La migrazione di un sito WordPress è qualcosa che potreste dover fare ad un certo punto. Forse state migrando da un fornitore di hosting a un altro. Forse avete creato un sito locale o forse state migrando da un’installazione Multisito.

In questa guida, imparerete come migrare un sito WordPress da soli. Se passate a Kinsta, saremo noi a occuparci della migrazione al posto vostro.

Se siete su un altro hosting, preferite farlo manualmente o state migrando tra siti locali e remoti, questa guida vi aiuterà.

Quando Potrebbe Essere Necessario Migrare un Sito WordPress

Ci sono alcuni scenari in cui potrebbe essere necessario migrare un sito WordPress. Diamo un’occhiata ad alcuni di loro.

Migrazioni gratuite su Kinsta

Migrazioni gratuite su Kinsta

Il modo più semplice per migrare il vostro sito WordPress è utilizzando un plugin.

Migrazione di un Sito WordPress con il Plugin WordPress Duplicator

Il plugin gratuito WordPress Duplicator è quello che consigliamo per la migrazione dei siti a Kinsta. Potete installarlo sul vostro sito tramite la schermata dei plugin ed è gratuito.

Diamo un’occhiata a come va usato per migrare da un sito WordPress ad un altro.

Queste istruzioni funzioneranno per qualsiasi tipo di installazione standard di WordPress, sia a distanza che localmente. Funzionerà anche se desiderate migrare una rete Multisito completa. Mi occuperò più tardi dei siti in migrazione da e verso il Multisito.

Il plugin Duplicator funziona creando due file:

  1. Un file zip contenente i file e il database del vostro vecchio sito (il sito da cui state migrando).
  2. Un file installer.php.

Caricate quindi questi file sul nuovo sito ed eseguite il file installer.php. Il plugin scompatterà il file zip e importerà i vostri dati e file.

Vediamo come si fa.

Prima di Iniziare la Migrazione con Duplicator

Prima di gestire la migrazione, ci sono alcuni passi da fare.

Ripulite il Vostro Vecchio Sito

Prendetevi un po’ di tempo per ripulire il vostro vecchio sito, cioè cancellare i temi o i plugin che non state usando. Aggiornate all’ultima versione di WordPress e fate lo stesso con il tema e i plugin. Non ha senso migrare un sito che sta eseguendo del codice che non vi serve.

Disattivate i Plugin di Cache

I plugin per la cache possono interferire con la migrazione, quindi se state usando uno di questi sul vostro vecchio sito, disattivateli prima. Se state migrando a Kinsta, consultate l’elenco di plugin bannati (inclusi i plugin per la cache), così potete assicurarvi di non star utilizzando nessuno di essi.

Fate il Backup del Vostro Vecchio Sito

Prima di migrare il vostro sito, fate un backup. Questo vale per qualsiasi ambiente di hosting. Usate il vostro plugin di backup o la dashboard del vostro provider di hosting per creare un backup del vecchio sito e conservarlo in un luogo sicuro, cioè non sul server del vostro hosting.

Create il Nuovo Sito

Dovrete creare un sito vuoto (senza WordPress installato) nella nuova posizione per il vostro sito.

Se state migrando su Kinsta, potete creare un nuovo sito da MyKinsta in pochi minuti. Andate su Sites nel cruscotto di MyKinsta e fate clic sul pulsante Add Site in alto a destra.

Aggiungere un sito in MyKinsta

Aggiungere un sito in MyKinsta

È quindi possibile importare i file in quel sito. Ricordate di non installare WordPress.

Se state migrando verso un sito locale, sarà necessario installare uno strumento come Desktop Server in modo da poter eseguire WordPress. Se state importando il sito verso un altro fornitore di hosting, avrete bisogno di un accesso SFTP alla vostra directory /public/. Non è necessario installare WordPress.

Migrazione di una Rete Multisito

Se state migrando una rete Multisito su Kinsta e questa rete include delle sottodirectory, sarà necessario contattare il supporto di Kinsta e chiedere loro di abilitare la configurazione Nginx necessaria per far funzionare questo sistema.

Se state migrando il sito da o verso un altro fornitore di hosting, verificate con l’host se c’è qualcosa che dovete fare prima di poter effettuare la migrazione.

Dovreste anche controllare le linee guida per il plugin Duplicator con gli ulteriori passi da compiere per una migrazione Multisito. Queste valgono solo se si passa a un altro fornitore di hosting o a un altro nome di dominio.

Creazione di un Archivio di File e Dati dal Vostro Vecchio Sito WordPress

Il primo passo nel processo di migrazione è quello di creare i file dal vecchio sito in modo da poterli importare nel nuovo sito.

Installate e attivate il plugin WordPress Duplicator. Andate su Plugins > Add New e poi cercate ‘Duplicator WordPress’. Fate clic sul pulsante Install e subito dopo sul pulsante Activate.

Installazione del plugin Duplicator

Installazione del plugin Duplicator

Ora è il momento di creare il file di archivio che verrà utilizzato per la migrazione del vostro sito. Fate clic su Duplicator nel menu di di amministrazione per passare alle impostazioni del plugin.

Impostazioni di Duplicator

Impostazioni di Duplicator

Questa schermata mostra tutti i pacchetti che avete creato, cioè gli archivi del vostro sito. In questo momento la vedrete vuota.

Per creare un archivio del vostro sito, fate clic sul pulsante Create New.

Verrete quindi condotti a una schermata di configurazione dove inserire i dettagli del pacchetto come segue:

Password protection

Password protection

Ora fate clic sul pulsante Next per continuare.

Il plugin eseguirà una scansione del sistema e vi farà sapere se tutto è a posto.

Scansione del pacchetto

Scansione del pacchetto

In caso di problemi, seguite i consigli del plugin. Dato che avete pulito il vostro sito prima di iniziare non dovreste avere problemi.

Ora fate clic sul pulsante Build per costruire l’archivio. Attendete che il processo si concluda e non uscite dalla schermata.

Una volta fatto, vi sarà data la possibilità di scaricare i file del vostro pacchetto.

Scaricate il vostro pacchetto

Scaricate il vostro pacchetto

Fate clic sul pulsante One-Click Download per scaricare entrambi i file sul computer. Conservateli in un luogo sicuro dove potrete recuperarli per la migrazione nel vostro nuovo sito.

Ora avete creato il vostro archivio.

Importare l’Archivio nel Vostro Nuovo Sito

Il passo successivo è quello di importare i file nel nuovo sito ed eseguire il file dell’importatore.

Utilizzate SFTP per caricare i due file nella directory /public/ del vostro nuovo sito. Usando il vostro client FTP, caricate i due file in quella cartella.

I file di Duplicator nel nuovo sito

I file di Duplicator nel nuovo sito

Una volta fatto questo passo, eseguite il programma di installazione visitando l’URL nel browser. Usate l’URL temporaneo per il vostro nuovo sito, dato che non avete ancora trasferito il vostro dominio.

Quindi, se il vostro URL temporaneo è http://temp.kinsta.com, sul vostro browser inserite l’URL http://temp.kinsta.com/installer.php.

In questo modo si aprirà la schermata di Duplicator.

Richiesta di password in Duplicator

Richiesta di password in Duplicator

Se avete fornito una password al momento dell’impostazione del file Duplicator, inseritela e fate clic sul pulsante Submit.

Sarete quindi accompagnati durante il processo di importazione. Nella schermata successiva, spuntate la casella di controllo in basso e fate clic sul pulsante Next.

Il processo di importazione in Duplicator

Il processo di importazione in Duplicator

Il plugin estrarrà quindi i file di archivio, il che potrebbe richiedere un po’ di tempo a seconda delle dimensioni del vostro sito. Il passo successivo è quello di installare un nuovo database, che richiederà:

Il plugin utilizzerà questi dati per aggiornare le impostazioni del sito.

Potete trovare tutte queste informazioni nella schermata Info di questo sito in MyKinsta.

Se state migrando il sito verso un altro fornitore di hosting, chiedete loro i dettagli o cercateli nell’email che vi hanno inviato al momento dell’iscrizione.

Creazione del database in Duplicator

Creazione del database in Duplicator

Fate clic sul pulsante per verificare il corretto funzionamento del database e, se necessario, apportate eventuali correzioni. Una volta che il sistema è soddisfatto, fate clic sul pulsante Next.

Il plugin Duplicator passerà quindi al punto 3, dove utilizzerà l’URL temporaneo del vostro nuovo sito per far funzionare correttamente il database. Fate clic sul pulsante Next per procedere al punto 4, dal quale potete accedere al sito.

Quando visitate il vostro sito, dovreste vedere un duplicato perfetto del vostro vecchio sito. L’unica differenza sarà il nome di dominio.

Reindirizzare il Nome di Dominio

Una volta che avete testato il vostro nuovo sito e vi sembra che tutto funzioni come dovrebbe, potete reindirizzare il nome del dominio verso il vostro nuovo sito.

Se state cambiando provider di hosting, allora dovrete aggiornare il DNS del vostro nome di dominio per farlo puntare al vostro nuovo sito.

Con il vostro registrar di domini, cambiate i nameserver, il record A o il record CNAME per riflettere la vostra nuova posizione. Quale di queste utilizzerete dipenderà dalla vostra configurazione.

Se avete bisogno di usare il vostro nome di dominio anche per la posta elettronica, allora non dovete cambiare i nameserver, altrimenti punterete tutte le versioni del vostro nome di dominio verso il vostro nuovo provider di hosting.

Una volta fatto questo passo, aggiornate il dominio nel vostro amministratore di hosting. In MyKinsta, andate alla pagina Domains, cercate il vostro sito e aggiornate il dominio.

Se il vostro sito si trova su un altro fornitore di hosting, dovrete aggiungere un dominio aggiuntivo al vostro account in modo che tutto venga diretto al vostro nuovo sito. Il vostro fornitore dovrebbe essere in grado di fornirvi indicazioni in merito.

Non abbiamo ancora finito.

L’ultimo passo consiste nell’aggiornare il dominio nelle schermate di amministrazione di WordPress. Dal vostro sito, andate su Settings > General e cercate i campi URL. Dovreste farlo solo dopo che il DNS si è propagato e il dominio punta al vostro nuovo sito.

Questo può richiedere fino a 48 ore, ma spesso è molto più veloce.

Impostazioni URL WordPress

Impostazioni URL WordPress

Ci sono due campi da aggiornare:

Fate clic sul pulsante Save Changes per salvare gli URL.

Ora avete il vostro nuovo sito operativo nella sua nuova posizione. Se non avete più bisogno del vecchio sito, è il momento di cancellarlo; se avete cambiato anche fornitore, chiudete anche il vostro vecchio account di hosting.

Migrazione di un Sito Verso o Da un Multisito WordPress Usando i Plugin

Se state migrando un singolo sito verso o da un Multisito WordPress, potete farlo usando un plugin, ma non con il plugin Duplicator di WordPress. Questo perché non volete che l’intero database e i file siano migrati, ma solo quelli del sito di riferimento.

Per migrare verso o da un Multisito con un plugin, dovrete usarne tre:

  1. Uno per migrare i contenuti.
  2. Uno per migrare le impostazioni dei widget.
  3. Uno per la migrazione degli utenti.

A seconda della configurazione, potrebbe non essere necessario utilizzarli tutti. Vediamo il processo passo dopo passo.

Migrare i File Verso o Da un Multisito WordPress

Prima di migrare qualsiasi contenuto o impostazione, è necessario migrare il tema e i file del plugin. Si può fare in due modi:

Entrambi questi metodi funzioneranno, ma se il vostro tema o un plugin è stato sviluppato appositamente per il vostro sito, dovrete scaricarlo dal vecchio sito e caricarlo sul nuovo. In alternativa, se avete tenuto un backup dei file a livello locale o avete usato un sistema di controllo di versione come Github (il che è una buona idea), potete caricarli da lì.

(Lettura suggerita: Git vs Github: Qual è la differenza e come iniziare con entrambi)

Se dovete caricare e installare temi e plugin su un sito in una rete WordPress Multisito, è necessario installarli nella rete e poi attivarli per il singolo sito. Per sapere come farlo, consultate la nostra guida al Multisito WordPress.

Info

Non riuscite a decidere su un tema WordPress? Date un’occhiata alla nostra lista dei migliori temi di WordPress.

Attivate il tema per il vostro nuovo sito e attivate anche eventuali plugin. Alcune cose di cui essere consapevoli:

Ora avete tutti i vostri file sul nuovo sito. Prendetevi un po’ di tempo per configurare il tema e i plugin: dovrete farlo manualmente se state usando un plugin per la migrazione.

L’unica configurazione di cui non dovete occuparvi è quella dei widget: per questo potete usare un plugin, come vedremo tra poco.

Importazione di Utenti Da e Verso il Multisito

Se il sito che desiderate migrare include utenti diversi da voi, dovrete esportare gli utenti dal vostro vecchio sito e importarli in quello nuovo. Se siete l’unico utente, potete saltare questo passaggio perché creerete il vostro nuovo utente al momento della creazione del nuovo sito.

L’importazione e l’esportazione di utenti da e verso la rete Multisito sono complicate dal fatto che WordPress non memorizza gli utenti per ogni sito della rete. Invece, li memorizza tutti in un’unica tabella di database per l’intera rete, chiamata wp_users.

Se state facendo l’importazione da un sito in rete Multisito, dovreste esportare solo gli utenti registrati sul vostro sito e non quelli registrati per altri siti della rete. E se state facendo l’importazione verso un sito di una rete, dovete attivare solo gli utenti su quel sito, non gli altri presenti in altri siti della rete.

Se il vostro sito include più autori, occupatevi di questi passaggi prima di importare il contenuto così potrete assegnare l’utente corretto al contenuto quando lo importerete nel nuovo sito. Andiamo avanti!

È possibile migrare gli utenti tra i siti utilizzando il plugin Import Export WordPress Users.

Iniziate con l’installazione e l’attivazione del plugin sia nel vecchio che nel nuovo sito. Poi, nel vostro vecchio sito, andate su Users > User Import Export.

Import Export WordPress Users

Import Export WordPress Users

Selezionate la scheda User/Customer Export in alto e poi i ruoli utente che desiderate esportare (se lasciate questo come impostazione predefinita, verranno esportati tutti i ruoli), quindi scorrete verso il basso e fate clic sul pulsante Export Users.

Il plugin scaricherà un file CSV sul vostro computer. Conservatelo da qualche parte per poi ritrovarlo facilmente al momento dell’importazione.

Ora, nel vostro nuovo sito, andate su Users > User Import Export e selezionate la scheda User/Customer Import.

Impostazioni User Import Export

Impostazioni User Import Export

Selezionate la scheda User/Customer Export in alto e poi i ruoli utente che desiderate esportare (se lasciate questo come impostazione predefinita, verranno esportati tutti i ruoli), quindi scorrete verso il basso e fate clic sul pulsante Export Users.

Il plugin scaricherà un file CSV sul vostro computer. Conservatelo da qualche parte e per poi ritrovarlo facilmente al momento dell’importazione.

Ora, nel vostro nuovo sito, andate suUsers > User Import Export e selezionate la scheda User/Customer Import.

User/Customer import

User/Customer import

Caricate il file CSV appena creato e fate clic sul pulsante Upload file and import. Il plugin caricherà il file e importerà gli utenti sul vostro nuovo sito.

Quando lavorate su un sito all’interno di una rete Multisito, fate l’importazione e l’esportazione nel sito, non nell’amministrazione di rete. Gli eventuali utenti importati saranno aggiunti al database per l’intera rete ma saranno attivati solo su un unico sito.

Migrare i Contenuti In o Da un Multisito WordPress

Iniziate esportando i vostri contenuti. Andate su Tools > Export. Selezionate All content e fate clic sul pulsante Download Export.

Esportazione da Multisito

Esportazione da Multisito

Salvate il file da scaricare da qualche parte, in modo da poterlo ritrovare in seguito. Sarà in formato XML.

Prima di importare qualsiasi contenuto nel nuovo sito, è importante che vi assicuriate di avere dei post type o delle tassonomie personalizzate, se le avevate anche nel vecchio sito. Se non lo avete fatto, tornate al passo precedente e assicuratevi di avere lo stesso tema e gli stessi plugin installati e attivati sul nuovo sito esattamente come nel vecchio.

Ora aprite il nuovo sito e andate su Tools > Import. Scorrete fino alla sezione WordPress. Se avete già installato il plugin per l’importazione, fate clic su Run Importer. Se non l’avete installato, seguite le istruzioni qui riportate per installarlo e attivarlo, quindi eseguitelo.

L'importer WordPress

L’importer WordPress

La funzione Importa vi chiederà di caricare un file per l’importazione. Fate clic su Choose File, cercate il file esportato dal vecchio sito e fate clic sul pulsante Upload file and import.

Lo strumento di importazione vi chiederà di assegnare i contenuti agli utenti corretti nel vostro nuovo sito, per questo è cruciale importare gli utenti prima di importare i contenuti. Se non l’avete ancora fatto, mettete in pausa l’importazione dei contenuti e tornate alla fase precedente.

Importazione in WordPress

Importazione in WordPress

Selezionate gli utenti che vi interessano e spuntate la casella Download and import file attachments. WordPress troverà gli eventuali allegati nel vostro vecchio sito, li prenderà se può e li importerà nel nuovo sito. A volte questo non funziona per motivi di sicurezza o di accesso; ma se state migrando da un sito ospitato in remoto ad un altro, normalmente non dovreste avere problemi.

Fate clic sul pulsante Submit. WordPress caricherà il file e creerà il contenuto. Quando sarà finito, riceverete una notifica. Andate avanti con i vostri articoli (fate clic su Posts nel menu di amministrazione) e vedrete i vostri articoli importati nel vostro nuovo sito.

Siete sulla buona strada per migrare correttamente il vostro sito. Tutto ciò che resta da fare ora è la migrazione delle impostazioni dei widget.

Migrare i Widget Da e Verso il Multisito

Il passo finale è quello di migrare i widget. Non è necessario configurarli manualmente: è possibile utilizzare il plugin Widget Importer & Exporter.

Iniziate con l’installazione e l’attivazione del plugin sia sul vecchio che sul nuovo sito.

Nel vecchio sito, andate su Tools > Widget Importer/Exporter. Questo vi porterà alla schermata Widget import/export.

La schermata Widget import/export

La schermata Widget import/export

Fate clic sul pulsante Export Widgets. In questo modo scaricherete un file sul computer con le impostazioni dei widget.

Ora aprite il vostro nuovo sito. Assicuratevi di avere ancora tutti gli stessi plugin e lo stesso tema installati e attivati come sul vostro vecchio sito, in quanto alcuni di questi potrebbero fornire i widget necessari per l’installazione.

Il processo di importazione dei widget non importerà i widget stessi. Importerà invece le impostazioni per i widget. È anche importante avere lo stesso tema attivato in modo che le aree dei widget siano le stesse.

Andate su Tools > Widget Importer/Exporter. Questa volta, fate clic sul pulsante Choose file e caricate il file che avete appena scaricato dal vostro vecchio sito. Avrà l’estensione .WIE.

Fate clic sul pulsante Import Widget. Il plugin importerà i widget e vedrete una schermata che vi confermerà che i file sono stati importati.

Widget Import Results

Widget Import Results

Se mancano delle aree di widget, i widget del vostro vecchio sito verranno importati, ma verranno aggiunti all’area Inactive Widgets nella schermata di amministrazione Widget.

E se provate a importare un widget che non è disponibile nel vostro nuovo sito, probabilmente perché non avete attivato un plugin, vedrete un messaggio di errore. Installate e attivate il plugin ed eseguite nuovamente l’importazione: il plugin non duplicherà i widget già importati.

Ora dovreste avere un duplicato identico del vostro vecchio sito nel vostro nuovo sito. Prendetevi un po’ di tempo per controllare tutte le impostazioni e la configurazione del nuovo sito e assicuratevi che siano identiche a quelle del vecchio (o modificatele, se volete apportare delle modifiche).

Inoltre, se il vostro vecchio sito si trovava su una rete Multisito, chiedete all’amministratore di rete di archiviarlo o cancellarlo. E se il vostro vecchio sito era un sito a sé stante, cancellatelo.

Migrazione Manuale di un Sito WordPress

Se vi sentite a vostro agio a lavorare con SFTP e MySQL, questo può essere un modo più veloce e affidabile per migrare il vostro sito manualmente invece che tramite un plugin.

Qui mi concentrerò sulla migrazione di un’installazione WordPress autonoma verso un’altra. Nella prossima sezione, vedremo come questo procedimento si differenzia per le reti di un Multisito WordPress.

Creare una Nuova Installazione WordPress

Iniziate creando il vostro nuovo sito come un’installazione WordPress vuota.

In MyKinsta, fate clic su Sites nel menu di amministrazione, e poi sul pulsante Add Site in alto a destra dello schermo. Vedrete una finestra di dialogo che vi chiederà che tipo di sito volete creare.

Nuovo sito WordPress in MyKinsta

Nuovo sito WordPress in MyKinsta

 

Scegliete in quale data center volete ospitare il vostro sito, poi inserite i dati per il nome del vostro sito e selezionate Don’t install WordPress.

Questo è necessario perché migrerete i file WordPress direttamente dal vostro vecchio sito. Per ora lasciate il nome di dominio personalizzato in bianco, perché per il momento dovete lasciare il vostro nome di dominio sul vecchio sito mentre il nuovo sito è attivo e funzionante.

Fate clic sul pulsante Add Site e vi verrà creato un nuovo sito.

Se non avete un account con Kinsta, potete creare un nuovo sito utilizzando l’interfaccia di amministrazione del vostro fornitore di hosting: tutto quello che dovete fare è creare una cartella dove posizionare il sito; oppure, se non avete già altri siti sul vostro account di hosting, potete saltare questo passaggio e caricare semplicemente i file nella cartella /public/ nella fase successiva.

Esportazione di File Utilizzando SFTP

Il passo successivo è quello di migrare i file dal vecchio sito al nuovo. Questo includerà i file del tema, i plugin, gli upload e qualsiasi altro file che i plugin potrebbero aver aggiunto alla vostra directory wp-content.

Accedete al vostro vecchio sito tramite SFTP e scaricate tutti i file di WordPress. Se il vostro sito si trova nel dominio principale del vostro hosting, ciò significa che dovete scaricare tutti i file. Se avete installato WordPress in una sottodirectory, scaricate solo il contenuto della directory.

Per accedere al vostro sito, avrete bisogno dei vostri dati SFTP. In MyKinsta, potete trovarli facendo clic su Sites poi sul nome del vostro sito e scegliendo la scheda Info.

La scheda Info su MyKinsta

La scheda Info su MyKinsta

Qui sotto potete vedere come i file del mio sito vengono visualizzati nel client FTP gratuito FileZilla.

File WordPress nel client FTP

File WordPress nel client FTP

Esportate il Database dal Vostro Vecchio Sito

Oltre ai file, il vostro nuovo sito WordPress avrà bisogno di un duplicato del vecchio database. Per farlo, di solito si usa uno strumento MySQL: phpMyAdmin.

Stanco di un host lento per il tuo sito WordPress? Forniamo server velocissimi e un supporto di livello mondiale da parte di esperti WordPress, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Dai un’occhiata ai nostri piani

Nella piattaforma di hosting del vostro vecchio sito, andate su phpMyAdmin.

In MyKinsta, trovate questo comando su Sites, selezionando il vostro sito e poi andando alla schermata Info. Nella sezione Database Access, fate clic sul pulsante Open phpMyAdmin.

Vi verrà richiesto il nome utente e la password del vostro database che è diversa dalla password del vostro account di hosting.

In MyKinsta, potete trovare il nome utente e la password del database nella sezione Database Access della schermata Info. Se state migrando verso un altro fornitore di hosting, probabilmente otterrete queste informazioni quando vi iscrivete al vostro account o le vedrete nella schermata di amministrazione.

In phpMyAdmin, fate clic sulla scheda Database. In questo modo avrete un elenco di tutti i database che avete creato sul vostro account di hosting.

Database in phpMyAdmin

Database in phpMyAdmin

Fate clic sul nome del database che corrisponde al sito che desiderate copiare: vedrete un elenco di tutte le tabelle del database.

Le tabelle del database

Le tabelle del database

Fate clic sulla casella Check all sotto l’elenco delle tabelle e nel menu a discesa With selected:, poi selezionate Export.

PhpMyAdmin vi porterà su una nuova schermata. Fate clic sul pulsante Go nella parte inferiore dello schermo.

Esportazione delle tabelle dal database

Esportazione delle tabelle dal database

PhpMyAdmin esporterà un file SQL e lo scaricherà sul vostro computer. Conservatelo da qualche parte e potrete ritrovarlo.

Importare i File sul Vostro Nuovo Sito WordPress

Il passo successivo è quello di caricare tutti questi file sul vostro nuovo sito.

Se il vostro nuovo sito è ospitato su Kinsta, potete andare su MyKinsta a prendere le credenziali per collegarvi ad esso tramite SFTP. Fate clic su Sites nel menu di amministrazione, poi sul nome del vostro sito. Nella schermata Info troverete i dati del vostro SFTP.

Nel vostro client FTP, connettetevi fornendo i seguenti dettagli:

Caricate i file nella stessa directory in cui si trovavano nel vostro vecchio sito (di solito la directory /public/).

Potrebbe essere necessario un po’ di tempo per il loro caricamento, fate in tempo a prepararvi una tazza di caffè mentre aspettate.

Importare le Tabelle del Database nel Vostro Nuovo Sito

Il passo finale è quello di importare le tabelle del database.

Nella piattaforma di hosting per il vostro nuovo sito, andate su phpMyAdmin. In MyKinsta, potete accedere a questa sezione tramite la schermata Info del vostro sito.

Se avete già creato per sbaglio un’installazione di WordPress, o se avete bisogno di sovrascrivere un sito WordPress esistente, dovrete lasciare le tabelle del database esistenti. Selezionate tutte le tabelle nello stesso modo in cui le avete esportate dal vostro vecchio sito e fate clic sull’elenco a discesa With selected:. Dal menu a discesa, selezionate Drop.

Tabelle del database - Drop

Tabelle del database – Drop

Vi verrà chiesto di confermare che volete cancellare le tabelle, e poi tutto ciò che si trova nel vostro database verrà cancellato. Se avete qualche dubbio in merito, fate prima un backup del database esportando le tabelle.

Una volta lasciate le tabelle del database, o se non avete accesso al database, è necessario importare le tabelle dal vecchio sito al nuovo sito.

In phpMyAdmin, fate clic sulla scheda Import. Nella sezione File to import, fate clic sul pulsante Choose file e selezionate il file SQL già scaricato sul vostro computer.

Caricamento delle tabelle del database

Caricamento delle tabelle del database

Andate in fondo alla pagina e fate clic sul pulsante Go. PhpMyAdmin caricherà il file SQL e lo userà per creare tabelle di database per il vostro nuovo sito identiche a quelle del vecchio.

Se state migrando un sito verso un’installazione locale o verso un hosting provider diverso da Kinsta, probabilmente dovrete creare un database vuoto prima di poter importare le tabelle. In phpMyAdmin lo si fa andando alla schermata Database e facendo clic sul pulsante Create database. Date al database un nome che abbia senso e poi importatevi le tabelle.

Modificare il File wp-config.php

Ora che avete caricato il vostro database, dovete modificare il file wp-config.php nel nuovo sito per assicurarvi che tenga conto del database appena creato.

Tornate al vostro client FTP e trovate il file wp-config.php nel vostro nuovo sito. Fatene una copia in modo da avere un backup (non si sa mai). Ora fate clic con il tasto destro del mouse sul file e poi sull’opzione Edit per aprirlo. Trovate la sezione che include i dettagli del database:

Dettagli del database wp-config.php

Dettagli del database wp-config.php

Aggiornate queste righe con le credenziali del vostro database che troverete nella schermata Info in MyKinsta. Se il sito è su una macchina locale, utilizzate queste credenziali:

Se state migrando il vostro sito verso un altro fornitore di hosting, dovrete trovare queste credenziali nella dashboard dell’hosting.

Info

Se saltate questo passaggio, vi verrà richiesto di fornire questi dettagli al primo tentativo di accesso al sito

Fate un Test sul Vostro sito e Aggiornate il Dominio

Ora che avete impostato il vostro nuovo sito WordPress, prendetevi un po’ di tempo per verificare che funzioni come dovrebbe. Mentre lo testate, analizzate solo i link che puntano al nuovo sito e non a quello vecchio: scoprirete che alcuni dei link nel database hanno il vecchio nome di dominio.

Questo è ok perché, una volta testato il sito, si aggiornerà anche il nome del dominio.

Confrontate il vecchio e il nuovo sito e verificate che siano identici.

Reindirizzare il Nome di Dominio Verso il Nuovo Sito

Ora che il vostro nuovo sito è pronto, è il momento di togliere il vecchio sito e reindirizzare il vostro nome di dominio verso il nuovo sito.

Il processo per farlo è lo stesso se utilizzate il plugin Duplicator, quindi seguite le istruzioni che abbiamo già visto nella sezione corrispondente di questo articolo.

Ora il vostro sito ha una nuova posizione. Se non avete più bisogno del vecchio, è il momento di cancellarlo e chiudere il vecchio account di hosting. Avete finito!

Migrazione Manuale di una Rete Multisito WordPress

Se avete bisogno di migrare manualmente una rete Multisito o di migrare un sito dentro o fuori da una rete Multisito, e non volete usare l’approccio dei plugin descritto sopra, potete farlo.

È un processo complicato un po’ dal fatto che è necessario migrare solo alcune delle tabelle del database e alcuni file.

Invece di descrivere il processo in modo completo, vi illustrerò le differenze in modo che possiate applicarle quando lavorate con la migrazione manuale vista sopra.

Tenete presente che se state migrando l’intera rete, il processo è lo stesso che per un singolo sito, in quanto l’oggetto della migrazione è l’intera installazione. Qui mi concentrerò sulla migrazione dei singoli siti da e verso l’ambiente Multisito.

Important

Se state migrando una rete Multisito in Kinsta e questa rete include sottodirectory, dovrete contattare il supporto di Kinsta e chiedere di abilitare la configurazione Nginx necessaria per far funzionare questo sistema.

Creare il Nuovo Sito

Dato che non migrerete l’intera installazione di rete, dovrete impostare un’installazione WordPress prima di iniziare. Se state migrando verso una rete già esistente, questo step non è necessario perché la rete esiste già.

Quando arrivate a migrare i file, non importerete i file di WordPress, ma solo il contenuto della directory wp-content.

Esportazione di File

Se state facendo un’esportazione da un singolo sito in una rete, il processo di esportazione dei file sarà lo stesso che abbiamo visto sopra.

Se state esportando un sito che attualmente si trova in una rete Multisito, dovrete occuparvi solo dei file di quel sito.

Iniziate con i plugin e i temi. È necessario scaricare solo i file dei plugin e dei temi utilizzati su questo sito specifico, non tutti i plugin e i temi installati sulla rete. Cercate nelle schermate di amministrazione del sito per trovarli e scaricateli dalle directory wp-content/temi e wp-content/plugins.

In una rete Multisito, gli upload sono memorizzati separatamente per ogni sito, quindi è sufficiente scaricare quelli per il sito che state esportando.

File in una rete Multisito

File in una rete Multisito

Iniziate cercando l’ID del sito, che sarà un numero. Potete trovarlo nella schermata Network Admin > Sites nel vostro network. Poi nella vostra directory wp-content, aprite la cartella uploads/sites e troverete una cartella con l’ID del sito (il numero) come nome. Scaricate il contenuto di quella cartella.

Esportare le Tabelle del Database

Se state facendo l’esportazione da un sito del network, dovrete esportare solo le tabelle che si riferiscono a quel sito. In phpMyAdmin, trovate le tabelle chiamate wp-id-name, dove id è l’ID del sito e name è il nome di ogni singola tabella. Selezionateli tutti e poi fate clic sull’opzione Export.

L’esempio che segue è quello di un sito in una rete con plugin che creano tabelle di database extra per ogni sito. Dovreste esportare anche quelle.

Tabelle di database extra in un Multisit

Tabelle di database extra in un Multisito

Una volta fatto questo, sarà necessario modificare i nomi delle tabelle prima di poterle importare in un sito autonomo. Fate un backup del file SQL e aprite l’originale. Cercate tutti i casi di (per esempio) wp-3-, dove 3 è l’ID del sito. Sostituiteli con wp-. Salvate il file e poi utilizzate il file recentemente modificato durante l’importazione nel nuovo sito.

Importazione di File

Se state importando un sito all’interno di una rete Multisito, dovrete caricare gli upload nella cartella correttamente numerata in wp-content/uploads/sites.

Questo significa che dovrete prima creare un nuovo sito nella vostra rete in modo che WordPress crei questa cartella. Procedete in tal senso seguendo le istruzioni della nostra guida a WordPress Multisito.

Quando importate il tema e i file dei plugin, caricateli nelle cartelle wp-content/themes e wp-content/plugins come fareste per un normale sito WordPress.

Importazione di Tabelle del Database

Se state importando un sito all’interno di una rete Multisito, dovrete assicurarvi che le tabelle nel file SQL abbiano il prefisso corretto prima di importarle.

Dopo aver creato il nuovo sito vuoto nella rete in cui lo migrerete, prendete nota dell’ID di quel sito. Fate un backup del file SQL che avete scaricato dal vecchio sito e aprite l’originale. In quel file, sostituite tutte le istanze di wp- con (per esempio) wp-3-, dove 3 è l’ID del nuovo sito. Salvate quel file.

Successivamente, in phpMyAdmin, selezionate i file che sono stati creati per il nuovo sito nella vostra rete (tutti quelli con l’ID del sito nel loro prefisso) e rilasciateli. Una volta fatto questo, importate il nuovo file per creare nuove versioni di quelle tabelle.

Se accidentalmente rilasciate i file sbagliati o modificate il file SQL in modo errato, potreste rompere la vostra rete Multisito. Quindi fatelo solo se vi sentite a vostro agio a lavorare in phpMyAdmin. E fate prima un backup della rete!

Importazione Utenti

Poiché gli utenti sono memorizzati per un’intera rete e non per i singoli siti della rete, non esiste un modo manuale per esportare gli utenti da o verso un sito all’interno di una rete WordPress Multisito.

L’unico modo per farlo è utilizzare il metodo del plugin descritto in precedenza in questo post. Fatelo dopo aver importato tutti gli altri file e le tabelle.

Tenete presente che quando usate questo metodo per importare gli utenti, questi non saranno più riconosciuti come gli autori degli articoli già esistenti. Dovrete ricontrollare tutti gli articoli/pagine e attribuirli manualmente agli autori corretti.

Anteprima del Vostro Sito

Dopo aver terminato la migrazione del sottosito del multisito o della rete multisito, potete visualizzare facilmente l’anteprima del sito migrato modificando i file host del computer. Questo vi permette di puntare il vostro DNS locale al server che ospita il sito migrato. Per ulteriori informazioni su come modificare il file host, consultate la nostra guida dettagliata.

La migrazione del vostro sito verso un nuovo host può essere un compito impegnativo a causa dei molti elementi in gioco. Date un'occhiata a questa guida su come eseguire una migrazione di WordPress senza incappare in tempi di inattività 🚨💫Click to Tweet

Sommario

La migrazione di un sito WordPress da un host all’altro o da installazioni locali a remote è qualcosa che molti utenti WordPress devono fare ad un certo punto. Ci sono diversi modi per farlo e la distinzione principale risiede tra il farlo manualmente o utilizzando un plugin.

Se migrate il sito su Kinsta, saremo felici di occuparci noi della migrazione del sito al posto vostro.

D’altra parte, se decidete di migrare voi stessi un sito WordPress, i passi sopra descritti vi aiuteranno a farlo in modo affidabile e a fare in modo che il vostro nuovo sito WordPress sia identico a quello vecchio.


Se ti è piaciuto questo articolo, allora apprezzerai la piattaforma di hosting WordPress di Kinsta. Metti il turbo al tuo sito web e ricevi supporto 24×7 dal nostro team di veterani di WordPress. La nostra infrastruttura potenziata da Google Cloud è centrata su scaling automatico, performance e sicurezza. Permettici di mostrarti la differenza di Kinsta! Scopri i nostri piani