli, gli elementi visivi e la facilità di navigazione sono tutti elementi distintivi di questo tipo di contenuti.

Il motivo principale per scrivere articoli più lunghi? Traffico web gratuito e SEO. C’è una forte correlazione tra il conteggio delle parole e le classifiche organiche. Evernote, Grammarly, Yoast SEO, i plugin per l’ottimizzazione delle immagini e CoSchedule sono tutti ottimi strumenti da aggiungere alla vostra cassetta degli attrezzi dei contenuti per creare articoli eccezionali su WordPress.

Cercate un tema che permetta ai vostri contenuti di parlare da soli? Se siete ultra-minimalisti, scegliete Tipology. Se siete un po’ più vicini al centro, Typable è da tempo uno dei preferiti. Ma se desiderate una maggiore versatilità, qualsiasi tema WordPress andrà bene.

Ricordate, solo perché gli articoli lunghi sono lunghi, non significa che debbano essere noiosi. Utilizzate gli strumenti e seguite i suggerimenti di questo articolo per dare risalto ai vostri articoli e mantenerli SEO-friendly. La prima impressione si ha una sola volta. Createne una buona. Con questa mentalità non si può sbagliare.

Come vengono implementati gli articoli di lungo formato sul vostro sito WordPress? Quali strumenti utilizzate? Vi siete imbattuti in qualche ostacolo finora? Ci piacerebbe sentire tutto sulle vostre prove e sui vostri trionfi nei commenti qui sotto!


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24×7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani