Avete appena creato il vostro primo sito su Kinsta? Fantastico! Seguite la checklist di messa in linea illustrata di seguito per mettere rapidamente in funzione il vostro sito web. In caso di problemi o domande, il nostro team di supporto è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Saremo lieti di aiutarvi.

1. Provate il Vostro Sito

Quando aggiungete un sito su Kinsta, viene creato automaticamente un URL temporaneo. Potete usare questo URL per testare il vostro sito. (yoursite.kinsta.cloud). Lo troverete nel cruscotto di MyKinsta nella sezione “Domini”.

URL temporaneo di Kinsta

URL temporaneo di Kinsta

Per sicurezza potete anche aggiungere il vostro dominio primario. Questo è il dominio che utilizzate quando andate in produzione (yourdomain.com).

A parte l’URL temporaneo, potete anche visualizzare l’anteprima del vostro sito web modificando il file host o utilizzando un pratico strumento come skipdns.link.

Se volete migrare un sito web esistente, potete seguire la nostra guida passo passo Come Eseguire Una Migrazione Di WordPress su Kinsta Da Soli.

Ci sono dei plugin incompatibili o vietati su Kinsta. Se vi imbattete in uno di questi, consultate il nostro articolo di aiuto che vi dà tutte le spiegazioni.

Ecco una comoda lista di controllo da consultare prima di procedere:

  • Avere un’installazione valida di WordPress
  • Il tema va bene
  • I plugin funzionano come dovuto
  • Il contenuto è a posto

2. Aggiungere il Vostro Dominio su Kinsta

Dopo aver confermato che sul vostro sito è tutto a posto, potete andare live con il vostro dominio personalizzato. Avete due opzioni per raggiungere questo obiettivo: mantenere il vostro provider DNS esistente e aggiungere un record DNS, o usare il servizio DNS premium di Kinsta alimentato da Amazon Route53. Entrambe le opzioni supportano la nostra integrazione gratuita con Cloudflare, che include il supporto HTTP/3, un firewall di livello enterprise, protezione DDoS gratuita e altro ancora.

Date un’occhiata alla nostra guida su come configurare il vostro dominio personalizzato su Kinsta.

3. Configurate HTTPS

Una volta che il vostro dominio è puntato al vostro sito su Kinsta, sarà automaticamente protetto da un SSL Cloudflare gratuito con supporto per i domini jolly. Per i clienti che preferiscono usare un certificato SSL personalizzato, supportiamo anche quelli. Per maggiori informazioni su come aggiungere un SSL personalizzato, date un’occhiata alla nostra guida su come installare un certificato SSL.

Se volete reindirizzare tutto il traffico HTTP a HTTPS (lo raccomandiamo), potete usare il nostro pratico strumento “Force HTTPS”. Scoprite i passi su come forzare HTTPS.

4. Attivate il CDN di Kinsta

Poi è il momento di potenziare ulteriormente il vostro sito web, utilizzando il CDN integrato di Kinsta. Un CDN normalmente scarica il 70% delle richieste di larghezza di banda dal vostro server web e può ridurre i tempi di caricamento fino al 50%! Attivarlo è letteralmente come accendere un interruttore.

Ecco come abilitare il CDN di Kinsta sul vostro sito.

Se scegliete di non utilizzare il nostro CDN, vi consigliamo comunque di impostarne uno. Cloudflare è un’altra ottima scelta. Consultate il nostro tutorial su come installare Cloudflare sul vostro sito.

Important

È necessario un solo CDN. Non abilitate più CDN, o potreste avere problemi sul vostro sito.

5. Aggiungete i Redirect

Se avevate impostato dei redirect (301, 302) sul vostro vecchio provider di hosting, dovrete aggiungerli in MyKinsta. L’utilizzo dei plugin WordPress per implementare i redirect può a volte causare problemi di performance. Aggiungendoli in MyKinsta, le regole saranno implementate a livello di server, ed è è una soluzione di gran lunga preferibile. Per i siti multiregionali, il nostro strumento di reindirizzamento supporta anche le regole basate sulla geolocalizzazione dell’IP.

Scoprite come aggiungere i redirect in MyKinsta.

6. Eseguite uno Speed Test

Una volta che il vostro sito è live su Kinsta, sarebbe bene eseguire uno speed test per misurare le prestazioni del vostro sito. I risultati dei test di velocità possono variare a seconda di come li eseguite, quindi dovrete essere sicuri di utilizzare il metodo di test corretto.

Ecco alcuni consigli da tenere in mente quando eseguite uno speed test.

  • Il posto dove eseguite lo speed test è molto importante. Consigliamo di testare il vostro sito sia da una posizione vicina al vostro server di origine, che da una posizione lontana. Mantenete queste due posizioni per tutta la durata dello speed test e non saltate in altre posizioni.
  • Eseguite sempre lo speed test più volte per assicurarvi che le richieste al vostro sito raggiungano la nostra cache di pagina e la cache del vostro CDN. Per verificare lo stato della cache, potete utilizzare lo speed test tool per controllare gli header delle risposte di una richiesta. Se vedete x-kinsta-cache: HIT e un header HIT simile per il vostro CDN, il test è valido.

Per saperne di più sulla procedura di speed test, consultate la nostra guida su come eseguire correttamente uno speed test sul vostro sito.


Risparmia tempo e costi e massimizza le prestazioni del sito con:

  • Aiuto immediato dagli esperti dell’hosting WordPress, 24/7.
  • Integrazione di Cloudflare Enterprise.
  • Copertura globale del pubblico con 28 data center in tutto il mondo.
  • Ottimizzazione del sito con il nostro Monitoraggio delle Prestazioni delle Applicazioni integrato.

Tutto questo e molto altro, in un piano senza contratti a lungo termine, con migrazioni assistite e una garanzia di 30 giorni di rimborso. Scopri i nostri piani o contattaci per trovare il piano che fa per te.