Migrate Guru è un plugin di migrazione gratuito disponibile su WordPress.org. È relativamente facile da usare, funziona bene anche con siti WordPress di grandi dimensioni ed è compatibile con Kinsta.

Ecco i passi che dovete compiere per migrare il vostro sito web WordPress su Kinsta utilizzando Migrate Guru:

  1. Aggiungete un sito in MyKinsta
  2. Installate Migrate Guru
  3. Avviate la migrazione
  4. Testate il sito migrato
  5. Aggiornate il dominio e il DNS
  6. Installare Kinsta MU-plugin

Questa guida intende aiutarvi a eseguire la vostra migrazione. Tuttavia, tenete presente che Migrate Guru potrebbe non essere completamente compatibile con alcuni siti WordPress. Il nostro team di supporto è sempre lieto di essere di aiuto quando avete delle domande basilari sulle migrazioni, ma non può assistervi in caso di migrazione fallita, in quanto questo non è nello scopo del nostro servizio di supporto.

Ancora alla ricerca dell'host perfetto per WordPress?

Prova il servizio premium di hosting WordPress gestito di Kinsta per creare un'esperienza senza problemi del tuo sito.
  • Controlli stilizzati rappresentanti la gestione Completamente gestito
  • Scudo con una spunta che rappresenta la sicurezzaSicuro come Fort Knox
  • Linee convergenti rappresentanti migrazioniMigrazioni gratuite
  • Tre galloni verso destra che rappresentano la velocità del serverMassima velocità
  • Freccia circolare con un punto centrale che rappresenta i backupBackup giornalieri
  • Esagoni distanziati rappresentanti lo stack del nostro serverGoogle Cloud Platform

Tutti i nostri piani includono una o più migrazioni gratuite. Il piano Starter rientra nell’offerta solo se si paga annualmente. Se siete preoccupati per l’integrità dei vostri dati, vi consigliamo vivamente di utilizzare il nostro professionale team di supporto alle migrazioni. Le singole migrazioni possono essere acquistate con una commissione una tantum di $100. È possibile acquistare anche migrazioni cumulative.

Aggiungete un sito in MyKinsta

Una volta che avete sottoscritto un piano di hosting Kinsta, per utilizzare Migrate Guru dovrete aggiungere un sito in MyKinsta.

Quando aggiungete il sito, fate attenzione a selezionare l’opzione Aggiungi una nuova installazione di WordPress (“Add a brand new WordPress install”).

Aggiungere un sito in MyKinsta

Assicuratevi di installare WordPress quando aggiungete un sito da utilizzare con Migrate Guru

Quale Dominio Dovete Usare?

Quando aggiungete il sito, avrete la possibilità di inserire un dominio personale.

Aggiungendo il vostro dominio live come dominio personale, MyKinsta creerà un’installazione configurata per utilizzare il vostro dominio live fin dall’inizio. Se non aggiungete un dominio personale, il sito sarà impostato per utilizzare il sottodominio temporaneo di Kinsta.

Entrambe le opzioni possono essere utilizzate durante la migrazione del tuo sito. Tuttavia, questa scelta avrà implicazioni successivamente, nel processo di migrazione.

L’utilizzo di un dominio personale renderà un po’ più difficile visualizzare in anteprima il sito migrato, ma sarà più semplice andare live con il sito migrato quando sarete pronti per la pubblicazione. L’utilizzo del sottodominio Kinsta farà l’opposto: l’anteprima del sito migrato sarà più semplice, ma l’attivazione richiederà alcuni passaggi in più.

La nostra raccomandazione è di andare avanti e aggiungere il vostro dominio live come dominio personale quando aggiungete il sito in MyKinsta.

I restanti campi del modulo in MyKinsta possono essere compilato come preferite. Una volta terminata la migrazione, il nome del sito e l’utente creato a questo punto saranno sovrascritti.

Dopo aver compilato tutti i campi, fate clic su Aggiungi. MyKinsta avrà bisogno di alcuni minuti per configurare il vostro sito. Quindi, mentre è in esecuzione, andate al passaggio successivo.

Installate Migrate Guru

Mentre il sito è in corso di creazione in MyKinsta, accedete al vostro sito esistente. Una volta effettuato l’accesso all’area admin di WordPress, andate su Plugin > Aggiungi nuovo e cercate Migrate Guru.

Ricerca e installazione del plugin Migrate Guru

Una volta che avete individuato Migrate Guru proseguite e installate il plugin

Una volta individuato il plugin, procedete con l’installazione.

Avviate la migrazione

Dopo aver installato Migrate Guru, attivate il plugin. Una volta attivato, verrete reindirizzati al menu di amministrazione di Migrate Guru. Se vi capita di uscire dalla pagina di amministrazione, e dovete tornare indietro, potete ritrovare la schermata facendo clic su Migrate Guru nel menu di amministrazione di WordPress.

Cliccare su Migrate Guru per caricare l'interfaccia del plugin

Il menu Migrate Guru indirizza all’interfaccia del plugin.

Dal menu Migrate Guru inserite il vostro indirizzo email, accettate i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy di Blogvault, quindi fate clic su Migrate Site.

Dal menu successivo, selezionate l’opzione FTP:

L'opzione FTP si trova in fondo alla lista.

Scorrete in basso fino alla lista e individuate l’opzione FTP.

Quindi tornate a MyKinsta e prelevate i dati SFTP per il sito che avete appena creato:

  • Il dominio che avete utilizzato quando avete creato il sito.
  • L’indirizzo IPv4 da utilizzare come indirizzo IP del server di destinazione.
  • Il numero di porta SFTP, il nome utente e la password.
  • Il Directory Path del sito.

Se non siete sicuri di dove trovare questi dati, il nostro articolo su Come Utilizzare SFTP può aiutarvi a individuarli. Una volta che avete i dettagli necessari, inserisci i dettagli in Migrate Guru.

Dati Importanti Relativi per la Migrazione

Di seguito sono riportate impostazioni di migrazione molto importanti che è necessario configurare correttamente, altrimenti non sarà possibile accedere alla schermata successiva.

FTP Type: assicuratevi di selezionare SFTP e non FTP come tipo FTP.

Directory Path: assicuratevi di utilizzate il percorso completo /www/sitename_123/public come mostrato nel cruscotto di MyKinsta.

Assicuratevi di prelevare i dati corretti. Ripetuti tentativi di connessione fallita possono causare un blocco dell'IP.

Assicuratevi di prelevare i dati corretti. Ripetuti tentativi di connessione fallita possono causare un blocco dell’IP.

Una volta inseriti i dati, scorrete la pagina fino in fondo e fate clic su Migrate.

Migrate Guru ora testerà le credenziali SFTP fornite. In caso di problemi, Migrate Guru tornerà alla schermata dei dati SFTP ed evidenzierà i campi che devono essere rivisti. Controllate i dati, correggete eventuali errori e fate di nuovo clic su Migrate.

Se non inserite il directory path o l’indirizzo di destinazione corretti, riceverete il seguente errore:

Unable to access wpconfig file. Please check if WordPress is installed on the destination address. Also, check if you have permission to access the folder (Impossibile accedere al file wpconfig. Si prega di verificare se WordPress è installato all’indirizzo di destinazione. Inoltre, controllare se si dispone dei permessi necessari ad accedere alla cartella)

Se Migrate Guru segnala ripetutamente problemi sui dati SFTP, contattate il nostro team di supporto per ricevere assistenza. Più tentativi di connessione SFTP falliti possono generare un blocco dell’IP.

Una volta che la connessione è stata effettuata correttamente, Migrate Guru eseguirà la migrazione del sito e visualizzerà una pagina da cui sarà possibile monitorare lo stato della migrazione.

Migrate Guru vi informerà non appena la migrazione sarà completa. Per siti più grandi, questa operazione potrebbe richiedere un po' di tempo.

Migrate Guru vi informerà non appena la migrazione sarà completa. Per siti più grandi, questa operazione potrebbe richiedere un po’ di tempo.

Testare il sito migrato

Una volta completata la migrazione, sarà necessario attendere alcuni minuti per ispezionare il sito migrato.

Alle prese con i tempi di inattività e problemi di WordPress? Kinsta è la soluzione di hosting progettata per farvi risparmiare tempo! Scopri i nostri servizi

Se avete utilizzato un sottodominio Kinsta, basta visitare il sottodominio e dare un’occhiata in giro. Se avete utilizzato un dominio personale e il dominio non è ancora puntato verso Kinsta, potete modificare il file hosts o utilizzare lo strumento hosts.cx per visualizzare l’anteprima del sito.

Durante la revisione del sito migrato, assicuratevi di accedere a diverse pagine del front-end e dell’area di amministrazione. Se il vostro sito ha molti dati, assicuratevi che tutti siano visualizzati correttamente.

Andare Live da Kinsta

Una volta che siete sicuro che il sito migrato sia pronto per essere pubblicato, tutto ciò che vi resta da fare è assicurarvi che il sito stia caricando sul dominio giusto, quindi puntare il dominio verso Kinsta.

Se avete impostato il ​​sito in modo da utilizzare il dominio live fin dall’inizio, allora il lavoro sarà un po’ più facile, dato che avete già confermato che il sito viene caricato sul dominio corretto.

Tutto ciò che vi resta da fare è aggiornare il DNS e puntare il dominio live su Kinsta.

D’altro canto, se avete scelto di visualizzare l’anteprima del sito utilizzando un sottodominio temporaneo di Kinsta, dovrete cambiare il sito per utilizzare il dominio live.

Passare Da Un Dominio All’Altro

Se avete utilizzato un sottodominio Kinsta per visualizzare l’anteprima del tuo sito, potete cambiare il sito per utilizzare il dominio live. Seguite questi passaggi:

  1. Create un backup manuale del vostro sito, da utilizzare per il ripristino se qualcosa dovesse andare storto.
  2. Aggiungete il vostro dominio live al sito e impostatelo come dominio principale.
  3. Eseguite una ricerca-sostituzione nel database del sito per aggiornare tutte le istanze dell’URL presenti nel database.
  4. Cancellate la cache del sito.
  5. Modificate il file hosts o utilizzate lo strumento hosts.cx per visualizzare l’anteprima del vostro sito e verificare che questo sia caricato correttamente nel dominio attivo.

Dopo aver confermato che il sito carichi correttamente utilizzando il dominio live, aggiornate il vostro DNS in modo da puntare il dominio live su Kinsta.

(Facoltativo) Migrazione Del Certificato SSL

Se il vostro sito corrente utilizza un certificato SSL e carica su https, allora dovrete installare un SSL qui su Kinsta affinché il sito continui a caricare su https. A seconda del tipo di SSL che state utilizzando, ci sono diversi passaggi che potrebbero essere necessari:

  • Se avete acquistato un certificato SSL premium, potete semplicemente installare lo stesso certificato qui su Kinsta.
  • Se al momento utilizzate un SSL gratuito ottenuto presso il vostro attuale host, e desideri utilizzare l’opzione SSL gratuita di Kinsta, dovrete attendere ad installare l’SSL fino a quando il sito non caricherà da Kinsta. Una volta che il sito stia caricando da Kinsta, sarà possibile generare un certificato SSL gratuito.

Una volta installato SSL, sarà necessario eseguire una ricerca-sostituzione sul database del sito per aggiornare ogni occorrenza dell’URL del sito da http a https. Il nostro post sull’eliminazione degli avvisi di contenuto misto spiega dettagliatamente come aggiornare questi URL.

Una volta che il sito carica correttamente su https, potrete utilizzare lo strumento Forza HTTPS nel cruscotto MyKinsta. Questo farà sì che tutte le richieste http vengano reindirizzate su https, assicurandovi che il vostro sito sia accessibile solo tramite https.

Installare il Plugin Kinsta MU

Il nostro plugin Kinsta MU è ionstallato automaticamente sulle nuove installazioni di WordPress eseguite da Kinsta. Comunque, se avete migrato il vostro sito da soli, dovrete scaricare e installare il plugin Kinsta MU manualmente. Il plugin comprende funzionalità come il cachiong a pagina intera e la possibilità di implementare il CDN di Kinsta.

Passo 1: Scaricate e Decomprimete il Plugin

Per prima cosa, scaricate il plugin Kinsta MU e decomprimetelo.

Passo 2: Caricatelo sul Sito

Dovrete poi collegarvi al vostro sito via SFTP e caricare la cartella kinsta-mu-plugins e il file kinsta-mu-plugins.php nella directory /wp-content/mu-plugins/.

Kinsta MU plugins

Kinsta MU plugins

Se la directory /wp-content/mu-plugins/ non esiste, createla e poi caricate al suo interno la cartella e il file di cui sopra.

Folder mu-plugins

Folder mu-plugins

47
Condivisioni